Codacons: DAZN deve rimborsare gli abbonati

Codacons: DAZN deve rimborsare gli abbonati

In seguito alle proteste di alcuni utenti, il Codacons chiede a DAZN di rimborsare automaticamente gli abbonati che hanno avuto problemi di streaming.
In seguito alle proteste di alcuni utenti, il Codacons chiede a DAZN di rimborsare automaticamente gli abbonati che hanno avuto problemi di streaming.

Dopo il comunicato stampa di ieri, il Codacons ha nuovamente chiesto a DAZN di rimborsare gli abbonati per i disservizi segnalati da diversi utenti. Intanto la Lega Serie A ha inviato una lettera all'azienda per chiedere un miglioramento del servizio, mentre AGCOM ha incontrato DAZN e i principali ISP per concordare possibili soluzioni ai problemi riscontrati.

DAZN deve rimborsare il costo della partita

Il Codacons scrive che “il lupo perde il pelo, ma non il vizio“. Il riferimento è all'esposto presentato all'autorità antitrust per i disservizi del 2018 (interruzioni improvvise, ritardo nella trasmissione in tempo reale e assenza di app per alcuni dispositivi). Simili problemi si sono verificati nel weekend durante le partite Inter-Genoa e Udinese-Juventus. L'associazione sottolinea la scarsa qualità del servizio offerto da DAZN, come dimostrano le proteste di migliaia di utenti e le foto pubblicati sui social.

Il Codacons aveva promesso di vigilare sul rispetto del provvedimento di AGCOM, in base al quale DAZN doveva prevenire disservizi durante la trasmissione di una o più partite, mettendo in atto soluzioni idonee per evitare congestioni della rete dovute ai picchi di traffico.

Qualcuno deve ricordare infatti che gli utenti hanno pagato alla piattaforma, e quest’anno più degli scorsi anni, un servizio spesso inefficiente. I soldi dei cittadini, mai come in questo periodo, sono preziosi: e non si può tollerare che finiscano nelle tasche di chi non riesce a erogare un servizio all’altezza, o non ha predisposto per tempo il necessario per farlo. Delle due l’una: o DAZN riesce a ripristinare standard di servizio adeguati, indennizzando gli utenti coinvolti, o deve rinunciare all’idea di trasmettere le partite – stante la palese inadeguatezza delle sue performance – e cedere ad altri i suoi diritti.

Nonostante l'aumento del prezzo dell'abbonamento da 9,99 a 29,99 euro/mese (offerte escluse), DAZN non ha migliorato il servizio, per cui il Codacons chiede di pagare un rimborso automatico corrispondente al costo della singola partita, altrimenti verrà avviata un'azione risarcitoria a tutela di consumatori e tifosi.

Gli utenti che risiedono nelle cosiddette aree bianche possono acquistare il DAZN TV Box a 139,99 euro (spese di spedizione escluse). Gli altri hanno invece due alternative: andare in un bar o ascoltare la radiocronaca.

Fonte: Codacons
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 08 2021
Link copiato negli appunti