Coinbase sarebbe disposto ad abbandonare lo staking di ETH

Coinbase sarebbe disposto ad abbandonare lo staking di ETH

Piuttosto che censurare le transazioni su Ethereum, se fosse richiesto dal Governo degli Stati Uniti, Coinbase abbandonerebbe lo staking ETH.
Piuttosto che censurare le transazioni su Ethereum, se fosse richiesto dal Governo degli Stati Uniti, Coinbase abbandonerebbe lo staking ETH.

Il Governo degli Stati Uniti d’America potrebbe chiedere di rispettare le sanzioni e bloccare le transazioni relative agli indirizzi Ethereum nella lista nera? La risposta è sì. E questa preoccupazione nasce dal recente arresto dello sviluppatore Tornado Cash. Cosa farebbe Coinbase se si trovasse di fronte a una situazione simile?

È questa la domanda che ha fatto lo sviluppatore di Ethereum, Lefteris Karapetsas ad alcuni scambi decentralizzati tra cui Coinbase. Il suo CEO, Brian Armstrong, ha chiarito che non censurerebbe mai le transazioni di ETH, piuttosto abbandonerebbe il suo staking. La corrispondenza è avvenuta su Twitter dopo che Karapetsas ha pubblicato la sua domanda:

Se i regolatori ti chiederanno di censurare a livello di protocollo con i tuoi validatori, tu:
A) rispetti e censuri a livello di protocollo;
B) arresti il servizio di staking e preservi l’integrità della rete.

La risposta di Armstrong non si è fatta attendere, solo tre giorni. Tuttavia, la richiesta evidenzia che nell’aria c’è una certa preoccupazione dopo i fatti di Tornado Cash. Il suo sviluppatore, Alexey Pertsev, attualmente si trova agli arresti e a sua moglie, Ksenia Malik, è stato impedito di parlare con lui.

È tenuto in prigione come se fosse un criminale pericoloso. Per me – prosegue Malik – è molto inaspettato che una persona possa essere arrestata per aver scritto un codice open source.

Coinbase non censurerà le transazioni ETH

Tornando alla domanda di Karapetsas, circa una possibile censura di Ethereum, il CEO di Coinbase, Brian Armstrong, è stato chiaro nella sua risposta: non censurerà le transazioni ETH. Infatti, in un tweet del 17 agosto, ha scritto:

È un’ipotesi che speriamo di non dover affrontare. Ma se lo facessimo andremmo con B, credo. Devo concentrarmi sul quadro più ampio. Potrebbe esserci qualche opzione migliore (C) o anche una sfida legale che potrebbe aiutare a raggiungere un risultato migliore.

Lo sviluppatore di Ethereum ha poi raggruppato le risposte di molti degli exchange, compreso Coinbase, in un unico tweet. In pratica, quasi tutti sarebbero disposti ad abbandonare lo staking di ETH piuttosto che censurarlo. Ecco cosa ha twittato Karapetsas:

Il primo gruppo di validatori centralizzati ethereum che ha risposto alla mia domanda afferma che preferirebbero chiudere il loro programma di staking piuttosto che abilitare la censura a catena a livello di protocollo nella blockchain di ethereum.

Puoi acquistare Ethereum o fare staking ETH aprendo un conto sull’exchange Coinbase. Questa piattaforma, la più diffusa al mondo, offre tantissime funzionalità e un ecosistema affidabile e sicuro. Tra l’altro, avrai anche a disposizione un portafoglio crittografico personale.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 19 ago 2022
Link copiato negli appunti