Copia tecnica, l'accusa si sfalda

I setacci usati da Scribd per la prevenzione delle copie illegali non piacevano agli stessi detentori dei diritti. Che hanno ora ceduto le armi, rassegnati alla necessità di una accidentale copia anticopia. Potenza dell'uso legittimo?

Roma – Non si deciderà della natura delle ineluttabili copie tecniche, non nel caso che ha visto coinvolto un manipolo di autori schierati contro la piattaforma di condivisione di documenti Scribd. Piattaforma accusata nel contempo di lasciare che gli utenti condividessero opere protette dal diritto d’autore, e di effettuare copie non autorizzate delle opere stesse, nel tentativo di individuare gli episodi di sharing non autorizzato da parte degli utenti.

Il caso era montato lo scorso anno: ottenuto lo status di class action per una denuncia depositata dalla scrittrice per l’infanzia Elaine Scott, vantava come alfieri dei tutori del copyright gli avvocati dello stesso studio legale che si era occupato di difendere la combattiva genitrice Jammie Thomas dagli affondi dell’industria della musica. Scott e compagnia rivendicavano giustizia per una presunta doppia violazione del diritto d’autore da parte della piattaforma.

La piattaforma, in primo luogo, a parere dell’accusa non frapponeva ostacoli abbastanza irti al caricamento di copie digitali non autorizzate di opere letterarie protette dal diritto d’autore. Una accusa mossa più volte nei confronti di Scribd, una accusa che sempre più spesso si abbatte nei confronti degli operatori della rete che offrono spazio ai propri utenti e operano non in qualità di editori, ma in qualità di semplici intermediari. Casi di questo tipo, che sovente vengono sciolti mediante un confronto con l’istituto del DMCA negli States e con i recepimenti locali della Direttiva sul commercio elettronico in Europa, non sembrano avere un esito scontato .

Scribd era poi stata accusata di una seconda violazione. La piattaforma non è completamente priva di meccanismi di controllo anticopia: così come avviene per YouTube e Content ID , così come avviene ad esempio per i filtri implementati da RapidShare , il Copyright Management System di Scribd analizza a posteriori i contenuti caricati dagli utenti. Una volta individuata dietro segnalazione un’opera caricata illegittimamente, una volta che il detentore dei diritti abbia registrato la propria opera per evitare che venga pubblicata, il sistema è in grado di riconoscere ulteriori repliche del contenuto e di filtrarle in anticipo sulla pubblicazione: ma si tratta di un’operazione che comporta la produzione di un’ulteriore copia accidentale . Una contingenza mal tollerata dagli attori della class action, che denunciavano come Scribd “copi illegalmente l’opera nel suo sistema di protezione del copyright”.

Si tratta di una copia tecnica, un calco del contenuto da monitorare, detenuta da Scribd e a solo uso di Scribd nell’intento di prevenire le violazioni da parte dei propri utenti. Ma l’accusa non sembrava tenere conto degli intenti, mirando forse all’introduzione di sistemi di controllo che non lavorino sulla semplice copia del singolo esemplare segnalato ma operino su qualsiasi manifestazione dell’opera protetta da diritto d’autore: un controllo preventivo e accurato che scongiuri qualsiasi tipo di violazione.

Ora il caso è stato archiviato . A parere dei legali di Scribd l’accusa deve aver compreso di non avere speranze: la copia tecnica realizzata per tutelare gli autori ricadrebbe inevitabilmente nell’ambito degli usi legittimi accordati a chi non detiene i diritti su una determinata opera. A decidere però sullo status della copia tecnica potrebbero essere altre corti: il software Turnitin , imbracciato per impedire il plagio scolastico, è stato in passato accusato di appropriarsi delle opere prodotte dagli studenti per costruire il proprio database anticopia.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Luther_Blissett scrive:
    BD XL
    Nuovo player, nuovo masterizzatore.BDXXL:Nuovo player, nuovo masterizzatore.BD3D:Nuovo player, nuovo masterizzatore.BD3DXL:Nuovo player, nuovo masterizzatore.BD3DXXL:Nuovo player, nuovo masterizzatore.Televisori LCD:Plasma, Lcd, hd Ready, Full Hd, Edge led, full led, 3d ready, full 3d...Ma annatevene un po' affanc***!
    • angros scrive:
      Re: BD XL
      Con la stessa cifra di un player ti compri un hd da un tera, e sei a posto.Il BD è morto.
      • Sborone di rubikiana memoria scrive:
        Re: BD XL
        Eh, infatti.Sono circa 2 anni che il mio masterizzatore DVD-RW non masterizza più niente... le memorie a stato solido sono immensamente più comode nell'uso quotidiano. :)
    • Paolo Nocco scrive:
      Re: BD XL
      Capisco che è ingiusto, ma in fondo nessuno ti obbliga ad aggiornare il TV ogni volta che esce una nuova tecnologia.Chi usa veramente TUTTE le funzioni che ha un TV nuovo?Se parlo del 5% degli acquirenti credo di essere pure ottimista.Personalmente ho un HD ready. Quando si romperà lo cambiero. Anche se dovessero passare 10 anni.
      • Luther_Blissett scrive:
        Re: BD XL
        D'accordissimo con te. Infatti anch'io ho un hd ready che userò finchè non si sarà consumato. Quello che mi infastidisce sono questi continui "aggiornamenti" che non fanno altro che ingenerare confusione nei consumatori meno sgamati e il cui chiarissimo scopo è quello di spennare i polli. Capisco la ricerca e l'innovazione, ma ste multinazionali dell'elettronica di consumo hanno rotto il c***o.Se i loro orpelli tecnologici cominceranno a rimanere sugli scaffali (a cominciare dalle tv in 3d), forse questa stupida corsa rallenterà un poco
  • jjdd scrive:
    Equo compenso
    Ricordo che la tassa SIAE:* supporti audio analogici (audiocassette): 0,23 per ogni ora di registrazione musicale;* Supporti audio digitali (minidisc, CD-R, CD RW AUDIO, DVD): 0,22 per ogni ora di registrazione musicale;* CD-R dati: 0,15 ogni 700 MB di capacità dati* supporto video analogico, digitale e vhs : 0,29 per ogni ora di registrazione;* Supporti DVD RAW, DVD DUAL LAWYER, DVD-R, DVD+R: 0,41 ogni 4,7 GB;* HD DVD e HD DVD RW: 0,25 ogni 15 GB* BLU RAY e BLU RAY RW: 0,41 ogni 25 GB;Quindi per un 3 layer da 133 GB siamo sui 2,46 Euro a disco di balzello
    • Paolo Nocco scrive:
      Re: Equo compenso
      - Scritto da: jjdd
      * Supporti DVD RAW, DVD DUAL LAWYER, DVD-R,
      DVD+R: 0,41 ogni 4,7
      GB;...e come mai si trovano DVD Verbatim a 50 cents in giro? Che li pago 9 centesimi e tutto il resto è SIAE, o sono "importati" da San Marino e poi venduti al dettaglio?
      • ottomano scrive:
        Re: Equo compenso
        - Scritto da: Paolo Nocco
        - Scritto da: jjdd

        * Supporti DVD RAW, DVD DUAL LAWYER, DVD-R,

        DVD+R: 0,41 ogni 4,7

        GB;

        ...e come mai si trovano DVD Verbatim a 50 cents
        in giro? Che li pago 9 centesimi e tutto il resto
        è SIAE, o sono "importati" da San Marino e poi
        venduti al
        dettaglio?La seconda che hai detto ;)
    • Funz scrive:
      Re: Equo compenso
      - Scritto da: jjdd
      Ricordo che la tassa SIAE:...non si applica in Lussemburgowww.nierle.itE al diavolo tutti quanti.
  • Paolo Nocco scrive:
    Saranno contenti...
    ...tutti coloro che hanno acquistato dei masterizzatori BR non compatibili con la nuova specifica!
    • Wolf01 scrive:
      Re: Saranno contenti...
      Godo.Come successe per il CD quando uscirono i masterizzatori, poi quando uscirono i DVD stessa storia.Comunque di fatto, mentre con CD e DVD vedevo gente che si accaparrava masterizzatori a iosa, con i BRD vedo fin poca gente a comprarsi i lettori da salotto.Poi non so dalle vostre parti.A sto punto conviene veramente prendere una PS3.. che però non sarà compatibile col nuovo formato, ed è appena uscita la slim (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • Paolo Nocco scrive:
        Re: Saranno contenti...
        MKV is the way. Mica 10 anni fa avevamo le connessioni 20 mega!Infatti i popcorn (non quelli commestibili eh!) sono stati venduti a vagoni. Mistero della fede, invece i lettori BD sono ancora sugli scaffali.Gli unici lettori che si vendono sono quelli per PC...chissà perchè!I masterizzatori non li compra più nessuno perchè con HDD a meno di 90 euro al tera, le connessioni veloci, la LAN diretta al TV, i barebone multimediali e tutto il resto non ha più senso masterizzare.Prima quelle descritte qui su erano privilegi di pochi. Ora non più, per fortuna.
Chiudi i commenti