Criptovalute: la Bielorussia firma un decreto per la libera circolazione

Criptovalute: la Bielorussia firma un decreto per la libera circolazione

Notizia importante dal fronte estero che vede la Bielorussia entrare nell'elenco di quei Paesi che hanno adottato le criptovalute.
Notizia importante dal fronte estero che vede la Bielorussia entrare nell'elenco di quei Paesi che hanno adottato le criptovalute.

Nonostante i venti freddi tra Russia e Ucraina, che attualmente sembra si siano mitigati, ci sono comunque Paesi vicini che stanno prendendo decisioni importanti sul fronte crittografico. Infatti, in questi giorni la Bielorussia ha firmato un decreto per sostenere la libera circolazione delle criptovalute. Firmatario di questa ordinanza è stato proprio il presidente Alexander Lukashenko.

Un momento d’oro per gli asset digitali che nelle ultime 24 ore non solo hanno potuto respirare per l’allentamento delle tensioni geopolitiche, ma hanno visto una nuova adozione di Stato. Un’altra occasione per investire in criptovalute con Coinbase, uno dei migliori exchange al mondo, e cavalcare questa opportunità.

La Bielorussia adotta le criptovalute

In sostanza, la Bielorussia ha deciso di adottare le criptovalute. Non sappiamo se questa decisione è una conseguenza diretta al fatto che la Russia non vieterà le crypto, ma il dubbio è comunque lecito. Nondimeno, questa notizia ha dato ossigeno agli asset digitali che arrivano da alcuni giorni di tensione. La situazione geopolitica, infatti, non ha di certo giocato a favore per la loro quotazione. Perciò, un documento che ne definisce la libera circolazione, redatto da un Paese vicino alla zona calda, è sicuramente un elemento positivo.

In una nota ufficiale, pubblicata sul sito del Presidente della Repubblica di Bielorussia, è arrivata la conferma che questo Paese permetterà l’utilizzo delle criptovalute:

Il 14 febbraio il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha firmato il decreto n. 48 “Sul registro degli indirizzi (identificatori) dei portafogli virtuali e caratteristiche del fatturato di criptovaluta”.

Al via una regolamentazione

Nell’annuncio ufficiale, molto probabilmente in armonia con la Russia e compatibile con quanto dichiarato dal suo Presidente Vladimir Putin, nell’annuncio viene anche specificata l’esigenza di attuare una regolamentazione interna:

La Bielorussia sta sviluppando costantemente un campo legale per la regolamentazione delle attività relative alle risorse digitali e, a differenza di molti altri stati, consente la libera circolazione delle valute digitali. Allo stesso tempo, ciò richiede un monitoraggio costante della situazione e, se necessario, l’integrazione e il chiarimento delle norme normative. Compreso escludere casi di finanziamento ombra di attività vietate.

Pertanto sembra che il Governo Bielorusso sta già lavorando sulla realizzazione di un registro degli indirizzi dei portafogli virtuali utilizzati in attività illecite. Inoltre, l’High-Tech Park si occuperà anche dell’istituzione di una procedura per il suo funzionamento. Lo scopo di tutto questo è stato spiegato nella nota ufficiale:

Questa norma è progettata per proteggere i partecipanti al mercato degli asset digitali dalla perdita di proprietà e prevenire il coinvolgimento involontario in attività vietate dalla legge.

Questa è una delle notizie che sta facendo bene alle criptovalute in generale. Nelle ultime 24 ore Bitcoin ha chiuso a 44.230 dollari di quotazione, dopo aver superato di poco i 45.000 dollari. Anche Ethereum dimostra una certa solidità, posizionandosi sopra i 3.150 dollari. Bene per molte altre crypto, tranne alcune altcoin come Dogecoin e Shiba Inu, che ancora registrano segno meno. Potrebbe quindi essere un buon momento per investire acquistando le migliori criptovalute direttamente con Coinbase, la piattaforma di scambio semplice, immediata e sicura.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 16 feb 2022
Link copiato negli appunti