Criptovalute: in Brasile le tasse si potranno pagare in crypto

Criptovalute: in Brasile le tasse si potranno pagare in crypto

In Brasile l'adozione delle criptovalute aumenta tanto che un'altra città sta valutando di accettarle per la riscossione delle tasse.
In Brasile l'adozione delle criptovalute aumenta tanto che un'altra città sta valutando di accettarle per la riscossione delle tasse.

In tutto il mondo l’adozione delle criptovalute sta crescendo. Uno degli aspetti più interessanti è che questa crescita riguarda anche casi d’uso a livello istituzionale come Stati, Governi e Comuni. Nessuno ha più dimenticato El Salvador che ha reso Bitcoin valuta a corso legale nel Paese.

Tuttavia, non tutti sono ancora riusciti a prendere decisioni così spinte, ma ad ogni modo cercano di sfruttare i vantaggi che il mercato crittografico offre. Prima fra tutti la rete blockchain applicata nelle amministrazioni comunali, che può recare benefici sia alle istituzioni che ai cittadini migliorandone i servizi.

Il Brasile sembra essere al primo posto in questo. Infatti, un’altra città sta pensando di accettare criptovalute per i pagamenti relativi alle tasse. Stiamo parlando di Curitiba, una ricca cittadina capitale dello stato del Paranà. L’obiettivo sarebbe quello di assorbire la popolarità di questi asset digitali rendendoli un’alternativa vincente alla moneta tradizionale.

Binance sta puntando molto sul Brasile e più in generale sull’intera America Latina. Foriero di numerosi investimenti e progetti all’avanguardia, gestisce uno dei migliori exchange al mondo, sicuramente primo per volume di transazioni.

Criptovalute per pagare le tasse: la novità arriva da Curitiba

Curitiba è da molti considerata il centro dell’innovazione crittografica in Brasile e con questa decisione non fa altro che riconfermare questo pensiero. Chi ha progettato e proposto questa novità è stato l’assessore comunale Noemia Rocha, che vede l’attuazione di pagamenti in criptovalute grazie all’ausilio di società di pagamento di terze parti:

Le criptovalute sono diventate asset finanziari di immensa popolarità nell’economia mondiale e sono già forme alternative alla “nazionalizzazione della moneta”, come si evince dalle numerose operazioni realizzate attraverso l’ambiente virtuale. Curitiba, come sappiamo, è un pioniere nelle azioni e nei meccanismi di innovazione tecnologica, incluso un centro specifico per lo studio e lo sviluppo di tecnologie avanzate, come il “Vale do Pinhão”.

Nella riscossione delle tasse in crypto asset Curitiba non sarà però pioniere. Infatti, già Rio de Janeiro sta valutando più percorsi con criptovalute e Bitcoin come il pagamento delle tasse in asset digitali per attivarne la possibilità entro il 2023. Un esempio da cogliere al volo per la capitale del Paranà. Infatti, Rocha ha proprio spiegato questo aspetto presentando il suo progetto:

Il suggerimento qui proposto segue un’iniziativa già adottata dal Comune di Rio de Janeiro, che ha recentemente autorizzato l’accreditamento di società specializzate per attuare la conversione di “attività di criptovaluta” in “valuta” al fine di consentire il pagamento dell’imposta sulla proprietà Territoriale Urbana (IPTU) per l’esercizio 2023.

Binance crede molto nell’adozione crittografica in Brasile. Sali anche su tu su questo treno in corsa e approfitta di tutti i vantaggi che il mercato crittografico può darti in termini di risorsa di valore, protezione dall’inflazione, versatilità nei pagamenti e piani di accumulo long term.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Fonte: livecoins
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 18 ott 2022
Link copiato negli appunti