Criptovalute: mercati tranquilli, ma ci vuole poco per spostare i prezzi

Criptovalute: mercati tranquilli, ma ci vuole poco per spostare i prezzi

I mercati delle criptovalute sembrano relativamente tranquilli, ma secondo i dati finora registrati non ci vuole molto per spostare i prezzi.
I mercati delle criptovalute sembrano relativamente tranquilli, ma secondo i dati finora registrati non ci vuole molto per spostare i prezzi.

Rispetto ai mesi precedenti per molte criptovalute i volumi di scambio, come percentuale della capitalizzazione di mercato, sono in calo. Ciò significa che non solo i loro mercati sono relativamente tranquilli, ma bastano piccole quantità di capitale per spostare i prezzi.

Criptovalute: i volumi di scambio sono in calo

I dati registrati in questi giorni hanno rivelato che i volumi di scambio delle criptovalute sono in calo rispetto a qualche mese fa, soprattutto se paragonati a quelli dell’anno scorso. Ad esempio, il prezzo di Bitcoin, al 13 febbraio 2021, era di circa 47.000 dollari, con un volume di scambi nella giornata pari a quasi 62 miliardi. La sua capitalizzazione di mercato era di poco sotto gli 840 miliardi di dollari. Si trattava quindi di un volume pari a circa l’8% della capitalizzazione di mercato.

Attualmente, il volume è il 3% della capitalizzazione di mercato che, al 9 febbraio 2022, con Bitcoin a 44.000 dollari circa, contava un volume di soli 29 miliardi di dollari, contro i 62 miliardi dell’anno precedente. Ma non è Bitcoin ad aver visto il calo peggiore tra le criptovalute. Questo primato lo detiene Ethereum che è passato da una media del 20% (rapporto volume-valore) al giorno, per il mese di febbraio 2021, all’attuale 4%.

Inoltre, i volumi giornalieri medi di Ether, la moneta più importante della finanza decentralizzata, sono stati di 15,6 miliardi di dollari. Si tratta di un crollo pari a 22,4 miliardi di dollari se paragonati ai 38 miliardi di dollari di un anno fa.

Tutto questo rivela quanto i mercati delle criptovalute siano attualmente molto più sottili. È stato dimostrato dall’andamento del Bitcoin di una settimana fa. Venerdì 4 febbraio 2022 i volumi di scambio erano pari a 16 miliardi di dollari, mentre il giorno dopo, sabato 5 febbraio, a seguito dell’impennata nella sua quotazione, sono saliti a 25 miliardi di dollari. Valori ancora lontani da quelli di un anno fa.

Ciò che però si evince è che, da un momento all’altro, i prezzi delle criptovalute potrebbero spostarsi e così muovere il mercato che, attualmente, sembra essere particolarmente tranquillo. Tradotto in altre parole, anche una grande acquisizione istituzionale legata al mondo delle criptovalute potrebbe cambiare le carte in tavola.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 14 feb 2022
Link copiato negli appunti