Eolas, Microsoft capitola

Accordo top secret quello raggiunto dai due contendenti su uno dei più controversi brevetti della storia internettiana. Ora Eolas, che sarà pagata da Microsoft, può perseguire tutti con animo più leggero

Roma – Eolas , spin-off dell’Università della California che ha minacciato di mettere sotto scacco il Web per anni, ha chiuso amichevolmente il tormentato contenzioso intrattenuto con Microsoft con un accordo di cui non si conoscono ancora i dettagli.

Eolas da anni rivendica, in sostanza, il concetto di embedding, assumendosi la paternità delle tecnologie descritte nel cosiddetto brevetto ‘906 che permettono al browser di gestire plugin e applet.

Eolas ha tentato di sfilare a Microsoft 521 milioni di dollari e ha minacciato di bloccare la distribuzione di Internet Explorer. Ora, dopo anni di schermaglie, dopoché il Patent and Trademark Office statunitense ha riconosciuto la validità del brevetto Eolas e Microsoft ha apportato modifiche ad Internet Explorer, il contenzioso sembra essere stato sanato.

È una lettera recapitata agli azionisti Eolas, ripubblicata da Seattle Post Intelligencer ad annunciare il raggiungimento dell’accordo. Si promette agli azionisti un dividendo che va da 60 a 72 dollari per quota, ma non è dato conoscere l’entità totale del rimborso concesso da Microsoft. Ars Technica presume però che la quota pagata da Microsoft per chiudere la questione sia inferiore al rimborso di 520 milioni di dollari previsto dal tribunale nel 2003. Eolas, al di là del rimborso, ha infatti molto da guadagnare dalla risoluzione della contesa con Microsoft: per lo scorso luglio era prevista un’indagine dell’Ufficio brevetti che avrebbe dovuto ridiscutere la validità del brevetto ‘906, ma l’indagine è stata procrastinata, e ora probabilmente verrà ritenuta superflua, legittimando di fatto la posizione di Eolas.

Per Eolas, nella parole di Mark Swords rivolte agli azionisti, il futuro si preannuncia roseo: Eolas ritiene che “la fine del contenzioso con Microsoft rappresenti l’inizio di una nuova fase di crescita e sviluppo”. Una fase in cui Eolas “potrà concentrare ogni risorsa nel commercializzare il suo portfolio di proprietà intellettuale e sviluppare nuove fondamentali tecnologie”.

Un proposito che trova sostegno presso Microsoft, che ora sembra non avere nulla da temere: in una dichiarazione raccolta da Information Week , BigM afferma attraverso un portavoce di “credere nella valorizzazione della proprietà intellettuale, la cui protezione e il cui sfruttamento permettono a soggetti ed aziende di ottenere ritorni d’investimento capaci di sostenerli e di incoraggiare innovazioni ed investimenti nell’ambito dell’industria dell’IT.”.

Non altrettanto entusiasti potrebbero rivelarsi gli sviluppatori e gli altri player del settore : Eolas, hanno già osservato il W3C e il padre del web Tim Berners Lee , potrebbe minacciare il futuro della rete e degli standard che la sostengono, imponendo il pagamento di una licenza per lo sfruttamento dei suoi brevetti. La sezione Licensing , in bella mostra sul sito di Eolas, sembra dirla lunga in proposito.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Spandau Andrew scrive:
    Sicurezza e Password
    Cmq... vengono sempre più pubblicate le password di default di tutti i produttori di Apparati di Rete e di Software.Un lungimirante esempio su:http://www.redoracle.com/index.php?option=com_pass...Queste password sono utilissime quando si ha a che fare con amministratori di rete e progettisti che non si rendono conto di quale leggerezza si macchiano non spendendo del tempo (che dovrebbe essere sempre programmato) sul Tuning della rete e dei servizi che essa offre.Ricordiamoci che la sicurezza và insegnata perchè si sia tutti maggiormenti educati sul minimo necessario per salvaguardare il nostro lavoro e la nostra vita.CordilamenteAndrew
    • banana joe scrive:
      Re: Sicurezza e Password
      Non dovrebbe esserci la password di default, semplicemente.Basta settare l'interfaccia di amministrazione in modo che chieda la creazione di una password amministratore al primo accesso locale.
  • SardinianBoy scrive:
    Bellissimo!
    ... Compagniennnn......aaaattenti !!!!!!!Pronten... spararen.........FUOKENNNNNNNNNNNNNNNNNNN!(((((( boooommmmmmmmmmmm)))))))))))))))!
    • Gallico scrive:
      Re: Bellissimo!
      Sturmtruppen?Resta comunque uno dei miei fumetti preferiti.Resto convinto che una dote dei tedeschi rimanga il "non avere orrore di se stessi"!
  • anonimo codardo scrive:
    Ma se fossi un terrorista...
    .. secondo voi mi farei fregare da bimbominchiate del genere? ci sono migliaia di metodi a cui un PRIVATO senza FONDI può accedere per non farsi fottere, figurati cosa possono fare dei fanatici religiosi pronti a farsi esplodere e con milioni di dollari di finanziamenti.... E poi che significa "pochi bit"? 1001010100111010101 = è un terrorista? Che è, frenologia del 2008?
    • TNT scrive:
      Re: Ma se fossi un terrorista...
      - Scritto da: anonimo codardo
      .. secondo voi mi farei fregare da bimbominchiate
      del genere? ci sono migliaia di metodi a cui un
      PRIVATO senza FONDI può accedere per non farsi
      fottere, figurati cosa possono fare dei fanatici
      religiosi pronti a farsi esplodere e con milioni
      di dollari di
      finanziamenti....Ma infatti. L'unica cosa che una notizia del genere mostra e' la completa inettitudine ed ignoranza delle forze di polizia e dei politici che approvano e promuovono queste idiozie. Siamo alla completa demenza: ci si aspetta che un terrorista esegua "donnenude.exe" se gli arriva via e-mail... ma per favore...
      • sietefessid ietro scrive:
        Re: Ma se fossi un terrorista...

        Ma infatti. L'unica cosa che una notizia del
        genere mostra e' la completa inettitudine ed
        ignoranza delle forze di polizia e dei politici
        che approvano e promuovono queste idiozie. Siamo
        alla completa demenza: ci si aspetta che un
        terrorista esegua "donnenude.exe" se gli arriva
        via e-mail... ma per
        favore...le bimbominchiate le diciamo noi, ogni volta che critichiamo i dementi di turno per le misure antiterrorismo. i terroristi da tenere sotto controllo chi sono? sono leggi per noi non per qualcun altro.sempre più persone scaricano qualche video di David Icke dal mulo, ci sarà una ragione?
    • banana joe scrive:
      Re: Ma se fossi un terrorista...
      Tra l'altro se mettono in atto questi sistemi E LO DICONO IN GIRO, beccheranno solo qualche sprovveduto.
  • francososo scrive:
    Ma i miei complimenti......
    Ma i miei complimenti......pur di combattere il "terrorismo" si utilizzano gli stessi sistemi degli americani e dei cinesi : andiamo bene ! Con la scusa del "terrorismo" qui gatta ci cova e ci ri-cova ancora ! :s :s
    • banana joe scrive:
      Re: Ma i miei complimenti......
      Mah personalmente quando si e' cominciata a sviluppare internet ho pensato: "troppo fico, non puo' durare". E anno dopo anno mi stupivo di come si lasciasse la gente libera di comunicare mentre la tecnologia faceva passi da gigante nell'hardware e nel software.Poi pero' e' arrivato, anzi tornato il terrorismo, e forse ho capito: dal denaro come mezzo di controllo della gente (e se non sapete di cosa parlo fermatevi un attimo e ragionate sul fatto che colla riserva frazionaria la moneta non rappresenta altro che una truffa) si passera' al controllo diretto tramite tecnologia.E il mezzo per ottenere questo controllo? guerra e/o terrorismo.Gli stati mondiali se ne sbattono allegramente quando l'islam muove guerra demografica (ehi intendiamoci, non li considero nemico alla Fallaci, sono solo ingranaggi mossi da altri come noialtri), se ne fregano e anzi aiutano con i nostri capitali a far si' che la Cina faccia dumping distruggendo i mercati, fanno finta di niente quando la gente muore per inquinamento, agenti cancerogeni rilasciati irresponsabilmente dalle aziende, piromani, e tutto il restoMa quando arriva il demente che fa fuori Biagi o i delinquenti che fanno la strage dell'11 settembre (tremila morti, e svariati miliardi di assicurazione regalati al proprietario delle torri... ebreo), UUUUUUU ALLARME!!!! e via bombe all'uranio impoverito, via a processi sommari ad abu ghraib, via al terrorismo negliaeroporti dove devi fare la faccia rilassata o in aereo non parti.E adesso, via al grande fratello via modem ADSL. Cicciuzzi io non ci casco. Se mi trascinate in una guerra scelgo IO chi e' il vero nemico.
      • sietefessid ietro scrive:
        Re: Ma i miei complimenti......

        Ma quando arriva il demente che fa fuori Biagi ocioè, ma ti sembra un esempio adeguato? ma che cazzo di esempi tiri fuori? fai parte del club dei dementi che fai finta di criticare?tutte domande retoriche (sottotitoli)
Chiudi i commenti