Lavorare da casa: Facebook, smart working mon amour

Entro i prossimi cinque o dieci anni la metà della forza lavoro impiegata da Facebook sarà operativa in modalità smart working, parola di CEO.
Entro i prossimi cinque o dieci anni la metà della forza lavoro impiegata da Facebook sarà operativa in modalità smart working, parola di CEO.
Guarda 37 foto Guarda 37 foto

A meno di 48 ore di distanza dall’annuncio relativo alle linee guida per il rientro in ufficio, Facebook torna sul tema con un annuncio a nostro avviso destinato ad essere preso come esempio da altre realtà non appartenenti alla Silicon Valley o all’universo hi-tech: una parte consistente dei dipendenti continuerà a lavorare da casa, in modalità smart working, anche dopo la fine della crisi sanitaria.

Facebook fa all-in sullo smart working

A parlarne è il numero uno Mark Zuckerberg in occasione dell’intervento visibile qui sotto e con un’intervista rilasciata alla redazione del sito The Verge (link a fondo articolo). L’obiettivo di lungo termine è quello di arrivare ad avere fino al 50% della forza lavoro in smart working entro i prossimi cinque o dieci anni. I diretti interessati, i collaboratori, dovranno però fare i conti con stipendi ridotti a parità di mansioni e responsabilità, stando a quanto prospettato dal CEO.

Questo significa che se vivi in una località dove il costo della vita è significativamente più basso oppure il costo del lavoro è più basso, anche il compenso tenderà a essere più basso.

Live from our internal weekly company townhall sharing an update on our approach to remote work.

Live from our internal weekly company townhall sharing an update on our approach to remote work.

Pubblicato da Mark Zuckerberg su Giovedì 21 maggio 2020

Per supportare al meglio la transizione Facebook si impegna in prima persona a sviluppare nuovi strumenti di collaborazione basati su tecnologie come realtà virtuale e realtà aumentata. Soluzioni dunque in grado di andare oltre alle funzionalità oggi offerte da servizi come Google Meet, Zoom e Microsoft Teams.

Tra gli altri anche Twitter e la canadese Shopify (che proprio ieri ha presentato la carta di debito Balance per i commerciati) hanno annunciato iniziative simili, affermando che una parte consistente dello staff d’ora in poi lavorerà da remoto.

Fonte: The Verge
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti