Google sceglie di distruggere il Googlebombing

Ci sono caduti dentro tutti, da Bush a Berlusconi. Ma ora Google vuole sbarazzarsi di quello che ritiene un problema per la propria immagine. Luddist: così si manipola la rete e si cancellano spazi di opportunità

Mountain View (USA) – Niente più Googlebombing: l’arte di linkare termini ben specifici con particolari siti web, a scopo di generare un ranking artificioso nelle classifiche di ricerca di Google non ha più un futuro . Il codice che scandaglia i risultati dei crawler di BigG è stato aggiornato, e l’inquilino della Casa Bianca non è più in cima alla lista delle ricerche di “fallimenti” e affini.

Lo annuncia il Google Blog: dopo anni di beffe con obiettivo Bush, Berlusconi e altri noti personaggi pubblici, BigG ha deciso di tarpare le ali alla pratica del Googlebombing . Il gigante dei motori di ricerca aveva finora deciso di non intervenire direttamente , per evitare di dover modificare “manualmente” i risultati delle ricerche, anche se erano artificiosamente influenzati da una masnada di linkatori burloni.

“È uno scherzo innocente”, era sempre stata la giustificazione. Ma oltre all’ormai proverbiale miserabile fallimento ( miserable failure ) che linkava alla biografia dell’attuale presidente degli USA George Bush junior, o all’ex premier italiano Silvio Berlusconi , il Googlebombing ha da sempre suscitato polemiche in rete. Le finalità politiche di molte azioni del genere hanno più volte sconfinato nel razzismo, ad esempio, come accaduto con la parola jew , ebreo, usata per combattere la popolarità di un sito razzista e re-direzionando i link alla relativa voce sulla Wikipedia.

Accusata di fomentare la propaganda politica , lo spamdexing, lo spam a mezzo link per motivi ovviamente commerciali e la manipolazione dell’informazione, BigG ha infine deciso di agire in maniera radicale. Niente interventi manuali, ma una modifica al codice base del motore di indexing dei siti web scovati in giro dagli agenti software automatici: il nuovo algoritmo di analisi è stato pensato in modo da “accorgersi” di eventuali tentativi di Googlebombing, facendosi più acuto ed eliminando alla radice il problema.

Non molte, secondo Google, le modifiche ai risultati delle ricerche complessive, considerando che dal 2001 sono in circolazione meno di un centinaio di “bombe” ben note. Quel che è certo è che il nuovo algoritmo sembra aver debellato efficacemente queste iniziative , com’è possibile osservare ricercando i termini miserable failure ancora una volta. Ciò significa che anche quelle azioni di Googlebombing pensate per portare all’attenzione dell’opinione pubblica problemi di interesse generale, come la copertura WiMax in Italia , non potranno più avere spazio. E questo anche se saranno alimentate da molti siti web e bloggers.

Ironicamente, com’è tipico della Rete, sparisce il bombing ma non le sue crono-tracce: ora i risultati più cliccati sono le notizie della BBC e le voci della Wikipedia che parlano di Googlebombing. Ma qualche “rimasuglio” di burla, a quanto pare , ancora sopravvive

Alfonso Maruccia
Roma – No, non mi è piaciuta la scelta di Google di eliminare il Googlebombing. A partire dalle ragioni, che si leggono sul blog ufficiale degli sviluppatori Google. “Nel tempo – dicono – abbiamo visto più e più persone ritenere che quelle fossero opinioni di Google, o che Google avesse manipolato a mano i risultati per ottenere queste risposte. Questo non è vero”.

Già, non è vero . E bastava una qualsiasi ricerca su Google, su Wikipedia così come su Punto Informatico e migliaia di altri siti per rendersi conto che il Googlebombing non rappresenta né descrive la politica dell’azienda né il suo modo di pensare. Google è attaccato continuamente per i risultati di ricerca, le accuse di manipolazione si moltiplicano da anni su molti fronti, perlopiù spinte da competitor sleali ed interessi di parte. Affermare che il primo risultato di ricerca di determinati termini e locuzioni, e stiamo parlando di un link ad un sito, costituisca quello che Google pensa è straordinario. Se qualcuno davvero ha accusato Google di svelare il proprio intimo attraverso il Googlebombing non solo ha sbagliato ma è anche totalmente digiuno di come funzioni la rete.

È una scusa debole, insomma, quella di Google. L’imbarazzo creato a George W. Bush dal “miserabile fallimento”, quello poi clonato in Italia per colpire Silvio Berlusconi, non ha danneggiato Google, è anzi la testimonianza di un interesse concreto e diffuso in rete, un’iniziativa con finalità politiche. Destinata a sollevare più ilarità che riflessioni, ma di certo utile a rendere pubblica la difficoltà con cui una parte dell’opinione pubblica ha tollerato l’opera del due volte eletto presidente americano. Non solo: dimostrava sopra ogni dubbio l’imparzialità di Google, capace di porre quel link in automatico solo perché decine, centinaia o migliaia di siti chiedevano di farlo. Era anche un riconoscimento della centralità di Google nella vita della rete.

Google parla del Googlebombing come di un “problema”. E dice chiaramente che il problema è suo, un problema di immagine . Qualcosa dev’essere cambiato a Mountain View, un tempo più della sua immagine Google curava gli interessi di chi lo ha reso quello che è. Erano gli utenti che prendevano l’iniziativa e rendevano pubbliche le proprie idee. Aver “minimizzato” il Googlebombing, come si sono affrettati a dire gli sviluppatori dell’azienda, significa né più né meno aver cancellato questa possibilità , un’opportunità spesso scomoda, come nel caso delle “bombe” razziste, ma un’opportunità di partecipazione e di nuova socialità. Non è una novità che ti aspetteresti da Google.

Luddist

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Negus scrive:
    Xaml per Html?
    Lo ritengo molto,molto improbabile l'HTML è per il momento insostituibile.Comunque XAML non è altro che un brutto dialetto del ben più completo SGML che esisteva già ai tempi del C/PM 86 quindi prima della stessa Microsoft
  • Anonimo scrive:
    Banner IBM con audio? redazione!!!
    oh dico ma siamo matti??? quel c*zzo di banner mi ha fatto prendere un colpo con l'audio!!!togliete l'audio ai banner oppure corro ad installarmi il primo AD block e sego tutti i banner di PI!!!! :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@
    • Anonimo scrive:
      Re: Banner IBM con audio? redazione!!!
      - Scritto da:
      oh dico ma siamo matti??? quel c*zzo di banner mi
      ha fatto prendere un colpo con
      l'audio!!!

      togliete l'audio ai banner oppure corro ad
      installarmi il primo AD block e sego tutti i
      banner di
      PI!!!!

      :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@http://punto-informatico.it/noadv/ndv.aspx
      • Anonimo scrive:
        Re: Banner IBM con audio? redazione!!!
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        oh dico ma siamo matti??? quel c*zzo di banner
        mi

        ha fatto prendere un colpo con

        l'audio!!!



        togliete l'audio ai banner oppure corro ad

        installarmi il primo AD block e sego tutti i

        banner di

        PI!!!!



        :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@

        http://punto-informatico.it/noadv/ndv.aspxIo la pubblicità la sopporto e se interessante la clicco pure, ma quella con l'audio NON LA VOGLIO! altrimenti sego tutto e buonanotte!
  • Anonimo scrive:
    [OT] - i server di PI
    allora, senza che il solito roihsrgjh di turno inizi a stressare,vorrei segnalare alla cordiale redazione il problema(si, sono quello dell'altra volta):ecco oggi come mi bugga PI (si, lo so sono gli stili blablabla la connessione blablabla, TROLL ALLA LARGA! :@ ) [img]http://i3.tinypic.com/2aifrt4.jpg[/img]ciao, spero Vi sia utile.
    • nattu_panno_dam scrive:
      Re: [OT] - i server di PI
      Bah, con tutti i linguaggi orientati al web che ci sono, asp e co. sono quelli piu' scarsi, eppure cè gente che li usa, come i (in)server con winNT.
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] - i server di PI
      E grazie! Finchè continuano ad usare asp e server Windows! ;)
  • Anonimo scrive:
    Vista e file illegali -
    Ho sentito dire che con Vista non sarà più possibile riprodurre file illegali e inoltre che il sistema operativo sarebbe in gradi di ditruggerli.A voi risulta qualcosa?
    • Anonimo scrive:
      Re: Vista e file illegali -
      - Scritto da:
      Ho sentito dire che con Vista non sarà più
      possibile riprodurre file illegalihai letto male
      e inoltre che
      il sistema operativo sarebbe in gradi di
      ditruggerli.credici sempre... mi raccomando...

      A voi risulta qualcosa?si, disinformazione
      • Anonimo scrive:
        Re: Vista e file illegali -
        (linux)Oggi - Svista- lo porto a casa e domani mattina sarà già da reinstallare perchè nella notte sara sbudellato da solo fatto di essere in rete!!!!! (linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: Vista e file illegali -
      - Scritto da:
      Ho sentito dire che con Vista non sarà più
      possibile riprodurre file illegali e inoltre che
      il sistema operativo sarebbe in gradi di
      ditruggerli.

      A voi risulta qualcosa?CRAZYYYYY! Te cercano!
    • Anonimo scrive:
      Re: Vista e file illegali -
      Se non hai un PC con integrato il chip fritz (PC TPM), non hai cmq nulla da temere.Nel caso lo avessi purtroppo già acquistato, non hai ancora nulla da temere, il TPM winVista lo supporta ma per ora (almeno) m$ ha scelto cmq di non attivarlo. Se cmq decidesse di attivarlo, nel tuo sistema può farlo solo se vi "innesti" una loro patch; e se cmq lo attivassero non vuol dire che arrivino agli estremi da te descritti.
  • Anonimo scrive:
    La commissione europea è ignorante
    Questa è un'altra dimostrazione di come la commissione europea si fortemente ignorante in materia e non difende i consumatori.Lo abbiamo già visto proprio l'altro giorno, quando sono stati annunciati i prezzi di Windows Vista in Europa che sono raddoppiati rispetto agli altri paesi... e meno male che la commissione europea doveva difendere i consumatori...
    • Anonimo scrive:
      Re: La commissione europea è ignorante
      - Scritto da:
      e meno male che la
      commissione europea doveva difendere i
      consumatori...Infatti: Con un prezzo cosi' alto, chi vuoi che comperi sVista :D ?
  • Anonimo scrive:
    HAHAHAHAHAHA aggiornare l'HTML HHAHAHAHA
    non si e' mai sentita una ca*ata piu' grossa da quando l'uomo ha inventato il cavallo (ho appena visto il film di steno) ma quell'aziendina come si chiama la microsoft non voleva redirezionare tutta internet su msn network? non voleva rivoluzionare tutta internet grazie alla tecnologia activex ? non voleva gestire tutte le password di internet grazie alla tecnologia passport? non vole... (non proseguo per non riempire gli HD di P.I.)
    • Anonimo scrive:
      Re: HAHAHAHAHAHA aggiornare l'HTML HHAHA
      - Scritto da:
      non si e' mai sentita una ca*ata piu' grossa da
      quando l'uomo ha inventato il cavallo (ho appena
      visto il film di steno)

      ma quell'aziendina come si chiama la microsoft
      non voleva redirezionare tutta internet su msn
      network? non voleva rivoluzionare tutta internet
      grazie alla tecnologia activex ? non voleva
      gestire tutte le password di internet grazie alla
      tecnologia passport? non vole...


      (non proseguo per non riempire gli HD di P.I.)ti quoto, e la risata la continuo io!bhuahahahahahahaha ha ah ahahahahahahaha hhhhhhh ahahahahahahahahahahahahah!!!(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl) :D(rotfl)(rotfl)(rotfl)robba da fantascenza!
      • Anonimo scrive:
        Re: HAHAHAHAHAHA aggiornare l'HTML HHAHA
        Farà pure ridere voi, probabilmente per ignoranza, non fa ridere altre "aziendine", come le chiamate voi, tipo IBM, Sun e Oracle.Chi ha ragione? Voi che ridete o loro che si preoccupano?
        • Anonimo scrive:
          Re: HAHAHAHAHAHA aggiornare l'HTML HHAHA
          - Scritto da:
          Farà pure ridere voi, probabilmente per
          ignoranza, non fa ridere altre "aziendine", come
          le chiamate voi, tipo IBM, Sun e
          Oracle.

          Chi ha ragione? Voi che ridete o loro che si
          preoccupano?direi proprio noi.
  • Anonimo scrive:
    FIR3SHIT DEVE ADEGUARSI
    o rimmara' solo un preistorico rpogramma
    • Anonimo scrive:
      Re: FIR3SHIT DEVE ADEGUARSI
      - Scritto da:
      o rimmara' solo un preistorico rpogrammaHo visto scimmie che scrivevano meglio di te.
      • Anonimo scrive:
        Re: FIR3SHIT DEVE ADEGUARSI
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        o rimmara' solo un preistorico rpogramma

        Ho visto scimmie che scrivevano meglio di te.io ho visto scimmie scrivere Tutto:http://en.wikipedia.org/wiki/Infinite_monkey_theorem
  • Anonimo scrive:
    XAML, Web, Microsoft e ECIS
    Mi sembra che le idee su cosa è XAML siano ben poco chiare.XAML è il linguaggio dichiarativo basato su XML che permette di costruire interfacce utente su WPF (Avalon). E' un'altro modo (più rapido) di scrivere le GUI senza utilizzare le classi .NET sottostanti. Un file XAML che descrive una interfaccia utente viene compilato in un programma .NET. In altri termini XAML è paragonabile al C# o al VB.NET. Il codice del programma di solito si scrive con un linguaggio più tradizionale come i due appena citati.Quindi XAML è un linguaggio di programmazione per WPF e .NET. WPF funziona anche su XP e 2003. Per usare WPF serve un certo livello di DirectX (dal 7 al 9). Un programma WPF può funzionare in un browser come un plugin Flash (a cui in parte somiglia) ma solo se sotto c'è il framework e il livello di DirectX di cui parlavo sopra. E' vero che Microsoft sta poi preparando un plugin più leggero che funzionerà su più piattaforme (Mac, Firefox su Windows e - forse - su Linux) denominato WPF/E. In modo del tutto analogo a Flash.Chiarito l'aspetto tecnologico dire che possa sostituire l'HTML nel web mi pare eccessivo. E non lo pensa neppure Microsoft che continua a portare avanti ASP.NET (e di giorni il rilascio definitivo del suo framework AJAX.NET). I membri di ECIS sono Adobe Systems, Corel, IBM, Linspire, Nokia, Opera, Oracle, RealNetworks, Red Hat, and Sun Microsystems. Questi aziende sperano di (ri)prendersi il mercato dei desktop (via web magari) ma Microsoft con Vista e la sua strategia sta dimostrando che non è così semplice. Quindi avranno pensato perchè non usare l'Unione come arma per bloccarli?Infine una domanda: perchè aspettare il veneddì precedente il lancio mondiale di Vista considerando che le tecnologie sono disponibili da novembre anche su XP e 2003?In Microsoft non sono dei santi ma sicuramente non lo sono neanche le aziende che compongono ECIS. Questa non è una discussione fra proponenti del software libero e proponenti del modello closed. Questa è una discussione fra aziende dello stesso stampo!
    • Anonimo scrive:
      Re: XAML, Web, Microsoft e ECIS
      XAML è la brutta e pesante copia del formato SVG. Come al solito alla MS non andava giù di utilizzare un formato standard e così ha deciso di "inventarsi" qualcosa di nuovo.Ci mancava solo il wpf...Ma che si mettano a fare un viewer decente per IE invece di appoggiarsi alla Adobe!
      • Anonimo scrive:
        Re: XAML, Web, Microsoft e ECIS
        - Scritto da:
        XAML è la brutta e pesante copia del formato SVG.
        Come al solito alla MS non andava giù di
        utilizzare un formato standard e così ha deciso
        di "inventarsi" qualcosa di nuovo.
        Ci mancava solo il wpf...
        Ma che si mettano a fare un viewer decente per IE
        invece di appoggiarsi alla Adobe!Non è così vero. XAML usa molto le librerie DX di MS, e più in generale è in grado di realizzare interfacce che possono stare sopra (o dentro, come preferisci) il sistema operativo. Bello o brutto che sia è un po' diverso da SVG e per alcuni aspetti più potente. Dopodiché non è che quello che fa Adobe sia sempre il meglio...
        • Anonimo scrive:
          Re: XAML, Web, Microsoft e ECIS
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          XAML è la brutta e pesante copia del formato
          SVG.


          Come al solito alla MS non andava giù di

          utilizzare un formato standard e così ha deciso

          di "inventarsi" qualcosa di nuovo.

          Ci mancava solo il wpf...

          Ma che si mettano a fare un viewer decente per
          IE

          invece di appoggiarsi alla Adobe!

          Non è così vero. XAML usa molto le librerie DX di
          MS, e più in generale è in grado di realizzare
          interfacce che possono stare sopra (o dentro,
          come preferisci) il sistema operativo.

          Bello o brutto che sia è un po' diverso da SVG e
          per alcuni aspetti più potente. Dopodiché non è
          che quello che fa Adobe sia sempre il
          meglio...Ma gli vai pure a rispondere non vedi che e' un povero demente...
      • Anonimo scrive:
        Re: XAML, Web, Microsoft e ECIS
        - Scritto da:
        XAML è la brutta e pesante copia del formato SVG. Un altro che non conosce l'argomento di cui parla.
    • Anonimo scrive:
      Re: XAML, Web, Microsoft e ECIS
      Permettetemi di aggiungere ancora una nota..XAML e' un linguaggio, basato su XML, per la descrizione di gerarchie di oggetti. In .NET 3.0 e' disponibile un parser XAML utilizzabile da chiunque: in pratica io posso definire delle classi (esempio Person) e serializzarle/deserializzarle in XAML senza scrivere una linea di codice. In piu' XAML ha tutta uns serie di feature avanzate per rendere questo processo sempre piu' agevole. WPF e WCF utilizzano XAML per istanziare le proprie classi. Quindi: - XAML non e' un'esclusiva di WPF- XAML non significa solo interfacce grafiche.WPF/E, invece. e' un sottoinsieme di WPF che permette di realizzare animazioni e UI cross platform grazie ad un plug-in per browser che e' disponibile sia per Win che per Mac. Utilizza sempre XAML per descrivere le proprie classi/oggetti.Quindi, da qui a dire che Ms vuole fare di XAML il nuovo HTML.. sicuramente Adobe ha il suo interesse nell'affossare il tutto: WPF/E andra' a far concorrenza (fra un bel po' di tempo) a Flash, dato che bastera' generare un po' di XML per avere animazioni e grafica vettoriale interattiva nel browser. Questo approccio e' sicuramente piu' flessibile che dover generare un file Flash (binario). A questo punto, quale delle 2 ditte e' piu' aperta? Adobe con il suo formato binario o Ms con un formato XML che puo' essere generato con facilita' da qualunque programma su qualunque piattoforma?
      • Anonimo scrive:
        Re: XAML, Web, Microsoft e ECIS

        file Flash (binario). A questo punto, quale delle
        2 ditte e' piu' aperta? Adobe con il suo formato
        binario o Ms con un formato XML che puo' essere
        generato con facilita' da qualunque programma su
        qualunque
        piattoforma?
        ti dirò non sono un programmatore ma a me le parole:"il nuovo sistemone operativo di Microsoft sono progettati per conquistare il web, e renderlo un territorio protetto fruibile dai soli Windows user"http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1866410&r=PImi suona moooolto male :|(apple)(linux)
        • Kranione scrive:
          Re: XAML, Web, Microsoft e ECIS
          - Scritto da:
          ti dirò non sono un programmatore ma a me le
          parole:

          "il nuovo sistemone operativo di Microsoft sono
          progettati per conquistare il web, e renderlo un
          territorio protetto fruibile dai soli Windows
          user"

          http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1866410&r=PI

          mi suona moooolto male :|Se non sei un programmatore fai fatica a giudicare la tecnologia in questione. Riguardo alle parole da te riportate chi le ha dette? ECIS! Cioè i concorrenti che hanno tutto l'interesse a mettere i bastoni fra le ruote a MS. Diciamo la verità: sul web XAML/WPF/.NET al massimo possono fare concorrenza a Flash/Flex e l'HTML non c'entra nulla. I concorrenti hanno paura perchè è una delle tante tecnologie che rimette in gioco Windows.(win)(linux)
        • Anonimo scrive:
          Re: XAML, Web, Microsoft e ECIS
          - Scritto da:


          file Flash (binario). A questo punto, quale
          delle

          2 ditte e' piu' aperta? Adobe con il suo formato

          binario o Ms con un formato XML che puo' essere

          generato con facilita' da qualunque programma su

          qualunque

          piattoforma?




          ti dirò non sono un programmatore ma a me le
          parole:

          "il nuovo sistemone operativo di Microsoft sono
          progettati per conquistare il web, e renderlo un
          territorio protetto fruibile dai soli Windows
          user"

          http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1866410&r=PI

          mi suona moooolto male :|

          Ma si perche' Punto informatico e' di parte in realta' e' solo una storpiatura della realta' per fare terrorismo psicologico e scatenare flame e lotte tra ideologie di sistemi operativi...ormai fanno cosi' da 10 anni:)
        • Anonimo scrive:
          Re: XAML, Web, Microsoft e ECIS
          - Scritto da:


          file Flash (binario). A questo punto, quale
          delle

          2 ditte e' piu' aperta? Adobe con il suo formato

          binario o Ms con un formato XML che puo' essere

          generato con facilita' da qualunque programma su

          qualunque

          piattoforma?




          ti dirò non sono un programmatore ma a me le
          parole:

          "il nuovo sistemone operativo di Microsoft sono
          progettati per conquistare il web, e renderlo un
          territorio protetto fruibile dai soli Windows
          user"

          http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1866410&r=PI

          mi suona moooolto male :|Ti suona male perché vuoi parlare di musica ai dei musicisti, ma non sai riconoscere la differenza tra il tuo citifono di casa e uno steinway a coda suonato alla RCA di Londra...Fuori di metafora... MS non vuole fare fuori l'HTML, ma permettere ci creare interfacce (grafiche e applicative) embedded dentro vista.La fa Apple, lo fa Sun, adesso pure Adobe perché MS dovrebbe essere più cattiva degli altri?
        • Anonimo scrive:
          Re: XAML, Web, Microsoft e ECIS

          mi suona moooolto male :|leggi bene "secondo la quale"
  • Anonimo scrive:
    Xforums?
    Ma che c@zzo c'entra? (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Altro colpo al mondo Open
    Microsoft continua ad annunciare nuove tecnologie web oriented, nuovi tools di sviluppo, mentre dal mondo open solo disquisizioni di pura lana caprina su css, standard, ajax, javascript, tutte "tecnologie" ancorate al vecchio ed obsoleto html.E' ora di dare una svecchiata!!!LINARI E OPENARI ALLE STRETTE (anonimo)(anonimo)(anonimo)
    • Anonimo scrive:
      Re: Altro colpo al mondo Open
      - Scritto da:
      Microsoft continua ad annunciare nuove tecnologie
      web oriented, nuovi tools di sviluppoSi eh figata, vediamo cosa sono state le sue "innovazioni tecnologiche" in passato:- Gli ActiveX, l'implementazione software con piu' buchi di sicurezza mai creata, che continua a pagare ancora oggi (3/4 dei buchi di IE derivano da questi)http://www.saic.com/healthcare/downloads/activex.pdf- Gli Active Channel, introdotti in IE 4.0 come "il web del futuro" e finiti nel dimenticatoio in pochi mesi, uno dei piu' grossi flop tecnologici di sempre- L'Active desktop, una delle integrazioni piu' demenziali, inutili e abusate (dai malware) della storia: l'integrazione di una pagina web con il Desktop del computer (!). Roba da malati di mente solo come idea- Le estensioni di Frontpage alle pagine web. Non dico altro (solo un Winaro con il cervello in pappa potrebbe difendere un'idiozia inutile e squallida come questa)
    • Anonimo scrive:
      Re: Altro colpo al mondo Open
      Ragazzo nel mondo opensource c'è Ruby, Python, PHP, TCL, C/C++ e i loro bindings con le miriadi di librerie come le GD, ImageMagik, l'XML, ecc.Ci sono linguaggi e fior di librerie con le quali sono stati creati i migliori wrapper, gadget, RAD, IDE, framework per sviluppare pagine internet e CMS, motori di e-commerce e web services.Micro$oft sta ancora con quella porcata di ASP e ora .NET con ASPX ed uno, dico un framework.Ma dove hai vissuto fino ad ora?Il mondo opensource per il web è in un tale fermento che entro qualche anno M$ rimarrà la scelta degli sfigatini ex cacciavitari di periferia scaccola PC e scrosta stampanti che vogliono riciclarsi web developer con i libri For Dummies.
      • Anonimo scrive:
        Re: Altro colpo al mondo Open
        - Scritto da:
        Ragazzo nel mondo opensource c'è Ruby, Python,
        PHP, TCL, C/C++ e i loro bindings con le miriadi
        di librerie come le GD, ImageMagik, l'XML,
        ecc.

        Ci sono linguaggi e fior di librerie con le quali
        sono stati creati i migliori wrapper, gadget,
        RAD, IDE, framework per sviluppare pagine
        internet e CMS, motori di e-commerce e web
        services.

        Micro$oft sta ancora con quella porcata di ASP e
        ora .NET con ASPX ed uno, dico un
        framework.

        Ma dove hai vissuto fino ad ora?

        Il mondo opensource per il web è in un tale
        fermento che entro qualche anno M$ rimarrà la
        scelta degli sfigatini ex cacciavitari di
        periferia scaccola PC e scrosta stampanti che
        vogliono riciclarsi web developer con i libri For
        Dummies.
        quoto tutto in pieno
  • Anonimo scrive:
    Per la redazione: ECIS è IBM...
    Dall'articolo sembra che ECIS sia un ente indipendente ma ECIS è un comitato formato da Adobe Systems, Corel, IBM, Linspire, Nokia, Opera, Oracle, RealNetworks, Red Hat, and Sun Microsystems e altri. Si tratta di comitato per effettuare lobby (opera sicuramente lecita). In altre parole sono i concorrenti di Microsoft.Se non lo fate notare si perde la corretta prospettiva.
    • Anonimo scrive:
      Re: Per la redazione: ECIS è IBM...

      In altre parole sono i concorrenti di Microsoft.
      Se non lo fate notare si perde la corretta prospettiva.Si deve anche far notare che in questo caso i "concorrenti" di Microsoft sono il mondo intero, è interesse di tutti che il web sia libero da tecnologie proprietarie, anche se sarebbe meglio dargli una spolveratina
      • Anonimo scrive:
        Re: Per la redazione: ECIS è IBM...
        - Scritto da:

        In altre parole sono i concorrenti di
        Microsoft.


        Se non lo fate notare si perde la corretta
        prospettiva.

        Si deve anche far notare che in questo caso i
        "concorrenti" di Microsoft sono il mondo intero,
        è interesse di tutti che il web sia libero da
        tecnologie proprietarie, anche se sarebbe meglio
        dargli una
        spolveratinaTecnicamente le obiezioni di ECIS hanno ben poco senso.Il mondo interno non sono IBM e soci.In pratica poi tu dici che al monopolio di Microsoft è meglio un oligopolio di aziende come IBM e company.
        • Anonimo scrive:
          Re: Per la redazione: ECIS è IBM...
          - Scritto da:

          - Scritto da:


          In altre parole sono i concorrenti di

          Microsoft.




          Se non lo fate notare si perde la corretta

          prospettiva.



          Si deve anche far notare che in questo caso i

          "concorrenti" di Microsoft sono il mondo intero,

          è interesse di tutti che il web sia libero da

          tecnologie proprietarie, anche se sarebbe meglio

          dargli una

          spolveratina

          Tecnicamente le obiezioni di ECIS hanno ben poco
          senso.

          Il mondo interno non sono IBM e soci.

          In pratica poi tu dici che al monopolio di
          Microsoft è meglio un oligopolio di aziende come
          IBM e
          company.
          Sempre meglio di un monopolio perfetto.E comunque, tra i concorrenti di M$ non ci sono solo Ibm, Nokia, ecc. ma MIGLIAIA di aziende e professionisti in tutto il mondo che preferirebbero interoperare con standard aperti piuttosto che dover chiedere il permesso a m$ per usare gli standard de facto strachiusi e iperproprietari
          • Anonimo scrive:
            Re: Per la redazione: ECIS è IBM...
            - Scritto da:
            Sempre meglio di un monopolio perfetto.
            E comunque, tra i concorrenti di M$ non ci sono
            solo Ibm, Nokia, ecc. ma MIGLIAIA di aziende e
            professionisti in tutto il mondo che
            preferirebbero interoperare con standard aperti
            piuttosto che dover chiedere il permesso a m$ per
            usare gli standard de facto strachiusi e
            iperproprietariCon Windows interoperi benissimo con diversi protocolli e standard (ne cito qualcuno: WebServices, LDAP, Kerberos, NFS). Il sistema è basato su API ben documentate! Persino il formato dei file Office 2007 è stato aperto. Quelli che hanno problemi sono fondamentalmente le aziende che vorrebbero sostituire Microsoft cioè i grossi. Per esempio i tizi in questione si lamentano che riescono a sostituire un domain controller in un dominio Windows. Mi sembra che sia così per molti altri prodotti di rete. Non dico che MS sia santa ma neanche gli altri lo sono.E poi vorrei capire quali sono i problemi che hanno le migliaia di aziende e professionisti in tutto il mondo di cui tu parli. Io non ne ho mai trovati se non sui formati proprietari di Office (ma questo è bene o male stato superato).
  • Anonimo scrive:
    Ma che centra XAML con HTML?
    XAML è specializzato in web applications e quindi non vedo come potrebbe mai rimpiazzare HTML+CSS nella maggior parte dei siti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che centra XAML con HTML?
      - Scritto da:
      XAML è specializzato in web applications e quindi
      non vedo come potrebbe mai rimpiazzare HTML+CSS
      nella maggior parte dei
      siti.Esattamente come Flash non funziona senza il plugin.Se Macromedia non facesse il plugin per linux, col cavolo vedresti youtube senza windows.(Anche se va detto che senza il plugin proprietario, forse gnash sarebbe già una realtà, e invece...)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che centra XAML con HTML?
      - Scritto da:
      XAML è specializzato in web applications e quindi
      non vedo come potrebbe mai rimpiazzare HTML+CSS
      nella maggior parte dei
      siti.XAML non è fatto per le web applications. E' fatto per le normali applicazioni Windows.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma che centra XAML con HTML?
      Scusa ma che stai dicendo?Ora con cosa le fai le web application?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma che centra XAML con HTML?
        - Scritto da:

        Scusa ma che stai dicendo?
        Ora con cosa le fai le web application?Le faccio con HTML tuttavia XAML è più specializzato in tale settore (include molti elementi che nei forms HTML tradizionali ti sogni).
  • Anonimo scrive:
    E ci risiamo!
    L'ennesimo tentativo di trasformare il Web in un Microsoft Network.Quasi vent'anni di GUERRA al resto del mondo.Però queste notizie mi inquietano sempre un po': una M$ pluricondannata per abuso di posizione dominante che ripetutamente abusa... ma non sarebbe recidiva? Ok, sono linaro. (linux) Come faccio il tifo per Linux capisco che c'è chi fa il tifo per M$, però... davanti a cose del genere, come si fa a prendere le difese di un'azienda (fatto salvo un qualche interesse economico) che fa questo a un mondo intero di utenti della rete?
    • Anonimo scrive:
      Re: E ci risiamo!
      Senti, dicevano le stesse cose che stanno dicendo ora di XAML anni fa con XUL. Risultato? Il nulla, un paio di esempio sul web, un paio di web application per intranet ed è morta lì.
      • Anonimo scrive:
        Re: E ci risiamo!
        xul e' roba di mozilla o sbaglio? in tal caso non credo che possa essere spinto come fanno microsoft o sun per le loro tecnologie, visto che non e' un modo per conquistare il mondo.
      • Anonimo scrive:
        Re: E ci risiamo!
        - Scritto da:
        Senti, dicevano le stesse cose che stanno dicendo
        ora di XAML anni fa con XUL. Risultato? Il nulla,
        un paio di esempio sul web, un paio di web
        application per intranet ed è morta
        lì.Con la differenza, e bella grossa, che XUL è aperto e implementabile su qualsiasi sistema, XAML no. Senza contare che Mozilla Foundation/Corporation non è in grado di obbligare venditori di hardware a installare le sue tecnologie.
        • Anonimo scrive:
          Re: E ci risiamo!
          - Scritto da:
          Con la differenza, e bella grossa, che XUL è
          aperto e implementabile su qualsiasi sistema,
          XAML no.XAML è un linguaggio di programmazione per scrivere le interfacce WPF (che notoriamente gira su .NET 3.0). Al posto di XAML potresti usare direttamente C#. Non vedo differenza dall'usare le API WIN32.
          • Anonimo scrive:
            Re: E ci risiamo!
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Con la differenza, e bella grossa, che XUL è

            aperto e implementabile su qualsiasi sistema,

            XAML no.

            XAML è un linguaggio di programmazione per
            scrivere le interfacce WPF (che notoriamente gira
            su .NET 3.0). Al posto di XAML potresti usare
            direttamente C#. Non vedo differenza dall'usare
            le API
            WIN32.Bugware.
          • Anonimo scrive:
            Re: E ci risiamo!
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Con la differenza, e bella grossa, che XUL è

            aperto e implementabile su qualsiasi sistema,

            XAML no.

            XAML è un linguaggio di programmazione per
            scrivere le interfacce WPF (che notoriamente gira
            su .NET 3.0). Al posto di XAML potresti usare
            direttamente C#. Non vedo differenza dall'usare
            le API
            WIN32.Inutilware.
  • Anonimo scrive:
    Per la redazione, XForms e non XForums
    In fondo all'articolo, in corsivo.grazie
  • Anonimo scrive:
    Sarà scalzata Microsoft
    Ormai ha pestato i piedi a troppi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarà scalzata Microsoft
      - Scritto da:
      Ormai ha pestato i piedi a troppi.vedremo....(win)(win)(win)
      • Anonimo scrive:
        Re: Sarà scalzata Microsoft
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Ormai ha pestato i piedi a troppi.

        vedremo.
        ...

        (win)(win)(win)Presto succederà, molto prima di quanto immagini.(linux)(linux)(linux)
        • Anonimo scrive:
          Re: Sarà scalzata Microsoft
          non è bastato netscape ed il 96? ci vuole il bis per sun, ibm & co?
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà scalzata Microsoft
            Il 70% dei server Internet è Linux e Apache ed è in crescita.La maggior parte dei siti e dei web service più potenti sono scritti con linguaggi e framework opensource come Ruby on Rail, Python e PHP on Tracks e librerie opensource per database, xml e comunicazioni tra server e siti con SOAP e simili.Ma ti pare che Microsoft con un solo framework e due linguaggi possa scalzare fior di tecnologie e CMS open che ci sono su Internet?Può giusto annacquare l'HTML con la sua merda di IE e rompere i maroni in Internet dal lato client, perché per il resto non c'è confronto!
        • Anonimo scrive:
          Re: Sarà scalzata Microsoft
          Magri(linux)(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarà scalzata Microsoft
      - Scritto da:
      Ormai ha pestato i piedi a troppi.lo dite da 10 anni...
      • Anonimo scrive:
        Re: Sarà scalzata Microsoft
        Sono 10 anni che rompe i coglioni, ed ora stanno intervenendo anche i governi di solito corrotti e accondiscenti.INTEROPERABILITÀ, STANDARD APERTI, RIUSABILITÀ.Microsoft è vecchia, muffa, delinquente e pluricondannata, fuori standard e truffaldina. Non la vuole più nessuno e la si usa solo perché costretti da anni di monopolio e diffusione dei suoi sistemi e di software compatibili solo per Winzozz. Se il software sviluppato in questi anni fosse stato fatto per Unix e X ora non avremmo alcun problema a sceglierci qualsiasi sistema operativo avesse avuto librerie aperte e disponibili su ogni Unix e non.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sarà scalzata Microsoft
          - Scritto da:
          Se il software sviluppato in questi anni fosse
          stato fatto per Unix e X ora non avremmo alcun
          problema a sceglierci qualsiasi sistema operativobravo, ora chiediti perchè il software sviluppato in questi anni è stato fatto per Windows.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà scalzata Microsoft
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Se il software sviluppato in questi anni fosse

            stato fatto per Unix e X ora non avremmo alcun

            problema a sceglierci qualsiasi sistema
            operativo

            bravo, ora chiediti perchè il software sviluppato
            in questi anni è stato fatto per
            Windows.Facile: monopolio ottenuto con mezzi illegali prima, parnership strangolanti e aquisizione di azioni poi, grazie al potere del monopolio.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà scalzata Microsoft
            - Scritto da:



            bravo, ora chiediti perchè il software
            sviluppato

            in questi anni è stato fatto per

            Windows.

            Facile: monopolio ottenuto con mezzi illegali
            prima, parnership strangolanti e aquisizione di
            azioni poi, grazie al potere del
            monopolio.Si, ma non mi hai risposto.Perchè io sviluppatore ormai da 16 anni ho al 95% sviluppato per windows?E perchè l'80% dei software commerciali oggi sviluppati sono per windows?
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà scalzata Microsoft
            - Scritto da:

            - Scritto da:





            bravo, ora chiediti perchè il software

            sviluppato


            in questi anni è stato fatto per


            Windows.



            Facile: monopolio ottenuto con mezzi illegali

            prima, parnership strangolanti e aquisizione di

            azioni poi, grazie al potere del

            monopolio.

            Si, ma non mi hai risposto.
            Perchè io sviluppatore ormai da 16 anni ho al 95%
            sviluppato per
            windows?Perche sei un pirla?(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarà scalzata Microsoft
      non ha più idee, innovazioni vere e proprie, del resto ha sempre e solo copiato.Ora manca solo il flop di vista e ci siamo quasi.
  • Anonimo scrive:
    Però un'aggiornatina all'HTML...
    ...non farebbe schifo...Prima di tutto una cosa per avere una maggiore elasticità nella formattazione delle pagine.Possibilità di creare sfumature.Migliore gestione degli sfondi ad esempio per non farli affiancati senza dover creare per forza un'img della dimensione giusta.Magari riconoscere al volo la lingua del sistema e tradurre i contenuti (se ovviamente sono presenti nella lingua rilevata).Cosette così insomma...
    • Anonimo scrive:
      Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
      qualcosina magari con i CSS si riesce a fare anche se non tutto quello che hai detto.il problema è che se M$ comincia a mettere i siti con un formato proprietario ci saranno problemi... veri problemi.ve l'immaginate di pagare a mammona M$ una royalty per ogni pagina XAML pubblicata?
      • Anonimo scrive:
        Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
        Nessun problema: niente XAML...M$ non può togliere il supporto HTML al suo IE altrimenti si fotte con le sue mani e diversamente nessuno sente il bisogno di cambiare linguaggio giocandosi la compatibilità verso il basso e la rispettiva visibilità mondiale
      • rockroll scrive:
        Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
        - Scritto da:
        qualcosina magari con i CSS si riesce a fare
        anche se non tutto quello che hai
        detto.

        il problema è che se M$ comincia a mettere i siti
        con un formato proprietario ci saranno
        problemi... veri
        problemi.

        ve l'immaginate di pagare a mammona M$ una
        royalty per ogni pagina XAML
        pubblicata? Non vedo il problema: i siti preesistenti, e francamente ce ne sono d'avanzo per tutti i gusti, mica mamma M$ li può far sparire.Se matrigna M$ mette su siti con formato propietario non compatibile, si isola dal mondo.Libera di suicidarsi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
          - Scritto da: rockroll

          - Scritto da:

          qualcosina magari con i CSS si riesce a fare

          anche se non tutto quello che hai

          detto.



          il problema è che se M$ comincia a mettere i
          siti

          con un formato proprietario ci saranno

          problemi... veri

          problemi.



          ve l'immaginate di pagare a mammona M$ una

          royalty per ogni pagina XAML

          pubblicata?

          Non vedo il problema: i siti preesistenti, e
          francamente ce ne sono d'avanzo per tutti i
          gusti, mica mamma M$ li può far
          sparire.

          Se matrigna M$ mette su siti con formato
          propietario non compatibile, si isola dal
          mondo.

          Libera di suicidarsi. Quindi, quelli che hanno iniziato per primi ad utilizzare Flash, si sono suicidati? Rendere standard de facto una tecnologia non è così difficile, se sfrutti il momento giusto ed hai ottimi mezzi. Questo non significa cmq che sia per forza un male. Io non odio Flash, ma odio se un sito non mette a disposizione l'alternativa html...e i siti che odio iniziano a diventare tanti... :-(
          • rockroll scrive:
            Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
            Non si sono suicidati perchè la loro intenzione non era quella di escludere formati diversi, come a leggere l'articolo si teme che sia la politica della "mammona". Se ci pensi, chiunque ha immesso formati normalmente poco usati e/o non ancora supportati, ha sempre dato la possibilità di scaricare ed installare in immediato l'aggiornamento necessario: pensi che farà altrettanto M$?. Se non lo farà si autoisolerà.
    • Anonimo scrive:
      Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
      in verità tutto quello che hai detto si può fare con tranquillità.. peccato che il 99% dei designer italiani non hanno voglia di studiare un pochetto per imparare qualcosa di nuovo..
      • Anonimo scrive:
        Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
        - Scritto da:
        in verità tutto quello che hai detto si può fare
        con tranquillità.. peccato che il 99% dei
        designer italiani non hanno voglia di studiare un
        pochetto per imparare qualcosa di
        nuovo..No é che Frontpage e Word certe cose non riescono a farle :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
          che quei programmi siano delle emerite schifezze per la creazione di documenti orientati al web, è arcinoto...
          • Anonimo scrive:
            Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
            - Scritto da:
            che quei programmi siano delle emerite schifezze
            per la creazione di documenti orientati al web, è
            arcinoto...Con Frontpage riesco a fare qualsiasi cosa tu faccia con altri programmi. Basta saperlo usare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Però un'aggiornatina all'HTML...

            Con Frontpage riesco a fare qualsiasi cosa tu
            faccia con altri programmi. Basta saperlo
            usare.Sicuramente, basta che apri l'editor del codice e fai tutto lì senza toccare il resto del programma(rotfl)(rotfl)Ah, mi dispiace, ma pure a Redmond hanno capito che era un aborto da abbattere...
          • Anonimo scrive:
            Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            che quei programmi siano delle emerite
            schifezze


            per la creazione di documenti orientati al web,
            è

            arcinoto...

            Con Frontpage riesco a fare qualsiasi cosa tu
            faccia con altri programmi. Basta saperlo
            usare.Sì, certo. Soprattutto riesci a fare pagine indecenti indegne di stare in rete.
          • Anonimo scrive:
            Re: Però un'aggiornatina all'HTML...

            Con Frontpage riesco a fare qualsiasi cosa tu
            faccia con altri programmi. Basta saperlo
            usare.bè bè, non esagerare...e conta che frontpage non è il massimo come scrittura del codice e aderenza agli standard...per farti un esempio stupido, uno alle prime armi va su inserisci immagine e frontpage gli inserirà un codice del tipo personalmente scrivo quasi tutto a mano e faccio la validazione del codice sul sito del w3 ma se c'è uno standard, cerchiamo di rispettarlo. e quel codice scritto da fp non lo rispetta affatto. che poi sia funzionante è un altro discorso ma vedrai che se usi IE su pagine create da FP ci vuole poco a dire che quel programma fa tutto e lo fa bene...il web è pieno di "programmatori" che non hanno voglia di testare le loro pagine su altri browser...funziona su IE? funziona alla mia risoluzione? chissenefrega degli altri. non è molto giusto!
          • reXistenZ scrive:
            Re: Però un'aggiornatina all'HTML...

            Con Frontpage riesco a fare qualsiasi cosa tu
            faccia con altri programmi. Basta saperlo
            usare. :|
          • Anonimo scrive:
            non parlatemi di frontpage!!
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            che quei programmi siano delle emerite
            schifezze


            per la creazione di documenti orientati al web,
            è

            arcinoto...

            Con Frontpage riesco a fare qualsiasi cosa tu
            faccia con altri programmi. Basta saperlo
            usare.Frontpage è un delirio, la qualità del codice che scrive è una porc*ta, gli include vengono riconosciuti ed aggiornati una volta si e una no, le estenzioni lato server fortunatemente sono un altra porc*ta in estinzione...e te lo dice uno che ci combatte tutti i giorni su un sito che fa più di 10.000.000 di accessi al mese.Dreamweaver scrive il miglior codice in assoluto e Golive offre la maggiore flessibilità, ma se devi fare un lavoro fatto bene il codice ti conviene scriverlo a mano.per i CSS questo programmillo invece è la fine del mondo:http://macrabbit.com/cssedit/ti permette, tra le tante cose, di sovrascrivere in locale un css di una pagina PHP/ASP in remoto e vederne i cambiamenti in tempo reale.(apple)(linux)
          • pluto scrive:
            Re: non parlatemi di frontpage!!
            ma è per mac!
      • Anonimo scrive:
        Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
        PHP, Java, Flash... immagino
    • Anonimo scrive:
      Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
      - Scritto da:
      ...non farebbe schifo...
      Prima di tutto una cosa per avere una maggiore
      elasticità nella formattazione delle
      pagine.Separando i contenuti dallo stile questo problema non si pone.
      Possibilità di creare sfumature.Sarebbe carina come cosa, ma penso che dovrebbero essere i css a permettere di creare sfumature, perchè è sempre una questione di presentazione.
      Migliore gestione degli sfondi ad esempio per non
      farli affiancati senza dover creare per forza
      un'img della dimensione
      giusta.Questa cosa già sipuò fare con i css, se ho capito bene quale è il tuo problema.
      Magari riconoscere al volo la lingua del sistema
      e tradurre i contenuti (se ovviamente sono
      presenti nella lingua
      rilevata).Questo sarbbe interessante...
      • Anonimo scrive:
        Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
        Secondo te perchè hanno inventato i css ?Forse perchè l'html da solo fa un po' pena
        • Anonimo scrive:
          Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
          Tu dici?Io invece penso che i css sono stati inventati non perchè l'html era una schifezza, ma per semplificare ed estendere alcune operazioni richieste dalle nuove tendenze del web e per le quali l'html non era portato... Se vuoi volare, metti le ali alla tua macchina o prendi l'aereo?L'html serve a strutturare dei documenti, non a mettergli le ghirlande colorateSecondo me l'accoppiata xhtml+css è, per il momento, la soluzione migliore in assoluto, senza bisogno di altre tecnologie.
          • Anonimo scrive:
            Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
            dimenticavo, ci aggiungo anche il javascript.
          • Anonimo scrive:
            Re: Però un'aggiornatina all'HTML...

            L'html serve a strutturare dei documenti, non a
            mettergli le ghirlande
            colorate
            infatti, lo dice l'h in html, e non c'é bisogno di pensare, basta documentarsi. Html é nato con uno scopo, poi pian pianino (non facciamo nomi) ci hanno aggiunto un sacco di schifezze per far lampeggiare il testo, tabelle per posizionare gli elementi,...a questo punto si é detto BASTA! e come nella programmazione "elegante" (o normale per chiunque abbia studiato) si divide quello che é il modello (in questo caso struttra del testo) da quello che é la sua visualizzazione. Questo semplice concetto regala una potenza enorme, da una parte la creazione e la manutenzione diventano coerenti e semplici, dall'altra parte posso in modo semplice rendere disponibile il mio sito su diversi media, o a persone diversamente abili...
          • Anonimo scrive:
            Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
            - Scritto da:
            Tu dici?
            Io invece penso che i css sono stati inventati
            non perchè l'html era una schifezza, ma per
            semplificare ed estendere alcune operazioni
            richieste dalle nuove tendenze del web e per le
            quali l'html non era portato...


            Se vuoi volare, metti le ali alla tua macchina o
            prendi l'aereo?

            L'html serve a strutturare dei documenti, non a
            mettergli le ghirlande colorate

            Secondo me l'accoppiata xhtml+css è, per il
            momento, la soluzione migliore in assoluto, senza
            bisogno di altre tecnologie.Solo nel paradiso dei troll quale è il forum di PI si possono leggere tanti post incredibili uno dietro l'altro...1 - I CSS sono stati inventati con un progetto preciso: separare il codice di marcatura dei contenuti (l'html) dalle funzioni di visualizzazione e renderizzazione (CSS). Il codice x/html non dovrebbe mai contenere informazioni di visualizzazione e renderizzazione.2 - Qualsiasi sviluppatore web che si rispetti scrive il codice xhtml / css a mano, con un comune editor di testo. Al limite è concesso un po' do color coding e qualche controllo di scrittura. Roba come Dreamveawer è da niubbi. Go-live non esiste, e Front Page non è nemmeno da prendere in considerazione.3 - Il problema non è l'HTML o la tecnologia CSS da aggiornare. Sono i BROWSER che sono indietro e applicano queste tecnologie in ritardo o addirittura fanno cose diverse. Siamo già ai CSS Level 3, allo standard Xform e Xlink, ma lo stesso IE7 non supporta ancora pienamente i CSS Level 2. Figuriamoci...4 - XAML non è in competizione con le tecnologie web. E' solo un sistema propietario basato su WPF, che permette la creazione di interfacce e oggetti interattivi embedded nel nuovo Vista. Non è affatto universale come invece è HTML. Questo poi non vuol dire che sia stupido. Primo perché hanno copiato ancora Apple, secondo perché la stessa Adobe sta per presentare una sua versione di questa tecnologia "cross-platform", basata sul solito plug-in Flash.
          • Anonimo scrive:
            Qualsiasi sviluppatore web che si rispet

            Solo nel paradiso dei troll quale è il forum di
            PI si possono leggere tanti post incredibili uno
            dietro
            l'altro...già perché quello che scrivi tu invece ti suona sensato??? non avrei voluto risponderti ma leggendoti sono caduto dalla sedia...

            1 - I CSS sono stati inventati con un progetto
            preciso: separare il codice di marcatura dei
            contenuti (l'html) dalle funzioni di
            visualizzazione e renderizzazione (CSS). Il
            codice x/html non dovrebbe mai contenere
            informazioni di visualizzazione e
            renderizzazione.quoto

            2 - Qualsiasi sviluppatore web che si rispetti
            scrive il codice xhtml / css a mano, con un
            comune editor di testo. Al limite è concesso un
            po' do color coding e qualche controllo di
            scrittura. Roba come Dreamveawer è da niubbi.
            Go-live non esiste, e Front Page non è nemmeno da
            prendere in
            considerazione.e se devi gestire un sito html con un centinaio di pagine senza usare linguaggi lato server come fai?template, inclusioni, library, smart object secondo te li hanno inventati per gioco?siamo d'accordo che un codice va scritto per il 60/70% a manina ma programmi come Dreamveawer o Golive sono indispensabili per un professionista serioper altre dritte leggi qui:http://punto-informatico.it/pm.aspx?id=1866410&m_id=1867672&r=PI

            3
            4quoto tutto il resto
      • Anonimo scrive:
        Re: Però un'aggiornatina all'HTML...


        Magari riconoscere al volo la lingua del sistema

        e tradurre i contenuti (se ovviamente sono

        presenti nella lingua

        rilevata).

        Questo sarbbe interessante...

        Questo già esiste!
        • Anonimo scrive:
          Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
          con i css si possono creare angoli arrottondati senza luso di immagini peccato che sono supportati solo da firefox, ie e' una mer*a con html e con i css.(anche ie 7) Perche ms non perfeziona il suo browser piuttosto????
          • reXistenZ scrive:
            Re: Però un'aggiornatina all'HTML...

            con i css si possono creare angoli arrottondati
            senza luso di immagini peccato che sono
            supportati solo da firefox, Esiste anche soluzione in html puro senza immagini che però è uno schiaffo al web semantico. E poi cci sono i nifty corners di Alessandro Fulciniti.
        • Anonimo scrive:
          Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
          - Scritto da:



          Magari riconoscere al volo la lingua del
          sistema


          e tradurre i contenuti (se ovviamente sono


          presenti nella lingua


          rilevata).



          Questo sarbbe interessante...




          Questo già esiste!infatti!!!si chiama negoziazione dei contenuti ed e' suppurtato da apache (non so iis)
      • pluto scrive:
        Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
        se non sbaglio nei css c'era un opzione non supportata da internet explorer che riguarda la lingua (http://www.w3.org/TR/1998/REC-CSS2-19980512/selector.html#x42).in ogni caso puoi applicare un selettore a un elemento che ha una proprietà con un valore preciso.e poi se vi imparate l'XML e l'XSLT fate scrivere le pagine al file XSLT, e nell'XML ci si tiene i contenuti. Nel restyling si modifica l'XSLT e si fa ricreare la versione HTML dall'XSLT nuovo.
    • Anonimo scrive:
      Useragent

      Magari riconoscere al volo la lingua del sistema
      e tradurre i contenuti (se ovviamente sono
      presenti nella lingua
      rilevata).Riconoscere?fin troppo.Basta che leggi l'useragent, il browser te lo dice in chiaro e tondo in quale lingue preferisce i contenuti! Esempio pratico?http://www.debian.org/Non è italianoNon c'è un it nel linkEppure eppure...Non sarà l'it-IT che gli ha comunicato il tuo browser? ;)Guarda un pò:http://www.webprodevelopment.com/Web_Toys/What_Is_My_User_Agent/http://en.wikipedia.org/wiki/User_agent
      • Anonimo scrive:
        Re: Useragent
        - Scritto da:

        Magari riconoscere al volo la lingua del sistema

        e tradurre i contenuti (se ovviamente sono

        presenti nella lingua

        rilevata).

        Riconoscere?
        fin troppo.

        Basta che leggi l'useragent, il browser te lo
        dice in chiaro e tondo in quale lingue preferisce
        i contenuti!


        Esempio pratico?
        http://www.debian.org/

        Non è italiano
        Non c'è un it nel link
        Eppure eppure...
        Non sarà l'it-IT che gli ha comunicato il tuo
        browser?
        ;)

        Guarda un pò:
        http://www.webprodevelopment.com/Web_Toys/What_Is_


        http://en.wikipedia.org/wiki/User_agentsi chiama negoziazione dei contenuti ed e' una caratteristica del web server e non dell'(x)htmlapache la supporta
    • Anonimo scrive:
      Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
      - Scritto da:
      ...non farebbe schifo...
      Prima di tutto una cosa per avere una maggiore
      elasticità nella formattazione delle
      pagine.
      Possibilità di creare sfumature.Teoricamente tutto questo c'è già, anzi c'è ben di più. Mozilla (ed in parte anche Opera) supportano gli SVG all'interno dell'HTML (e fuori) e con gli SVG le sfumature sono la cosa più banale che può essere fatta. Ci sono poi i Canvas, che permettono di "disegnare liberamente" nella pagina web.Sono tecnologie presenti e abbastanza consolidate nei browser, ma ovviamente non essendo fruibili dalla maggioranza dei navigatori, non ha senso usarle attivamente nei siti "per tutti".
    • nattu_panno_dam scrive:
      Re: Però un'aggiornatina all'HTML...
      Ci sono i CSS per queste cose, non è compito di HTML, infatti XHTML strict ha ancora meno parametri per i fattori estetici.
Chiudi i commenti