India, cade un mattone della censura online

Dichiarata incostituzionale la normativa che minacciava con la galera chiunque pubblicasse contenuti violenti o utilizzasse nomi falsi per l'invio di email

Roma – La Corte Suprema indiana ha dichiarato incostituzionale degli articoli di una legge che limitavano fortemente la libertà online dei cittadini del Paese .

Secondo quanto riportano le fonti locali , ad essere stroncata dai giudici è stata la Sezione 66A della legge che vigila sulla Rete e sulle comunicazioni: la controversa legge approvata nel 2000 permetteva alle autorità di minacciare con la galera i cittadini colpevoli di aver pubblicato online contenuti proibiti.

In particolare, obiettivo della normativa era quello di colpire chiunque inviasse attraverso risorse informatiche o dispositivi di comunicazione delle “informazioni estremamente offensive o di carattere minaccioso”, “informazioni consapevolmente false, col l’obiettivo di causare fastidio, disagi, pericolo, difficoltà, ingiurie, o di intimidire, creare ostacoli o minacciare” oppure inviare messaggi email “con lo scopo di creare disagi e fastidi o ingannando circa la provenienza della stessa od il mittente di tale messaggio”.
Per tutte queste varie fattispecie la normativa prevedeva una pena fino a tre anni ed una multa .

Tale impostazione assolutamente vaga e generica, capace di prestare il fianco ad una estrema discrezionalità, aveva in più occasioni – come afferma lo stesso ministro indiano alle Telecomunicazioni – portato ad un suo abuso, tanto che già nel 2012 ne era stata chiesta la revisione in seguito all’arresto di due ragazze per un post su Facebook.

Proprio questo episodio – anche se nel frattempo le due teenager sono state scarcerate – è stato cavalcato da una studentessa di legge – Shreya Singhal – per presentare il ricorso contro la normativa che ha ora condotto alla sua dichiarazione di incostituzionalità.

Questa normativa, peraltro, si somma alle altre possibilità di controllo sulla Rete offerte dalla legge alle autorità locali: in base alla Sezione 69 A, per esempio, il ministero indiano delle Telecomunicazioni può bloccare siti identificati dalla squadra anti-terrorismo come contenenti messaggi a sostegno degli estremismi e contenenti messaggi che attentino alla sicurezza nazionale. Questa previsione, che non differisce molto da quanto le autorità italiane si apprestano a disporre, fin dai primi anni della sua entrata in vigore aveva dato origine a censure generalizzate, e nel mese di gennaio ha determinato il blocco di 32 siti Internet, tra cui la piattaforma di user-generated video Vimeo, gli archivi per la condivisione di codice Github e Sourceforge, ma anche Pastebin e Internet Archive.

Inoltre rimangono all’interno del codice penale indiano diverse disposizioni che ancora minacciano la libertà online dei cittadini e restringono la loro libertà di espressione online . La sentenza di incostituzionalità ora emessa non interagisce con tale impianto, ma secondo gli osservatori , fra cui Amnesty e EFF , può rappresentare il primo segnale di cambiamento nel paese.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • rudy scrive:
    aggiornamento pagina disabilitare!!!
    la terza volta che scrivo e la pagfina si aggiuorna cancellando tutto.passa la voglia eh
    • Shiba scrive:
      Re: aggiornamento pagina disabilitare!!!
      - Scritto da: rudy
      la terza volta che scrivo e la pagfina si
      aggiuorna cancellando
      tutto.


      passa la voglia ehAbout:config → block.autorefresh=true
  • tennico scrive:
    Unico commento possibile
    [img]http://s-media-cache-ak0.pinimg.com/236x/53/c8/1f/53c81f1e0f5e15939a2b7f67800b6e58.jpg[/img]
  • mazingaYXZ scrive:
    Re: Ma i piddini non si vergognano?
    E' sempre stato così. L'ala cosiddetta "moderata" o "liberal" della sinistra è da sempre stata al servizio dei poteri forti. Del resto le prime privatizzazioni le fece prodi, e il precariato fu introdotto dalla legge treu.Vale anche all'estero: Blair non ha ripristinato nemmeno un centesimo dei tagli della Tatcher al welfare, e Schroeder ha sfasciato quello tedesco. In generale, quando qualcuno si definisce "riformista", significa semplicemente che si è venduto.
    • mazingaYXZ scrive:
      Re: Ma i piddini non si vergognano?
      - Scritto da: mazingaYXZ
      E' sempre stato così. L'ala cosiddetta "moderata"
      o "liberal" della sinistra è da sempre stata al
      servizio dei poteri forti. Del resto le prime
      privatizzazioni le fece prodi, e il precariato fu
      introdotto dalla legge
      treu.

      Vale anche all'estero: Blair non ha ripristinato
      nemmeno un centesimo dei tagli della Tatcher al
      welfare, e Schroeder ha sfasciato quello tedesco.
      In generale, quando qualcuno si definisce
      "riformista", significa semplicemente che si è
      venduto.Non faccio neanche in tempo a postare, che il commento a cui rispondevo è stato prontamente censurato, tra l'altro senza motivo (nessuna parolaccia, solo osservazioni oggettive). Ne deduco che i moderatori di PI sono solo feccia piddina.
      • Goldrake scrive:
        Re: Ma i piddini non si vergognano?
        è un gombloddo di Goldrake (piddino pure lui).
      • passante casuale scrive:
        Re: Ma i piddini non si vergognano?
        - Scritto da: mazingaYXZ
        - Scritto da: mazingaYXZ

        E' sempre stato così. L'ala cosiddetta
        "moderata"

        o "liberal" della sinistra è da sempre stata al

        servizio dei poteri forti. Del resto le prime

        privatizzazioni le fece prodi, e il precariato
        fu

        introdotto dalla legge

        treu.



        Vale anche all'estero: Blair non ha ripristinato

        nemmeno un centesimo dei tagli della Tatcher al

        welfare, e Schroeder ha sfasciato quello
        tedesco.

        In generale, quando qualcuno si definisce

        "riformista", significa semplicemente che si è

        venduto.

        Non faccio neanche in tempo a postare, che il
        commento a cui rispondevo è stato prontamente
        censurato, tra l'altro senza motivo (nessuna
        parolaccia, solo osservazioni oggettive). Ne
        deduco che i moderatori di PI sono solo feccia
        piddina.devi essere un niubbo...
      • Moshe scrive:
        Re: Ma i piddini non si vergognano?
        - Scritto da: mazingaYXZ
        - Scritto da: mazingaYXZ

        E' sempre stato così. L'ala cosiddetta
        "moderata"

        o "liberal" della sinistra è da sempre stata al

        servizio dei poteri forti. Del resto le prime

        privatizzazioni le fece prodi, e il precariato
        fu

        introdotto dalla legge

        treu.



        Vale anche all'estero: Blair non ha ripristinato

        nemmeno un centesimo dei tagli della Tatcher al

        welfare, e Schroeder ha sfasciato quello
        tedesco.

        In generale, quando qualcuno si definisce

        "riformista", significa semplicemente che si è

        venduto.

        Non faccio neanche in tempo a postare, che il
        commento a cui rispondevo è stato prontamente
        censurato, tra l'altro senza motivo (nessuna
        parolaccia, solo osservazioni oggettive). Ne
        deduco che i moderatori di PI sono solo feccia
        piddina.Tu invece sei feccia grullina @^
    • tut scrive:
      Re: Ma i piddini non si vergognano?
      No. Quelli che si devono vergognare sono quelli che si sono venduti il voto alle primarie e hanno consegnato il PD ad uno messo lì da Berlusconi.
      • 34edd3sw232 4rgjkiu scrive:
        Re: Ma i piddini non si vergognano?
        - Scritto da: tut
        No.
        Quelli che si devono vergognare sono quelli che
        si sono venduti il voto alle primarie e hanno
        consegnato il PD ad uno messo lì da
        Berlusconi.Sì ma i venduti sono il 70% dei votanti alle primarie. Un po' troppi. Io se fossi piddino mi vergognerei di essere nato:- abolito l'articolo 18 dello statuto dei lavoratori- riforma costituzionale col "senato" a base di consiglieri regionali nominati (e ovviamente verranno scelti quelli carcerati)- aziende pubbliche svendute - fiat sposta la sede all'estero senza alcuna opposizione- pirelli venduta ai cinesi senza nessuna opposizione- banche popolari abolite (scandalo, i lavoratori eleggevano il CdA! Non sia mai, era un affronto al capitalismo!)- e ora pure il trojan di statoQui siamo all'estrema destra, roba da massoneria deviata, berlusconi non si è mai azzardato a fare neanche la metà di queste porcherie, quando provò a modificare l'art. 18 si ritrovò 3 milioni di persone in piazza. Renzi è semplicemente uno schifoso cameriere di banche e grandi imprese. E 11 milioni di XXXXXXXXX l'hanno votato alle europee in cambio di 80 euro, pure un barbone chiederebbe di più.
        • breaked balls scrive:
          Re: Ma i piddini non si vergognano?
          Scusate Ma avete rotto i XXXXXXXX.Anzi non scusate per niente!Andate a farvi la campagna elettorale pro-pd anti-pd pro-grillo anti grillo ecc..Da un altra parte!Avete strarotto i XXXXXXXX
          • scarabushpa rapam scrive:
            Re: Ma i piddini non si vergognano?
            - Scritto da: breaked balls
            Scusate Ma avete rotto i XXXXXXXX.
            Anzi non scusate per niente!
            Andate a farvi la campagna elettorale pro-pd
            anti-pd pro-grillo anti grillo
            ecc..
            Da un altra parte!
            Avete strarotto i XXXXXXXXSi parlava di XXXXXXXXX piddini da 80 euro a voto, eccone uno. Ciccio, i XXXXXXXX semmai li avete rotti voi, al rimanente 60% degli italiani. Ma per davvero. Andatevene voi, ma dall'Italia però. In fretta!Siete il cancro di questo paese.
          • breaked balls scrive:
            Re: Ma i piddini non si vergognano?
            Parla per te idiota!Io non sono ne piddino ne 80eurino!E proprio grazie agli XXXXXXXXX che parlano senza sapere quello che dicono ma come stessero in curva allo stadio che stiamo messi male chi se ne deve andare (e di corsa) sono gli XXXXXXXXX della tua specie sia che tu sia piddiota che grilliota che berluschiota.Sono stato chiaro? o vuoi che ti faccia un disegnino?O forse non sei in grado di leggerlo da solo se non te lo spiega il "capo" per cui fai il tifo?
          • MaVaiACagar e scrive:
            Re: Ma i piddini non si vergognano?
            Certo, come no, intervieni e sbraiti come un ubriaco in un thread in cui si parla (male) del PD, ma tu naturalmente non sei piddino, noooo... Ad innervosirti dev'essere stato il cambio di stagione. Mai XXXXXXXXXXXX, idiota da 80 euro!
          • breaked balls scrive:
            Re: Ma i piddini non si vergognano?
            - Scritto da: MaVaiACagar e
            Certo, come no, intervieni e sbraiti come un
            ubriaco in un thread in cui si parla (male) del
            PD, ma tu naturalmente non sei piddino, noooo...
            Ad innervosirti dev'essere stato il cambio di
            stagione. Mai XXXXXXXXXXXX, idiota da 80
            euro!Povero XXXXXXXXX a me non me ne frega niente che tu parli bene o male del PD o di tua ziaVoglio solo che vai a fare la tua personale campagna elettorale altrove e in compagnia degli altri XXXXXXXXX tuoi compari.Non ti nascondo (vorrei essere ancora più chiaro) che sarei molto ma molto felice se tu e i tuoi odiati piddini vi eliminaste a vicenda.Nel caso abbiate bisogno di mazze chiodate e altri oggetti per divertirvi sarei molto lieto di fornirveli in eguale misura nella certezza che al prossimo "giro" qualcuno si sarà eliminato dimostrando così al mondo che "aveva proprio ragione lui".Magari non vi riuscirà di farvi fuori tutti a vicenda (troppo bello per essere vero) ma anche così un miglioramento è sicuro in fondo io sono uno che si accontenta anche di piccoli progressi. :D
          • sgabbius scrive:
            Re: Ma i piddini non si vergognano?
            Sei un demente, te ne rendi conto? Sparati che la feccia come te è la rovina del mondo, letame umano.
          • panda rossa scrive:
            Re: Ma i piddini non si vergognano?
            - Scritto da: breaked balls
            Scusate Ma avete rotto i XXXXXXXX.
            Anzi non scusate per niente!
            Andate a farvi la campagna elettorale pro-pd
            anti-pd pro-grillo anti grillo
            ecc..
            Da un altra parte!
            Avete strarotto i XXXXXXXXQuali sarebbero le altre parti dove si puo' discutere democraticamente e in modo rigorosamente anonimo?
          • breaked balls scrive:
            Re: Ma i piddini non si vergognano?
            Non lo so ma a chi fa campagna elettorale non interessa discutere e a me non interessa la campagna elettorale privata ne del PD ne di Grillo e neppure di sua nonna mi risulta che ci sono appositi spazi pubblici (pagati coi miei soldini) per farsi tutte le campagne che uno crede.L'importante è che non venga a scassare le balle al prossimo invadendo spazi che non gli competono.Chiaro?
          • Passante scrive:
            Re: Ma i piddini non si vergognano?
            - Scritto da: breaked balls
            Non lo so ma a chi fa campagna elettorale non
            interessa discutere e a me non interessa la
            campagna elettorale privata ne del PD ne di
            Grillo e neppure di sua nonna mi risulta che ci
            sono appositi spazi pubblici (pagati coi miei
            soldini) per farsi tutte le campagne che uno
            crede.Ma infatti questa non è campagna elettorale di nessuno, è una normale discussione tra utenti del forum, non sei obbligato a parteciparvi.
            L'importante è che non venga a scassare le balle
            al prossimo invadendo spazi che non gli
            competono.
            Chiaro?Limpido, tranquillo io non sono di nessun partito, questa è una semplice discussione tra elettori.
          • Passante scrive:
            Re: Ma i piddini non si vergognano?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: breaked balls

            Scusate Ma avete rotto i XXXXXXXX.

            Anzi non scusate per niente!

            Andate a farvi la campagna elettorale pro-pd

            anti-pd pro-grillo anti grillo

            ecc..

            Da un altra parte!

            Avete strarotto i XXXXXXXX

            Quali sarebbero le altre parti dove si puo'
            discutere democraticamente e in modo
            rigorosamente anonimo?Per scrivere come "panda rossa" direi un qualsiasi forum.
          • Passante scrive:
            Re: Ma i piddini non si vergognano?
            - Scritto da: breaked balls
            Scusate Ma avete rotto i XXXXXXXX.
            Anzi non scusate per niente!
            Andate a farvi la campagna elettorale pro-pd
            anti-pd pro-grillo anti grillo
            ecc..
            Da un altra parte!
            Avete strarotto i XXXXXXXXTi dico un segreto: questo è il tread di un forum, se la discussione non ti interessa cambia tread.
          • breaked balls scrive:
            Re: Ma i piddini non si vergognano?
            Ti dico io un altro segreto la policy del forum parla di OFF-TOPIC non so se tu te ne sia accorto.Puoi accomodarti a far propaganda elettorale in ogni posto pubblico a questo preposto e oltretutto pagato coi soldini di tutti (sempre per quello scopo).Non so se questo per te prima era un segreto ma mi piacerebbe che prendessi nota che ora non lo è più dato che ti è stato comunicato.
          • Passante scrive:
            Re: Ma i piddini non si vergognano?
            - Scritto da: breaked balls
            Ti dico io un altro segreto la policy del forum
            parla di OFF-TOPIC non so se tu te ne sia
            accorto.Da quanto leggi PI ? E' la partia dell'off topic. (rotfl)
          • panda rossa scrive:
            Re: Ma i piddini non si vergognano?
            - Scritto da: breaked balls
            Ti dico io un altro segreto la policy del forum
            parla di OFF-TOPIC non so se tu te ne sia
            accorto.Te lo dico io invece un segreto: il topic di questa discussione riguarda un provvedimento GOVERNATIVO.E siccome il governo e' espressione degli elettori in un paese apparentemente democratico ecco che la discussione che denuncia l'ignoranza degli elettori che sta causando questi provvedimenti, al cui confronto la gestapo era nulla, e' perfettamente in topic.Ti ruga la cosa? Liberissimo. L'uscita e' in fondo a destra.
        • Passante scrive:
          Re: Ma i piddini non si vergognano?
          - Scritto da: 34edd3sw232 4rgjkiu
          - Scritto da: tut

          No.

          Quelli che si devono vergognare sono quelli che

          si sono venduti il voto alle primarie e hanno

          consegnato il PD ad uno messo lì da

          Berlusconi.
          Sì ma i venduti sono il 70% dei votanti alle
          primarie. Un po' troppi.
          Io se fossi piddino mi vergognerei di essere nato:Quelli che si vergognavano hanno strappato le tessere qualche anno fa, quelle di adesso sono un 20% false le altre di rumeni pagati.http://roma.corriere.it/notizie/politica/15_marzo_19/pd-conti-choc-commissario-il-20percento-tessere-non-sono-vere-e5b26110-ce55-11e4-b573-56a67cdde4d3.shtmlhttp://www.si24.it/2015/03/20/nel-pd-romano-scoppia-il-caso-tessere-fantasma-orfini-cacceremo-a-pedate-chi-se-lo-merita/84771/
          • breaked balls scrive:
            Re: Ma i piddini non si vergognano?
            - Scritto da: Passante
            Quelli che si vergognavano hanno strappato le
            tessere qualche anno fa, quelle di adesso sono un
            20% false le altre di rumeni
            pagati.Ti sei scordato gli XXXXXXXXX del tutto simili a te e ai tuoi compari piddino-grillino-berluschini che fanno propaganda elettorale dove non sarebbe ammessa.
  • Disgustato_ dai_piddin i scrive:
    Ma i piddini non si vergognano?
    L'attuale governo sta facendo le peggiori porcherie che si temono solitamente dai regimi di estrema destra: licenziamenti liberi, svendite di aziende pubbliche agli amici, tecnocontrollo totale, intercettazioni "preventive" (!), trojan di Stato, riforma del Senato che sarà composto da consiglieri regionali carcerati, legge elettorale modello "porcellum" con capilista bloccati, banche popolari abolite per legge (non sia mai che i lavoratori possano comandare in azienda!).Non ho aggettivi per esprimere il disgusto umano nei confronti di renzi, del PD, e di chi lo vota. Pensavo non si potesse peggiorare rispetto a berlusconi, francamente mi sbagliavo.
    • Michail Bakunin scrive:
      Re: Ma i piddini non si vergognano?
      - Scritto da: Disgustato_ dai_piddin i
      Pensavo non si potesse peggiorare rispetto a
      berlusconi, francamente mi
      sbagliavo.Sbaglierai un sacco di altre volte se credi che la distribuzione degli XXXXXXXXX sia limitata a un solo partito.Direi al contrario che pare piuttosto "equa".
  • Michail Bakunin scrive:
    Re: Suonati e suonatori
    Son suonati anche se lui non canta.Non han mai visto ne uno spartito ne uno strumento non hanno idea di cosa vogliono fare ma come gli capita frequentemente lo vogliono fare lo stesso.
  • Michail Bakunin scrive:
    macchè terrorismo
    Questa è la dimostrazione che in Italia il terrorismo non funziona.Infatti è palese che non scatena terrore (come vorrebbe la parola) ma in compenso scatena la stupidità dei politici che ci aggiungono anche una certa quantità di fantasia .
  • Otelma scrive:
    Pecoroni
    L'italia è un paese perdente fatto prevalentemente di perdenti.Gli altri, i non perdenti, sono al governo oppure sono costretti a seguire il flusso delle masse.Siamo il fanalino di coda di gran parte del mondo, non solo dell'europa, e brilliamo solo per le cose negative e ci stupiamo e facciamo grandi articoli di giornale quando qualcuno fà qualcosa di buono.
    • Patriot scrive:
      Re: Pecoroni
      - Scritto da: Otelma
      L'italia è un paese perdente fatto
      prevalentemente di
      perdenti.
      Gli altri, i non perdenti, sono al governo oppure
      sono costretti a seguire il flusso delle
      masse.
      Siamo il fanalino di coda di gran parte del
      mondo, non solo dell'europa, e brilliamo solo per
      le cose negative e ci stupiamo e facciamo grandi
      articoli di giornale quando qualcuno fà qualcosa
      di
      buono.Ecco, bravo !!!!Glie le hai cantate ! E anche per oggi il nostro dovere l'abbiamo fatto e possiamo tornarcere a dormire soddisfatti.
  • ruppolo scrive:
    Se il terrorismo è incutere terrore,
    allora è il legislatore, che promulga queste leggi, ad essere per primo un terrorista.
    • Leguleio scrive:
      Re: Se il terrorismo è incutere terrore,

      allora è il legislatore, che promulga queste
      leggi, ad essere per primo un
      terrorista.Ehm, no. La parola terrorismo ha due accezioni, quello più astratto "metodo di polemica culturale o di pressione psicologica fondato sulluso di argomenti semplicistici e intimidatori", e quello concreto: "uso di violenza illegittima, finalizzata a incutere terrore nei membri di una collettività organizzata e a destabilizzarne o restaurarne lordine, mediante azioni quali attentati, rapimenti, dirottamenti di aerei...". E i morti a causa di azioni di terrorismo fanno male a tutti: ai prossimi congiunti, alla società di cui fanno parte, ai governi. Non confondere i due piani.
      • Storia... scrive:
        Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
        - Scritto da: Leguleio

        allora è il legislatore, che promulga queste

        leggi, ad essere per primo un

        terrorista.

        Ehm, no. La parola terrorismo ha due accezioni,
        quello più astratto "metodo di polemica culturale
        o di pressione psicologica fondato sulluso di
        argomenti semplicistici e intimidatori", e quello
        concreto: "uso di violenza illegittima,
        finalizzata a incutere terrore nei membri di una
        collettività organizzata e a destabilizzarne o
        restaurarne lordine, mediante azioni quali
        attentati, rapimenti, dirottamenti di aerei...".Quindi le bombe no ok...
        E i morti a causa di azioni di terrorismo fanno
        male a tutti: ai prossimi congiunti, alla società
        di cui fanno parte, ai governi.

        Non confondere i due piani.
        • Leguleio scrive:
          Re: Se il terrorismo è incutere terrore,

          "uso di violenza illegittima,

          finalizzata a incutere terrore nei membri di
          una

          collettività organizzata e a destabilizzarne
          o

          restaurarne lordine, mediante azioni quali

          attentati, rapimenti, dirottamenti di
          aerei...".

          Quindi le bombe no ok...Quanto spreco di byte inutili: gli attentati cosa sono, secondo te? Non esistono solo gli attentati dinamitardi, anche il sabotaggio di binari di un treno sono terrorismo. Nel loro piccolo, e malgrado non sistessero rivendicazioni di alcun tipo, lo erano anche i sassi dal cavalcavia, nel periodo in cui erano di moda.
          • poiu scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: Leguleio
            Nel loro piccolo, e
            malgrado non sistesseroesistessero
            rivendicazioni di alcun
            tipo, lo erano anche i sassi dal cavalcavia, nel
            periodo in cui erano di
            moda.No. Il terrorismo ha obiettivi specifici. Chi butta sassi dal cavalcavia è un ritardato senza particolari obiettivi.
          • Patriot scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: poiu
            - Scritto da: Leguleio


            Nel loro piccolo, e

            malgrado non sistessero

            esistessero


            rivendicazioni di alcun

            tipo, lo erano anche i sassi dal cavalcavia,
            nel

            periodo in cui erano di

            moda.


            No. Il terrorismo ha obiettivi specifici. Chi
            butta sassi dal cavalcavia è un ritardato senza
            particolari obiettivi.Anche se chi butta pietre non lo fa per uno scopo particolare o contingente, per una ideologia politica aberrante o altro di affine, tuttavia è perfettamente consapevole di arrecare, con questo comportamento, unoffesa a soggetti indeterminati, e di creare, attraverso limprevedibilità, panico e allarme sociale. Sono questi i termini (si veda Padovani, Codice Penale, 2005, 1225), con cui viene caratterizzata la finalità terroristica a proposito del delitto di cui allart. 280 del codice penale, attentato per finalità terroristiche (o di eversione), il quale prevede che chiunque, per finalità di terrorismo, attenta alla vita o allincolumità di una persona, è punito con la reclusione non inferiore ad anni venti
          • poiu scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: Patriot
            chiunque, per finalità di
            terrorismo, attenta alla vita o allincolumità
            di una personaCome detto, chi butta le pietre non lo fa per finalità di terrorismo.Infatti non si aspetta certo che la gente abbia paura a passare sotto un cavalcavia. Manca proprio il 'messaggio'.
          • Patriot scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: poiu
            - Scritto da: Patriot


            chiunque, per finalità di

            terrorismo, attenta alla vita o
            allincolumità

            di una persona

            Come detto, chi butta le pietre non lo fa per
            finalità di
            terrorismo.
            Infatti non si aspetta certo che la gente abbia
            paura a passare sotto un cavalcavia. Manca
            proprio il
            'messaggio'.Sostanzialmente siamo d'accordo sul <b
            fatto </b
            che Legulo non capisce un membro virile.
          • poiu scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: Patriot
            Sostanzialmente siamo d'accordo sul <b

            fatto </b
            che Legulo non capisce un
            membro
            virile.Ecco, bravo !!!!Glie le hai cantate ! E anche per oggi il nostro dovere l'abbiamo fatto e possiamo tornarcere a dormire soddisfatti.
          • Patriot scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: poiu
            - Scritto da: Patriot


            Sostanzialmente siamo d'accordo sul
            <b


            fatto </b
            che Legulo non capisce un

            membro

            virile.

            Ecco, bravo !!!!
            Glie le hai cantate ! E anche per oggi il nostro
            dovere l'abbiamo fatto e possiamo tornarcere a
            dormire soddisfatti.Bene, sono proprio contento che ti senta molto meglio anche tu, buon riposo.ZZZZZzzzzzz
          • Michail Bakunin scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: Patriot
            Bene, sono proprio contento che ti senta molto
            meglio anche tu, buon
            riposo.
            ZZZZZzzzzzzEcco bravo a nanna che i "Patriot" della tua specie più che dormire e più che armiamoci e partite non hanno mai prodotto granchè di utile.
          • Patriot scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: poiu
            - Scritto da: Patriot


            chiunque, per finalità di

            terrorismo, attenta alla vita o
            allincolumità

            di una persona

            Come detto, chi butta le pietre non lo fa per
            finalità di
            terrorismo.
            Infatti non si aspetta certo che la gente abbia
            paura a passare sotto un cavalcavia. Manca
            proprio il
            'messaggio'.Manca il messaggio ma provoca comunque panico e allarme sociale."Anche se chi butta pietre non lo fa per uno scopo particolare o contingente, per una ideologia politica aberrante o altro di affine, tuttavia è perfettamente consapevole di arrecare, con questo comportamento, unoffesa a soggetti indeterminati, e di creare, attraverso limprevedibilità, panico e allarme sociale."
          • Michail Bakunin scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: Patriot
            Manca il messaggio ma provoca comunque panico e
            allarme
            sociale.Qualunque reato comune contro la persona provoca sia panico che allarme sociale ma non per questo è terrorismo.
          • 809256 scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: Leguleio

            "uso di violenza illegittima,


            finalizzata a incutere terrore nei
            membri
            di

            una


            collettività organizzata e a
            destabilizzarne

            o


            restaurarne lordine, mediante azioni
            quali


            attentati, rapimenti, dirottamenti di

            aerei...".



            Quindi le bombe no ok...

            Quanto spreco di byte inutili: gli attentati cosa
            sono, secondo te? XXXXXXXX sei tu che hai citato wikipedia confondendo i due piani, non chi tel'ha fatto notare.
      • Patriot scrive:
        Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
        - Scritto da: Leguleio

        allora è il legislatore, che promulga queste

        leggi, ad essere per primo un

        terrorista.

        Ehm, no. La parola terrorismo ha due accezioni,
        quello più astratto "metodo di polemica culturale
        o di pressione psicologica fondato sulluso di
        argomenti semplicistici e intimidatori", e quello
        concreto: "uso di violenza illegittima,
        finalizzata a incutere terrore nei membri di una
        collettività organizzata e a destabilizzarne o
        restaurarne lordine, mediante azioni quali
        attentati, rapimenti, dirottamenti di aerei...".
        E i morti a causa di azioni di terrorismo fanno
        male a tutti: ai prossimi congiunti, alla società
        di cui fanno parte, ai governi.

        Non confondere i due piani.Quindi essendo l'ISIS un governo non sono terroristi.
        • Leguleio scrive:
          Re: Se il terrorismo è incutere terrore,



          allora è il legislatore, che promulga
          queste


          leggi, ad essere per primo un


          terrorista.



          Ehm, no. La parola terrorismo ha due
          accezioni,

          quello più astratto "metodo di polemica
          culturale

          o di pressione psicologica fondato sulluso
          di

          argomenti semplicistici e intimidatori", e
          quello

          concreto: "uso di violenza illegittima,

          finalizzata a incutere terrore nei membri di
          una

          collettività organizzata e a destabilizzarne
          o

          restaurarne lordine, mediante azioni quali

          attentati, rapimenti, dirottamenti di
          aerei...".

          E i morti a causa di azioni di terrorismo
          fanno

          male a tutti: ai prossimi congiunti, alla
          società

          di cui fanno parte, ai governi.



          Non confondere i due piani.

          Quindi essendo l'ISIS un governo non sono
          terroristi.Anche io sono un governo. Una monarchia assoluta costituzionale federale e centralistica. Faccio terrorismo? Mah, nel senso che minaccio di fra cancellare i messaggi importuni sì, ogni tanto potrei dare quell'impressione.
          • Passante scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: Leguleio



            allora è il legislatore, che
            promulga

            queste



            leggi, ad essere per primo un



            terrorista.





            Ehm, no. La parola terrorismo ha due

            accezioni,


            quello più astratto "metodo di polemica

            culturale


            o di pressione psicologica fondato
            sulluso

            di


            argomenti semplicistici e
            intimidatori",
            e

            quello


            concreto: "uso di violenza illegittima,


            finalizzata a incutere terrore nei
            membri
            di

            una


            collettività organizzata e a
            destabilizzarne

            o


            restaurarne lordine, mediante azioni
            quali


            attentati, rapimenti, dirottamenti di

            aerei...".


            E i morti a causa di azioni di
            terrorismo

            fanno


            male a tutti: ai prossimi congiunti,
            alla

            società


            di cui fanno parte, ai governi.





            Non confondere i due piani.



            Quindi essendo l'ISIS un governo non sono

            terroristi.

            Anche io sono un governo. Una monarchia assoluta
            costituzionale federale e centralistica. Faccio
            terrorismo? Mah, nel senso che minaccio di fra
            cancellare i messaggi importuni sì, ogni tanto
            potrei dare
            quell'impressione.Tranq, non si terrorizza nessuno, al massimo ci si mette a ridere di un 12enne quale, immmagino a leggerti, tu sia.
        • poiu scrive:
          Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
          - Scritto da: Patriot
          Quindi essendo l'ISIS un governo non sono
          terroristi.meno male ci sei tu che li difendi
          • Patriot scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: poiu
            - Scritto da: Patriot


            Quindi essendo l'ISIS un governo non sono

            terroristi.

            meno male ci sei tu che li difendiIo sto a quello che dice il Leguleo.
          • Michail Bakunin scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: Patriot
            Io sto a quello che dice il Leguleo.Chiedi a qualcuno se è meravigliato. :D
        • Leguleio scrive:
          Re: Se il terrorismo è incutere terrore,



          allora è il legislatore, che promulga
          queste


          leggi, ad essere per primo un


          terrorista.



          Ehm, no. La parola terrorismo ha due
          accezioni,

          quello più astratto "metodo di polemica
          culturale

          o di pressione psicologica fondato sulluso
          di

          argomenti semplicistici e intimidatori", e
          quello

          concreto: "uso di violenza illegittima,

          finalizzata a incutere terrore nei membri di
          una

          collettività organizzata e a destabilizzarne
          o

          restaurarne lordine, mediante azioni quali

          attentati, rapimenti, dirottamenti di
          aerei...".

          E i morti a causa di azioni di terrorismo
          fanno

          male a tutti: ai prossimi congiunti, alla
          società

          di cui fanno parte, ai governi.



          Non confondere i due piani.
          Quindi essendo l'ISIS un governo non sono
          terroristi.Sai, ci sono diverse persone che sono convinte di essere Napoleone ed avere ai lor piedi l'Europa, ma non per questo ci si fa domande sulla loro natura terroristica. :)Preciso che esistono azioni terroristiche compiute da Stati, ma sono eseguite dai "servizi segreti deviati". Nessun capo di Stato in epoca moderno è così folle da rendere ufficiale il lavoro sXXXXX dei servizi segreti, sia contro un altro Stato sia contro propri cittadini.
          • Michail Bakunin scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: Leguleio
            Preciso che esistono azioni terroristiche
            compiute da Stati, ma sono eseguite dai "servizi
            segreti deviati". Fantastico!Quindi possiamo escludere dall'elenco i missili Israeliani che fanno saltare obiettivi mirati (cioè specifiche persone e le relative famiglie assai spesso) di Hamas?A me non risulta ne che li faccia un "mossad deviato" (anzi non li fa proprio il Mossad) ne che siano "nascosti".Lo stesso si può tranquillamente dire per un certo numero di stati (Afganistan ai tempi in cui governava lo sceicco guercio) IS (proprio ora) Somalia ecc.L'idea convenzionale di "stato" è in crisi non da oggi e il riconoscimento di "comuni convenzioni" pure così come una idea "etica" dello stato che è messa in crisi molto spesso proprio da "stati etici" in nome di una propria "etica" non esiste un "metro di misura" per stabilire un confine preciso e condiviso da tutti.Ciò che è definibile come "terrorismo" è largamente soggetto alla cultura e all'etica soggettiva di chi ne parla.Dubito molto che troverai mai una definizione di terrorismo che tu possa condividere con "Abu Bakr al-Baghdadi" (chiunque esso sia) o i suoi accoliti e lo stesso vale per la idea di stato.Quando parli di terrorismo in realtà parli (inevitabilmente) di ciò che a te appare come tale.
          • Leguleio scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,


            Preciso che esistono azioni terroristiche

            compiute da Stati, ma sono eseguite dai
            "servizi

            segreti deviati".

            Fantastico!Fantastico cosa? Sicuramente non il tuo sarcasmo, sempre fuori posto.
            Quindi possiamo escludere dall'elenco i missili
            Israeliani che fanno saltare obiettivi mirati
            (cioè specifiche persone e le relative famiglie
            assai spesso) di
            Hamas?Sì, lo possiamo escludere perché è in atto una guerra da almeno 20 anni, ma di fatto fin dal 1947. E nelle guerre entrambi i contendenti, se possono, se ne hanno i mezzi, si tirano bombe in testa.
            L'idea convenzionale di "stato" è in crisi non da
            oggi e il riconoscimento di "comuni convenzioni"
            pure così come una idea "etica" dello stato che è
            messa in crisi molto spesso proprio da "stati
            etici" in nome di una propria "etica" non esiste
            un "metro di misura" per stabilire un confine
            preciso e condiviso da
            tutti.Non parlavo di questo.
          • breaked balls scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: Leguleio
            Sì, lo possiamo escludere perché è in atto una
            guerra da almeno 20 anni, ma di fatto fin dal
            1947. E nelle guerre entrambi i contendenti, se
            possono, se ne hanno i mezzi, si tirano bombe in
            testa.I "contendenti" sono solo uno ovvero uno stato e un territorio occupato con una azione di guerra.In compenso c'è una convenzione (quella di Ginevra) che regola in modo piuttosto chiaro i limiti che uno stato (uno ripeto) occupante non può superare.Ti ricorderei che sulla carta si tratta di territorio Giordano!Questa è la situazione di fatto se la guardi in termini giuridici e di "convenzioni".Se la guardi da un punto di vista "diverso" i contendenti diventano 2 ma uno ha caccia di ultima generazione bombe al fosforo e a frammentazione ("vietate" pure quelle).L'altro è un pochino messo peggio .. caccia? 0 , droni? 0 mezzi tecnologici "competitivi" rispetto all'altro contendente? 0 L'unico "vantaggio" (vantaggio si fa per dire) è qualche XXXXXXXXX disposto a farsi saltare in aria nella speranza di svegliarsi in paradiso con qualche odalisca dall'occhio "languido". E i "danni" la dicono ancor più chiara...qualche buco, qualche soffitto sfondato, e qualche infarto dei cosiddetti razzi Kassam (i vecchi missili giocattolo della Quercetti giocattoli facevano più danni).E i soliti XXXXXXXXX (già citati) che si fanno saltare in aria (quando gli riesce perchè pure lì le cilecche son tante).Sul numero e la natura delle vittime stendiamo un pietoso velo perchè anche se la "contabilità" dice da che parte pende la bilancia assegnare un peso alle vittime è cosa che lascio ai poveri di spirito e di umanità.
            Non parlavo di questo.Davvero?"Nessun capo di Stato in epoca moderno è così folle da rendere ufficiale il lavoro sXXXXX dei servizi segreti, sia contro un altro Stato sia contro propri cittadini."1) Israele non è uno stato?2) i "territori occupati" (non a coso così denominati nel linguaggio corrente) sono uno stato?Se è vero (come è vero) che in tutta la vicenda esiste un solo stato (Israele) e esistono territori (formalmente di un altro stato e in stato di occupazione militare di fatto) da che parte sono i civili? di chi è l'unico reale esercito e gli unici reali servizi segreti?Puoi definire Israele uno stato non moderno? Eppure io non trovo proprio nessun "servizio deviato"...Vedi te.Il problema è che non basta qualche luogo comune da forum a decidere dei confini netti tra terrorismi diversi per scopi e natura quale ne sia il protagonista (stato, fanatismo, idea politica o legittima aspirazione alla indipendenza, o la più deprecabile delle motivazioni).La verità è che c'è poca (per non dire nessuna) differenza tra i nazisti che bruciavano i libri in piazza e la stessa cosa fatta dall'IS come non c'è poi gran differenza tra auschwitz e i campi di Pol Pot.Non è un pensiero "tranquillizzante"?Lo so ma purtroppo non ne colpa ne merito mio è solo una constatazione dei fatti.
          • Leguleio scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            Magari credi davvero che io intavoli un discorso di politica internazionale con chi si firma "breaked balls" ed esordisce, in un altro commento, con "Parla per te idiota!".Mah...
          • breaked balls scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: Leguleio
            Magari credi davvero che io intavoli un discorso
            di politica internazionale con chi si firma
            "breaked balls" ed esordisce, in un altro
            commento, con "Parla per te
            idiota!".
            Mah...Come disse qualcuno tempo fa di quello che tu "intavoli" o meno "Francamente me ne infischio"(cit. via col vento)
          • Izio01 scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: Michail Bakunin
            - Scritto da: Leguleio


            Preciso che esistono azioni terroristiche

            compiute da Stati, ma sono eseguite dai
            "servizi

            segreti deviati".

            Fantastico!
            Quindi possiamo escludere dall'elenco i missili
            Israeliani che fanno saltare obiettivi mirati
            (cioè specifiche persone e le relative famiglie
            assai spesso) di
            Hamas?

            A me non risulta ne che li faccia un "mossad
            deviato" (anzi non li fa proprio il Mossad) ne
            che siano
            "nascosti".

            Lo stesso si può tranquillamente dire per un
            certo numero di stati (Afganistan ai tempi in cui
            governava lo sceicco guercio) IS (proprio ora)
            Somalia
            ecc.
            L'idea convenzionale di "stato" è in crisi non da
            oggi e il riconoscimento di "comuni convenzioni"
            pure così come una idea "etica" dello stato che è
            messa in crisi molto spesso proprio da "stati
            etici" in nome di una propria "etica" non esiste
            un "metro di misura" per stabilire un confine
            preciso e condiviso da
            tutti.

            Ciò che è definibile come "terrorismo" è
            largamente soggetto alla cultura e all'etica
            soggettiva di chi ne
            parla.

            Dubito molto che troverai mai una definizione di
            terrorismo che tu possa condividere con "Abu Bakr
            al-Baghdadi" (chiunque esso sia) o i suoi
            accoliti e lo stesso vale per la idea di
            stato.

            Quando parli di terrorismo in realtà parli
            (inevitabilmente) di ciò che a te appare come
            tale.Sai che ti dico? Penso proprio che tu abbia ragione, la tua è una riflessione molto lucida e condivisibile.
      • il solito bene informato scrive:
        Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
        - Scritto da: Leguleio

        allora è il legislatore, che promulga queste

        leggi, ad essere per primo un

        terrorista.

        Ehm, no. La parola terrorismo ha due accezioni,
        quello più astratto "metodo di polemica culturale
        o di pressione psicologica fondato sulluso di
        argomenti semplicistici e intimidatori", e quello
        concreto: "uso di violenza illegittima,
        finalizzata a incutere terrore nei membri di una
        collettività organizzata e a destabilizzarne o
        restaurarne lordine, mediante azioni quali
        attentati, rapimenti, dirottamenti di aerei...".
        E i morti a causa di azioni di terrorismo fanno
        male a tutti: ai prossimi congiunti, alla società
        di cui fanno parte, ai governi.

        Non confondere i due piani.ma terrorismo è comunque incutere terrore e ci sono politici e governanti che fanno parte di questo sistema - dal Patriot Act di G.W.Bush a Salvini che ti mette in guardia dal kebabbaro che potrebbe farsi esplodere mentre ti serve un felafel
        • Goldrake scrive:
          Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
          - Scritto da: il solito bene informato
          Salvini che ti mette in guardia dal kebabbaro che
          potrebbe farsi esplodere mentre ti serve un
          felafelSenza contare che io avrei qualche difficoltà a dichiarare patriota qualcuno che fino a ieri dichiarava di volersi pulire il c.. col tricolore.Ma.... tant'è...
          • ... scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: Goldrake
            - Scritto da: il solito bene informato


            Salvini che ti mette in guardia dal
            kebabbaro
            che

            potrebbe farsi esplodere mentre ti serve un

            felafel
            Senza contare che io avrei qualche difficoltà a
            dichiarare patriota qualcuno che fino a ieri
            dichiarava di volersi pulire il c.. col
            tricolore.
            Ma.... tant'è...Abbi pazienza, leghisti e berlusconiani probabilmente hanno la capacità intellettiva di un lombrico, cosa vuoi che si ricordino.
          • Vio scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            I piddini invece.. Tutti premi nobel.......
          • ... scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: Vio
            I piddini invece.. Tutti premi nobel.......Ma che, sei un decerebrato berluschino o leghino? :o
        • panda rossa scrive:
          Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
          - Scritto da: il solito bene informato
          - Scritto da: Leguleio


          allora è il legislatore, che promulga
          queste


          leggi, ad essere per primo un


          terrorista.



          Ehm, no. La parola terrorismo ha due
          accezioni,

          quello più astratto "metodo di polemica
          culturale

          o di pressione psicologica fondato sulluso
          di

          argomenti semplicistici e intimidatori", e
          quello

          concreto: "uso di violenza illegittima,

          finalizzata a incutere terrore nei membri di
          una

          collettività organizzata e a destabilizzarne
          o

          restaurarne lordine, mediante azioni quali

          attentati, rapimenti, dirottamenti di
          aerei...".

          E i morti a causa di azioni di terrorismo
          fanno

          male a tutti: ai prossimi congiunti, alla
          società

          di cui fanno parte, ai governi.



          Non confondere i due piani.

          ma terrorismo è comunque incutere terrore e ci
          sono politici e governanti che fanno parte di
          questo sistema - dal Patriot Act di G.W.Bush a
          Salvini che ti mette in guardia dal kebabbaro che
          potrebbe farsi esplodere mentre ti serve un
          felafelIl kebabbero e' una figura estremamente utile e che reca decoro ai centri abitati, ridando vita alle botteghe dei videotecari falliti.
        • collione scrive:
          Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
          ma Salvini fa politica e lo sa benissimo anche lui che le XXXXXXX del "terrorista 100% made in corano" sono appunto XXXXXXXhai letto l'ultimissima? gli USA hanno "commesso un errore" e così mezzo miliardo di dollari in armamenti è finito nelle mani di Al Qaedainteressante che la cifra sia sempre la stessa, infatti l'ISIS "rubò" mezzo miliardo dalla banca centrale irachenaoh, e poi questi terroristi riescono ad usare le armi americane perfettamente dal day one!!! XXXXX, questi sono geni!
        • Leguleio scrive:
          Re: Se il terrorismo è incutere terrore,


          Ehm, no. La parola terrorismo ha due
          accezioni,

          quello più astratto "metodo di polemica
          culturale

          o di pressione psicologica fondato sulluso
          di

          argomenti semplicistici e intimidatori", e
          quello

          concreto: "uso di violenza illegittima,

          finalizzata a incutere terrore nei membri di
          una

          collettività organizzata e a destabilizzarne
          o

          restaurarne lordine, mediante azioni quali

          attentati, rapimenti, dirottamenti di
          aerei...".

          E i morti a causa di azioni di terrorismo
          fanno

          male a tutti: ai prossimi congiunti, alla
          società

          di cui fanno parte, ai governi.



          Non confondere i due piani.
          ma terrorismo è comunque incutere terrore e ci
          sono politici e governanti che fanno parte di
          questo sistema - dal Patriot Act di G.W.Bush a
          Salvini che ti mette in guardia dal kebabbaro che
          potrebbe farsi esplodere mentre ti serve un
          felafelSono due accezioni dello stesso termine, giustificate dal fatto che il risultato presso la gran parte della popolazione è lo stesso. Ma attenzione, non sono la stessa cosa. C'è un'enorme differenza fra annunciare con le stesse modalità del succedersi delle collezioni autunno-inverno l'aviaria, la suina, la SARS, l'H1N1, l'ebola, che sono minacce scientificamente provate e non provocate da alcuno, e far vivere ogni singolo cittadino nella prospettiva che potrebbe scoppiargli una bomba sotto il sedere, oppure potrebbe cadere un aereo dirottato sulla capoccia, e simili evenienze dietro alle quali c'è un preciso progetto. Il mio commento si riferiva solo alla distinzione fra le due, non ad altro.
          • Michail Bakunin scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: Leguleio
            che potrebbe scoppiargli una bomba
            sotto il sedere, oppure potrebbe cadere un aereo
            dirottato sulla capoccia, e simili evenienze
            dietro alle quali c'è un preciso progetto. Il mio
            commento si riferiva solo alla distinzione fra le
            due, non ad
            altro.Le "prospettive" non hanno alcun fondamento reale dato che in sostanza è molto più probabile che l'aereo che ti "cade sulla capoccia" cada senza essere dirottato da nessuno (statisticamente assai più probabile) e idem dicasi per la "bomba sotto il sedere" (anche qui statisticamente morire in una esplosione "accidentale" è molto più probabile che morire con una bomba di un terrorista).Il vero problema è "l'imprenditoria della paura" che ovviamente evita accuratamente l'analisi del rischio ovvero il bilanciamento tra la probabilità di un evento il costo delle "contromisure" e la riduzione della probabilità di cui sopra.Se si evitano con cura i "numeri" è molto facile fare demagogia ma molto difficile trovare il "check and balance" che è uno dei principi della convivenza civile in una società che voglia autodefinirsi "democratica"
          • Leguleio scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,


            che potrebbe scoppiargli una bomba

            sotto il sedere, oppure potrebbe cadere un
            aereo

            dirottato sulla capoccia, e simili evenienze

            dietro alle quali c'è un preciso progetto.
            Il
            mio

            commento si riferiva solo alla distinzione
            fra
            le

            due, non ad

            altro.
            Le "prospettive" non hanno alcun fondamento reale
            dato che in sostanza è molto più probabile che
            l'aereo che ti "cade sulla capoccia" cada senza
            essere dirottato da nessuno (statisticamente
            assai più probabile) Ma chi ha mai parlato di statistica qui? E soprattutto, che senso ha parlare di statistica quando di mezzo ci sono fanatici di ogni risma? Sì, è vero che oggi è più probabile un aereo in testa a causa di un incidente che non di un dirottamento, e un'esplosione di un residuato bellico che scoppia nella cantina di casa durante lavori di ristrutturazione piuttosto che una bomba a orologeria piazzata lì a bella posta. <B
            Oggi </B
            , appunto. Il terrore si alimenta soprattutto di ciò che potrebbe accadere domani.
            Il vero problema è "l'imprenditoria della paura"
            che ovviamente evita accuratamente l'analisi del
            rischio ovvero il bilanciamento tra la
            probabilità di un evento il costo delle
            "contromisure" e la riduzione della probabilità
            di cui
            sopra.Appartengo a una generazione di bambini che hanno passato molte mattinate nel giardino antistante la scuola perché qualcuno aveva telefonato che c'era una bomba. All'epoca la minaccia era presa sul serio, si credeva davvero possibile che in nome della lotta di classe si potesse attentare alla vita di allievi delle elementari. Oggi probabilmente si penserebbe subito a qualche mitomane. Non è importante ciò che sono in grado di realizzare davvero, che spesso è molto poco: il terrorismo si alimenta delle azioni omicide potenzialmente fattibili.
            Se si evitano con cura i "numeri" è molto facile
            fare demagogia ma molto difficile trovare il
            "check and balance" che è uno dei principi della
            convivenza civile in una società che voglia
            autodefinirsi
            "democratica"Guarda che il controllo e bilanciamento reciproco riguarda i poteri dello Stato, non le misure contro il terrorismo. Ricordo per inciso che la legislazione di emergenza in Italia è stata oggetto di un referendum, nel 1978 e 1980, ed è rimasta così com'era. Se nemmeno i cittadini votanti vogliono un bilanciamento nel senso che lo intendi tu, figurati i legislatori. :|-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 marzo 2015 01.50-----------------------------------------------------------
          • breaked balls scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: Leguleio
            Ma chi ha mai parlato di statistica qui? Io e per un buon motivo senza numeri l'unica cosa che resta è la demagogia.
            soprattutto, che senso ha parlare di statistica
            quando di mezzo ci sono fanatici di ogni risma?I fanatici sono proprio quelli (appunto di ogni risma) che ragionano (si fa per dire ragionano dato l'etimo) a prescindere dai dati di fatto e sulla impressione emotiva del momento.
            Sì, è vero che oggi è più probabile un aereo in
            testa a causa di un incidente che non di un
            dirottamento, e un'esplosione di un residuato
            bellico che scoppia nella cantina di casa durante
            lavori di ristrutturazione piuttosto che una
            bomba a orologeria piazzata lì a bella posta.
            <B
            Oggi </B
            , appunto. Il terrore
            si alimenta soprattutto di ciò che potrebbe
            accadere
            domani.Non è il terrore che si alimenta di "ciò che potrebbe accadere domani" ma l'irrazionalità perchè "ciò che potrebbe accadere domani" è esattamente "ciò che potrebbe accadere oggi" e è fatto di numeri non di "impressioni".

            Appartengo a una generazione di bambini che hanno
            passato molte mattinate nel giardino antistante
            la scuola perché qualcuno aveva telefonato che
            c'era una bomba. All'epoca la minaccia era presa
            sul serio, si credeva davvero possibile che in
            nome della lotta di classe si potesse attentare
            alla vita di allievi delle elementari. Oggi
            probabilmente si penserebbe subito a qualche
            mitomane. Non è importante ciò che sono in grado
            di realizzare davvero, che spesso è molto poco:
            il terrorismo si alimenta delle azioni omicide
            potenzialmente fattibili.Potenzialmente fattibili non significa nulla e tantomeno significano nulla le "vacanze" che ti sei fatto la mattina il dato concreto è nei fatti che hai fatto una vacanza senza che nessuna bomba sia esplosa.Allo stesso modo in cui domani ti alzerai senza sapere se un asteroide ti ucciderà (cosa tra l'altro successa realmente più e più volte realmente a differenza della bomba nella scuola) e pure essendo evento assai "raro" è concreto (addirittura causa di estinzione di massa in alcune circostanze più volte verificatesi su scala planetaria). Ripeto quello che hai detto è ne più ne meno che una sintesi (in luoghi comuni) di come si trasforma un problema reale e le contromisure da prendere in banale demagogia anzichè in azioni efficaci.Come ho detto prima è semplice basta nascondere i numeri.Il resto è facile.
          • Izio01 scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,
            - Scritto da: breaked balls
            - Scritto da: Leguleio




            Appartengo a una generazione di bambini che
            hanno

            passato molte mattinate nel giardino
            antistante

            la scuola perché qualcuno aveva telefonato
            che

            c'era una bomba. All'epoca la minaccia era
            presa

            sul serio, si credeva davvero possibile che
            in

            nome della lotta di classe si potesse
            attentare

            alla vita di allievi delle elementari. Oggi

            probabilmente si penserebbe subito a qualche

            mitomane. Non è importante ciò che sono in
            grado

            di realizzare davvero, che spesso è molto
            poco:

            il terrorismo si alimenta delle azioni
            omicide

            potenzialmente fattibili.

            Potenzialmente fattibili non significa nulla e
            tantomeno significano nulla le "vacanze" che ti
            sei fatto la mattina il dato concreto è nei fatti
            che hai fatto una vacanza senza che nessuna bomba
            sia esplosa.
            Allo stesso modo in cui domani ti alzerai senza
            sapere se un asteroide ti ucciderà ( <b
            cosa tra
            l'altro successa realmente più e più volte
            realmente a differenza della bomba nella scuola </b
            )Chi ha detto che le bombe nelle scuole non sono un'evenienza reale?http://www.lastampa.it/2013/06/18/italia/cronache/brindisi-bomba-davanti-a-scuola-oggi-la-sentenza-per-vantaggiato-p7gEoHEvraQYkkRWdMfeON/pagina.html
            e pure essendo evento assai "raro" è concreto
            (addirittura causa di estinzione di massa in
            alcune circostanze più volte verificatesi su
            scala planetaria).

            Ripeto quello che hai detto è ne più ne meno che
            una sintesi (in luoghi comuni) di come si
            trasforma un problema reale e le contromisure da
            prendere in banale demagogia anzichè in azioni
            efficaci.

            Come ho detto prima è semplice basta nascondere i
            numeri.
            Il resto è facile.
          • Leguleio scrive:
            Re: Se il terrorismo è incutere terrore,

            Chi ha detto che le bombe nelle scuole non sono
            un'evenienza
            reale?
            http://www.lastampa.it/2013/06/18/italia/cronache/Io.Mettere una bomba nel cestino <B
            davanti </B
            alla scuola è troppo facile. Può fare molte vittime come può non farne nessuna, a seconda del flusso degli studenti al passaggio, e può persino capitare che colpisca un passante estraneo alla scuola: l'effetto terrorizzante è in questo caso attenuato, vai a capire il perché. Il terrore incontrollabile, che non fa dormire i genitori la notte, è che faccia saltare in aria un'aula scolastica, o la palestra, mentre i bambini sono dentro.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 marzo 2015 11.05-----------------------------------------------------------
  • ... scrive:
    tecnicamente impossibile
    " In caso di contenuti generati dagli utenti ed ospitati su piattaforme riconducibili a soggetti terzi, - raccomanda un altro emendamento - viene disposta la rimozione dei soli specifici contenuti illeciti "cioè chiedono agli ISP di non chiudere dropbox o gdrive se viene segnalato un file, ma di filtrare quel particolare file.PECCATO CHE CON HTTPS QUESTO SIA IMPOSSIBILE PERCHE' L'ISP VEDE LA CONNESSIONE A dropbox o gdrive MA NON SA QUALE FILE STA CONSULTANDO.
    • panda rossa scrive:
      Re: tecnicamente impossibile
      - Scritto da: ...
      " <i
      In caso di contenuti generati dagli utenti ed
      ospitati su piattaforme riconducibili a soggetti
      terzi, - raccomanda un altro emendamento - viene
      disposta la rimozione dei soli specifici
      contenuti
      illeciti </i
      "

      cioè chiedono agli ISP di non chiudere dropbox o
      gdrive se viene segnalato un file, ma di filtrare
      quel particolare
      file.

      PECCATO CHE CON HTTPS QUESTO SIA IMPOSSIBILE
      PERCHE' L'ISP VEDE LA CONNESSIONE A dropbox o
      gdrive MA NON SA QUALE FILE STA
      CONSULTANDO.Non dirglielo! Lasciaglielo credere, no?
      • ... scrive:
        Re: tecnicamente impossibile
        - Scritto da: panda rossa

        Non dirglielo! Lasciaglielo credere, no?Il problema è che si dice 'dove possibile' in senso peggiorativo per il servizio, vale a dire "se riesci ad oscurare selettivamente bene, se non ci riesci, oscuri tutto il servizio".In pratica tutti i cloud, anzi qualsiasi sito permetta alla gente di caricare dati (testi, commenti, file, ...) per poter operare in Italia senza la spada di Damocle dell'oscuramento deve rimuovere HTTPS.Aggiungo che gli stessi emendamenti prevedono la possibilità di installare trojan ai cittadini per tutti i reati commessi mediante limpiego di tecnologie informatiche o telematiche.Quindi per qualsiasi cosa, <b
        non per il terrorismo </b
        .E tutto ciò al di fuori delle regole e dei limiti dettati dal Codice di Procedura Penale per interventi analoghi quale per esempio l'intercettazione di comunicazioni che è una versione MOLTO più soft di quanto intendono fare.
        • Michail Bakunin scrive:
          Re: tecnicamente impossibile
          Prevedo interventi della corte costituzionale se non cambiano radicalmente.
          • Bic Indolor scrive:
            Re: tecnicamente impossibile
            - Scritto da: Michail Bakunin
            Prevedo interventi della corte costituzionale se
            non cambiano
            radicalmente.Lascia stare. Se le istituzioni non avessero intenzione di fare boiate non le farebbero, punto e basta. Non ci dovrebbe essere bisogno dell'intervento di altre istituzioni.Piuttosto pensiamo alle soluzioni tecniche.
          • breaked balls scrive:
            Re: tecnicamente impossibile
            - Scritto da: Bic Indolor
            Piuttosto pensiamo alle soluzioni tecniche.Le soluzioni tecniche esistono da un pezzo.Non c'è nulla da pensare.
        • Passante scrive:
          Re: tecnicamente impossibile
          - Scritto da: ...
          - Scritto da: panda rossa




          Non dirglielo! Lasciaglielo credere, no?

          Il problema è che si dice 'dove possibile' in
          senso peggiorativo per il servizio, vale a dire
          "se riesci ad oscurare selettivamente bene, se
          non ci riesci, oscuri tutto il
          servizio".

          In pratica tutti i cloud, anzi qualsiasi sito
          permetta alla gente di caricare dati (testi,
          commenti, file, ...) per poter operare in Italia
          senza la spada di Damocle dell'oscuramento deve
          rimuovere
          HTTPS.

          Aggiungo che gli stessi emendamenti prevedono la
          possibilità di installare trojan ai cittadini per
          tutti i reati commessi mediante limpiego di
          tecnologie informatiche o
          telematiche.
          Quindi per qualsiasi cosa, <b
          non per il
          terrorismo </b

          .
          E tutto ciò al di fuori delle regole e dei limiti
          dettati dal Codice di Procedura Penale per
          interventi analoghi quale per esempio
          l'intercettazione di comunicazioni che è una
          versione MOLTO più soft di quanto intendono
          fare.E quando si diceva di usare la criptazione per blindare alla base le nostre comunicazioni proprio per evitare che gli balzassero idee del genere tu dov'eri ?
          • ... scrive:
            Re: tecnicamente impossibile
            - Scritto da: Passante
            E quando si diceva di usare la criptazione per
            blindare alla base le nostre comunicazioni
            proprio per evitare che gli balzassero idee del
            genere tu dov'eri
            ?Che io usi "la criptazione per blindare alla base le nostre comunicazioni" o meno non cambia un fico secco, il dominio verrà oscurato alla prima richiesta di oscurare l'acXXXXX ad un file a meno che che il gestore del servizio non accetti di disabilitare HTTPS (oppure di dare un bel certificato HTTPS valido ai nostri ISP)
          • panda rossa scrive:
            Re: tecnicamente impossibile
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: Passante


            E quando si diceva di usare la criptazione
            per

            blindare alla base le nostre comunicazioni

            proprio per evitare che gli balzassero idee
            del

            genere tu dov'eri

            ?

            Che io usi "la criptazione per blindare alla base
            le nostre comunicazioni" o meno non cambia un
            fico secco, il dominio verrà oscurato alla prima
            richiesta di oscurare l'acXXXXX ad un file a meno
            che che il gestore del servizio non accetti di
            disabilitare HTTPS (oppure di dare un bel
            certificato HTTPS valido ai nostri
            ISP)Forse non lo sai, ma a parte te, gli utenti di questo forum vengono a sapere che un certo dominio e' stato "oscurato" solo perche' ne parla un articolo di PI.
          • ... scrive:
            Re: tecnicamente impossibile
            - Scritto da: panda rossa
            Forse non lo sai, ma a parte te, gli utenti di
            questo forum vengono a sapere che un certo
            dominio e' stato "oscurato" solo perche' ne parla
            un articolo di
            PI.allora il problema è risolto!1p.s.che modo di pensare limitato
          • ... scrive:
            Re: tecnicamente impossibile
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ...

            - Scritto da: Passante




            E quando si diceva di usare la
            criptazione

            per


            blindare alla base le nostre
            comunicazioni


            proprio per evitare che gli balzassero
            idee

            del


            genere tu dov'eri


            ?



            Che io usi "la criptazione per blindare alla
            base

            le nostre comunicazioni" o meno non cambia un

            fico secco, il dominio verrà oscurato alla
            prima

            richiesta di oscurare l'acXXXXX ad un file a
            meno

            che che il gestore del servizio non accetti
            di

            disabilitare HTTPS (oppure di dare un bel

            certificato HTTPS valido ai nostri

            ISP)

            Forse non lo sai, ma a parte te, gli utenti di
            questo forum vengono a sapere che un certo
            dominio e' stato "oscurato" solo perche' ne parla
            un articolo di
            PI.dicevo, prima che mi segnalassi, la tua visione delle cose è limitata.ma certo, 'eh ma io sono intelligente e i blocchi mi fanno un baffo'...certo certo, intelligentissimo!
  • Etype scrive:
    Terrorismo :D :D :D
    Ah la famosa scusa del terrorismo presa ogni 3X2 :D
Chiudi i commenti