Intel lancia i chip new generation

Il chipmaker annuncia modelli e prezzi di Xeon serie 5100, la prima famiglia di processori basati sulla microarchitettura Core. I nuovi chip - assicura - fanno mangiare la polvere agli Opteron dual-core di AMD
Il chipmaker annuncia modelli e prezzi di Xeon serie 5100, la prima famiglia di processori basati sulla microarchitettura Core. I nuovi chip - assicura - fanno mangiare la polvere agli Opteron dual-core di AMD

Santa Clara (USA) – Mancano ormai poche settimane, forse giorni al lancio in grande stile con cui Intel inizierà la diffusione dei primi processori basati sulla sua nuova architettura “universale” Core . Si tratta di Xeon della nuova serie 5100 , CPU dual-core dedicate ai server e alle workstation di fascia alta.

Intel afferma che il core Xeon 5100, già noto con il nome in codice Woodcrest , sia in grado di fornire prestazioni fino al 125% maggiori rispetto ai suoi diretti predecessori e fino al 60% superiori a quelle degli Opteron di AMD . Per misurare le performance del suo nuovo chip, Intel ha utilizzato i benchmark standard SPEC : i risultati ottenuti con un sistema basato sul processore Xeon 5160 sono stati confrontati con i risultati di un equiparabile sistema basato sull’Opteron dual-core 285.

“I valori delle prestazioni e del consumo energetico a livello di sistema riscontrati con le piattaforme Intel basate sulla nuova microarchitettura Core hanno superato le nostre aspettative”, ha proclamato Kirk Skaugen, vice president e general manager del Server Platforms Group di Intel. “Ma i clienti si aspettano di più oltre a prestazioni e bassi consumi. Per questo motivo Intel ha sviluppato una piattaforma capace di offrire le più recenti tecnologie per server, tra cui una memoria più veloce e affidabile, la tecnologia Intel Virtualization, Intel Active Server Manager e la tecnologia Intel I/O Acceleration”.

La tecnologia di memoria fully-buffered ( FB-DIMM ), qui al suo primo debutto, promette di incrementare velocità di accesso ai dati, affidabilità e densità di memorizzazione. La specifica FB-DIMM è stata sviluppata da Intel e altre aziende con l’obiettivo primario di semplificare il design delle schede madri per PC e di incrementare il numero di slot di espansione generalmente disponibili su queste ultime.

Le altre tecnologie integrate in Woodcrest sono già note: Intel Virtualization offre il supporto in hardware alla virtualizzazione, semplificando e incrementando le performance di software come VMWare e Xen; Intel Active Server Manager integra componenti hardware, software e firmware per gestire gli attuali ambienti complessi dei data center e del computing di fascia enterprise; la tecnologia Intel I/O Acceleration accelera il trasferimento dei dati tra l’interfaccia di rete e le applicazioni.

Le nuove piattaforme server e workstation di Intel, i cui nomi in codice sono rispettivamente Bensley e Glidewell , sono state progettate per gli attuali processori dual-core. Ma supportano anche i quad-core realizzati con la tecnologia di processo a 65 nanometri e con quelle che via via si renderanno disponibili. I primi processori per le piattaforme Bensley e Glidewell sono stati i processori Xeon dual-core serie 5000, il cui nome in codice era Dempsey .

Gli attuali modelli della serie 5000, ancora basati sull’architettura del Pentium 4, sono i seguenti: il 5080, con clock di 3,73 GHz e prezzo (per ordini di 1.000 unità) di 851 dollari; il 5063 MV, con clock ci 3,2 GHz e prezzo di 369 dollari; il 5060, con clock di 3,2 GHz e prezzo di 316 dollari; e il 5050, con clock di 3 GHz e prezzo di 177 dollari. I primi tre modelli condividono un front-side bus a 1.066 MHz, che nell’ultimo è invece di 667 MHz, e tutti hanno in comune una cache L2 di 2 MB per ciascuno core. Il modello 5063 MV si distingue dal 5060 perché consuma un massimo di 95 watt contro i 130 di quest’ultimo.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

28 05 2006
Link copiato negli appunti