IO non è solo Cashback: cosa c'è e quel che verrà

Il progetto legato all'applicazione IO è in continua evoluzione e non si limita al Cashback di Stato: parte da lontano, arriverà ancora più lontano.
Il progetto legato all'applicazione IO è in continua evoluzione e non si limita al Cashback di Stato: parte da lontano, arriverà ancora più lontano.
Guarda 15 foto Guarda 15 foto

Per il Cashback di Stato bisogna scaricare IO. Vero, ma non passi il messaggio che l’applicazione serve solo a quello, sarebbe un’occasione persa per farne conoscere la vera utilità. Abbiamo seguito il progetto fin dai suoi primi sviluppi, passando per il lancio della closed beta e arrivando a ciò che è oggi. Ora diamo uno sguardo a ciò che diventerà.

Il progetto IO: oltre al Cashback c’è di più

Non possiamo che far riferimento alla roadmap ufficiale, a quel percorso che iniziato nell’aprile 2018 con l’annuncio del Team per la Trasformazione Digitale si è districato poi attraverso fasi di design e prototipazione con un obiettivo ben preciso: riunire all’interno di un unico strumento digitale tutto ciò che serve per l’accesso ai servizi pubblici. È sufficiente fermarsi un momento a riflettere considerando il contesto frammentato che ha fin qui interessato la Pubblica Amministrazione per rendersi conto di quanto fosse (e sia ancora per certi versi) un’impresa immane.

IO è ancora in fase beta, nonostante tutti coloro in possesso di uno smartphone non obsoleto la possano oggi scaricare gratuitamente. A spiegare il perché è la squadra al lavoro sull’iniziativa.

L’uscita di IO sugli store è un passo importante per i servizi pubblici digitali in Italia e un’ulteriore tappa di questo progetto così ambizioso. Rendendo disponibile l’app in versione beta a tutti i cittadini, infatti, abbiamo dato inizio alla seconda fase della sperimentazione, fondamentale per favorire l’adozione di IO a livello nazionale.

È dunque un progetto in divenire, in continua evoluzione, che necessariamente risente del contributo e dell’influenza di quanto arriva dai cittadini. Lo è stato anche la scorsa settimana quando con il via al Cashback di Stato l’infrastruttura su cui poggia il software è crollata lasciando molti in balia di mancati login e messaggi di errore.

IO è un progetto collettivo, un “bene comune”, e così sarà sempre. Fin da subito, abbiamo progettato l’app insieme ai cittadini partendo dall’analisi delle loro esigenze, e continueremo a farla crescere grazie al contributo costante degli utenti.

È sufficiente dare un’occhiata al grafico qui sotto per capire cosa abbia causato i problemi: l’enorme mole di download concentrata in poche ore. Sono stati 872.892 nella sola giornata di martedì 8 dicembre, mentre una settimana dopo (martedì 15 dicembre) solo 38.866.

I download dell'applicazione IO nel tempo

Nel 2020 IO ha accolto tra le altre cose l’integrazione con SPID e Carta d’Identità Elettronica, permettendo l’ottenimento del Bonus Vacanze. Guardando avanti, per il 2021 è previsto il debutto di un back-office inedito completo dedicato all’onboarding di enti e servizi, l’arrivo della sezione Documenti in cui conservare certificati, ricevute, documenti d’identità ecc. e la messa online della versione Web accessibile da browser su computer laptop e desktop. Poi sarà di nuovo tempo di guardare avanti, raccogliendo nuove esigenze e intervenendo laddove necessario sulle criticità emerse, sempre partendo dai bisogni dei cittadini, anche di coloro impermeabili e ostili all’innovazione che comunque finiranno prima o poi per beneficiarne, direttamente o indirettamente.

Fonte: IO
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti