Iran, a morte i blogger

Una proposta di legge per condannare coloro che in rete attentino alla morale di stato. A Teheran il web non fa eccezione: vanno puniti coloro che si fanno portatori di costumi corrotti

Roma – Un post potrebbe costare la vita: in Iran si sta discutendo una proposta di legge che scoraggi tutti coloro che attentano alla morale di stato a mezzo web, si sta introducendo un deterrente che agisca su coloro che esercitano liberamente il proprio diritto ad esprimersi.

“Una delle responsabilità più importanti per lo stato è garantire la sicurezza sociale e mentale nella società – recita la presentazione della proposta di legge – sfortunatamente, riferiscono le autorità responsabili, alcuni criminali sottraggono alle persone la possibilità di vivere sicuri”. Fra questi criminali, fra coloro che commettono violenze sessuali e coloro che conducono rapine a mano armata, ci sono anche i blogger e i netizen che sfruttano la rete come un canale per levare la propria voce, per raccontare l’Iran ad altri paesi, per scuotere le coscienze dei propri concittadini. Concorda la netta maggioranza dei parlamentari: agire in rete non è un’attenuante.

Saranno considerati mohareb , nemici di dio, coloro che sfruttano le rete per instillare nei netizen pensieri pericolosi per la società : saranno considerati dei corruttori. Le punizioni per questo tipo di crimini possono essere l’esilio o l’impiccagione, corredata dall’amputazione della mano destra e del piede sinistro. La proposta di legge prevede che queste pene non siano in alcun modo revocabili.

La motivazione a fondamento della formalizzazione di nuove declinazioni di vecchi crimini risiede nel fatto che i blog rappresentino, a parere dello stato, un veicolo per promuovere “la corruzione, la pornografia e l’ateismo”. Non basta dunque imporre la chiusura di Internet Café e limitare la banda a disposizione dei cittadini, non basta vigilare ed epurare la rete dai siti che ospitano punti di vista su quel che succede in Iran e nel resto del mondo. La rete iraniana si sta popolando di attivisti, i netizen stanno acquisendo sicurezza : il governo preme per delineare e per formalizzare una nuova fattispecie di reato per rendere le procedure di arresto e condanna dei netizen più immediate e meno contestabili.

Qualora la proposta di legge venga approvata, i tutori della legge avranno mano libera : spetterà loro decidere cosa si possa inquadrare come corruzione, cosa costituisca incitamento all’apostasia, come i blogger possano spingere alla prostituzione attraverso un post. Rintracciare l’autore del crimine sarà immediato: dallo scorso anno, pena l’oscuramento della propria finestra online, i blogger e i gestori di siti web iraniani sono tenuti alla registrazione presso un archivio statale .

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mauro scrive:
    LinuxWindows
    in questo caso è più appropriato invece di !=, per stressare che è < per alcune cose, e
    per altre.Esempio: ho preso in regalo un sistema P3 e volevo darlo a mia nonna dopo averci installato linux per farla allontanare dalla TV... ebbene, dopo una nottata ed un pomeriggio di smadonnamenti per farlo avviare in modo liscio (dava problemi su un hd, ho dovuto installarlo sull'altro...?), scopro che la ati rage 128 che monta non è supportata se non per un driver xfree di base, cioè niente accelerazione 2d, e nessuna speranza di ottenerla in altro modo. Ditemi voi come si può usare un pc senza accelerazione hardware 2d. E allora ci devo installare XP performance edition, almeno ci sono i driver "legacy" della ATI. E no, non voglio spenderci sopra neppure un centesimo per installarci una vecchia radeon e avere i driver linux accelerati.
    • krane scrive:
      Re: LinuxWindows
      - Scritto da: Mauro
      in questo caso è più appropriato invece di !=,
      per stressare che è < per alcune cose, e
      per
      altre.
      Esempio: ho preso in regalo un sistema P3 e
      volevo darlo a mia nonna dopo averci installato
      linux per farla allontanare dalla TV... ebbene,
      dopo una nottata ed un pomeriggio di
      smadonnamenti per farlo avviare in modo liscio
      (dava problemi su un hd, ho dovuto installarlo
      sull'altro...?), scopro che la ati rage 128 che
      monta non è supportata se non per un driver xfree
      di base, cioè niente accelerazione 2d, e nessuna
      speranza di ottenerla in altro modo. Ditemi voi
      come si può usare un pc senza accelerazione
      hardware 2d. E allora ci devo installare XP
      performance edition, almeno ci sono i driver
      "legacy" della ATI. E no, non voglio spenderci
      sopra neppure un centesimo per installarci una
      vecchia radeon e avere i driver linux
      accelerati.Per usare i driver legacy di XP tanto vale farlo andare in vga standard con linux.
  • di passaggio scrive:
    agli spiritosi e acculturati...
    sì mi sn laureato senza che mi han mai presentato linux alla triennale... problemi?i nonni di sembee son più preparati di me evidentemente...e cmq, che vantaggi ne ricaverei nel mio uso? nessuno credo, o ben pochi, quindi non ho motivo."Falso, non sai di cosa parli."eeh, vienimelo a dire tu allora!solo solo che esistono 100 distribuzioni... questo mi da' fastidio."Ah no? Neanche se ne trarrebbe un netto vantaggio? Al massimo voialtri potete sperare che una persona resti nell'ignoranza."netto? voialtri? io uno sono, non sono trino...a me non me ne importa un fico secco dell'ignoranza o meno degli altri..."Ah, beh, tu si che sei uno preparato"eehehehe... conoscere linux vi da' sempre quel senso di onnipotenza... beh nn tutti devono essere sistemisti... mi diverto abbastanza dalla mia ditta individuale... e cmq ho sviluppato anche in java, non solo in .net, ma sempre sotto windows.... e se viene un cliente cn linux? addio, 1 su 100, finora, nn mi cambia nulla... un giorno si vedrà...io vado dietro i soldi, non dietro le mode, ancora meno dietro le ideologie... nel mio ambito me lo posso permettere... facessi altri tipo di SW destinati ad altri mercati sarebbe diverso magari... di certo nn vado a dire che io sn "meglio" o "peggio"... impare a essere persona prima di essere programmatatore.e infine sì, ho fortuna e anche buon senso ed educazione.PS: ovviamente nn sono io ad aver detto di nn saper fare la registrazione nel forum... semplicemente non me ne frega e non la faccio.
  • Nifft scrive:
    x rassegnato
    Hanno bloccato il topic più sopra. Per cui se vuoi rispondere puoi farlo qui.- Scritto da: rassegnato

    Se capita di trovare windows nel mondo della

    ricerca è solo per:

    Purtroppo non è vero.
    Anche nell'ambito della ricerca si usa quasi
    esclusivamente Windows e numerosi programmi di
    interfaccia con strumenti sofisticati sono solo
    per
    Windows.
    Ho provato più volte a "protestare", ma nulla.
    E ci sono anche programmi che prima avevano la
    versione anche per Linux e che adesso tengono
    solo quella per
    Windows.
    È molto triste...Mi fai qualche esempio? Mi incuriosisce questa storia.p.s. Se intendi LabView, esistono versioni aggiornate anche per linux.
  • psyco scrive:
    U.F.O.
    Ancora qualcuno crede di aver visto realmente degli U.F.O.???
  • asd scrive:
    Linux vicne perche' si puo' modificare
    al cotnrario di windows possono customizzarlo a piacere e fare tutte le modifiche che vogliono
    • abc scrive:
      Re: Linux vicne perche' si puo' modificare
      - Scritto da: asd
      al cotnrario di windows possono customizzarlo a
      piacere e fare tutte le modifiche che
      voglionoAnche con Windows le puoi fare, forse sei tu che non ne sei capace.
      • Nifft scrive:
        Re: Linux vicne perche' si puo' modificare
        - Scritto da: abc
        Anche con Windows le puoi fare, forse sei tu che
        non ne sei
        capace.Lascia stare... non c'è storia.
      • Di_ME scrive:
        Re: Linux vicne perche' si puo' modificare
        a si? dove trovo i sorgenti del kernel per ottimizzarlo per il mio scopo? Come faccio a rimuovere l'inutile interfaccia grafica (inutile in sistemi come questi ad esempio...)
      • ycIPsLsiKcN scrive:
        Re: Linux vicne perche' si puo' modificare
        http://ampicillin.cf/#4614 ampicillin, http://albendazole.nu/#1751 albendazole, http://diamox.pw/#3704 acetazolamide,
      • sxvTtCvSFoO U scrive:
        Re: Linux vicne perche' si puo' modificare
        http://cleocincream.ga/#9647 cleocin cream,
  • andy61 scrive:
    idea: una Internet volante ...
    appena li realizzeranno dotati di pannelli solari per l'alimentazione potranno essere totalmente autonomi.A quel punto potrebbero essere adattati anche come Access Point e Router volanti, e realizzare reti magliate pervasive di comunicazione senza neanche la necessità di portare l'alimentazione all'apparato.Ma mi sa che al DARPA ci stanno già pensando ...... speriamo che almeno utilizzino IPv6 ...... sempre che di notte non precipitino!
    • Guybrush scrive:
      Re: idea: una Internet volante ...
      ci stanno gia' pensando, ma con palloni aerostatici piu' che insetti volanti.GT
  • blabla scrive:
    up the punx
    hahahahahah gli operation ivy come citazione! sopraffino!
  • gnulinux86 scrive:
    Fallimento Windows.
    Windows come semplice Sistema Operativo commerciale, per desktop e laptop, grazie al preinstallato sarà ancora per molto a mio parere largamente diffuso, ma in ambiti che potremmo definire seri, come il settore scientifico e militare Windows non verrà mai preso in considerazione. è semplice, Linux è un Kernel modulare che si può inserire su qualsiasi dispositivo(guardate la mia immagine)esempio SuperComputer, serve stabilità sicurezza e performance elevate, e Linux la fa da padrone, Windows non ha nessuno di tali requisiti, e qui non c'è il preinstallato. In ambiti dove contano davvero i requisiti da me citati prima "stabilità-sicurezza-performance" Linux regna sovrano, e Windows non vedrà mai la luce.
    • di passaggio scrive:
      Re: Fallimento Windows.
      e chi se ne frega si potrebbe dire!:-)
    • di passaggio scrive:
      Re: Fallimento Windows.
      ovvio... l'uso di linux richiede qualche skill in più... che l'utente "normale" non ha... o in ogni caso, richiede cmq un "cambiamento", la cui voglia una persona "normale" non ha, se non è costretto da motivi ben precisi.Io da ing. informatico non ho mai messo mani a un S.O. linux e, a dire il vero, non ne sento nemmeno il bisogno finora, meno ancora ne ho voglia...chissà quanto durerà questa mia fortuna :-)
      • Senbee scrive:
        Re: Fallimento Windows.
        Non è assolutamente vero che Linux richieda più conoscenze. Dipende solo dalla distribuzione che usi. Per esempio, se il tuo hardware è supportato, Ubuntu non richiede nemmeno di sapere che esistano virus e come si facciano a installare programmi.I miei nonni, che mai avevano visto un computer, lo usano da qualche mese e lo trovano facilissimo. Usano programmi di scrittura, email, skype e navigano.Da installare si fa in quattro clic e 25 minuti.E poi come si fa a essere ingegnere informatico e non aver mai usato Linux? È come essere laureato in Scienza delle Comunicazioni e asserire "io conosco solo Mediaset".
      • Funz scrive:
        Re: Fallimento Windows.
        - Scritto da: di passaggio
        ovvio... l'uso di linux richiede qualche skill in
        più... che l'utente "normale" non ha... o in ogniFalso, non sai di cosa parli.
        caso, richiede cmq un "cambiamento", la cui
        voglia una persona "normale" non ha, se non è
        costretto da motivi ben
        precisi.Ah no? Neanche se ne trarrebbe un netto vantaggio? Al massimo voialtri potete sperare che una persona resti nell'ignoranza.
        Io da ing. informatico non ho mai messo mani a un
        S.O. linux e, a dire il vero, non ne sento
        nemmeno il bisogno finora, meno ancora ne ho
        voglia...Ah, beh, tu si che sei uno preparato (rotfl)
        chissà quanto durerà questa mia fortuna :-)che culo che hai, io invece che uso Linux... :'(
      • di passaggio scrive:
        Re: Fallimento Windows.

        Io da ing. informatico non ho mai messo mani a un
        S.O. linux e, a dire il vero, non ne sento
        nemmeno il bisogno finora, meno ancora ne ho
        voglia...Il risultato e' che non sono neanche capace a fare una registrazione in un forum...
    • nome e cognome scrive:
      Re: Fallimento Windows.

      davvero i requisiti da me citati prima
      "stabilità-sicurezza-performance" Linux regna
      sovrano, e Windows non vedrà mai la
      luce.Dove girano i soldi invece di linux non se ne vede neanche traccia...
      • gnulinux86 scrive:
        Re: Fallimento Windows.
        a maggior ragione dove girano soldi. c'è Linux o Unix, Windows è solo un sistema commerciale, non viene usato in ambiti seri.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 luglio 2008 12.37-----------------------------------------------------------
        • lucca scrive:
          Re: Fallimento Windows.
          in effetti la banca per cui lavoro, poggia su serverLinux.
        • linaro scrive:
          Re: Fallimento Windows.
          Modificato dall' autore il 07 luglio 2008 12.37
          --------------------------------------------------
          • mauro scrive:
            Re: Fallimento Windows.
            Caro il mio Linaro faresti bene a cambiare il nome in Winaro dato che ti comporti come Ms fanboy, siamo nel 2008 non si può più dire che Windows sia installato su quasi il 100% dei pc domestici, aggiornati.Sai cose il Nasdaq?Un link che attesti il binomio da te citato Nasdaq/Windows?Lo sai che LinuxServer è più diffuso di WindowsServer?(mi spiace ma sui server non c'è il preinstallato Windows.
          • gnulinux86 scrive:
            Re: Fallimento Windows.
            sai cose il Nasdaq? stai facendo un pò di confusione, non vorrei che tu confonda Windows Server/LinuxServer con un SQL Server.Te l'ho già detto Windows sistema operativo commerciale, grazie al monopolio più preinstallato, credo che sarà ancora per molto largamente diffuso.
          • anonimo scrive:
            Re: Fallimento Windows.
            - Scritto da: gnulinux86
            sai cose il Nasdaq? stai facendo un pò di
            confusione, non vorrei che tu confonda Windows
            Server/LinuxServer con un SQL
            Server.

            Te l'ho già detto Windows sistema operativo
            commerciale, grazie al monopolio più
            preinstallato, credo che sarà ancora per molto
            largamente
            diffuso.Che palle con questa storia del monopolio :-o
          • asd scrive:
            Re: Fallimento Windows.
            - Scritto da: anonimo
            - Scritto da: gnulinux86

            sai cose il Nasdaq? stai facendo un pò di

            confusione, non vorrei che tu confonda Windows

            Server/LinuxServer con un SQL

            Server.



            Te l'ho già detto Windows sistema operativo

            commerciale, grazie al monopolio più

            preinstallato, credo che sarà ancora per molto

            largamente

            diffuso.

            Che palle con questa storia del monopolio :-oQuoto, i linari non fanno altro che ripetere le solite cose (oltretutto senza neanche capire quello che dicono)...
          • mah... scrive:
            Re: Fallimento Windows.
            ancora con i fate i giochini firmo con un altro nome e mi quoto, che tristezza.
          • asd scrive:
            Re: Fallimento Windows.
            no è il festival del quota la minchiata.
          • anonimo scrive:
            Re: Fallimento Windows.
            esatto, dove eravamo rimasti????a si!!! che palle questo monopolio
          • asd scrive:
            Re: Fallimento Windows.
            quoto (win)(win) :p
          • mauro scrive:
            Re: Fallimento Windows.
            a quello volevo arrivare, vediamo adesso cosa scrive.
          • Andrea scrive:
            Re: Fallimento Windows.

            Modificato dall' autore il 07 luglio 2008 12.37


            --------------------------------------------------
          • Andrea scrive:
            Re: Fallimento Windows.
            mi corrego volevo dire che linaro è un ragazzino.
          • Andrea scrive:
            Re: Fallimento Windows.
            - Scritto da: Andrea
            mi corrego volevo dire che linaro è un ragazzino.Non date retta a questo tizio, è un impostore! :@
          • Andrea scrive:
            Re: Fallimento Windows.
            aiuto mi copia il nick, non credetelo.
          • Andrea scrive:
            Re: Fallimento Windows.
            - Scritto da: Andrea
            aiuto mi copia il nick, non credetelo.Taci impostore! :@
          • marchese scrive:
            Re: Fallimento Windows.
            non hai capito cosa stanno cercando di dirti, non stanno parlando di postazioni fisse, mettiamo il caso come la maggioranza delle aziende, usano serverlinux, ma questo non vuol dire che usano nei pc aziendali Linux come sistema operativo, La scelta del Server fino ad'oggi non la impone nessuno, e scegliere Linuxserver, porta numerosi vantaggi, che Windowserver non offre.
      • Nifft scrive:
        Re: Fallimento Windows.
        - Scritto da: nome e cognome
        Dove girano i soldi invece di linux non se ne
        vede neanche
        traccia...quotando un commento più sopra: "e chissenefrega"... (parlo da utente ovviamente)
    • rassegnato scrive:
      Re: Fallimento Windows.

      Se capita di trovare windows nel mondo della
      ricerca è solo per:Purtroppo non è vero.Anche nell'ambito della ricerca si usa quasi esclusivamente Windows e numerosi programmi di interfaccia con strumenti sofisticati sono solo per Windows.Ho provato più volte a "protestare", ma nulla.E ci sono anche programmi che prima avevano la versione anche per Linux e che adesso tengono solo quella per Windows.È molto triste...
      • Nifft scrive:
        Re: Fallimento Windows.
        - Scritto da: rassegnato

        Se capita di trovare windows nel mondo della

        ricerca è solo per:

        Purtroppo non è vero.
        Anche nell'ambito della ricerca si usa quasi
        esclusivamente Windows e numerosi programmi di
        interfaccia con strumenti sofisticati sono solo
        per
        Windows.
        Ho provato più volte a "protestare", ma nulla.
        E ci sono anche programmi che prima avevano la
        versione anche per Linux e che adesso tengono
        solo quella per
        Windows.
        È molto triste...Mi fai qualche esempio? Mi incuriosisce questa storia.
  • mes.id scrive:
    TERRA,ACQUA,SPAZIO INTEPLANETARIO, ARIA
    Linux e' ovunque, c'e' poco da fare che i fanatici di wondows delle licenze restrittive si mettano pure iul cuore in pace, linux non sono riusciti a scalzarlo dalla terra, adesso ha invaso pure i cieli.L'open source si dimostra plasmabile e infallibile.
    • Caio Iulio Caesar scrive:
      Re: TERRA,ACQUA,SPAZIO INTEPLANETARIO, ARIA
      Questo dimostra inconfutabilmente che i pinguini possono volare!!!(geek)(geek)(geek)
  • pipo scrive:
    Non sono i primi
    Non sono i primi ad usare linux su UAV o Drone o MAV come volete chiamarliforse i primi sono stati quelli della Rotomotion che hanno piu' di 250 elicotteri di varie dimensioni in grado di volare in modo completamente autonomo seguendo un piano di volo caricato nel computer di bordo. Ci sono elicotteri che lavorano ormai da anni. Recentemente alla convention tenutasi in Galles (Inghilterra) lo SR20 e' stato l'unico UAV in grado di volare in modalita' completamente automatica in una condizione di vento tra i 20 e i 25 nodi. www.asmeurope.eu
  • Nexso scrive:
    Senza risposta
    La guerra è cambiata diceva Snake...ed ha ragione.Dove ci porterà tutto questo avanzamento bellico?Che utilità avrà poterci spiare anche dentro il buco del culo?Perché non stiamo più avanzando filosoficamente?Questo è ciò che ci manca. Non sappiamo ancora chi siamo, ne dove siamo, ne che senso ha la nostra vita. Come possiamo vivere sereni senza aver risposto alle domande fondamentali?Dove arriveremo? Che senso ha l'avanzamento scientifico se non riusciamo più a commuoverci alla vista di una persona che ci chiede aiuto? Come possiamo vivere tranquillamente la nostra vita se mentre ci facciamo lo shampoo, una singola goccia di esso ci brucia un occhio e noi come tanti stupidi ci lamentiamo, mentre poco distanti dalle nostre case, scienziati senz'anima iniettano la stessa goccia di shampoo in entrambi gli occhi di poveri conigli, costretti a vivere l'agonia per giorni interi, fermi, immobili, senza Dio, senza compassione, senza morte? Non riesco più a vivere leggendo le solite banali notizie. Vivendo nella falsità più totale. Non capisco come possiate "vivere" nell'indifferenza. Sarà che l'umanità è ormai morta...
    • Nifft scrive:
      Re: Senza risposta
      - Scritto da: Nexso
      La guerra è cambiata diceva Snake...ed ha ragione.
      Dove ci porterà tutto questo avanzamento bellico?
      Che utilità avrà poterci spiare anche dentro il
      buco del
      culo?
      Perché non stiamo più avanzando filosoficamente?
      Questo è ciò che ci manca. Non sappiamo ancora
      chi siamo, ne dove siamo, ne che senso ha la
      nostra vita. Come possiamo vivere sereni senza
      aver risposto alle domande
      fondamentali?
      Dove arriveremo? Che senso ha l'avanzamento
      scientifico se non riusciamo più a commuoverci
      alla vista di una persona che ci chiede aiuto?
      Come possiamo vivere tranquillamente la nostra
      vita se mentre ci facciamo lo shampoo, una
      singola goccia di esso ci brucia un occhio e noi
      come tanti stupidi ci lamentiamo, mentre poco
      distanti dalle nostre case, scienziati senz'anima
      iniettano la stessa goccia di shampoo in entrambi
      gli occhi di poveri conigli, costretti a vivere
      l'agonia per giorni interi, fermi, immobili,
      senza Dio, senza compassione, senza morte? Non
      riesco più a vivere leggendo le solite banali
      notizie. Vivendo nella falsità più totale. Non
      capisco come possiate "vivere" nell'indifferenza.
      Sarà che l'umanità è ormai
      morta...Per non parlare delle guerre di religione, dei diritti umani calpestati, del razzismo xenofobo, del lavaggio del cervello televisivo, del lavoro precario, ecc...Cattiva Scienza atea e relativista! Tutta colpa sua! Bandiamo la scienza dalla Repubblica Italiana! :|
      • Scienza italiana scrive:
        Re: Senza risposta

        Cattiva Scienza atea e relativista! Tutta colpa
        sua! Bandiamo la scienza dalla Repubblica
        Italiana!

        :|E perché mai? Non era già stata bandita?? In italia di scienza non ve n'è quasi traccia!! :P
      • ninjaverde scrive:
        Re: Senza risposta

        Cattiva Scienza atea e relativista! Tutta colpa
        sua! Bandiamo la scienza dalla Repubblica
        Italiana!Non c'è una scienza "buona" o "cattiva".Forse la scienza ha creato anche i cannoni o le bombe, in passato erano archi e freccie o spade.Il problema è l'evoluzione umana, la capacità dell'uomo di autocontrollarsi senza per questo sopprimere la sua natura.Ma per fare questo, in relazione al sociale, occorre mettere le persone giuste nei posti giusti.Da noi abbiamo dei tizi chiamati "onorevoli" che intascano lauti stipendi e spesso malversano sulle leggi in loro favore: personaggi di destra e di sinistra...Ma quaesto è anche dovuto alla mancanza di etica e dell'abuso di termine di "onorevole" tale termine si addiceva a chi dedicava il suo tempo, o parte del suo tempo alla polica per servire il Paese gratuitamente.Questo è solo un esempio.Sia che si usi solo la clava come arma, o che si usi un ficile ad altra precisione, non cambia la sostanza, se non nell'efficenza di un prodotto piuttosto che un altro.Dipende da come lo si usa.Il relativismo non c'entra se non come punto di vista.Ma l'etica, ed il buon senso, il senso di giustizia sono delle basi per una società futura se si vorrà ancora sopravvivere o vivere in una civiltà su questo pianeta.
        • Nifft scrive:
          Re: Senza risposta
          Sono completamente d'accordo. Avevo solo fatto dell'ironia su un modo parlare di scienza descrivendola come uno dei più gravi problemi del mondo. Come se la mancanza di etica o di buon senso fosse colpa della "scienza"...Paradossalmete, parlando di "etica" e di "buon senso", esiste un'etica della scienza (il rispetto per la verità), ed è "il buon senso" stesso alla base della scienza stessa (cioè la ragionevolezza del metodo scientifico).
    • mazzo di carte anagrammat o scrive:
      Re: Senza risposta
      - Scritto da: Nexso
      Non
      capisco come possiate "vivere" nell'indifferenza.
      Sarà che l'umanità è ormai
      morta...our vulnerability is all our insensitivityand it's gonna be the death of us just you wait and see [yt]xpIVm5g0IRw[/yt]
      • blabla scrive:
        Re: Senza risposta
        hahahahahah gli operation ivy come citazione! sopraffino!- Scritto da: mazzo di carte anagrammat o
        - Scritto da: Nexso

        Non

        capisco come possiate "vivere"
        nell'indifferenza.

        Sarà che l'umanità è ormai

        morta...

        our vulnerability is all our insensitivity
        and it's gonna be the death of us just you wait
        and see


        [yt]xpIVm5g0IRw[/yt]
        • mazzo di carte anagrammat o scrive:
          Re: Senza risposta
          - Scritto da: blabla
          hahahahahah gli operation ivy come citazione!
          sopraffino!grazie!ma quanto spaccano??? :D
    • bubu scrive:
      Re: Senza risposta
      Perche' siamo insensibili?Chi ha in mano il mondo attualmente? chi controlla i grossi flussi di denaro. Non è detto che sia una casta, una loggia massonica, può essere semplicemente un'astrazione creata dagli interessi dei singoli. Ma si muove come se fosse un'entità unica, come la folla allo stadio.Ora, chi controlla il mondo tramite il denaro ha un solo obiettivo. Che non e' quello di fare piu' soldi. Quando sei talmente potente che decidi tu quanti soldi mandare in circolo (le banche), stamparne di piu' o di meno e' irrilevante. L'obiettivo e' che i tuoi soldi abbiano piu' potere possibile. Che il denaro sia l'unico metro con cui misurare tutto.Ora, le sensibilità di cui parli sono un ostacolo al denaro come unico metro. Ti stupisce che tali sensibilità vengano considerate debolezze e che il modello di persona piu' adatta ad emergere sia quella senza scrupoli? A me no.
    • MeX scrive:
      Re: Senza risposta
      condivido in parte cié che dici, ma non é che puoi sperare di trovare articoli "umanisti" su Punto INFORMATICO...
    • franchino scrive:
      Re: Senza risposta
      - Scritto da: Nexso
      La guerra è cambiata diceva Snake...ed ha ragione.
      Dove ci porterà tutto questo avanzamento bellico?
      Che utilità avrà poterci spiare anche dentro il
      buco del
      culo?Direzionare qualsiasi prodotto nel punto giusto e saperecon sufficiente certezza quali sono i tuoi gusti e di conseguenzale tue esigenze.
      Perché non stiamo più avanzando filosoficamente?Credo che la filosofia non riempia il piatto a mezzogiorno, purtroppo.
      Questo è ciò che ci manca. Non sappiamo ancora
      chi siamo, ne dove siamo, ne che senso ha la
      nostra vita. Come possiamo vivere sereni senza
      aver risposto alle domande
      fondamentali?Lo abbiamo mai fatto in passato in modo definitivo ? No...forseperchè è impossibile rispondere certe domande eliminando la discrezionalità.
      Dove arriveremo? Che senso ha l'avanzamento
      scientifico se non riusciamo più a commuoverci
      alla vista di una persona che ci chiede aiuto?Non so dove arriveremo ne ho voglia di saperlo perchè dubitoche confortante il q
      Come possiamo vivere tranquillamente la nostra
      vita se mentre ci facciamo lo shampoo, una
      singola goccia di esso ci brucia un occhio e noi
      come tanti stupidi ci lamentiamo, mentre poco
      distanti dalle nostre case, scienziati senz'anima
      iniettano la stessa goccia di shampoo in entrambi
      gli occhi di poveri conigli, costretti a vivere
      l'agonia per giorni interi, fermi, immobili,
      senza Dio, senza compassione, senza morte? Non
      riesco più a vivere leggendo le solite banali
      notizie. Vivendo nella falsità più totale. Non
      capisco come possiate "vivere" nell'indifferenza.
      Sarà che l'umanità è ormai
      morta...
  • LoL scrive:
    Per la redazione...
    Da quanto scritto sul sito dello STARMAC non sembra che usino Fedora:STARMAC II Software ArchitectureOn Board# Real-time C code on Robostix compiled with AVR-GCC# PC 104 running Ubuntu Linux and custom soft real-time multi-threaded C++ code for:# Sensor Management# Communication Server# GPS Position Solution# EKF State Estimation# Trajectory Tracking# Path PlanningNon per iniziare guerre di religione sulle distro (tanto la migliore resta slackware), ma credo che l'articolo andrebbe corretto... :P
    • Pippo scrive:
      Re: Per la redazione...

      Non per iniziare guerre di religione sulle distro
      (tanto la migliore resta slackware)Che cazzo dici, la migliore è Gentoo 8)
  • Marco Marcoaldi scrive:
    Potere dell'open source !
    Come da oggetto !
    • pinco scrive:
      Re: Potere dell'open source !
      - Scritto da: Marco Marcoaldi
      Come da oggetto !Il closed source è superiore! (win)
    • Marco scrive:
      Re: Potere dell'open source !
      - Scritto da: Marco Marcoaldi
      Come da oggetto !Il software che hanno sviluppato sicuramente non lo è
      • MAH scrive:
        Re: Potere dell'open source !
        Esattamente.Usare software open-sourceè molto diverso da avere un modellodi sviluppo open-source.Tutti dicono evviva l'open source,e poi ognuno si tiene il codice ;)
        • www.aleksfalcone.org scrive:
          Re: Potere dell'open source !
          - Scritto da: MAH
          Esattamente.

          Usare software open-source
          è molto diverso da avere un modello
          di sviluppo open-source.Tutto dipende dalla licenza. Microsoft e Apple usano il codice open source di BSD per software proprietario perché la licenza lo consente. Viceversa, scegliere un software tutelato da licenza GNU/GPL vuol dire necessariamente adottare un modello di sviluppo open source, dal momento che il codice derivato mantiene la stessa licenza.
          Tutti dicono evviva l'open source,
          e poi ognuno si tiene il codice ;)Falso. Chiudere il codice di un software libero è illegale. In questo caso si parla di una distribuzione Fedora, perciò le tue illazioni sono ingiustificate.
          • MAH scrive:
            Re: Potere dell'open source !
            Che stai dicendo?Intendo il codice fatto da loro,magari fatto con software libero,ad esempio il GCC.Non te lo danno,e quindi non hannouna filosofia open source,e non sono certo obbligato a farlo ;)
          • Funz scrive:
            Re: Potere dell'open source !
            - Scritto da: MAH
            Non te lo danno,
            e quindi non hanno
            una filosofia open source,
            e non sono certo obbligato a farlo ;)Non sai di cosa stai parlando.Nelle licenze OS (tipo la GPL) non sta scritto da nessuna parte che sei obbligato a ridistribuire le modifiche al codice, finché te le tieni per te. Non c'è nessuna contraddizione con la "filosofia open source", quella vera almeno, poi con quella che ti immagini fumosamente nella tua testa non so :pQuando questi signori (tanto di cappello a loro) decideranno di commercializzare questi aggeggi con incluso il SW, dovranno rilasciare anche il codice.Ah, tra l'altro una delle novità tanto discusse della GPL v.3 era il nuovo divieto di usare SW aperto dentro HW chiuso (clausola anti - TiVO), per cui non puoi stabilire blocchi hardware che impongano l'uso di un programma particolare o di una sua specifica versione.
          • MAH scrive:
            Re: Potere dell'open source !

            Quando questi signori (tanto di cappello a loro)
            decideranno di commercializzare questi aggeggi
            con incluso il SW, dovranno rilasciare anche il
            codice.LOL, ma è il caldo?Vediamo di capire.Uno scrive un'applicazione in c.Crea l'eseguibile con gcc.Distribuisce l'eseguibile.Secondo te, è obbligato a distribuire anche i sorgenti dell'applicazione?E' ben diverso usare tools open source dall'essere open source!
          • Funz scrive:
            Re: Potere dell'open source !
            - Scritto da: MAH

            Quando questi signori (tanto di cappello a loro)

            decideranno di commercializzare questi aggeggi

            con incluso il SW, dovranno rilasciare anche il

            codice.

            LOL, ma è il caldo?sarà :p
            Vediamo di capire.

            Uno scrive un'applicazione in c.
            Crea l'eseguibile con gcc.
            Distribuisce l'eseguibile.
            Secondo te, è obbligato a distribuire anche i
            sorgenti
            dell'applicazione?Certo che no. Non sta scritto da nessuna parte, e nessuno ti obbliga a rilasciare SW sotto licenza libera, anche se usi un compilatore libero.Controesempio: tu progetti una macchina o una casa con un programma CAD free, sei obbligato a distribuire il progetto?
            E' ben diverso usare tools open source
            dall'essere open
            source!Certo, ma di che stiamo discutendo?
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Potere dell'open source !
            - Scritto da: MAH
            Uno scrive un'applicazione in c.
            Crea l'eseguibile con gcc.
            Distribuisce l'eseguibile.
            Secondo te, è obbligato a distribuire anche i
            sorgenti dell'applicazione?

            E' ben diverso usare tools open source
            dall'essere open source!Questo discorso non vedo cosa c'entri con l'articolo. Si parla di una distribuzione Linux utilizzata in un apparecchio. Si tratta di software libero, utilizzato come software libero. Tu di cosa parli?
  • linaro scrive:
    Se ci fosse stato Windows...
    ...lo STARMAC si sarebbe già schiantato al suolo da un bel pezzo! (rotfl)
    • Mah scrive:
      Re: Se ci fosse stato Windows...
      - Scritto da: linaro
      ...lo STARMAC si sarebbe già schiantato al suolo
      da un bel pezzo!
      (rotfl)Sempre con i commenti costruttivi... sei sicuro di avere nella testolina un bel win3.1?
      • Ponzio Pilato scrive:
        Re: Se ci fosse stato Windows...
        - Scritto da: Mah
        - Scritto da: linaro

        ...lo STARMAC si sarebbe già schiantato al suolo

        da un bel pezzo!

        (rotfl)

        Sempre con i commenti costruttivi... sei sicuro
        di avere nella testolina un bel
        win3.1?Il commento è più che costruttivo; ma chi è lo scemo che usa Windows per fare cose serie?Mica qui stiamo giocando a Campo Minato o a Free Cell ...
        • qwerty scrive:
          Re: Se ci fosse stato Windows...
          - Scritto da: Ponzio Pilato
          - Scritto da: Mah

          - Scritto da: linaro


          ...lo STARMAC si sarebbe già schiantato al
          suolo


          da un bel pezzo!


          (rotfl)



          Sempre con i commenti costruttivi... sei sicuro

          di avere nella testolina un bel

          win3.1?

          Il commento è più che costruttivo; ma chi è lo
          scemo che usa Windows per fare cose
          serie?Scemo sarai tu! 8)
          Mica qui stiamo giocando a Campo Minato o a Free
          Cell
          ...Appunto, torna in cantina a ricompilare il kernel! 8)
        • pabloski scrive:
          Re: Se ci fosse stato Windows...
          - Scritto da: Ponzio Pilato
          - Scritto da: Mah

          - Scritto da: linaro


          ...lo STARMAC si sarebbe già schiantato al
          suolo


          da un bel pezzo!


          (rotfl)



          Sempre con i commenti costruttivi... sei sicuro

          di avere nella testolina un bel

          win3.1?

          Il commento è più che costruttivo; ma chi è lo
          scemo che usa Windows per fare cose
          serie?
          Mica qui stiamo giocando a Campo Minato o a Free
          Cell
          ...e nemmeno a Crysis
      • Di_ME scrive:
        Re: Se ci fosse stato Windows...
        Windows 3.1 e' molto piu' stabile delle baracche odierne sfornate da Microsoft... ho visto macchinari andare avanti ancora oggi con pc 486/p1 e Windows 3.1 a cui non e' mai stata fatta 1 sola manutenzione nella loro esistenza... Volendo restare su SO moderni e con i supporti alle tecnologie moderne che siano ugualmente stabili puoi solo andare su Linux/BSD/MAC ma windows proprio non si avvicina a quei livelli di stabilita'.
        • nome e cognome scrive:
          Re: Se ci fosse stato Windows...
          - Scritto da: Di_ME
          Windows 3.1 e' molto piu' stabile delle baracche
          odierne sfornate da Microsoft... ho visto
          macchinari andare avanti ancora oggi con pc
          486/p1 e Windows 3.1 a cui non e' mai stata fatta
          1 sola manutenzione nella loro esistenza...
          Volendo restare su SO moderni e con i supporti
          alle tecnologie moderne che siano ugualmente
          stabili puoi solo andare su Linux/BSD/MAC ma
          windows proprio non si avvicina a quei livelli di
          stabilita'.Guarda ho appena dovuto riavviare una macchina con su linux perchè non riuscivo più a cancellare i file: mi continuava a dire che il filesystem /var/log è montato readonly (ovviamente /var/log non è un filesystem ma una cartella del /) ... ora speriamo che riparta.
Chiudi i commenti