KDE 4, rotta verso il rilascio ufficiale

Cresce l'attesa degli utenti: la roadmap parla dell'11 dicembre come della data-chiave. Ma gli sviluppatori potranno mettere le mani su un toolkit completo già a fine ottobre

Roma – A breve distanza dalla conferma del ritardo di KDE 4, lo scorso fine settimana gli sviluppatori del celebre desktop environment open source hanno pubblicato una roadmap aggiornata che, a meno di imprevisti, fissa quelle che dovrebbero essere le date di rilascio ufficiali del nuovo KDE.

La release finale di KDE 4 è ora attesa un paio di settimane prima di Natale, l’11 dicembre, e sarà preceduta da una terza e ultima Beta (2 ottobre) e da due release candidate (30 ottobre e 14 novembre). La Beta 2 è stata distribuita da KDE Project la scorsa settimana.

Il code freeze è previsto per il prossimo 3 ottobre: da questo punto in avanti gli sviluppatori metteranno mano al codice di KDE 4 esclusivamente per correggere i bug più gravi.

Per fare in modo che KDE 4 possa disporre di un buon numero di applicazioni native già al momento della sua uscita, il 30 ottobre sarà distribuito un toolkit, il KDE Development Platform , che comprenderà tutti i componenti necessari agli sviluppatori – librerie, runtime, tool, documenti ecc. – per iniziare a creare programmi per KDE 4 o fare il porting delle applicazioni preesistenti.

“Così facendo vogliamo rendere più semplice, per gli sviluppatori di terze parti e gli sviluppatori “casual” (coloro che non hanno tempo di compilare kdelibs e gli altri componenti necessari) di lavorare sulle applicazioni KDE 4 e portare le esistenti applicazioni su KDE 4″, ha spiegato Sebastian Kugler, membro del KDE Marketing Working Group, nel proprio blog .

Di seguito un video che mostra l’interfaccia di KDE 4 Beta 1.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Io Me scrive:
    Attenzione a Punto Informatico
    Cancellano i posts senza ragione, per proteggere i "potenti" ed eliminare le verità scomode dal loro microsito.
  • enzo scarpati scrive:
    risposta
    tutti hanno una seconda posibilita'.......quindi x k non dargliela al profe.....
    • Fabio Zanini scrive:
      Re: risposta
      Secondo me non è una questione di seconda possibilità: il prof. non ha fatto niente di male, sono i genitori che si scandalizzano per niente. Infatti, indipendentemente dal compito assegnato loro, i ragazzi già conoscevano gli aspetti ludico-adolescenziali del sesso. Il problema sarebbe semmai trasmettere contenuti INFORMATIVI sulla questione!
  • pippo75 scrive:
    Malafede
    GYPO: Get Your PC OffIWSN: I want study nowqualche coscienza sporca di troppo?
  • coredimamma scrive:
    ma tanto
    ma credono forse che i figliolini cari e puri non conoscano già _benissimo_ quelle cose?
Chiudi i commenti