Lenovo Phab 2 Pro: vai col Tango

IL primo smartphone basato su tecnologia Tango di Google per la realtà aumentata è stato finalmente presentato. È di Lenovo e promette un'esperienza entusiasmante

Roma – Lenovo ha presentato Phab 2 Pro il primo smartphone che include la tecnologia Tango di Google per la realtà aumentata. L’Augmented Reality (AR) è una tecnologia su cui Google punta molto sia con i device equipaggiati con Tango sia con i dispositivi daydream , senza tralasciare di investire nell’ acquisizione di startup che abbiano sviluppato sistemi in grado di allargare gli orizzonti del progetto.

Il Phab 2 Pro di Lenovo, il cui lancio era in realtà atteso per la scorsa estate , verrà commercializzato con Android 6.0 Marshmallow ed equipaggiato con processore Qualcomm Snapdragon 652 , un SoC progettato appositamente per Tango in grado di elaborare in modo efficiente i dati provenienti da molteplici sensori per offrire esperienze innovative di realtà aumentata e massimizzare la durata della batteria.

Guardando attraverso lo smartphone, che permette di sfruttare sia le utility che i giochi per la realtà aumentata, si potranno vedere oggetti e informazioni sovrapposte al mondo reale. Tali funzioni potranno essere usate sia per scopi pratici, ad esempio per misurare distanze o capire come mobili e arredi possano intonarsi in un ambiente già esistente, oppure per divertirsi girovagando liberamente e trasformando il mondo circostante in un parco giochi virtuale ( Pokemon Go docet), combattendo ad esempio sciami di alieni invasori per tutta la casa.

Augmented Reality

Phab 2 Pro è dotato di quattro telecamere che lavorano congiuntamente con Tango e con il software appositamente sviluppato per consentire esperienze AR all’avanguardia. Le telecamere posteriori sono costituite da una fotocamera da 16 Megapixel RGB , una macchina fotografica di profondità , e la telecamera fisheye per panoramiche con grandangolo; la fotocamera anteriore è invece da 8 Megapixel .


Lo schermo da 6,4 pollici è un Quad HD Gorilla Glass che protegge lo schermo da eventuali scalfiture o graffi in grado di fornire immagini vibranti, colori accurati anche all’aperto grazie all’ottimizzazione della gamma dei colori, del contrasto e della visibilità alla luce solare diretta, in modo da avere sempre una visualizzazione adeguata sullo smartphone.

La dotazione audio è affidata a un sistema Dolby Audio Atmos Capture 5.1 . Tre microfoni incorporati catturano poi l’audio per le registrazioni, garantendo maggiore chiarezza tramite la cancellazione del rumore a 360 gradi.
Altre caratteristiche peculiari del device sono la batteria da 4.050 mAh , RAM da 4GB e spazio di archiviazione da 64GB .

Infine è possibile sbloccare il Phab 2 Pro tramite la semplice pressione di un dito, grazie allo scanner di impronte digitali situato sul retro e che rende sicuri i pagamenti in-app su Google Play o attraverso metodi di pagamento di terze parti che supportano l’autorizzazione tramite impronte digitali, come PayPal, Ali Pay o WeChat Pay.


Le caratteristiche hardware del Phab 2 Pro non sono forse fuori dal comune, ma a risultare emozionante è l’innovativa esperienza della realtà aumentata offerta da Tango, sulla quale il colosso cinese ha deciso di puntare. Al momento il Phab 2 Pro viene venduto solo attraverso il canale shop di Lenovo a 500 dollari (circa 450 euro), ma dovrebbe essere disponibile anche sugli altri canali di vendita a partire da dicembre.

Luca Algieri

Fonte Immagine: 1 , 2 , 3

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • diego scrive:
    monopolio e oligopolio
    Secondo me sono solo due le tipologie di aziende che si metteranno nelle mani di M$: quelle guidate da pazzi e quelle guidate da venduti.M$ ha capito come infinocchiare l'opensource, fornendo servizi integrati.Nel frattempo si mette in competizione con IBM, e chissà se stavolta le cose andranno diversamente dall'epoca del DOS.Quando uscirà l'olocoso, faranno in modo che l'utente venga imbottigliato nel loro silos.La sanno lunga, ma spero che il mondo non sia pieno solo di pazzi e di venduti.Nel frattempo altre nazioni si stanno dotando del loro sistema operativo e delle loro suite, per difendersi dall'invadenza monopolizzatrice delle multinazionali, e da occhi scrutatori internazionali.I loro cittadini/utenti vogliono profilarseli e sorvegliarli dentro i loro confini....
  • Mario scrive:
    windows
    quello che mi preoccupa è che succede quando i loro server vanno in crash, in fondo usano windows anche sui server.
    • ... scrive:
      Re: windows
      Crash? A linux basta un click del mouse per crashare.[yt]iFR7C6peQhY[/yt]
      • Foobar scrive:
        Re: windows
        Sicuramente i server con gnu/linux non hanno la gui installata
      • Pol Hallen scrive:
        Re: windows
        ma perchè il mondo è pieno di gente così ignorante? :-( che gran tristezza...Pol
      • 6 1 0 spaccato scrive:
        Re: windows
        Quale crash MENTE DEFICITARIA? Il sistema non crasha nemmeno dopo l' ennesimo inutile click dello sce*o che ha postato il video (winaro immagino). Tu e lui fate una bella coppia.
      • Shiba scrive:
        Re: windows
        - Scritto da: ...
        Crash? A linux basta un click del mouse per
        crashare.

        [yt]iFR7C6peQhY[/yt]XXXXXXX, hai scoperto che la RAM finisce! (rotfl)[yt]qGv0s0nRkuE[/yt]
      • vecchiaccio scrive:
        Re: windows
        E tu che lo sai non farlo.Mentre sui loro server tu non sai quello che accade e quando e perché crashano. E nemmeno sui tuoi server windows nel 30% dei casi. Mai fatto un giro sull'event viewer di sistema per vedere quante cose inverosimili accadono su una macchina?
      • Rocco scrive:
        Re: windows
        A Windows 10 neanche quello perché la BSOD UNEXPECTED_STORE_EXCEPTION arriva direttamente da sola.
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: windows
      Probabilmente non hai ben chiaro come funziona Windows e un sistema a cluster. E in ogni caso qui stiamo parlando di cloud ovvero di una cosa "leggermente" differente.
  • ... scrive:
    domanda retorica
    "mettere in piedi una sorta di hub accentratore in cui far convergere tutti i suoi servizi: Word, Excel, PowerPoint ci sono, ma ci sono pure Skype e Sharepoint, PowerBI, Sway".Mi domando: tutto questo ben di Dio di dati verrà ospitato sui server azure allo scopo di effettuare una attenza analisi da parte dello stadd microsoft?Schiavismo del terzo millennio.
    • mela marcia scrive:
      Re: domanda retorica
      - Scritto da: ...
      tutto questo ben di Dio di dati verrà
      ospitato sui server azure allo scopo di
      effettuare una attenza analisi da parte dello
      stadd microsoft?Ovvio: http://punto-informatico.it/b.aspx?i=4352695&m=4352867#p4352867
  • Puffo scrive:
    ICQ
    Ehi ma queste cose le facevo con ICQ venti anni fa
    • iRoby scrive:
      Re: ICQ
      Le aziende giocano sulla memoria corta degli utenti.Basta guardare a tutti i remake di film che stanno arrivando...
      • Sg@bbio scrive:
        Re: ICQ
        - Scritto da: iRoby
        Le aziende giocano sulla memoria corta degli
        utenti.

        Basta guardare a tutti i remake di film che
        stanno
        arrivando...Che non è certamente la stessa cosa, ma ok, siamo sempre sul complottismo.
        • iRoby scrive:
          Re: ICQ
          Nooo ma che dici i complotti non sono mai esistiti. Sono solo eventi fortuiti e incontrollabili.Hai presente Giulio Cesare? Ha fatto harakiri.Napoleone a Sant'Elena ci è andato in vacanza.Cavour ha bevuto roba andata a male.Osho era già malaticcio di suo e nel materasso in cui lo hanno messo c'erano troppi acari.E Sammelweis era pazzo davvero diceva di vedere microbi dappertutto.
          • panda rossa scrive:
            Re: ICQ
            - Scritto da: iRoby
            Nooo ma che dici i complotti non sono mai
            esistiti. Sono solo eventi fortuiti e
            incontrollabili.

            Hai presente Giulio Cesare? Ha fatto harakiri.
            Napoleone a Sant'Elena ci è andato in vacanza.
            Cavour ha bevuto roba andata a male.
            Osho era già malaticcio di suo e nel materasso in
            cui lo hanno messo c'erano troppi
            acari.
            E Sammelweis era pazzo davvero diceva di vedere
            microbi
            dappertutto.Anche JFK e' stato ucciso da un pazzo solitario!
          • iRoby scrive:
            Re: ICQ
            - Scritto da: panda rossa
            Anche JFK e' stato ucciso da un pazzo solitario!È vero, è vero!Gli unici complotti li fanno tizi con barba e turbante che digiunano 40 giorni l'anno.
      • xx tt scrive:
        Re: ICQ

        Le aziende giocano sulla memoria corta degli
        utenti.Ma i consulenti IT delle aziende clienti dovrebbero averla lunga, la memoria.Alla fine l'idea non è male; ciò che è male è che le aziendone yankee possano decriptare i dati. Attendiamo fiduciosi l'alternativa open che funzioni SENZA che gli spyServer conoscano le chiavi. Oppure, meglio ancora, che funzioni in p2p.
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: ICQ
      - Scritto da: Puffo
      Ehi ma queste cose le facevo con ICQ venti anni faSnap e Teams e altri oggetti analoghi integrano entità differenti (mail, calendari, video, file, gruppi di discussione, chat, social networks, ecc.) in modo semplice e univoco. ICQ è fondamentalmente una chat.
    • mela marcia scrive:
      Re: ICQ
      La forza (soprattutto del titolo in borsa) di un'azienda oramai si misura col numero di account (e relativi TB di dati) che l'azienda stessa immagazzina sui propri server.Una soluzione di questo genere è un vantaggio rispetto ad un servizio email per 2 motivi:- Il numero di messaggi scambiato/immagazzinato è nettamente superiore proprio per via dell'immediatezza- La profilazione è più semplice grazie alla maggiore quantità di informazioni immagazzinate- I messaggi restano sui server, non esistendo una funzione simile al POP3Loro dicono che <i
      "le informazioni che transitano su Teams sono cifrate, dunque si abbassa il rischio che i <b
      concorrenti </b
      possano ficcarci il naso" </i
      . I concorrenti non ci ficcano il naso ma MS si, dato che i certificati di crittografia li hanno loro e non l'utente.Siamo alle solite: cloud = i tuoi dati nelle mani altrui.
      • nome e cognome scrive:
        Re: ICQ

        Siamo alle solite: cloud = i tuoi dati nelle mani
        altrui.Sai come funziona internet, vero?
        • mela marcia scrive:
          Re: ICQ
          Un conto è usare internet per vedere le previsioni del tempo, un altro è affidare alle mani di sconosciuti i dati riservati di un'azienda.
          • nome e cognome scrive:
            Re: ICQ
            - Scritto da: mela marcia
            Un conto è usare internet per vedere le
            previsioni del tempo, un altro è affidare alle
            mani di sconosciuti i dati riservati di
            un'azienda.A parte che definire un'azienda quotata in borsa sconosciuta ha del ridicolo. Quindi secondo te le aziende1) cryptano tutto il traffico di rete in entrata e uscita dall'azienda2) non danno laptop agli impiegati3) bloccano la navigazione su qualsiasi sito non interente al lavoroNo perché il rischio di perdere un laptop o di mandare una mail al destinatario sbagliato è molto più alto rispetto all'ipotetico rischio che microsoft metta il naso nei tuoi dati. Ma poi paranoia per paranoia, le aziende si costruiscono l'hardware in casa, mica vorrai rischiare di far passare i tuoi dati per circuiti costruiti da sconosciuti? Il cappellino di stagnola non permette il corretto afflusso di aria al cervello, dovreste averlo capito ormai.
  • bradipao scrive:
    collaborazione in tempo reale
    L'assoluta necessità della collaborazione in tempo reale in ambito office è una leggenda, tanto quanto lo è stata l'assoluta necessità di aggiungere il video alla comunicazione telefonica. Zero assoluto.
    • nome e cognome scrive:
      Re: collaborazione in tempo reale
      - Scritto da: bradipao
      L'assoluta necessità della collaborazione in
      tempo reale in ambito office è una leggenda,
      tanto quanto lo è stata l'assoluta necessità di
      aggiungere il video alla comunicazione
      telefonica. Zero
      assoluto.Esci dalla cantina... il mondo comunica in tempo reale e si spera presto anche molto più video e meno viaggi.
      • xx tt scrive:
        Re: collaborazione in tempo reale

        Esci dalla cantina... il mondo comunica in tempo
        reale e si spera presto anche molto più video e
        meno
        viaggi.E se anche fosse così: perché passare per i server M$? Non ci sono già strumenti gratuiti per comunicare in tempo reale senza passare per questi noti spioni?Stiamo parlando di rischiare la fuga di dati aziendali per la comodità di avere una finestra unica dove cliccare.La M$ non è un ente di beneficenza e il servizio in qualche modo lo si paga. Con cosa, secondo te?
        • nome e cognome scrive:
          Re: collaborazione in tempo reale

          E se anche fosse così: perché passare per i
          server M$? Non ci sono già strumenti gratuiti per
          comunicare in tempo reale senza passare per
          questi noti
          spioni?Perché lo spione essendo una personalità giuridica risponde in tribunale rispetto al suo contratto con me.Quindi molto più sicura per quanto mi riguarda rispetto a strumenti gratuiti che mi dovrei poi gestire in casa con tutti i problemi del caso.

          Stiamo parlando di rischiare la fuga di dati
          aziendali per la comodità di avere una finestra
          unica dove
          cliccare.La fuga di dati aziendali la rischi ogni volta che mandi una mail, ogni volta che un impiegato perde il computer o lo usa in aereo.
          La M$ non è un ente di beneficenza e il servizio
          in qualche modo lo si paga. Con cosa, secondo
          te?Coi soldi che mi chiede.
  • Orlangio scrive:
    Redmond aveva detto addio a tante cose
    avevano detto addio anche al menu START, vero ?
    • iRoby scrive:
      Re: Redmond aveva detto addio a tante cose
      Guarda su Windows 10 ogni tanto si blocca e non si accede più né a Start né alla ricerca. Bisogna riavviare il PC con Ctrl+F4.
    • ... scrive:
      Re: Redmond aveva detto addio a tante cose
      Ah l'addio più riuscito secondo me è stato quello a Ballmer.
      • Fasano scrive:
        Re: Redmond aveva detto addio a tante cose
        - Scritto da: ...
        Ah l'addio più riuscito secondo me è stato quello
        a
        Ballmer.Bè oddio, visto le mardate fatte dal Santa Padella, non so se sia riuscito bene.
        • rockroll scrive:
          Re: Redmond aveva detto addio a tante cose
          - Scritto da: Fasano
          - Scritto da: ...

          Ah l'addio più riuscito secondo me è stato
          quello

          a

          Ballmer.

          Bè oddio, visto le mardate fatte dal Santa
          Padella, non so se sia riuscito
          bene.Dalla padella nelle brace, o viceversa?
    • mela marcia scrive:
      Re: Redmond aveva detto addio a tante cose
      Non danno l'addio al Registry però...
  • ottomano scrive:
    Io preferirei una email alle "vitamine"
    Mi piacerebbe avere delle email potenziate rispetto ad oggi con un paio di funzioni che ritengo utili se si lavora in team di progetti medio-grandi-La possiilità di aggiungere dei tag alle persone in copia per evidenziare dei paragrafi di loro interesse o altri che possono ignorare.-La possibilità di creare dei "questionari" di domande a cui la gente può rispondere, con un aggiornamento a tutti gli altri in copia o al mittente originale. Qualcosa che riesca a tenere conto di quali domande siano stete fatte e di chi ha risposto, con tanto di possibilità di segnalare che ad una certa domanda non si è risposto.NicolaPS Punto-Informatico: Eliminate il refresh della pagina! Non è bello dover scrivere i messaggi sul Notepad per evitare che vengano cancellati ogni minuto!
    • iRoby scrive:
      Re: Io preferirei una email alle "vitamine"
      Il refresh non c'è nel vecchio forum al link: Forum (visualizzazione classica)
      • Willow scrive:
        Re: Io preferirei una email alle "vitamine"
        - Scritto da: iRoby
        Il refresh non c'è nel vecchio forum al link:
        Forum (visualizzazione
        classica)Ovviamente, ma resta comunque una vergogna.Se io avessi un qualsiasi sito dove c'è un campo che mi si cancella dopo un minuto, cercherei di risolvere il problema.Questa è una rivista online, dove bene o male passa un po` di gente, gli è stato fatto notare il problema da mesi ed è stato bellamente ignorato, non so manco se l'abbiano testato a qeusto punto. Dal punto di vista dell'immagine fa molto sciatteria eh !Non so se la gente che scrive da queste parti viene pagata o la fa per divertimento, ma nel primo caso, pagare un'oretta un ragazzino che gli fa un frame che non fa refresh non dovrebbe essere così drammatico.
    • danylo scrive:
      Re: Io preferirei una email alle "vitamine"
      - Scritto da: ottomano
      PS Punto-Informatico: Eliminate il refresh della
      pagina! Non è bello dover scrivere i messaggi sul
      Notepad per evitare che vengano cancellati ogni
      minuto!stra-quoto!
    • xx tt scrive:
      Re: Io preferirei una email alle "vitamine"
      refresh blocker is your friend
    • Willow scrive:
      Re: Io preferirei una email alle "vitamine"
      - Scritto da: ottomano
      Mi piacerebbe avere delle email potenziate
      rispetto ad oggi con un paio di funzioni che
      ritengo utili se si lavora in team di progetti
      medio-grandi

      -La possiilità di aggiungere dei tag alle persone
      in copia per evidenziare dei paragrafi di loro
      interesse o altri che possono
      ignorare.
      -La possibilità di creare dei "questionari" di
      domande a cui la gente può rispondere, con un
      aggiornamento a tutti gli altri in copia o al
      mittente originale. Qualcosa che riesca a tenere
      conto di quali domande siano stete fatte e di chi
      ha risposto, con tanto di possibilità di
      segnalare che ad una certa domanda non si è
      risposto.

      Nicola

      PS Punto-Informatico: Eliminate il refresh della
      pagina! Non è bello dover scrivere i messaggi sul
      Notepad per evitare che vengano cancellati ogni
      minuto!A differenza dell'ennesima stron**ta di Microsoft, l'EMAIL ha sia le caratteristiche di versatilità, che di rapidità sufficienti per fare quello che dici.Con IMAP sullo stesso server l'aggiornamento è istantaneo e il formato MIME consente di definire dinamicamente quello che ci vuoi inserire.La differenza è che il protocollo è aperto ed la mail è riservata, cosa che probabilmente a qualcuno non fa piacere.Così prima hanno distrutto il servizio di email, con phishing, spam e robaccia varia anche se ci sarebbero soluzioni più che affidabili per evitarlo e adesso raccontano che il modo giusto di comunicare è tramite i messaggi sull'ennesimo social network.
  • mementomori scrive:
    scalabilità
    mi piacerebbe sapere come hanno previsto la scalabilità di un'architettura sincrona. Non è facile. Anzi... se ci riescono tanto di cappello...
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: scalabilità
      - Scritto da: mementomori
      mi piacerebbe sapere come hanno previsto la
      scalabilità di un'architettura sincrona. Che ci riescano è fuori discussione. Comunque non mi sembra un problema così insormontabile anche per come sono organizzate le entità (team, canali, ecc.).
  • panda rossa scrive:
    Questa gente non ha mai lavorato.
    E' una follia quella di utilizzare uno strumento di comunicazione SINCRONO con la gente che lavora.Lo strumento sincrono va bene per bimbiminkia, fighetti e markettari.Chi lavora necessita di uno strumento asincrono, come la mail.Si manda quando si puo'.Si legge quando si puo'.Si risponde quando si puo'.Data e ora dell'invio sono storicizzate.E' possibile inviare a destinatari multipli.E' possibile inviare allegati.Non c'e' niente di meglio.E soprattutto e' svincolata dal provider.
    • mementomori scrive:
      Re: Questa gente non ha mai lavorato.
      se fosse veramente sincrono o configurano un sistema per gruppo con limiti sulla numerosità dei partecipanti o, se il sistema fosse unico per tutti, non gli basterebbe tutto aws per evitare lag mostruosi che rendono il tutto semplicemente inutile.
    • Albedo 0,9 scrive:
      Re: Questa gente non ha mai lavorato.
      - Scritto da: panda rossa
      E' una follia quella di utilizzare uno strumento
      di comunicazione SINCRONO con la gente che
      lavora.

      Lo strumento sincrono va bene per bimbiminkia,
      fighetti e
      markettari.

      Chi lavora necessita di uno strumento asincrono,
      come la
      mail.
      Si manda quando si puo'.
      Si legge quando si puo'.
      Si risponde quando si puo'.
      Data e ora dell'invio sono storicizzate.
      E' possibile inviare a destinatari multipli.
      E' possibile inviare allegati.

      Non c'e' niente di meglio.

      E soprattutto e' svincolata dal provider.Ti svelo un segreto.Ormai è da qualche anno che le chat sono persistenti, tanto quanto le email.Poi magari un giorno mi spiegherai quanto è facile sul lavoro ricevere feedback istantanei (o quasi) usando l'email.
      • panda rossa scrive:
        Re: Questa gente non ha mai lavorato.
        - Scritto da: Albedo 0,9
        Ti svelo un segreto.
        Ormai è da qualche anno che le chat sono
        persistenti, tanto quanto le
        email.Ma pretendono che tu sia online.E se tu sei online il tuo corrispondente pretende una risposta al volo.E se io sto rispondendo a te sul forum di PI non posso rispondere a lui.Meglio la mail.
        Poi magari un giorno mi spiegherai quanto è
        facile sul lavoro ricevere feedback istantanei (o
        quasi) usando
        l'email.Poi un giorno mi spiegherai a che serve sul lavoro ricevere feedback istantanei.Vuoi un feedback? Mi chiedi, poi io quando ho tempo analizzo, mi documento, verifico, e poi ti mando il feedback.
        • Prozac scrive:
          Re: Questa gente non ha mai lavorato.
          - Scritto da: panda rossa
          Ma pretendono che tu sia online.Chi pretende?
          E se tu sei online il tuo corrispondente pretende
          una risposta al
          volo.Chi pretende?Io sono sempre online (non usiamo prodotti Microsoft, la nostra chat, con scambio di file, storico, ecc..., è Pidgin).Quando qualcuno mi scrive, io rispondo quando ho tempo e possibilità. Esattamente come se mi avesse mandato un email.Se non ho lavori e priorità in quel momento posso anche rispondere al volo e intavolare una discussione che via chat è molto più veloce che via email.
          E se io sto rispondendo a te sul forum di PI non
          posso rispondere a
          lui.
          Meglio la mail.Funziona esattamente allo stesso modo. Solo che puoi essere più veloce e produttivo.
          Poi un giorno mi spiegherai a che serve sul
          lavoro ricevere feedback
          istantanei.Serve per lavorare in team.
          • Prozac scrive:
            Re: Questa gente non ha mai lavorato.
            - Scritto da: panda rossa

            La chat?

            Un'entità viva?

            No, ma se non sei connesso non puoi usarla.Esattamente come l'email.

            Cosa sei? Bulleggiato, in ufficio?
            No, ma poi telefonano e chiedono, e che palle!


            Io non do spiegazioni inutili nemmeno se sono

            online.

            Io ho risolto in modo ancora piu' semplice: non
            sono
            online.


            Tu, invece, vedo che sei oggetto di
            bullismo...

            Non è che stai subendo del mobbing?

            No.Dalle risposte che mi dai a me sembra proprio di sì...Sei costretto a rimanere offline e a non poter usufruire dei vantaggi della chat altrimenti ti bullano e ti telefonano per chiederti come mai non rispondi alla chat...Da me si chiama mobbing.Io, che non sto subendo mobbing, posso rimanere tranquillamente online e rispondere quando ne ho voglia/possibilità.


            Io sono piu' veloce e produttivo con la
            maii

            e


            con sistemi di comunicazione


            asincroni.



            Le chat, ora, sono tutte sincrone/asincrone.

            Se non sono in ufficio, un collega può

            tranquillamente scrivermi in

            chat.

            Quando accenderò il mio PC, troverò la sua
            chat

            aperta.

            Buon per te.
            A me scrivono in mail e ottengono lo stesso
            risultato.È esatto il contrario.Con la chat ottieni lo stesso risultato della email: sei raggiungibile anche se offline o a computer spento.Con la mail NON ottieni lo stesso risultato della chat: non puoi avere una comunicazione veloce e in tempo reale.

            Il sal settimanale non viene sostituito dalla

            chat.

            Ma la chat puo' essere sostituita dalla maii.No.Come ho scritto sopra, è vero il contrario.La mail può essere sostituita dalla chat.La chat NON può essere sostituita dalla mail.
            Se non ho nulla da fare cazzeggio su PI e basta.
            Gli altri che non hanno niente da fare si
            troveranno un modo per passare il tempo che non
            coinvolge
            me.Lo sappiamo che sei asociale ;)Si capisce benissimo dai tuoi post :)

            Se hai da fare, non hai tempo per
            cazzeggiare.

            E neppure di star dietro alle chat.Dipende.Se quelle chat sono lavoro.Altrimenti non hai nemmeno tempo di stare dietro alle email ;)Sto giro Panda stai scivolando tantissimo su quegli specchi :)
          • Prozac scrive:
            Re: Questa gente non ha mai lavorato.
            - Scritto da: panda rossa
            Ma proprio no.
            Siete voi a pretendere che io mi adegui a dei
            sistemi di comunicazione non
            efficienti.No caro,sei tu che asserisci che con la mail puoi fare le stesse cose che si fa con le chat.Qui si sta dicendo, invece, che per certi compiti la chat è molto più funzionale che la mail.Tranquillo Panda, non devi adeguarti a nulla, ma non pretendere di avere ragione su cose che conosci poco o nulla ;)
          • ... scrive:
            Re: Questa gente non ha mai lavorato.
            A prostatac! Ma bbbaffanXXXX va!
          • Prozac scrive:
            Re: Questa gente non ha mai lavorato.
            - Scritto da: ...
            A prostatac! Ma bbbaffanXXXX va!Presentami tua sorella ;)
          • ... scrive:
            Re: Questa gente non ha mai lavorato.
            Mia "sorella" è un trans con un XXXXX di mezzo metro, secondo me siete fatti l' uno per l' altra...
          • maxsix scrive:
            Re: Questa gente non ha mai lavorato.
            - Scritto da: ...
            Mia "sorella" è un trans con un XXXXX di mezzo
            metro, secondo me siete fatti l' uno per l'
            altra...Presentala a codardo.Pane per i suoi denti.
          • Prozac scrive:
            Re: Questa gente non ha mai lavorato.
            - Scritto da: ...
            Mia "sorella" è un trans con un XXXXX di mezzo
            metro, secondo me siete fatti l' uno per l'
            altra...Mmmmmm no va... passo...Presentami tua madre va...
          • vecchia volpe scrive:
            Re: Questa gente non ha mai lavorato.
            lascialo perdere...il primo passo per la guarigione è l'ammissione di avere un problema e qui il poveretto ha ancora molto da camminare
          • rockroll scrive:
            Re: Questa gente non ha mai lavorato.
            Qui si sta dicendo, invece, che per certi compiti la chat è molto più funzionale che la mail. Certo, è forse l'unica asserzione valida di tutto il discorso.Peccato che quei certi compiti , ben che vada, riguardano scambio di opinioni di contenuto non particolarmente impegnativo, ovvero trattabile al volo: come l'argomento diventa impegnativo diventa evidente la necessità di concentrarsi, e di conseguenza di comunicare NERO SU BIANCO (scripta mwnent), magari con tanti di documenti allegati, che per essere preparati richiedono cura e tempo. Il lavoro (produttivo) non è fatto di parole al brucio, ma di fatti pensati e programmati!
          • Prozac scrive:
            Re: Questa gente non ha mai lavorato.
            Penso che nessun professionista eliminerà mai le email, le riunioni, i verbali, ecc...Semplicemente strumenti come la chat (un certo tipo di chat: quella che permette la persistenza e la comunicazione asincrona) sono più funzionali dell'utilizzo snaturato che molti fanno delle email.Noi la utilizziamo moltissimo in azienda. E da quando l'abbiamo introdotta, abbiamo aumentato la produttività.
          • nome e cognome scrive:
            Re: Questa gente non ha mai lavorato.

            Io non do spiegazioni inutili nemmeno se sono
            online.
            Tu, invece, vedo che sei oggetto di bullismo...
            Non è che stai subendo del mobbing?No hanno capito che tipo è e lo trattano di conseguenza. Come è giusto che sia.
          • rockroll scrive:
            Re: Questa gente non ha mai lavorato.
            Serve per lavorare in team. ???.E' proprio qui il punto: in team non si produce lavoro, in team ci si riunisce, si discute, si prendono decisioni comuni... poi, con tutta la concentrazione e quindi l'isolamento necessario, si LAVORA.A mano che lavorare per taloni non significhi fare parolai produttori di fuffa.Mentre scrivo del codice magari complesso, non desidero proprio essere disturbato da chat on-line di reminiscenza bimbominkiesca.
        • Albedo 0,9 scrive:
          Re: Questa gente non ha mai lavorato.
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: Albedo 0,9


          Ti svelo un segreto.

          Ormai è da qualche anno che le chat sono

          persistenti, tanto quanto le

          email.

          Ma pretendono che tu sia online.Neanche.Se non sei online quando ci ritorni ti arriva una notifica o altro; tutto ciò senza neanche pollare inefficientemente come POP/IMAP.
          E se tu sei online il tuo corrispondente pretende
          una risposta al
          volo.Neanche. Esistono le notifiche, esistono gli status (occupato/libero), esistono i feedback per ricevuto/letto, esistono i feedback rapidi come "Scusa ma ora sono occupato"...
          E se io sto rispondendo a te sul forum di PI non
          posso rispondere a
          lui.Idem come sopra.

          Poi magari un giorno mi spiegherai quanto è

          facile sul lavoro ricevere feedback
          istantanei
          (o

          quasi) usando

          l'email.

          Poi un giorno mi spiegherai a che serve sul
          lavoro ricevere feedback
          istantanei.Hai presente i motivi per cui si usa fare telefonate per lavoro?Stesso principio.
          Vuoi un feedback? Mi chiedi, poi io quando ho
          tempo analizzo, mi documento, verifico, e poi ti
          mando il
          feedback.Appunto, una prassi normalissima anche per le chat.(qualcosa mi dice che per te Chat=IRC, senza alternative)
      • vecchiaccio scrive:
        Re: Questa gente non ha mai lavorato.
        Beh, devo dire che sono d'accordo con Panda.Se lavori per una multinazionale saresti XXXXXXX, soprattutto lo strato sopra di te non è operativo ma di sola governance.Avresti dieci chat attive per dieci ore di fila, e poi ancora...Fonte: esperienza personale e globale in azienda con Skype prima e Lynch dopo.
        • Albedo 0,9 scrive:
          Re: Questa gente non ha mai lavorato.
          - Scritto da: vecchiaccio
          Beh, devo dire che sono d'accordo con Panda.

          Se lavori per una multinazionale saresti XXXXXXX,
          soprattutto lo strato sopra di te non è operativo
          ma di sola
          governance.

          Avresti dieci chat attive per dieci ore di fila,
          e poi
          ancora...

          Fonte: esperienza personale e globale in azienda
          con Skype prima e Lynch
          dopo.Normalmente lavoro con due chat costantemente aperte per circa 10 ore al dì (team formato da colleghi distanti anche centinaia di Km). Chiaramente i ritmi di dialogo li forzo soprattutto io, altrimenti non potrei fare altro che rispondere.Mi rendo conto che ogni realtà è diversa, non voglio minimamente immaginare uno scenario come quello che hai dipinto :D
    • campione di riserva scrive:
      Re: Questa gente non ha mai lavorato.
      magari se uscisse dallo stanzino si accorgerebbe che il mondo è cambiato :)Il numero di mail che ci scambiamo in azienda è drasticamente diminuito da quando usiamo lync (ora skype), oltre a sharepoint e yammer per condividere documenti, discussioni, etc.Quello che prima facevo con call conference di ore, lo facciamo molto più velocemente condividendo la chat ed i documenti direttamente con persone che stanno in giro per il mondo (lavoro in una multinazionale che supera i 100K dipendenti)Tutte le discussioni/chat sono tracciate come una mail in outlook e, se voglio, è possibile pure registrare l'audio.Posso coinvolgere tutte le persone che voglio, anche esterne e che non hanno un client installato... e funziona pure da smartphone senza installare APP.Quello di leggere e rispondere "quando si puo'" è solo una scusa. Come per una telefonata, se sono impegnato (a parte che lo posso segnalare sulla chat e non ricevere nemmeno i messaggi) posso chiedere di sentirci più tardi o il giorno successivo.Last but not least, se lavoro in modo più efficiente ho meno stress e la sera esco prima dall'ufficio.Mi sembra proprio che chi lavora seriamente usi questi strumenti...- Scritto da: panda rossa
      E' una follia quella di utilizzare uno strumento
      di comunicazione SINCRONO con la gente che
      lavora.

      Lo strumento sincrono va bene per bimbiminkia,
      fighetti e
      markettari.

      Chi lavora necessita di uno strumento asincrono,
      come la
      mail.
      Si manda quando si puo'.
      Si legge quando si puo'.
      Si risponde quando si puo'.
      Data e ora dell'invio sono storicizzate.
      E' possibile inviare a destinatari multipli.
      E' possibile inviare allegati.

      Non c'e' niente di meglio.

      E soprattutto e' svincolata dal provider.
      • iRoby scrive:
        Re: Questa gente non ha mai lavorato.
        Anch'io ho lavorato per una azienda enorme, ed avevo spesso a che fare con americani o indiani o tedeschi.E devo dire che chattare piuttosto che parlare è più efficace. Per il semplice motivo che l'inglese di ognuno era completamente diverso, per alcuni orribile. E ci si capiva a malapena.
      • caio scrive:
        Re: Questa gente non ha mai lavorato.
        Forse ci saranno meno email in una simile organizzazione. Ma la produttività di certo non migliora con la concentrazione che viene interrotta ogni pochi minuti.
        • nome e cognome scrive:
          Re: Questa gente non ha mai lavorato.
          - Scritto da: caio
          Forse ci saranno meno email in una simile
          organizzazione. Ma la produttività di certo non
          migliora con la concentrazione che viene
          interrotta ogni pochi
          minuti.Pssst, segreto ... status "do not disturb" su skype for business...
        • iRoby scrive:
          Re: Questa gente non ha mai lavorato.
          Addio al metodo pomodoro?Faccio un plugin per questo coso che ti mette in "do not disturb, under pomodoro now".
        • vecchiaccio scrive:
          Re: Questa gente non ha mai lavorato.
          Esattamente quello che ho riscontrato.
      • vecchiaccio scrive:
        Re: Questa gente non ha mai lavorato.
        Perdonami, stai dicendo XXXXXXX.Mandano meno email. Ti do ragione. Ma i lavori nelle big si sono drasticamente allungati e pare che la causa siano proprio questi motivi.All'inizio anche io ero favorevole, ma ho visto i risultati.La chat può andare bene tra colleghi stretti, piccoli gruppi ma NON a livello aziendale e men che meno verso i clienti finali.
        • campione di riserva scrive:
          Re: Questa gente non ha mai lavorato.
          Mha, non credo siano così tanto "XXXXXXX" visto che molti "big" stanno migrando verso questo tipo di soluzioni...o nessuno ha avuto la sua esperienza o non siete stati in grado di gestire la transizione.Non dico che le mail spariranno, verso enti esterni saranno ancora per molto tempo un modo di comunicazione "preferibile" perchè noto e "comune" a tutti i soggetti indipendentemente dall'architettura scelta.Però nei gruppi di lavoro faccio mooolto prima a indirizzare un problema via chat con un ristretto gruppo o, come dicevo, a lavorare a quattro mani su documenti condivisi in real time piuttosto che condividere lo stesso via mail o su qualche document management.L'utilizzo di chat comuni (o forum-like) mi permette anche di avere feedback ad altri colleghi che manco conoscevo, ampliando il knowledge sharing, riducendo i tempi e fornendo soluzioni/risposte già verificate.- Scritto da: vecchiaccio
          Perdonami, stai dicendo XXXXXXX.
          Mandano meno email. Ti do ragione. Ma i lavori
          nelle big si sono drasticamente allungati e pare
          che la causa siano proprio questi
          motivi.

          All'inizio anche io ero favorevole, ma ho visto i
          risultati.

          La chat può andare bene tra colleghi stretti,
          piccoli gruppi ma NON a livello aziendale e men
          che meno verso i clienti
          finali.
    • Skywalker scrive:
      Re: Questa gente non ha mai lavorato.
      - Scritto da: panda rossa
      E soprattutto e' svincolata dal provider.Solo l'ultima è veramente valida: se lavoro CON DIVERSE AZIENDE la mail è STANDARD per tutti. Le chat sono tante e diverse tra loro, molte sono legate ad un fornitore e ogni azienda implementa quella che preferisce. Se il fornitore ti lascia a piedi, sei a piedi. Esisterebbe XMPP, ma siamo ancora lontani...
      • Prozac scrive:
        Re: Questa gente non ha mai lavorato.
        - Scritto da: Skywalker
        - Scritto da: panda rossa

        E soprattutto e' svincolata dal provider.

        Solo l'ultima è veramente valida: se lavoro CON
        DIVERSE AZIENDE la mail è STANDARD per tutti.Infatti non penso che Teams voglia sostituire l'email.Le email servono e sono importanti.Teams vuole rendere più semplice e veloce il lavoro in ... TEAM ;)In Microsoft non hanno scoperto nulla, esistono mille prodotti di quel tipo come, ad esempio, quello citato da iRoby: Slack.Sicuramente con Teams Microsoft si integrerà molto con il proprio Office offrendo una piattaforma ancora più completa.
    • undici scrive:
      Re: Questa gente non ha mai lavorato.
      - Scritto da: panda rossa
      E' una follia quella di utilizzare uno strumento
      di comunicazione SINCRONO con la gente che
      lavora.Non esistono nelle telecomunicazioni strumenti SINCRONI
    • Fulmy(nato) scrive:
      Re: Questa gente non ha mai lavorato.
      - Scritto da: panda rossa
      E' una follia quella di utilizzare uno strumento
      di comunicazione SINCRONO con la gente che
      lavora.

      Lo strumento sincrono va bene per bimbiminkia,
      fighetti e
      markettari.

      Chi lavora necessita di uno strumento asincrono,
      come la
      mail.
      Si manda quando si puo'.
      Si legge quando si puo'.
      Si risponde quando si puo'.
      Data e ora dell'invio sono storicizzate.
      E' possibile inviare a destinatari multipli.
      E' possibile inviare allegati.

      Non c'e' niente di meglio.

      E soprattutto e' svincolata dal provider.e puoi configurare i filtri per spostare nella posizione più opportuna tutte quelle email inviate da chi ancora non ha capito come usare correttamente le liste di distribuzione.
    • undici scrive:
      Re: Questa gente non ha mai lavorato.
      - Scritto da: panda rossa
      E' una follia quella di utilizzare uno strumento
      di comunicazione SINCRONO con la gente che
      lavora.A tua memoria:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=4181682&m=4181694#p4181694http://punto-informatico.it/b.aspx?i=4181682&m=4181725#p4181725
    • danylo scrive:
      Re: Questa gente non ha mai lavorato.
      - Scritto da: panda rossa
      E' una follia quella di utilizzare uno strumento
      di comunicazione SINCRONO con la gente che
      lavora.

      Lo strumento sincrono va bene per bimbiminkia,
      fighetti e
      markettari.

      Chi lavora necessita di uno strumento asincrono,
      come la
      mail.
      Si manda quando si puo'.
      Si legge quando si puo'.
      Si risponde quando si puo'.
      Data e ora dell'invio sono storicizzate.
      E' possibile inviare a destinatari multipli.
      E' possibile inviare allegati.

      Non c'e' niente di meglio.

      E soprattutto e' svincolata dal provider.Aggiungo:la posso inviare anche a tutti, anche a chi non ha Office posso archiaviare i messaggi in cartellemanca solo un metodo per bloccare lo SPAM (basterebbe un metodo standardizzato per garantire l'identita' del mittente, tipo PGP, ma integrato nel seervizio)
    • nome e cognome scrive:
      Re: Questa gente non ha mai lavorato.

      Chi lavora necessita di uno strumento asincrono,
      come la
      mail.
      Si manda quando si puo'.
      Si legge quando si puo'.
      Si risponde quando si puo'.
      Data e ora dell'invio sono storicizzate.
      E' possibile inviare a destinatari multipli.
      E' possibile inviare allegati.

      Non c'e' niente di meglio.E ora chi glielo dice a skype che tutte queste cose non deve farle?
    • rockroll scrive:
      Re: Questa gente non ha mai lavorato.
      - Scritto da: panda rossa
      E' una follia quella di utilizzare uno strumento
      di comunicazione SINCRONO con la gente che
      lavora.

      Lo strumento sincrono va bene per bimbiminkia,
      fighetti e
      markettari.

      Chi lavora necessita di uno strumento asincrono,
      come la
      mail.
      Si manda quando si puo'.
      Si legge quando si puo'.
      Si risponde quando si puo'.
      Data e ora dell'invio sono storicizzate.
      E' possibile inviare a destinatari multipli.
      E' possibile inviare allegati.

      Non c'e' niente di meglio.

      E soprattutto e' svincolata dal provider.Quotissima.Stiamo (stanno) rasentando l'assurdo!
  • mementomori scrive:
    mi ricorda tanto google wave
    https://support.google.com/answer/1083134?hl=en
    • Willow scrive:
      Re: mi ricorda tanto google wave
      - Scritto da: mementomori
      https://support.google.com/answer/1083134?hl=enGuarda stavo per scriverlo io. L'idea è la stessa ma qui il fattore di impatto è peggiore.Perchè nonostante Exchange fosse un aborto che funzionava solo su server windows (e su Suse professional che pagava le licenze a Microsoft) ci abbiamo messo 40 anni a liberarcene.Non vorrei che dei fantasiosi commerciali, tra qualche anno per lavorare ti imponessero in qualche modo questo strumento, solo perché si trova in office e per loro che in genere risulta molto "cool".
Chiudi i commenti