Lenovo si dà ai telefonini cinesi

Un nuovo brand per proporre strategie di marketing e terminali tagliati su misura per il mercato della Cina. Lenovo dirama la propria strategia mobile per sfondare in patria e nel resto del mondo

Roma – Se anche sul mercato mobile Lenovo è indiscutibilmente ben piazzata, con vendite in rapida crescita e con l’ acquisizione di Motorola, il colosso cinese ritiene di poter fare di più: è per questo motivo che ha annunciato la creazione di una nuovo brand che marchierà parte una nuova offerta mobile. Produrrà smartphone e alimenterà un ecosistema di applicazioni e intrattenimento, ad uso e consumo del promettente mercato cinese.

I dati mostrano come il mercato mobile della Cina sia rigoglioso , alimentato soprattutto dalle proposte di marchi locali come Xiaomi. Se questi brand si stanno facendo largo anche oltre i confini del paese, dando del filo da torcere ad attori che fino a ieri dominavano lo scenario, Lenovo ha scelto di diramare la propria offerta in due segmenti: oltre al brand che finora ha dimostrato grande potenzialità sul mercato globale, oltre che sul mercato cinese , nel 2015 l’azienda si proporrà con un nuovo marchio, destinato esclusivamente al bacino di utenti del paese asiatico.

“L’obiettivo di questa mossa – spiega l’azienda – è quello di aiutare Lenovo ad aggredire il crescente mercato dei dispositivi mobile in Cina, concentrandosi non solo sui dispositivi, ma anche sul software, sullo sviluupo di applicazioni e sul coinvolgimento diretto dei consumatori”. Secondo gli osservatori , l’annuncio di Lenovo ricalca la strategia di Xiaomi, con cui Lenovo si contende il primato sul mercato cinese: insieme a tattiche di marketing opportunamente ritagliate per colpire il pubblico del paese asiatico, con vendite dirette online e un ecosistema di applicazioni studiato su misura, è probabile che il nuovo brand ancora innominato collochi i propri terminali in una fascia di prezzo medio-bassa, più appetibile per i consumatori locali.

In attesa che Lenovo annunci maggiori dettagli riguardo all’iniziativa, gli analisti si interrogano sulle possibilità di successo della strategia che l’azienda si appresta a perseguire: altri produttori cinesi come Huawei e ZTE hanno scelto di battere la strada della diversificazione, per consolidare la propria presenza sia a livello globale sia a livello locale e la strategia mostra di pagare .

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fodde scrive:
    nostalgia
    io li ho tutti il pre 2 il 3 ed il veer ... non li uso più ma sono perfettmanete funzionanti .. il mio fantastico Touchpad lo continuo ad usare e va meravigliosamente bene ...mi fa da sveglia sul comodino ci ascolto musica (con due casse fantastiche interne) ci scarico i film che mio figlio vede .. e ci navigo in internet ..l'unica cosa che mi manca è un browser leggermente più aggiornato .. proverò a vedere se ISIS funziona meglio .. e con le ACL riesco anche a scaricare qualche applicazione android ... ma preferisco quelle webOS .. più belle ... webOS ... forever ...sono certo che nessuno in HP ti rimpianga anche perchè ancora non hanno capito un XXXXX del mercato IT ... e le ultime notizie lo confermano appieno .... non possono rimpiangerti perchè non sanno quello che fanno ...ne quello che faranno ... se LEO ti ha colpito .. MEG ti ha dato il colpo alla testa ... ma d'altronte uno vendeva un sw per ragionieri e l'altra aveva cavalcato l'idea non sua dell'ecommerce ma poi quando avevano capito che di IT non capiva un XXXXX l'anno fatta fuori ...incapaci
  • cicciobello scrive:
    Scadenze per gli sviluppatori
    Che senso ha mettere la scadenza per sottoporre le nuove app il 10 novembre?Se gli utenti non possono installare nuove app a partire dal primo novembre, quindi nei giorni dall'1 al 10 gli sviluppatori potrebbero inviare sullo store nuove app, ma che non potrebbero essere installate da nessuno!Aveva più senso fare il contrario: prima bloccare il caricamento di nuove app, e gli utenti possono installare quelle che già ci sono, poi bloccare lo scaricamento.Vero, trattandosi di 10 giorni cambia poco, ma non potevano almeno fingere di fare le cose in modo logico?
    • Ciccio scrive:
      Re: Scadenze per gli sviluppatori
      - Scritto da: cicciobello
      Che senso ha mettere la scadenza per sottoporre
      le nuove app il 10
      novembre?

      Se gli utenti non possono installare nuove app a
      partire dal primo novembre, quindi nei giorni
      dall'1 al 10 gli sviluppatori potrebbero inviare
      sullo store nuove app, ma che non potrebbero
      essere installate da
      nessuno!Forse, in quei dieci giorni gli utenti non potrebbero installare nuovi programmi, ma scaricare gli aggiornamenti per quelli esistenti. In quei dieci giorni (sebbene un po' pochi), forse gli sviluppatori potrebbero rilasciare degli aggiornamenti dei programmi nei quali potrebbero inserire delle funzionalità di esportazione dei dati, per dar modo alle persone di salvarseli su PC o su cloud...
  • bubba scrive:
    sw in affitto
    HP will officially end the HP App Catalog and cloud services for webOS.tutti i servizi, app, sync, sdk che di riffa o di raffa dipendono da la', diverranno carne morta (o da tweakare).
    • r1348 scrive:
      Re: sw in affitto
      Hmm, ho ancora un Pre 2 da qualche parte, quasi quasi lo accendo così, per nostalgia...
      • bubba scrive:
        Re: sw in affitto
        - Scritto da: r1348
        Hmm, ho ancora un Pre 2 da qualche parte, quasi
        quasi lo accendo così, per
        nostalgia...io ho avuto un Pilot per un po'. Si, ere geologiche fa'... :)
      • cincin scrive:
        Re: sw in affitto
        - Scritto da: r1348
        Hmm, ho ancora un Pre 2 da qualche parte, quasi
        quasi lo accendo così, per
        nostalgia...capita anche a me la nostalgia, e riaccendo cose vecchie che vanno ancora. Dopo il boot però la nostalgia passa subito, reimballo tutto e metto via, sperando di dimenticarmi al più presto l'esperienza.
Chiudi i commenti