Microsoft CodePlex, i progetti open source devono migrare

Redmond annuncia ufficialmente la chiusura di CodePlex, che segue la sorte di Google Code: entrambi si sono rassegnati alla popolarità dalla piattaforma GitHub

Roma – Microsoft ha annunciato l’intenzione di chiudere CodePlex , repository che ospitava la condivisione dei progetti open source della casa di Redmond, per migrare su GitHub.

Stando ai piani, annunciati nel post scritto dal vicepresidente per i Servizi di Sviluppo e Cloud di Microsoft Brian Harry, è già stata sospesa la creazione di nuovi progetti CodePlex , mentre il sito diventerà disponibile alla sola lettura, fino ad arrivare alla chiusura definitiva il 15 dicembre (rimanendo comunque disponibile come archivio).
Ovviamente sarà ancora possibile scaricare i vari archivi dai loro database e, nel frattempo, Microsoft sta stringendo un accordo con GitHub , che provvederà a fornire lo stesso tipo di servizio di hosting, in maniera da assicurare agli utenti una transizione morbida , anche grazie a uno strumento di migrazione che è in corso di sviluppo.

GitHub si basa sul software di controllo versione Git, che tiene traccia delle modifiche effettuate da elementi multipli. L’utenza ha la possibilità di muovere il codice gestito su CodePlex su repository alternativi come Visual Studio Team Services di Microsoft, BitBucket o GitLab, con la possibilità di ospitare progetti open o closed source.

Nel corso degli anni, Microsoft ha osservato come GitHub sia, di fatto, la soluzione adottata dalla maggior parte dei progetti open source , cosa che ha spinto Redmond a familiarizzare con il repository, tanto che progetti come CNTK , .NET e Visual Studio Code sono stati messi a disposizione su GitHub dalla stessa Microsoft, che di recente ha dimostrato di essersi impegnata in una decisa svolta ad abbracciare il mondo open.
Al momento Microsoft, su GitHub, conta più di 16000 contributori che operano su progetti open source, allo stesso tempo CodePlex sta perdendosi: nel corso del mese di febbraio 2017 gli utenti si sono impegnati con Microsoft per meno di 350 progetti, dati alla mano.

Lo scorso anno anche Google ha chiuso il suo servizio Google Code, migrando i suoi progetti open source su GitHub.

Gabriele La Torre

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ciccio sistemista scrive:
    però...
    [img]http://m.memegen.com/hzi5tb.jpg[/img]ciao!
  • rockroll scrive:
    Security & HW Intel
    Intel, dal canto suo, continuerà a collaborare con McAfee e a coltivare le proprie tecnologie dedicate alla sicurezza strettamente integrate all'hardware... Questa non l'ho capita: cosa c'entra l'HW con le tecnologie SW di McAfee (che tra l'altro tutti noi continuiamo a depennare quando vengono offerte di default installando prodotti che proprio non c'entrano con McAfee).Detta così, sembra quasi che HW non Intel sia insicuro perchè non dotato di arcani sfruttati solo da McAfee...
    • Inte_l scrive:
      Re: Security & HW Intel
      Biebte, lascia perdere... a proposito: hai visto il nostro nuovo ultra GHz multicore i69 nome in codice travancul, da oggi alla modica cifra di 1500$=1500 fino ad esaurimento scorte.Corri a comprarlo è un' offerta imperdibile.
      • ... scrive:
        Re: Security & HW Intel
        [img]http://s-media-cache-ak0.pinimg.com/236x/78/6f/7c/786f7c4dc13a4c71cee82d64df101bce.jpg[/img]
Chiudi i commenti