Microsoft, il codec del nemico alle porte di Edge

Redmond conferma l'intenzione di fare il porting del codec VP9 su Edge, un browser sempre più "open", e sempre più dipendente dalle tecnologie sviluppate da Google per Chrome. E ulteriori, nuovi formati FOSS sarebbero in arrivo
Redmond conferma l'intenzione di fare il porting del codec VP9 su Edge, un browser sempre più "open", e sempre più dipendente dalle tecnologie sviluppate da Google per Chrome. E ulteriori, nuovi formati FOSS sarebbero in arrivo

Un nuovo post pubblicato sul blog ufficiale del browser Edge annuncia l’arrivo del codec WebM/VP9, tecnologia per i video in streaming a codice aperto originariamente sviluppata da Google per Chrome e ora in arrivo anche sul browser “next-gen” esclusivo di Windows 10.

VP9 è nato dalla necessità di garantire uno streaming efficiente alle alte, anzi altissime risoluzioni pur consumando una quantità di banda moderata, e Google ha pensato bene di mettere il codec sul mercato sotto forma di tecnologia open source alternativa ad H.265/HEVC e al suo sistema di brevetti a pagamento.

La prima incarnazione di VP9 in Edge sarà sotto forma di funzionalità “sperimentale” da attivare manualmente, comunicano gli sviluppatori Microsoft, fatto che dipende dalla notevole potenza necessaria a gestire la decodifica software dei flussi video; il supporto in hardware è ancora di là da venire.

Quel che è certo è che Redmond ha intenzione di sfruttare quanto più è possibile la disponibilità sul mercato di codec “royalty-free” e a codice aperto, e dopo VP9 la corporation starebbe già valutando l’aggiunta di altre tecnologie similari come OGG, Opus e Vorbis.

A riprova della necessità impellente di collaborare per liberare il Web dai formati a pagamento, sia Microsoft che Google e altri nomi importanti dell’industria hanno nei giorni scorsi dato vita alla Alliance for Open Media (AOM) con l’obiettivo di creare codec gratuiti di nuova generazione.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 09 2015
Link copiato negli appunti