Microsoft risponde all'antitrust europeo

Redmond ha consegnato all'Europa la difesa dalle accuse di abuso di posizione dominante sul mercato dei browser. In attesa che la UE faccia le sue valutazioni, Microsoft chiede un incontro a porte chiuse

Roma – Giro di boa fondamentale per il caso antitrust che vede ancora una volta contrapposti Microsoft da una parte e l’Unione Europea dall’altra: dopo essere stata chiamata in causa dalle accuse di Opera riguardo alla presunta posizione dominante nel mercato dei browser prima e dalle accuse formali della UE poi, la multinazionale del software ha infine fatto prevenire alla Commissione la sua risposta ufficiale in merito alla questione.

Con il passo di Microsoft la vicenda si avvia dunque verso la sua fase conclusiva , quella in cui spetterà alla autorità antitrust europee trarre un giudizio e decidere sul da farsi, se multare ancora una volta Microsoft e costringerla a cambiare radicalmente le politiche commerciali e il software incluso nei sistemi operativi Windows oppure scagionarla dalle accuse che la vorrebbero impegnata, con Internet Explorer, a tagliare le gambe alla concorrenza nel sempre più vitale settore dei software di accesso alla rete.

Nulla si sa al momento sui documenti spediti da Redmond alla Commissione, certo è che la storia pregressa delle guerre a suon di carta bollata tra autorità europee e legali Microsoft lascia il campo libero alle speculazioni : l’azienda guidata da Steve Ballmer gioca al momento una partita complessa con Bruxelles, che oltre ai browser web comprende anche la interoperabilità degli standard XML introdotti con Office 2007.

A questo punto della vicenda l’Unione Europea potrebbe scegliere di seguire una linea intransigente nei confronti di Microsoft, che si potrebbe trovare di nuovo costretta a pagare qualche centinaio di milioni di dollari in riparazione della sua condotta nonostante le buone intenzioni dimostrate con le modifiche alle modalità di rimozione di IE che presto si vedranno in Windows 7.

Non tutto è già stato deciso, ad ogni modo, e Microsoft appare intenzionata a sfruttare tutte le possibilità a sua disposizione per giungere a un punto di incontro con la Commissione e la concorrenza: assieme alle risposte ufficiali alle accuse di monopolio, Redmond ha inviato alla UE la richiesta di una audizione privata tra i vertici dell’azienda, le autorità e le tante parti che si sono dette interessate .

Si tratta della stessa richiesta che Intel fece mesi fa in un altro caso antitrust, negata allora e probabilmente accettata nel nuovo caso riguardante Microsoft, come il portavoce della Commissione Jonathan Todd ha già confermato . Nel frattempo gli esperti della UE sono già al lavoro sui documenti spediti da Redmond, e fonti non meglio specificate mettono in guardia dalle possibili conseguenze che l’ennesima mazzata europea su Windows potrebbe avere sul mercato dei browser, un mercato che potrebbe trovarsi a dover affrontare un duopolio Google -Microsoft ancora più pericoloso per la concorrenza della presunta posizione dominante di IE.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • CCC scrive:
    tecnocrazia
    il rischio è anche (soprattutto) quello di "indurre" progressivamente la gente a pensare che le "vetrine" delle istituzioni sul web (e sui mezzi di comunicazione in genere) equivalgano alle istituzioni stesse... per poi finire con l'accettare che "democrazia" e "politica" si "facciano" sul web (e sui mezzi di comunicazione in genere)...per finire a pensare che l'esito di un sondaggio sul web rispecchi l'opinione generale...o che il televoto sia una espressione di democrazia...insomma: alla fine il rischio è la tecnocrazia
  • anti grillo scrive:
    Evvai
    Meno male che ci sei tu a non essere caprone...ma cosa devo leggere...
  • Ricky scrive:
    Obama...
    Nonostante tutto resto ancora della mia prima impressione:Obama non e' chi vuol farci credere.La gente che ha in torno non e' molto "pulita" e pare proprio far parte della risma di "arraffoni" che hanno messo in ginocchio l'America e il Mondo.Quello che dice di voler fare non corrisponde nei fatti a ci' che fa,almeno per il momento solo cose marginali hanno compiuto l'iter e sono attive realmente.Ancora non mi fido...nella situazione in cui siamo, spunta fuori lui che sembra dipinto apposta per l'occasione...non credo alle coincidenze e non credo che sia stato il popolo IN AUTONOMIA a volerlo, sopratutto quello CAPRONE americano.Mai quanto i caproni italiani, quelli non vedono oltre il loro naso e il loro orticello.
Chiudi i commenti