Microsoft vince in tribunale contro Alcatel-Lucent

Finisce così una delle cause pendenti tra le due società, riguardante l'inclusione di certe tecnologie dei Bell Labs nelle copie internazionali di Windows Vista

San Diego – Arriva dalla Corte Distrettuale di San Diego una buona notizia per il big di Redmond. Dopo aver ricevuto la mazzata della megamulta da 1,52 miliardi di dollari per infrazione dei brevetti sul formato MP3, un tribunale ha questa volta rigettato la causa intentata da Alcatel-Lucent , secondo cui Microsoft non aveva diritto di distribuire Windows Vista al di fuori degli Stati Uniti assieme a certe tecnologie di sintesi vocale di cui la società è proprietaria.

Come per MP3, Alcatel-Lucent ha ereditato il possesso dei brevetti del software di conversione da testo a voce integrato in Vista con l’acquisizione dei Bell Laboratories, ed è parimenti impegnata nella strenua difesa delle sue nuove proprietà; soprattutto quando le presunte infrazioni toccano un gigante tecnologico e finanziario come la produttrice di Windows.

Microsoft però ha affermato le proprie ragioni : la dismissione della causa da parte del giudice Rudi Brewster ha evitato alla società l’obbligo di doversi confrontare con ulteriori grattacapi legali proprio quando essa è particolarmente impegnata a promuovere (in patria come all’estero) il suo nuovo sistema operativo.

Tom Burt, consulente di Redmond, ha approfittato della vittoria in tribunale per accorpare le questioni pendenti con Alcatel-Lucent (inclusa quella su MP3), sostenendo che nessuna di esse verrà alla fine considerata come legittima . “Una volta che ci sarà l’esame giudiziario di questi complessi casi di brevetti, le pretese di Alcatel-Lucent non staranno semplicemente più in piedi” ha dichiarato Burt.

Intanto il legale di Alcatel-Lucent ha già fatto sapere che la società prevede di ricorrere in appello contro la decisione della corte.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AnyFile scrive:
    Discorso della regina
    Qualcuno ha un link alle motivazioni o al discorso fatto dalla regina d'Inghilterra quando ha nominato Sir (per la precisione e' stato nominato Knight Commander).se ben mi ricordo c'erano delle considerazioni molto interessanti.
    • diegoitaliait scrive:
      Re: Discorso della regina
      be' penso che già essere il babbo di internet sia stato un bel puntone a favore, che la regina non poteva che tenere in considerazione. :)
      • AnyFile scrive:
        Re: Discorso della regina
        Da quello che mi ricordo, ma appunto vorrei conferma, mi pare che la regina abbia sottolineato che Barn-Lee abbia volutamente fatto in modo di diffondere la conoscenza, anziche' fare come altri che la cosa che piu' gli interessava era quella di fare sistemi proprietari per guadagnare soldi.
  • AnyFile scrive:
    Che razza di diomanda quella sul DRM?
    Che razza di domanda quella fatta.E' chi vuole vendere che eve trovare il metodo.Pretendere che ci sia il DRM, perche' altrimenti non saprebbero come fare profitto, sarebbe come pretendere che ogni giorno per un paio di ore siano bloccate tutte le strade attorno alla mia fabbrica perche' devono uscire i miei camion.Sono loro che si sono inventati che internet era un buon mezzo per vendere i loro prodotti (di certo TBL, non lo ha inventato per questo, ne', presumo, quando lo ha inventato gli e' venuto in mente questo uso). Quindi sta a loro trovare un mezzo e ovviamente non puo' essere un mezzo che rompe le scatole (scusatemi il termine) a tutti per i loro interessi. Perche' mai uno dovrebbe essere obbligato ad usare il DRM anche se non usa mai il computer per utilizzare della musica?Immaginiamo che tutti i computer siano obbligati ad utilizzare questo DRM progettato non si sa come da non si sa chi. Con l'ottusita' che e' tipica, la regola e' che tutti i computer devono averla. Tutti, quindi anche quelli il cui funzionamento e' critico (come ad esempio quelli utilizzati in medicina, quelli che gestiscono la movimentazione dei treni, tanto per fare un esempio). Se uno di questi computer dovesse avere dei problemi a cuasa di un problema di questo DRM (sia esso un bug o una feature, visto che c'e' gente che chaima feature i problemi) e a seguito di questo probelma ci fossero perfino delle morti (o comunque altri danni), chi ne risponderebbe?Rimarrebbe comunque valido il principio che siccome le major hanno il diritto di guadagnare allora chi se ne frega di qesti incidenti?e una volta tanto sarebbe meglio pensare ai prroblemi prima e non dopo (e non gridare allo scandalo soltanto quando i buoi sono scappati)
Chiudi i commenti