Musica online, il nuovo corso

Apple pareggia i prezzi tra musica con e senza DRM, Universal scommette in un servizio di musica flat, Napster si trasforma in un servizio web: il mercato della musica online legale promette scintille

Roma – Anche i Led Zeppelin hanno ceduto al digitale online: l’ annuncio ha già fatto il giro della rete, fra entusiasti commentatori e fan perplessi , che immaginano come possano suonare i potenti riff di Jimmy Page sui telefonini degli abbonati Verizon Wireless. L’opera omnia degli Zep sarà disponibile per un numero non ben precisato di servizi, forse anche per iTunes, spiega New York Times . Una scelta che sembra muovere dalla necessità di sgombrare il campo da afflati nostalgici, per entrare in un mercato sempre più dinamico e fruttuoso.

Il primo scossone a vivacizzare il settore della musica online è la marcia indietro di Apple che, annuncia Ars Technica , ripensa i prezzi della musica libera da DRM del suo iTunes Plus . Forse per competere con Amazon mp3 , che già offre musica non lucchettata a meno di un dollaro, Apple ha pareggiato il prezzo tra la musica protetta e la musica che si presume libera da ogni vincolo. 99 centesimi per ogni traccia, DRM o non DRM .

Universal Music, riporta BusinessWeek , compie addirittura un passo più azzardato, passo che in rete già si vocifera possa scalzare il primato di Apple, con la quale l’etichetta non ha ancora appianato dei dissapori .

Universal, che aveva già annunciato di voler intraprendere un cammino solitario nella vendita di musica non protetta , ora tenta di coinvolgere altre major – si parla di Sony BGM e Warner Music – nella sperimentazione di Total Music , una delle prime epifanie del jukebox celestiale . Il concetto di bene fisico venduto e posseduto dall’ascoltatore di musica sembra perdere di senso, a favore di una musica-servizio , che come fosse acqua corrente fluisce direttamente fino agli utenti: questo il dibattito che ha animato il MIDEM di gennaio, questa la strategia che Universal Music intende sviluppare. Il rubinetto che gestirà il flusso di musica sarà rappresentato dai produttori di hardware , dai telefonini ai player mp3: sarà loro offerta la possibilità di vendere dispositivi predisposti per fruire illimitatamente di musica gratuita . Un’offerta che costerà all’industria una novantina di dollari a dispositivo, prezzo che è probabile verrà caricato sulle spalle di un utente finale disposto a sborsarli , in cambio di un archivio musicale sterminato e accessibile on demand senza altri costi.

Anche Napster fluidifica la sua sfaccettata offerta di musica flat e la trasforma in un servizio web based, per rendersi flessibile e ubiquo , anche per gli utenti Mac e Linux. Nessun software da installare, per Napster 4.0 : utenza e password sono sufficienti per accedere al catalogo e ad una serie di novità , quali un servizio di raccomandazione musicale, sulla scorta di LastFM , e la possibilità di condividere musica in blog e pagine personali sulle social network.

Spirano venti di cambiamento per la musica online: con un’offerta sempre più vasta di tracce senza lucchetti, con servizi di musica flat, le previsioni riguardo alla crescita del mercato potrebbero rivelarsi ancora più rosee. Solo nel Regno Unito, stima Verdict Research , alla fine del 2006 il comparto valeva oltre 160 milioni di euro, un settore in continua ascesa, che nel 2012 potrebbe arrivare a valerne 860 milioni.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Paperino scrive:
    ...............
    Tutti giornalisti iscritti all'albo!!!! Ma perfavore!!!!
  • napalm scrive:
    ahahaha ecco!!!!!!!!!
    Ahahaha ci sono arrivato ORA!GOOGLESTIIIN?frankenstiin?AHAHAHokokChe FilM!!
  • MeX scrive:
    non sono solo!
    "l'articolo è scritto male, molto semplicemente, ed è incredibilmente inutile. bastavano due righe ed il link alla pagina per spiegare tutto, mentre qui si cerca di creare un articolo dal nulla"Grazie RG... non capisco perchè ti abbiano bloccato le risposte... boh forse perchè dicevi più o meno quello che ho detto io... chissà...
    • Kurry scrive:
      Re: non sono solo!
      - Scritto da: MeX
      "l'articolo è scritto male, molto semplicemente,
      ed è incredibilmente inutile. bastavano due righe
      ed il link alla pagina per spiegare tutto, mentre
      qui si cerca di creare un articolo dal
      nulla"

      Grazie RG... non capisco perchè ti abbiano
      bloccato le risposte... boh forse perchè dicevi
      più o meno quello che ho detto io...
      chissà...maro' ti hanno gia' fatto nero sul forum e continui a spammare le castronerie?ti consiglio un link perche' sono buono va:http://www.seomarketing.com/ciao troll
  • R G scrive:
    la qualità degli articoli è bassissima
    l'articolo è scritto male, molto semplicemente, ed è incredibilmente inutile. bastavano due righe ed il link alla pagina per spiegare tutto, mentre qui si cerca di creare un articolo dal nulla
  • MeX scrive:
    alla fine penso di aver capito...
    cioè seguendo le logiche del posizionamento si finisce con il creare un sito identico a google? giusto?Boh sarà che è presto ma non era affatto chiaro sto articolo... almeno per me :)
    • MeX scrive:
      Re: alla fine penso di aver capito...
      dio mio che articolo inutile!Grazie per avermelo spiegato cmq :)
      • Marietto scrive:
        Re: alla fine penso di aver capito...
        l'articolo è piuttosto divertente, io però l'ho letto alle 10.00 e oltre ad averlo capito ho dedotto che tu ne sappia ben poco sia di programmazione web che di SEObuona giornata
        • MeX scrive:
          Re: alla fine penso di aver capito...
          hai dedotto male... però magari sei più intelligente di me... di sicuro più presuntuoso :)Buona giornata.
          • pippodritto scrive:
            Re: alla fine penso di aver capito...
            Non avete capito una sega entrambi.Dall'articolo si evidenzia che un sito per poter essere indicizzato decentemente deve avere il profilo di un sito qualunque.Dato che i siti qualunque sono decine di migliaia, ci si chiede per quali criteri misteriosi alcuni appaiano prima di altri.
          • MeX scrive:
            Re: alla fine penso di aver capito...
            uhm missà che allora non sono io che sono deficiente... se ognuno ha la sua interpretazione... meglio riscrivere l'asticolo? :D
          • Carcarlo scrive:
            Re: alla fine penso di aver capito...
            Non avete capito niente. L'articolo parla della cospirazione della SEO, che è un'agenzia segreta formata da ex-agenti della CIA e del Mossad al soldo di potenze extraterrestri per decifrare in anteprima le keyword preferite dal pubblico e poterle rivendere così alle case discografiche che le inserirebbero nei prossimi dischi di Britney Spears, Rihanna e simili. Senza contare i legami di tutto questo con le scie chimiche. Mi pare che l'articolo sia molto chiaro. Evidentemente siete agenti segreti pagati per sviare l'attenzione dei lettori dal vero significato dell'articolo.
          • Estiquaatsi scrive:
            Re: alla fine penso di aver capito...
            LOLlissimo! :)
          • MeX scrive:
            Re: alla fine penso di aver capito...
            ciao, potresti lasciarmi un tuo contatto privato?Devo farti rivelazioni che potrebbero destabilizzare l'umanità.
          • Kurry scrive:
            Re: alla fine penso di aver capito...
            - Scritto da: MeX
            hai dedotto male... però magari sei più
            intelligente di me... di sicuro più presuntuoso
            :)
            Buona giornata.A me pare che il presuntuoso sei te che dici "che articolo inutile" Mi chiedo da dove vi prendano
          • MeX scrive:
            Re: alla fine penso di aver capito...

            Mi chiedo da dove vi prendanooddio quanti siamo? sono solo un clone? un bot che scrive trollate? terminate il mio processo vitale! :S
          • Kurry scrive:
            Re: alla fine penso di aver capito...
            - Scritto da: MeX

            Mi chiedo da dove vi prendano

            oddio quanti siamo? sono solo un clone? un bot
            che scrive trollate? terminate il mio processo
            vitale!
            :Scos'è? una battuta?
          • MeX scrive:
            Re: alla fine penso di aver capito...
            no sono serio... premimi CTRL-ALT-CANC
      • Alessandrox scrive:
        Re: alla fine penso di aver capito...
        - Scritto da: MeX
        dio mio che articolo inutile!
        Grazie per avermelo spiegato cmq :)E' chiaramente scritto nell' articolo:" ...come sarebbe la storica, immacolata homepage di Google se dovesse rispondere ai misteriosi criteri di indicizzazione del suo motore... "" Ecco fatto, Google è pronta per Google. Quanto è diversa questa pagina da un sito qualunque ? "Alla fine diventerebbe un banale sito qualunque... come se non ce ne fossero decine di migliaia.A me pare un osservazione interessante... :)
        • MeX scrive:
          Re: alla fine penso di aver capito...
          quindi avevo capito giusto?se google seguisse le regole dell'indicizzazione di "google" sarebbe uguale a tantissimi altri siti giusto?ma poi scusate... che scoperta è che un sito contiene links e un motore di ricerca?Bah... continuo a ritenere sto articolo mal scritto e cmq poco interessante, ma è una mia opinione eh!
          • Kurry scrive:
            Re: alla fine penso di aver capito...

            ma poi scusate... che scoperta è che un sito
            contiene links e un motore di
            ricerca?ma seguire i link ti pare brutto? usare il cervellino e far girare le rotelline ti fa schifo?
            Bah... continuo a ritenere sto articolo mal
            scritto e cmq poco interessante, ma è una mia
            opinione
            eh!pensa te
          • MeX scrive:
            Re: alla fine penso di aver capito...
            grazie per non avermi aiutato a capire il senso dell'articolo... o ci hai provato e non l'ho capito? mah...
          • Kurry scrive:
            Re: alla fine penso di aver capito...
            - Scritto da: MeX
            grazie per non avermi aiutato a capire il senso
            dell'articolo... o ci hai provato e non l'ho
            capito?
            mah...guarda che non ti frega nulal dell'articolo senno' l'avresti chiesto hai solo detto quello che avevi capito (niente) e che l'articolo faceva schifo. proprio come farebbe un trool
          • MeX scrive:
            Re: alla fine penso di aver capito...
            cos'è un "trooooooool" :D ?
    • Loris Batacchi scrive:
      Re: alla fine penso di aver capito...
      Lo scopo dell'articolo credo sia mettere in luce la contraddizione intrinseca in Google, che usa criteri di ricerca che la sua stessa homepage non rispetta e anzi, proprio grazie al suo stile semplice e' diventato cosi' famoso.Non sara' l'articolo del secolo, ma e' comunque godibile.
  • Ammiratore scrive:
    X LUCA
    In quella foto stai decisamente meglio.
Chiudi i commenti