MWC 2015/ Intel, ritorno al mobile

Santa Clara presenta i nuovi chip Atom, una serie che si fa sempre più eterogenea in quanto a funzionalità e paradigmi tecnologici integrati negli elementi di silicio. L'obiettivo è di coprire tutti i mercati

Roma – Intel ha sfruttato l’occasione del Mobile World Congress di Barcellona per annunciare l’arrivo dei nuovi Atom, chip con vocazione sempre più mobile che l’azienda di Santa Clara spera di poter integrare in un numero sempre maggiore di dispositivi indipendentemente da form factor, prezzo e mercato di riferimento.

Il brand Atom si arricchisce quindi dei modelli Atom x3, x5 e x7, tre chip x86 ad alto livello di integrazione che però differiscono profondamente, soprattutto nel caso di Atom x3. Il nuovo prodotto entry level di Chipzilla è infatti un SoC (System-on-a-Chip), realizzato con un nodo tecnologico molto meno sofisticato di quello adottato nelle fabbriche Intel (28 nanometri) e per questo sarà prodotto in una fonderia esterna (TSMC).

Atom x3 è il nome commerciale della piattaforma sin qui nota come SoFIA , il primo prodotto del suo genere (secondo Intel) a integrare un modem hardware disponibile in tre diverse varianti (x3-C3130, x3-C3230RK e x3-C3440) a due o quattro core, connettività 3G o LTE, GPU ARM (Mali) e supporto alle comunicazioni NFC.

Intel pianifica di fornire i chip Atom x3 ai produttori di dispositivi a basso costo (75 dollari – 149 dollari), gadget come tablet, smartphone e phablet per utenti che non necessitano di tutta la potenza di un processore di classe x86 e GPU Intel di accompagnamento.

Per la categoria di prodotti superiore, vale a dire tablet e ibridi 2-in-1 pensati per far girare Android o la versione completa di Windows (10?) e con un prezzo compreso tra i 119 dollari e i 499 dollari, Intel ha invece preparato nuovi chip Atom basati sulla nuova piattaforma Cherry Trail.

Cherry Trail succede a Bay Trail con un processo produttivo a 14nm, architettura a 64-bit di nuova generazione, connettività LTE via modem XMM 726x integrato e GPU integrata Intel Gen 8 – la stessa adottata sui chip Broadwell.

Atom x5 e x7 sono in grado di fornire performance migliorate soprattutto sul 3D “mainstream”, sostiene Intel, e in confronto al chip Atom Bay Trail Z3795 si parla (per x7) di incrementi prestazionali notevoli nei benchmark più popolari. Altre tecnologie integrate nella nuova piattaforma includono camere RealSense 3D, sicurezza True Key e standard WiDi per collegare display in wireless.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bertuccia scrive:
    Curioso
    Google deve recuperare il terreno perso nei confronti di Apple.Anni di menate che "android c'ha l'NFC", peccato che nessuno l'abbia mai realmente usato.Infatti, pare che ogni $3 pagati con sistemi contactless, $2 derivino da pagamenti fatti con Apple Pay
    • ... scrive:
      Re: Curioso
      - Scritto da: bertuccia
      Google deve recuperare il terreno perso nei
      confronti di
      Apple.senti ma... la liberatoria degli eredi di Richard Scarry per il tuo avatar ce l'hai o sei un pirata?
      • bertuccia scrive:
        Re: Curioso
        - Scritto da: ...

        senti ma... la liberatoria degli eredi di Richard
        Scarry per il tuo avatar ce l'hai o sei un pirata?mi appello al fair use
        • ... scrive:
          Re: Curioso
          - Scritto da: bertuccia
          - Scritto da: ...



          senti ma... la liberatoria degli eredi di
          Richard

          Scarry per il tuo avatar ce l'hai o sei un
          pirata?

          mi appello al fair useQuindi niente liberatoria.Ok.
    • bubba scrive:
      Re: Curioso
      - Scritto da: bertuccia
      Google deve recuperare il terreno perso nei
      confronti di
      Apple.

      Anni di menate che "android c'ha l'NFC", peccato
      che nessuno l'abbia mai realmente
      usato.

      Infatti, pare che ogni $3 pagati con sistemi
      contactless, $2 derivino da pagamenti fatti con
      Apple
      Paysono comprese anche le chiavette coges che faceva gia' 12 anni fa?
      • bertuccia scrive:
        Re: Curioso
        - Scritto da: bubba

        sono comprese anche le chiavette coges che faceva
        gia' 12 anni fa?non so, dimmi su che circuito di pagamento si appoggiano e verifichiamo
    • Funz scrive:
      Re: Curioso
      - Scritto da: bertuccia
      Google deve recuperare il terreno perso nei
      confronti di
      Apple.Vista l'andatura tartarughesca dell'introduzione, non c'è molto da recuperare. E no, il paradosso di Achille e della tartaruga non vale nel mondo reale :p
      Anni di menate che "android c'ha l'NFC", peccato
      che nessuno l'abbia mai realmente
      usato.

      Infatti, pare che ogni $3 pagati con sistemi
      contactless, $2 derivino da pagamenti fatti con
      Apple
      Paybeh, su un fatturato totale globale di 30$, essersene accaparrati 20 è un bella percentuale :p
    • tommasocroc iera scrive:
      Re: Curioso
      a parole forse
  • Capperi scrive:
    Bah!
    In questo articolo su una funzionalità di Google appare più spesso la parola Apple che quella di Google stesso.O il Trentino produce delle ottime mele, o la partigianeria sta diventando davvero imbarazzante.Comunque, fuori dalla polemica. Ma il sucXXXXX di Apple Pay, qui a Milano, come lo vediamo? Ci dobbiamo fidare o abbiamo qualche dato (possibilmente asettico) da mostrare?
    • Elrond scrive:
      Re: Bah!
      - Scritto da: Capperi
      In questo articolo su una funzionalità di Google
      appare più spesso la parola Apple che quella di
      Google
      stesso.

      O il Trentino produce delle ottime mele, o la
      partigianeria sta diventando davvero
      imbarazzante.

      Comunque, fuori dalla polemica. Ma il sucXXXXX di
      Apple Pay, qui a Milano, come lo vediamo? Ci
      dobbiamo fidare o abbiamo qualche dato
      (possibilmente asettico) da
      mostrare?Tu non hai capito: tutto ciò che fa Apple è un "WIN!". Ed anche se fosse un "FAIL!" basta che la Casa Madre o i suoi scagnozzi dei media dicano che è un "WIN!" e la realtà prontamente si adegua. Hai presente il bispensiero di Orwelliana memoria? Quello!
    • Funz scrive:
      Re: Bah!
      - Scritto da: Capperi
      Comunque, fuori dalla polemica. Ma il sucXXXXX di
      Apple Pay, qui a Milano, come lo vediamo? Ci
      dobbiamo fidare o abbiamo qualche dato
      (possibilmente asettico) da
      mostrare?Qui nel mondo reale non s'è visto ancora un bel nulla, che sia di A. o G. o altri.Non c'è nessuno al supermercato o al bar o dal giornalaio che ne abbia mai nemmeno sentito parlare.
Chiudi i commenti