Sono 148 milioni gli abbonati a Netflix nel mondo

Crescono gli abbonati così come gli utili generati, ma in un futuro non troppo lontano Netflix dovrà vedersela con nuovi player del settore streaming.

Il colosso dello streaming ha reso noti ieri i risultati finanziari riguardanti il primo trimestre del 2019. Ancor più che entrate e utili (in crescita rispetto a un anno fa) è interessante capire come Netflix stia disegnando la propria strategia in modo da mantenere salda la leadership in un settore che si appresta a diventare sempre più competitivo, complice anche l’ormai prossimo debutto di concorrenti del calibro di Apple TV+ e Disney+, entrambi online entro fine anno.

Netflix: 148 milioni di abbonati

Sfogliando la documentazione distribuita agli investitori, il primo dato che balza all’occhio è quello relativo ai 148 milioni di abbonati che in tutto il mondo hanno scelto di mettere mano al portafogli e affrontare la spesa mensile per l’accesso al catalogo. Si tratta di un importante balzo in avanti rispetto ai 125 milioni che si contavano al termine del Q1 2018. La crescita nei primi tre mesi dell’anno è stata pari a 9,6 milioni di unità, ben oltre gli 8,9 milioni stimati dalle previsioni. Da verificare se la tendenza proseguirà oppure se si assisterà a un rallentamento dovuto all’aumento dei prezzi che sarà introdotto a partire dal mese prossimo (non in Italia).

Nell’occasione è stato annunciato anche l’avvio della fase di test per una funzionalità che Netflix chiama Weekly Top 10. Verrà sperimentata in un primo momento nel Regno Unito e, come si può intuire già dal nome, proporrà al pubblico la visione dei contenuti che stanno riscontrando maggior successo sulla piattaforma, sotto forma di classifiche aggiornate ogni settimana. In caso di feedback positivi il rollout potrà proseguire poi verso altri paesi.

Diffusi anche i numeri delle riproduzioni per alcuni dei contenuti originali proposti nelle prime quattro settimane di disponibilità: 52 milioni per Triple Frontier, 45 milioni per Umbrella Academy, 40 milioni per The Highwaymen e 20 milioni per Fyre. Quella della realizzazione in proprio di film, show e serie TV è una strada che il gruppo continuerà a percorrere, anche sperimentando nuovi formati come avvenuto nei mesi scorsi con Black Mirror: Bandersnatch e più di recente con Bear Grylls: Scuola di Sopravvivenza.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Fonte: Netflix
Chiudi i commenti