OpenSolaris si affaccia sul mercato

La versione open source di Solaris debutta nella sua prima distribuzione binaria ufficiale, ora accompagnata da una serie di servizi di supporto a pagamento e disponibile come web service attraverso i server di Amazon

San Francisco (USA) – Dopo tre lunghi anni di sviluppo, ieri il sistema operativo open source di Sun , OpenSolaris , ha fatto il suo debutto ufficiale sul mercato. OpenSolaris 2008.05 è la prima distribuzione binaria di questa piattaforma a rivolgersi al grande pubblico: la precedente distribuzione Solaris Express, seppure di pubblico dominio, era infatti destinata a sviluppatori e tester, e come tale priva di supporto a pagamento.

OpenSolaris può essere scaricato e utilizzato in modo del tutto gratuito, ma con la nuova versione 2008.5 diventa a tutti gli effetti un prodotto commerciale: non solo è accompagnato da una serie di servizi di supporto a pagamento , ma può anche essere affittato , per 10 centesimi per CPU all’ora, attraverso il servizio on-demand Elastic Compute Cloud (EC2) di Amazon . Le due società hanno stipulato un accordo che prevede anche la possibilità, per gli utenti di EC2, di accedere al supporto tecnico premium di MySQL.

Con OpenSolaris, Sun offre ora tre livelli di supporto : quello base parte da un costo di 49 dollari per incidente, mentre quello top può superare i 2mila dollari all’anno per singolo sistema, e offrire assistenza telefonica 24×7 e servizi di personalizzazione. Sun afferma che i prezzi di tali servizi sono “significativamente più convenienti” rispetto a quelli offerti dai principali distributori di Linux, come Red Hat e Novell .

OpenSolaris 2008.05 include funzionalità tese a rendere questo sistema operativo – che, come noto, appartiene alla famiglia Unix – più familiare agli utenti di Linux . Tali caratteristiche sono state sviluppate in seno al Project Indiana , e consistono principalmente in un’interfaccia grafica basata su GNOME, nelle utility e nella shell Bash di GNU, e in un gestore di pacchetti , chiamato IPS (Image Packaging System), simile all’APT (Advanced Packaging Tool) di Debian e dotato di front-end grafico. IPS è stato pensato per integrarsi con il file-system ZFS, e per fornire funzionalità di roll-back per il ripristino di uno stato precedente del file-system.

Oltre che su DVD, la nuova distribuzione di OpenSolaris è disponibile anche come immagine live CD : ciò consente di provare il sistema operativo senza la necessità di installarlo.

OpenSolaris include il kernel, i protocolli di rete, le librerie e buona parte dei componenti alla base di Solaris, inclusi il già citato ZFS e il sistema di diagnostica e analisi delle performance DTrace. Attualmente il codice è pubblicato sotto la licenza CDDL, una variante della Mozilla Public License 1.1: all’inizio del 2006 il presidente e COO di Sun, Jonathan Schwartz, ventilò la possibilità di rilasciare il sistema operativo anche sotto la licenza GPL3.

In occasione del lancio di OpenSolaris 2008.05, Sun ha varato un sito web, opensolaris.com , indirizzato alla comunità di utenti: qui è possibile scaricare le immagini della distribuzione binaria, ottenerne una copia su CD/DVD, accedere a FAQ e documentazione, e fornire agli sviluppatori suggerimenti e idee.

Il varo commerciale di OpenSolaris arriva in uno dei momenti più difficili per le finanze di Sun , che ha appena chiuso l’ultimo trimestre fiscale con una perdita di 34 milioni di dollari : il rosso nel bilancio di Sun è dovuto in parte alla crisi economica che sta attraverso l’intero mercato IT, e in parte alle recenti acquisizioni di MySQL ( costata un miliardo di dollari ) e di Innotek . Il Financial Times afferma che l’azienda taglierà a breve tra i 1500 e i 2500 posti di lavoro.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti