Ora alla Cina il matrimonio di Microsoft e Nokia piace

Luce verde da Pechino per l'acquisizione della Finlandese da parte di Redmond. Poste condizioni sui costi di cessione dei diritti di sfruttamento dei brevetti. Manca il tassello India per completare l'operazione

Roma – Il Ministro del Commercio cinese ha approvato l’operazione con cui Microsoft ha acquistato l’intera attività mobile di Nokia. Secondo i programmi ( recentemente rivisti in questo senso) delle due aziende è d’altronde proprio questo il mese che sancirà la loro definitiva unione .

A mancare all’appello per completare l’acquisizione proprio le approvazioni di alcune autorità nazionali asiatiche. Nonostante l’operazione da 7 miliardi di dollari abbia già ricevuto luce verde in 15 mercati di tutti e cinque i continenti, tra cui USA e UE, in India ed in Cina sembravano esserci ancora questioni da risolvere.

Ora che Pechino ha dato il via libera , dopo aver ottenuto la promessa che né Microsoft né Nokia varieranno le rispettive politiche di cessione di diritti sui brevetti (fondamentali per tenere in piedi il lucroso e crescente business della telefonia mobile, che in Cina cresce a ritmi notevoli), resta da chiarire unicamente la faccenda delle tasse in India.

Nuova Delhi contesta a Nokia di aver versato una cifra non sufficiente a coprire l’effettivo fatturato delle sue attività nel paese, dove è collocata un’importante fabbrica responsabile della produzione di terminali: al solito ci sono in ballo questioni relative a dove vengono contabilizzati i guadagni e come, e l’India pretende la costituzione di un ingente fondo di garanzia a cui si possa attingere nel caso in cui la condotta di Espoo fosse giudicata scorretta da una corte locale. Da parte sua, Nokia ribadisce di essere fiduciosa di poter chiudere l’intera operazione di vendita a Microsoft della propria divisione mobile entro questo mese.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • stragatto scrive:
    L'ignoranza costa
    Ci sarà sempre chi lucra sull'ignoranza. Ricordo che rimasi inorridito quando scoprii che c'era un tale che vendeva a 10 dollari un programma per Apple OSX che permetteva di crearsi un server di posta locale. Ma OSX era già predisposto, aveva postfix e bastava aggiungere una riga al file di configurazione. Beh, al modico costo di 10 dollari, questo è proprio quello che quel programma faceva. Ma lo faceva attraverso una bella interfaccina grafica in stile Apple :)
  • 123456789 scrive:
    Utonza
    E' ciò che si meritano gli utonti Linari tappa tappa analfabeti informatici
  • Michele scrive:
    Geniale!
    Un' app che non fa niente! Paragonabile al classico messaggio "hello world". Un sistema di verifica "automatico" non la beccherebbe mai...PS: i download sono diecimila e non centomila, se ci facevano 400.000$ meritavano il Nobel.
    • cicciobello scrive:
      Re: Geniale!
      - Scritto da: Michele
      Un' app che non fa niente! Paragonabile al
      classico messaggio "hello world". Un sistema di
      verifica "automatico" non la beccherebbe
      mai...L'idea non è nuova:http://en.wikipedia.org/wiki/I_Am_Rich
  • BarbaTruth scrive:
    Ahem...
    http://www.imore.com/app-store-scam-app-invasionMah, diciamo che tanto per cambiare...
    • bubba scrive:
      Re: Ahem...
      - Scritto da: BarbaTruth
      http://www.imore.com/app-store-scam-app-invasion


      Mah, diciamo che tanto per cambiare...si... e senza contare il tanto crapware... roba del tipohttp://www.vulnerability-lab.com/get_content.php?id=1237 ...
    • FDG scrive:
      Re: Ahem...
      - Scritto da: BarbaTruth
      http://www.imore.com/app-store-scam-app-invasion

      Mah, diciamo che tanto per cambiare...Se è per questo, c'era pure il cinese che aveva pubblicato un migliaio di app:http://www.wired.com/2009/12/apple-expels-1000-apps-from-store-after-developer-scam/
  • LightSpirit scrive:
    Credibilità del Play Store
    Sembra che Google Play non dia nessuna tutela agli utenti... Android è bucato come un emmental :-/
    • collione scrive:
      Re: Credibilità del Play Store
      Play store != Android
    • daniele_dll _rosica scrive:
      Re: Credibilità del Play Store
      beh, la cosa andrebbe messa virgolettata visto che non sta in questi termini, ma sicuramente il "bucato" proprio non c'entra nulla visto che non è un problema di sicurezza (la app non faceva danni ... non faceva semplicemente nulla)- Scritto da: LightSpirit
      Sembra che Google Play non dia nessuna tutela
      agli utenti... Android è bucato come un emmental
      :-/
      • Pietro scrive:
        Re: Credibilità del Play Store
        - Scritto da: daniele_dll _rosica
        beh, la cosa andrebbe messa virgolettata visto
        che non sta in questi termini, ma sicuramente il
        "bucato" proprio non c'entra nulla visto che non
        è un problema di sicurezza (la app non faceva
        danni ... non faceva semplicemente
        nulla)faceva danni al portafoglio ed inoltre creava false sicurezze che avrebbero potuto fare danni in seguito
        • Etype scrive:
          Re: Credibilità del Play Store
          - Scritto da: Pietro
          faceva danni al portafoglio ed inoltre creava
          false sicurezze che avrebbero potuto fare danni
          in
          seguitoVogliamo vedere quante app fake ci sono su internet ?Ricordi un certo sito all'apparenza italiano che rivendeva software gratuito ? Anche li ci sono cascati,e dire che bastava una semplice ricerca su google per risalire al proprietario vero e scoprire invece che il software era gratis...
          • Pietro scrive:
            Re: Credibilità del Play Store
            - Scritto da: Etype
            - Scritto da: Pietro

            faceva danni al portafoglio ed inoltre creava

            false sicurezze che avrebbero potuto fare
            danni

            in

            seguito

            Vogliamo vedere quante app fake ci sono su
            internet
            ?

            Ricordi un certo sito all'apparenza italiano che
            rivendeva software gratuito ? Anche li ci sono
            cascati,e dire che bastava una semplice ricerca
            su google per risalire al proprietario vero e
            scoprire invece che il software era
            gratis...quindi un repository che faccia uno screening delle app è decisamente comodo, ne convieni anche tu no?
          • panda rossa scrive:
            Re: Credibilità del Play Store
            - Scritto da: Pietro
            quindi un repository che faccia uno screening
            delle app è decisamente comodo, ne convieni anche
            tu
            no?Un repository che lo faccia avendo i sorgenti delle app medesime, che magari sono pure rilasciati al pubblico, e' ancora piu' comodo, ne convieni anche tu?
          • Pietro scrive:
            Re: Credibilità del Play Store
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Pietro


            quindi un repository che faccia uno screening

            delle app è decisamente comodo, ne convieni
            anche

            tu

            no?

            Un repository che lo faccia avendo i sorgenti
            delle app medesime, che magari sono pure
            rilasciati al pubblico, e' ancora piu' comodo, ne
            convieni anche
            tu?è una decisione che spetta alle SW house quella
          • cicciobello scrive:
            Re: Credibilità del Play Store
            No, spetta a chi gestisce il repository.
          • bubba scrive:
            Re: Credibilità del Play Store
            - Scritto da: cicciobello
            No, spetta a chi gestisce il repository.hei cmq un "Un repository che lo faccia avendo i sorgenti delle app medesime, che magari sono pure rilasciati al pubblico, e' ancora piu' comodo" esiste eh... e' f-droid.orgAnche lo storico slideme.org non e' male ...
          • Pietro scrive:
            Re: Credibilità del Play Store
            - Scritto da: cicciobello
            No, spetta a chi gestisce il repository.col cavolo, se l'app è a pgamento nessuno rilascia i sorgenti
          • panda rossa scrive:
            Re: Credibilità del Play Store
            - Scritto da: Pietro
            - Scritto da: cicciobello

            No, spetta a chi gestisce il repository.
            col cavolo, se l'app è a pgamento nessuno
            rilascia i
            sorgentiE con questo hai confermato la tua ignoranza totale.Dove sta scritto che open significa gratis?E' pieno il mondo di softare open, ma a pagamento.
          • Pietro scrive:
            Re: Credibilità del Play Store
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Pietro

            - Scritto da: cicciobello


            No, spetta a chi gestisce il repository.

            col cavolo, se l'app è a pgamento nessuno

            rilascia i

            sorgenti

            E con questo hai confermato la tua ignoranza
            totale.

            Dove sta scritto che open significa gratis?

            E' pieno il mondo di softare open, ma a pagamento.sempre in causa con qualcuno vero?
          • panda rossa scrive:
            Re: Credibilità del Play Store
            - Scritto da: Pietro
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Pietro


            - Scritto da: cicciobello



            No, spetta a chi gestisce il
            repository.


            col cavolo, se l'app è a pgamento
            nessuno


            rilascia i


            sorgenti



            E con questo hai confermato la tua ignoranza

            totale.



            Dove sta scritto che open significa gratis?



            E' pieno il mondo di softare open, ma a
            pagamento.

            sempre in causa con qualcuno vero?Tu hai una bella mentalita' da bottegaio dello scorso millennio.Si vede che hai sempre vissuto cercando di XXXXXXXX gli altri, e chiaramente ti aspetti che gli altri vogliano fare altrettanto con te.
          • Etype scrive:
            Re: Credibilità del Play Store
            - Scritto da: Pietro
            quindi un repository che faccia uno screening
            delle app è decisamente comodo, ne convieni anche
            tu
            no?No a me non serve,so quali sono i programmi che mi servono,le alternative,quali sono quelli a pagamento,le software house serie,eccSe ci pensi è come nella vita reale,non avrai mai una persona al tuo fianco 24h che ti dica quello che devi fare per ogni problema che ti si presenta andando sempre sul sicuro,è una tua responsabilità...a volte sbagli a volte ci prendi in pieno,si cresce anche così sai ?
          • panda rossa scrive:
            Re: Credibilità del Play Store
            - Scritto da: Etype
            - Scritto da: Pietro

            quindi un repository che faccia uno screening

            delle app è decisamente comodo, ne convieni
            anche

            tu

            no?

            No a me non serve,so quali sono i programmi che
            mi servono,le alternative,quali sono quelli a
            pagamento,le software house
            serie,ecc

            Se ci pensi è come nella vita reale,non avrai mai
            una persona al tuo fianco 24h che ti dica quello
            che devi fare per ogni problema che ti si
            presenta andando sempre sul sicuro,In effetti c'e'.Si chiama balia.E normalmente si cessa di averne bisogno quando si ha l'eta' per andare all'asilo.Ma si vede che per gli adoratori della mela e' diverso.
  • benkj scrive:
    per winari fessi
    Ottimo modo per spillare soldi ai poveracci che non si ritengono sicuri senza un antivirus. E tutto questo senza che nessuno abbia mai visto un virus per android
    • 2014 scrive:
      Re: per winari fessi
      - Scritto da: benkj
      Ottimo modo per spillare soldi ai poveracci che
      non si ritengono sicuri senza un antivirus. E
      tutto questo senza che nessuno abbia mai visto un
      virus per
      androidprova Google"arxiv android malware"buona lettura
      • collione scrive:
        Re: per winari fessi
        - Scritto da: 2014
        - Scritto da: benkj

        Ottimo modo per spillare soldi ai poveracci che

        non si ritengono sicuri senza un antivirus. E

        tutto questo senza che nessuno abbia mai visto
        un

        virus per

        android
        prova Google
        "arxiv android malware"
        buona letturae guarda caso sono tutti trojan, nessun worm, nessun virus, nessun drive-by
        • 2014 scrive:
          Re: per winari fessi
          - Scritto da: collione
          - Scritto da: 2014

          - Scritto da: benkj


          Ottimo modo per spillare soldi ai
          poveracci
          che


          non si ritengono sicuri senza un
          antivirus.
          E


          tutto questo senza che nessuno abbia
          mai
          visto

          un


          virus per


          android

          prova Google

          "arxiv android malware"

          buona lettura

          e guarda caso sono tutti trojan, nessun worm,
          nessun virus, nessun
          drive-byA beh, allora dormo tranquillo :D
        • FDG scrive:
          Re: per winari fessi
          - Scritto da: collione
          e guarda caso sono tutti trojan, nessun worm,
          nessun virus, nessun drive-byIl risultato è lo stesso.
          • 2014 scrive:
            Re: per winari fessi
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: collione


            e guarda caso sono tutti trojan, nessun worm,

            nessun virus, nessun drive-by

            Il risultato è lo stesso.Ma l'importante è continuare a starnazzare: "noi non abbiamo virus" :D
          • FDG scrive:
            Re: per winari fessi
            - Scritto da: 2014
            Ma l'importante è continuare a starnazzare: "noi
            non abbiamo virus"
            :DComunque, in questo caso la responsabilità è principalmente di chi gestisce gli store. Non la si può scaricare tutta sugli utenti.Per capirci, io mi chiedo cosa accadrebbe se andassi in un negozio a comprare una maglietta e scoprissi poi che questa è tarocca.
          • Etype scrive:
            Re: per winari fessi
            - Scritto da: FDG
            Comunque, in questo caso la responsabilità è
            principalmente di chi gestisce gli store. Non la
            si può scaricare tutta sugli
            utenti.Lo store ti da unicamente la possibilità di pubblicizzare la tua app rendendola disponibile al pubblico,stop.Sei tu che devi ragionare con il tuo cervello,specie quando si tratta di denaro...Gli utenti devono imparare a saper maneggiare un device informatico,i rischi che corrono,eccEcco cosa significa l'utente che non ha nessuna conoscienza in materia ma si affaccia a questo settore per la prima volta,crede di stare in paradiso...
            Per capirci, io mi chiedo cosa accadrebbe se
            andassi in un negozio a comprare una maglietta e
            scoprissi poi che questa è
            tarocca.Niente,la colpa è tua che non sei stato abbastanza previdente da saper valutare...E' così per ogni cosa...
          • panda rossa scrive:
            Re: per winari fessi
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: 2014


            Ma l'importante è continuare a starnazzare:
            "noi

            non abbiamo virus"

            :D

            Comunque, in questo caso la responsabilità è
            principalmente di chi gestisce gli store. Non la
            si può scaricare tutta sugli
            utenti.

            Per capirci, io mi chiedo cosa accadrebbe se
            andassi in un negozio a comprare una maglietta e
            scoprissi poi che questa è
            tarocca.Riporti la maglietta con tanto di scontrino e ti avvali dei tuoi diritti di legge.
          • Pietro scrive:
            Re: per winari fessi
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: FDG..

            Per capirci, io mi chiedo cosa accadrebbe se

            andassi in un negozio a comprare una
            maglietta
            e

            scoprissi poi che questa è

            tarocca.

            Riporti la maglietta con tanto di scontrino e ti
            avvali dei tuoi diritti di
            legge.stessa cosa se mi ha macchiato tutto il bucato, denuncio il negozio e mi faccio risarcire il danno.
          • panda rossa scrive:
            Re: per winari fessi
            - Scritto da: Pietro
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: FDG..


            Per capirci, io mi chiedo cosa
            accadrebbe
            se


            andassi in un negozio a comprare una

            maglietta

            e


            scoprissi poi che questa è


            tarocca.



            Riporti la maglietta con tanto di scontrino
            e
            ti

            avvali dei tuoi diritti di

            legge.

            stessa cosa se mi ha macchiato tutto il bucato,
            denuncio il negozio e mi faccio risarcire il
            danno.Mica tanto.Sull'etichetta c'era chiaramente scritto di lavare a mano.E pure la commessa ti ha detto che quella maglietta va lavata a mano.Hai voluto mettere in lavatrice? Cavoli tuoi.
          • Pietro scrive:
            Re: per winari fessi
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Pietro

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: FDG..



            Per capirci, io mi chiedo cosa

            accadrebbe

            se



            andassi in un negozio a comprare
            una


            maglietta


            e



            scoprissi poi che questa è



            tarocca.





            Riporti la maglietta con tanto di
            scontrino

            e

            ti


            avvali dei tuoi diritti di


            legge.



            stessa cosa se mi ha macchiato tutto il
            bucato,

            denuncio il negozio e mi faccio risarcire il

            danno.

            Mica tanto.
            Sull'etichetta c'era chiaramente scritto di
            lavare a
            mano.
            E pure la commessa ti ha detto che quella
            maglietta va lavata a
            mano.

            Hai voluto mettere in lavatrice? Cavoli tuoi.e chi ha mai parlato di lavatrice?
          • panda rossa scrive:
            Re: per winari fessi
            - Scritto da: Pietro
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Pietro


            - Scritto da: panda rossa



            - Scritto da: FDG..




            Per capirci, io mi chiedo cosa


            accadrebbe


            se




            andassi in un negozio a
            comprare

            una



            maglietta



            e




            scoprissi poi che questa è




            tarocca.







            Riporti la maglietta con tanto di

            scontrino


            e


            ti



            avvali dei tuoi diritti di



            legge.





            stessa cosa se mi ha macchiato tutto il

            bucato,


            denuncio il negozio e mi faccio
            risarcire
            il


            danno.



            Mica tanto.

            Sull'etichetta c'era chiaramente scritto di

            lavare a

            mano.

            E pure la commessa ti ha detto che quella

            maglietta va lavata a

            mano.



            Hai voluto mettere in lavatrice? Cavoli tuoi.
            e chi ha mai parlato di lavatrice?Hai detto tu che ti ha macchiato tutto il bucato.Spiegaci un po' come l'hai lavata. Col microonde?
          • collione scrive:
            Re: per winari fessi
            - Scritto da: 2014
            Ma l'importante è continuare a starnazzare: "noi
            non abbiamo virus"
            :Dci riesci a scrivere qualcosa di sensato? mica è obbligatorio commentare quando non si hanno argomentila tua affermazione era che android è vulnerabile, cioè il SOFTWARE è vulnerabileaffermazione ovviamente falsa, compravata dal fatto che non esistono falle sfruttabili per bucare androidqui il problema è la politica di google riguardo lo storeinoltre quel "noi" fa capire quanto sei troll
      • benkj scrive:
        Re: per winari fessi
        - Scritto da: 2014
        "arxiv android malware"
        buona letturaChi se ne frega. Chi ha mai preso un virus su android? Nemmeno amici cerebrolesi che installano giochini pirata da siti cinesi ne hanno preso uno.
        • 2014 scrive:
          Re: per winari fessi
          - Scritto da: benkj
          - Scritto da: 2014

          "arxiv android malware"

          buona lettura

          Chi se ne frega. Chi ha mai preso un virus su
          android? Nemmeno amici cerebrolesi che installano
          giochini pirata da siti cinesi ne hanno preso
          uno.forse perché usavano questo antivirus? :D
  • panda rossa scrive:
    Diffidare del software a pagamento
    C'e' solo una cosa da dire a quelli che hanno pagato per questa roba: ben vi sta!Il software e' come il sesso: e' migliore quando e' gratis.
    • atarilover sloggata scrive:
      Re: Diffidare del software a pagamento
      - Scritto da: panda rossa
      C'e' solo una cosa da dire a quelli che hanno
      pagato per questa roba: ben vi
      sta!

      Il software e' come il sesso: e' migliore quando
      e'
      gratis.Premesso che potrei anche essere d'accordo sul fatto di diffidare dal software CHIUSO, non a pagamento... Non è una bella cosa comunque dire "ben vi sta" a chi magari non ha la competenza o l'occhio per capire che si tratta di uno scam.Parli così perché tu sei informatizzato, ma vediamola in un altra situazione: Se non mettessero i tappi anti-bambino sui flaconi di detergenti sai quanti bambini intossicati ci sarebbero in più? Se per ogniuno che arriva al pronto soccorso il dottore dicesse "Eh beh è chiaro che se bevi il Dixan muori, ben vi sta" immagino che non diresti così.Ecco, qui è compito del produttore (dixan/SW house) adeguarsi a degli standard minimi di funzionamento dettati dal controllore (stato/Google). Ma anche il controllore (stato/Google) dovrebbe fare dei controlli (verifica pacchetti che vende sul play store) all'interno del loro perimetro di competenza.Poi magari tu sei un chimico o un genitore attento e quindi tieni i flaconi lontani dai bambini o scegli quelli che non sono nocivi, ma dovrebbe comunque preoccuparti l'idea che altri meno svegli o con meno conoscenze possano farsi male. Tu saresti comunque libero di comprare i flaconi/detergenti industriali (senza tappo) da un'altra parte ma comunque chi vende o impone le regole dovrebbe, nei suoi negozi, fare un minimo di controllo.Non so se si capisce come la penso... Devo farmi un caffé :D(atari)
      • Etype scrive:
        Re: Diffidare del software a pagamento
        - Scritto da: atarilover sloggata
        Parli così perché tu sei informatizzato, ma
        vediamola in un altra situazione: Se non
        mettessero i tappi anti-bambino sui flaconi di
        detergenti sai quanti bambini intossicati ci
        sarebbero in più? Se per ogniuno che arriva al
        pronto soccorso il dottore dicesse "Eh beh è
        chiaro che se bevi il Dixan muori, ben vi sta"
        immagino che non diresti
        così.Ma dici sul serio ? Ma cavolo negli anni 70 erano tutti scemi per caso ?Se hai bambini devi fare il genitore,il che comporta anche controllarli e non metterli ditro una Playstation o fregarsene di cosa va facendo in giro..
        Ecco, qui è compito del produttore (dixan/SW
        house) adeguarsi a degli standard minimi di
        funzionamento dettati dal controllore
        (stato/Google). Ma anche il controllore
        (stato/Google) dovrebbe fare dei controlli
        (verifica pacchetti che vende sul play store)
        all'interno del loro perimetro di
        competenza.Ma che stai dicendo ? Chi produce detersivi,fa detersivi,punto...Hai presente quanti sono i detersivi con un semplice tappo che si svita oppure pensi che tutti comprino la marca stranota e fuffettara ?Stessa cosa per i software,devi essere tu interessato a fare la differenza opure ti serve una balia 24h ?Prendi windows,ti puoi installare un milione di programmi diversi...Tu hai visto Microsoft che ti viene a dire "non quello è un malware,quello invece è buono?"
        Poi magari tu sei un chimico o un genitore
        attento e quindi tieni i flaconi lontani dai
        bambini o scegli quelli che non sono nociviappunto,devi fare il genitore altrimineti è meglio non farlo un figlio.Quali sarebbero i detersivi non nocivi ? :D
        ma dovrebbe comunque preoccuparti l'idea che altri
        meno svegli o con meno conoscenze possano farsi
        male.Sono affari loro,quando andranno al pronto soccorso la prima votl asi spera che non siano così fessi da andarci una seconda per li stessi motivi...
        Tu saresti comunque libero di comprare i
        flaconi/detergenti industriali (senza tappo) da
        un'altra parte ma comunque chi vende o impone le
        regole dovrebbe, nei suoi negozi, fare un minimo
        di
        controllo.No affatto,non stiamo parlando di scorie nucleari...Si tratta di avere responsabilità,un minimo d'intelligenza e sapere quel che si fa...non stiamo parlando di bambini di 5 anni che vanno seguiti continuamente.Pazienza se sbagli una prima volta si spera che sia di lezione....
        Non so se si capisce come la penso... Devo farmi
        un caffé
        :D

        (atari)Pensi in maniera sbagliata,se ad una persona occorre una babysitter 24h per un prodotto informatico hai 2 possibilità : 1) t'informi,usi il cervello,non installi la prima cosa che ti capita sottomano ne fai clic a caso sul web2) lasci stare e ti dedichi ad altro
      • panda rossa scrive:
        Re: Diffidare del software a pagamento
        - Scritto da: atarilover sloggata
        - Scritto da: panda rossa

        C'e' solo una cosa da dire a quelli che hanno

        pagato per questa roba: ben vi

        sta!



        Il software e' come il sesso: e' migliore
        quando

        e'

        gratis.

        Premesso che potrei anche essere d'accordo sul
        fatto di diffidare dal software CHIUSO, non a
        pagamento... Non è una bella cosa comunque dire
        "ben vi sta" a chi magari non ha la competenza o
        l'occhio per capire che si tratta di uno
        scam.

        Parli così perché tu sei informatizzato, ma
        vediamola in un altra situazione: Se non
        mettessero i tappi anti-bambino sui flaconi di
        detergenti sai quanti bambini intossicati ci
        sarebbero in più? Se per ogniuno che arriva al
        pronto soccorso il dottore dicesse "Eh beh è
        chiaro che se bevi il Dixan muori, ben vi sta"
        immagino che non diresti
        così.Tappi o non tappi, io i detersivi e affini li ho sempre tenuti in un armadietto in alto e chiuso a chiave, proprio perche' ho bambini.
        Ecco, qui è compito del produttore (dixan/SW
        house) adeguarsi a degli standard minimi di
        funzionamento dettati dal controllore
        (stato/Google). Pensa che oggi vendono i detersivi alla spina, per eliminare i rifiuti.Si va al supermercato con il proprio flacone e lo si riempie.Si paga solo il contenuto e non il contenitore.
        Ma anche il controllore
        (stato/Google) dovrebbe fare dei controlli
        (verifica pacchetti che vende sul play store)
        all'interno del loro perimetro di
        competenza.Infatti quell'app e' stata tolta dallo store.Ma lo store, come tutti i negozi, e' li' per esporre la merce, mica per controllarla.Il controllo lo fanno altri e poi il negozio si adegua.L'utente puo' fare la sua parte documentandosi, oppure preferendo applicazioni libere e gratuite.
        Poi magari tu sei un chimico o un genitore
        attento e quindi tieni i flaconi lontani dai
        bambini o scegli quelli che non sono nocivi, ma
        dovrebbe comunque preoccuparti l'idea che altri
        meno svegli o con meno conoscenze possano farsi
        male. Si, certo, mi preoccupo. E infatti nel mio ambito di informatica, io mi prodigo per consigliare, e suggerire software libero, gratuito, migliore e tante belle cose.Poi la gente invece di darmi retta fa quello che vuole, e a quel punto ben gli sta. Io glielo avevo detto.
        Tu saresti comunque libero di comprare i
        flaconi/detergenti industriali (senza tappo) da
        un'altra parte ma comunque chi vende o impone le
        regole dovrebbe, nei suoi negozi, fare un minimo
        di controllo.Ripeto, chi espone la merce di terzi non e' tenuto a controllare alcunche'.Al massimo toglie dagli scaffali la merce scaduta.

        Non so se si capisce come la penso... Devo farmi
        un caffé
        :DConsiglio java.
      • iRoby scrive:
        Re: Diffidare del software a pagamento
        Si sta applicando selezione naturale nel mondo online.Chi ha competenze ci sopravvive, ci lavora, fa affari e ne gode della comodità e della varietà.Gli altri subiscono truffe, raggiri, furti, ecc.Per carità anche io ho preso qualche fregatura, ma mi è servita come esperienza...
    • Pietro scrive:
      Re: Diffidare del software a pagamento
      - Scritto da: panda rossa
      C'e' solo una cosa da dire a quelli che hanno
      pagato per questa roba: ben vi
      sta!

      Il software e' come il sesso: e' migliore quando
      e'
      gratis.Qui non é come con i computer dove si richede a chi li usa un minimo di competenze, qui si sta parlando di telefoni in mano al 99 % delle persone persone che comperando un programma su play store si sentono almeno psicologicamente garantiti da chi ha messo in piedi tutta la baracca
      • bubba scrive:
        Re: Diffidare del software a pagamento
        - Scritto da: Pietro
        - Scritto da: panda rossa

        C'e' solo una cosa da dire a quelli che hanno

        pagato per questa roba: ben vi

        sta!



        Il software e' come il sesso: e' migliore
        quando

        e'

        gratis.
        Qui non é come con i computer dove si richede a
        chi li usa un minimo di competenze, cos'e', una battuta?PC con win preinstallato comprati al mediaworld, e usati nello stesso modo e dalla stessa gente che usa gli smartphone attuali (dei PC da 4''). Anzi, in questo senso i market sono da ringraziare, che filtrano parecchio, rispetto agli installatori di "it's fun.avi.exe" e "you have a letter.doc.exe" ....
        qui si sta
        parlando di telefoni in mano al 99 % delle
        persone persone che comperando un programma su
        play store si sentono almeno psicologicamente
        garantiti da chi ha messo in piedi tutta la
        baraccasi, dal malware (e g.play potrebbe far di meglio, ma cmq non e' male. infatti il 99.9% dei prob derivano da market cinesi & sideload).. dal software inutile no. E' impossibile.Tra l'altro e' davvero incredibile quanto porti assuefazione la CC + market + dito indice... la comodita' fa danni :P
      • panda rossa scrive:
        Re: Diffidare del software a pagamento
        - Scritto da: Pietro
        - Scritto da: panda rossa

        C'e' solo una cosa da dire a quelli che hanno

        pagato per questa roba: ben vi

        sta!



        Il software e' come il sesso: e' migliore
        quando

        e'

        gratis.
        Qui non é come con i computer dove si richede a
        chi li usa un minimo di competenze, qui si sta
        parlando di telefoni in mano al 99 % delle
        persone persone che comperando un programma su
        play store si sentono almeno psicologicamente
        garantiti da chi ha messo in piedi tutta la
        baraccaGuarda ciccio che il telefono per quelli che non hanno competenze e' questo.[img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/3/3f/Nokia_8210_in_light_cover.jpg[/img]Se poi tu sei uno di quelli che si e' bevuta la fesseria che lo smartphone non necessita competenze, sono tutti cavoli tuoi.Uno smartphone e' un computer.Un computer non ammette ignoranza.L'ignoranza si paga.
        • Pietro scrive:
          Re: Diffidare del software a pagamento
          - Scritto da: panda rossa..
          Uno smartphone e' un computer.
          Un computer non ammette ignoranza.è fantastico, sti aggeggi passano da inutili gadget a computer un un attimo a seconda della convenienza.
          • bubba scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            - Scritto da: panda rossa
            ..

            Uno smartphone e' un computer.

            Un computer non ammette ignoranza.

            è fantastico, sti aggeggi passano da inutili
            gadget a computer un un attimo a seconda della
            convenienza.in realta' non c'e' contraddizione.Hanno hw e OS general purpose da computer. interfaccia base e marketing da gadget.
          • Pietro scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: bubba
            - Scritto da: Pietro

            - Scritto da: panda rossa

            ..


            Uno smartphone e' un computer.


            Un computer non ammette ignoranza.



            è fantastico, sti aggeggi passano da inutili

            gadget a computer un un attimo a seconda
            della

            convenienza.
            in realta' non c'e' contraddizione.
            Hanno hw e OS general purpose da computer.
            interfaccia base e marketing da gadget. e pensa, la tendenza attuale è quella di mettere l'interfaccia da gadget anche ai PC (metro, android su PC, iOS su mac), chissà magari potrebbe essere la soluzione vincente
          • cicciobello scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            Infatti hai visto il sucXXXXX di Metro
        • FDG scrive:
          Re: Diffidare del software a pagamento
          - Scritto da: panda rossa
          Uno smartphone e' un computer.
          Un computer non ammette ignoranza.
          L'ignoranza si paga.Qui mi sa che la confusione la fa chi appunto non riesce a distinguere tra ciò di cui ha bisogno l'abituale acquirente di smartphone e chi frequenta questo forum. Appunto perché non si può dare un computer a questi acquirenti, con tutto ciò che comporta, forse sarebbe il caso di ragionare in modo differente e offrire qualcosa di diverso, con buona pace di chi poi si lamenterebbe per la limitatezza della soluzione. Quindi, chi ha la responsabilità di non mettere gli utenti in situazioni potenzialmente pericolose?
          • Etype scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: FDG
            Qui mi sa che la confusione la fa chi appunto non
            riesce a distinguere tra ciò di cui ha bisogno
            l'abituale acquirente di smartphone e chi
            frequenta questo forum. Appunto perché non si può
            dare un computer a questi acquirenti, con tutto
            ciò che comporta, forse sarebbe il caso di
            ragionare in modo differente e offrire qualcosa
            di diverso, con buona pace di chi poi si
            lamenterebbe per la limitatezza della soluzione.WOW un applauso....A chi non sa usare un computer,anzichè formarlo ed informarlo si preferisce dare un device semplificato con cui può fare gli tessi errori perchè appunto non ha le basi....Ecco cosa significa far usare tablet e smartphone a gente che non ha la più pallida idea di cosa sta facendo...
            Quindi, chi ha la responsabilità di non mettere
            gli utenti in situazioni potenzialmente
            pericolose?Ma fammi capire gli utenti hanno tutti 5 anni ? Serve qualcuno che faccia da balia 24h ?Vuoi che un utente non si metta in situazioni pericolose ?Anzichè costruire un recinto intorno ad una piscina per paura che affoghi istruiscilo invece saper nuotare...
          • Pietro scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Etype..
            Anzichè costruire un recinto intorno ad una
            piscina per paura che affoghi istruiscilo invece
            saper
            nuotare...il mercato di quelli che che vogliono usare la piscina è enormemente più vasto di quelli che sono interessati ad imparare a nuotare, non è che li puoi costringere no?
          • Etype scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            Se hai un figlio che ancora non sa nuotare ma hai una piscina cosa fai ?1) costruisci un recinto per evitare che ci finisca dentro e affoghi 2) impari lui a nuotareVoi scegliete la prima,poi quando andrà al mare o da un amico che avrà una piscina o in qualunque altra situazione dove ci sia 2 metri d'acqua morirà affogato perchè non sapeva nuotare....
          • Pietro scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Etype
            Se hai un figlio che ancora non sa nuotare ma hai
            una piscina cosa fai
            ?

            1) costruisci un recinto per evitare che ci
            finisca dentro e affoghi


            2) impari lui a nuotareva bè..
            Voi scegliete la prima,poi quando andrà al mare o
            da un amico che avrà una piscina o in qualunque
            altra situazione dove ci sia 2 metri d'acqua
            morirà affogato perchè non sapeva
            nuotare....confondi i figli con i clienti
          • panda rossa scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro

            confondi i figli con i clientiO sei tu che tratti i clienti male, invece che come figli?
          • Pietro scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Pietro




            confondi i figli con i clienti

            O sei tu che tratti i clienti male, invece che
            come
            figli?se un cliente non vuole imparare a nuotare non puoi mica obbligarlo, ma puoi dargli un salvagente.
          • panda rossa scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Pietro







            confondi i figli con i clienti



            O sei tu che tratti i clienti male, invece
            che

            come

            figli?
            se un cliente non vuole imparare a nuotare non
            puoi mica obbligarlo, ma puoi dargli un
            salvagente.No. Se non vuole nuotare non gli do' nessun salvagente, ma lo mando nella piscinetta dei bambini, alta mezzo metro, perche' quelli che usano la piscina grande non possono essere disturbati da un grasso imbranato col salvagente che e' un pericolo per se' e per gli altri.Il mondo non e' fatto solo dai Rotary club dove chi paga puo' tutto.Ci sono luoghi nel mondo dove il denaro non serve a niente, e sono pure i piu' numerosi. Ci vai se sai, se no non ci vai.E adesso esci dalla piscina che stai ingombrando la corsia con quel ridicolo salvagente con la paperella.
          • Pietro scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Pietro

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: Pietro










            confondi i figli con i clienti





            O sei tu che tratti i clienti male,
            invece

            che


            come


            figli?

            se un cliente non vuole imparare a nuotare
            non

            puoi mica obbligarlo, ma puoi dargli un

            salvagente.

            No. Se non vuole nuotare non gli do' nessun
            salvagente, ma lo mando nella piscinetta dei
            bambini, alta mezzo metro, perche' quelli che
            usano la piscina grande non possono essere
            disturbati da un grasso imbranato col salvagente
            che e' un pericolo per se' e per gli
            altri.ottimo hai perso un cliente.
          • panda rossa scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro

            No. Se non vuole nuotare non gli do' nessun

            salvagente, ma lo mando nella piscinetta dei

            bambini, alta mezzo metro, perche' quelli che

            usano la piscina grande non possono essere

            disturbati da un grasso imbranato col
            salvagente

            che e' un pericolo per se' e per gli

            altri.

            ottimo hai perso un cliente.No, ho perso una rogna.Quindi ci ho guadagnato sia in termini di salute che di fatturato, senza contare la maggior soddisfazione degli altri bagnanti.
          • Pietro scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Pietro



            No. Se non vuole nuotare non gli do'
            nessun


            salvagente, ma lo mando nella
            piscinetta
            dei


            bambini, alta mezzo metro, perche'
            quelli
            che


            usano la piscina grande non possono
            essere


            disturbati da un grasso imbranato col

            salvagente


            che e' un pericolo per se' e per gli


            altri.



            ottimo hai perso un cliente.

            No, ho perso una rogna.
            Quindi ci ho guadagnato sia in termini di salute
            che di fatturato, senza contare la maggior
            soddisfazione degli altri
            bagnanti.forse ti sfugge un dettaglio ma la metafora partiva dal vendere uno smartphone semplificato o uno smartphone con la complessità di un PCIl cliente una volta comperato lo smartphone se ne va e basta non rimane lì a farti fare programmi o configurazioni.E una volta perso è uno smartphone venduto in meno.
          • panda rossa scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            forse ti sfugge un dettaglio ma la metafora
            partiva dal vendere uno smartphone semplificato o
            uno smartphone con la complessità di un
            PCForse a te sfugge che l'esigenza di vendere uno smartphone non e' una esigenza tecnica, ma commerciale.L'importante per chi vende e' vendere, non certo preoccuparsi dei danni che fa chi compra.
            Il cliente una volta comperato lo smartphone se
            ne va e basta non rimane lì a farti fare
            programmi o configurazioni.Quindi non aveva bisogno di un device configurabile, ma di un semplice telefono da 30 euro.
            E una volta perso è uno smartphone venduto in
            meno.Ma e' un idiota in meno con in mano uno strumento che non sa usare.Per fortuna che tu non vendi seghe elettriche...
          • Pietro scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Pietro


            forse ti sfugge un dettaglio ma la metafora

            partiva dal vendere uno smartphone
            semplificato
            o

            uno smartphone con la complessità di un

            PC

            Forse a te sfugge che l'esigenza di vendere uno
            smartphone non e' una esigenza tecnica, ma
            commerciale.
            L'importante per chi vende e' vendere, non certo
            preoccuparsi dei danni che fa chi
            compra.


            Il cliente una volta comperato lo smartphone
            se

            ne va e basta non rimane lì a farti fare

            programmi o configurazioni.

            Quindi non aveva bisogno di un device
            configurabile, ma di un semplice telefono da 30
            euro.


            E una volta perso è uno smartphone venduto in

            meno.

            Ma e' un idiota in meno con in mano uno strumento
            che non sa
            usare.
            Per fortuna che tu non vendi seghe elettriche...per fortuna non sei al dipartimento marketing della Samsung
          • panda rossa scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Pietro




            forse ti sfugge un dettaglio ma la
            metafora


            partiva dal vendere uno smartphone

            semplificato

            o


            uno smartphone con la complessità di un


            PC



            Forse a te sfugge che l'esigenza di vendere
            uno

            smartphone non e' una esigenza tecnica, ma

            commerciale.

            L'importante per chi vende e' vendere, non
            certo

            preoccuparsi dei danni che fa chi

            compra.




            Il cliente una volta comperato lo
            smartphone

            se


            ne va e basta non rimane lì a farti fare


            programmi o configurazioni.



            Quindi non aveva bisogno di un device

            configurabile, ma di un semplice telefono da
            30

            euro.




            E una volta perso è uno smartphone
            venduto
            in


            meno.



            Ma e' un idiota in meno con in mano uno
            strumento

            che non sa

            usare.

            Per fortuna che tu non vendi seghe
            elettriche...

            per fortuna non sei al dipartimento marketing
            della
            SamsungIo scrivo software, non vendo pentole.
          • Etype scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            va bè..Come va beh ? Non lo stai istruendo ma credi di proteggerlo per sempre solo con un recinto !
            confondi i figli con i clientiNo,non vuoi ammettere che la seconda opzione sia migliore e più sensata della prima,pazienza...
        • sentinel scrive:
          Re: Diffidare del software a pagamento
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: Pietro

          - Scritto da: panda rossa


          C'e' solo una cosa da dire a quelli che
          hanno


          pagato per questa roba: ben vi


          sta!





          Il software e' come il sesso: e'
          migliore

          quando


          e'


          gratis.

          Qui non é come con i computer dove si
          richede
          a

          chi li usa un minimo di competenze, qui si
          sta

          parlando di telefoni in mano al 99 % delle

          persone persone che comperando un programma
          su

          play store si sentono almeno psicologicamente

          garantiti da chi ha messo in piedi tutta la

          baracca

          Guarda ciccio che il telefono per quelli che non
          hanno competenze e'
          questo.
          [img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons

          Se poi tu sei uno di quelli che si e' bevuta la
          fesseria che lo smartphone non necessita
          competenze, sono tutti cavoli
          tuoi.

          Uno smartphone e' un computer.
          Un computer non ammette ignoranza.
          L'ignoranza si paga.MEGA QUOTONE UNIVERSALE GLOBALE!!!!!!!!!!
      • Pietro scrive:
        Re: Diffidare del software a pagamento
        - Scritto da: Etype..
        Con il tuo ragionamento anche un utente che si
        trova davanti ad una pagine web che recita "Nel
        tuo sistema sono stati rilevati 8 virus e 141
        problemi al registro di sistema,clicca qui per
        risolvere" sono psicologicamente
        garantiti...d'installarsi un bel malware con i
        fiocchi..c'è una piccola differenza un conto è una pagina web qualsiasi un altro è una app scricata da un repository gestito da google, il creatore di android, l'OS del tuo telefono
        • Etype scrive:
          Re: Diffidare del software a pagamento
          - Scritto da: Pietro
          c'è una piccola differenza un conto è una pagina
          web qualsiasiUna pagina web che ricalca in tutto e per tutto il comportamento di un antivirus reale,un utente navigato non ci casca,gli altri invece si...
          un altro è una app scricata da un
          repository gestito da google, il creatore di
          android, l'OS del tuo
          telefonoInfatti google si deve interessare dell'OS,non dei programmi che vi gravitano intorno..se poi ci sono delle segnalazioni e comportamenti sospetti si fanno presenti e sono bene accetti e quindi li si eliminano dal "mercato".Lo store di google è più libero dei concorrenti e meno stringente sulle applicazioni,vuoi che si faccia carico di ogni singola app che viene pubblicata ?Ti ricordo che su Windows ho la libertà/possibilità di scaricare quello che voglio,Microsoft giustamente non si prende nessuna responsabilità di quello che fa un utente,quindi come posso scaricarmi un software utile come posso scaricarmi un malware,la responsabilità è mia....Microsoft non ti dice "Questo non lo puoi scaricare perchè è un malware"..
          • Pietro scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Etype
            - Scritto da: Pietro

            c'è una piccola differenza un conto è una pagina

            web qualsiasi

            Una pagina web che ricalca in tutto e per tutto
            il comportamento di un antivirus reale,un utente
            navigato non ci casca,gli altri invece
            si...un antivirus lo installi tu da un programma che tu hai scaricato e quindi non centra niente con una pagina web

            un altro è una app scricata da un

            repository gestito da google, il creatore di

            android, l'OS del tuo

            telefono

            Infatti google si deve interessare dell'OS,non
            dei programmi che vi gravitano intorno..se poi ci
            sono delle segnalazioni e comportamenti sospetti
            si fanno presenti e sono bene accetti e quindi li
            si eliminano dal
            "mercato".
            Lo store di google è più libero dei concorrenti e
            meno stringente sulle applicazioni,vuoi che si
            faccia carico di ogni singola app che viene
            pubblicata
            ? mi sembra il minimo se gestisce lei lo store
            Ti ricordo che su Windows ho la
            libertà/possibilità di scaricare quello che
            voglio,Microsoft giustamente non si prende
            nessuna responsabilità di quello che fa un
            utente,quindi come posso scaricarmi un software
            utile come posso scaricarmi un malware,la
            responsabilità è
            mia....se lo prendi in giro per la rete certo ma se lo scarichi dallo store di Microsoft..
            Microsoft non ti dice "Questo non lo puoi
            scaricare perchè è un
            malware"..apple con iOS lo fa
          • Etype scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            un antivirus lo installi tu da un programma che
            tu hai scaricato e quindi non centra niente con
            una pagina
            webvallo a dire a chi ci è cascato,con avvisi anche del tutto identici a quelli che da windows...
            mi sembra il minimo se gestisce lei lo storeLo store equivale ad uno spazio dove esponi la tua merce,vogliamo vedere se tutti fanno test per sostanze tossiche,radioattività,ecc ?
            se lo prendi in giro per la rete certo ma se lo
            scarichi dallo store di
            Microsoft..Quale store di Microsoft per Windows ?
            apple con iOS lo faPerchè vi serve una balia ? te lo sei mai chiesto ?
          • Pietro scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Etype
            - Scritto da: Pietro

            un antivirus lo installi tu da un programma
            che

            tu hai scaricato e quindi non centra niente
            con

            una pagina

            web

            vallo a dire a chi ci è cascato,con avvisi anche
            del tutto identici a quelli che da
            windows...


            mi sembra il minimo se gestisce lei lo store

            Lo store equivale ad uno spazio dove esponi la
            tua merce,vogliamo vedere se tutti fanno test per
            sostanze tossiche,radioattività,ecc
            ?non saprei ma a livello legale credo che uno sia responsabile di quello che vende

            se lo prendi in giro per la rete certo ma se
            lo

            scarichi dallo store di

            Microsoft..

            Quale store di Microsoft per Windows ?
            non mi sono spiegato bene: se esistesse uno store Microsoft, Microsoft dovrebbe dare delle garanzie

            apple con iOS lo fa

            Perchè vi serve una balia ? te lo sei mai chiesto
            ?è un servizio ed è molto apprezzato dagli utenti che hanno altro da fare che analizzare su internet se un tal prodotto è sicuro o è un malware.Il tempo è denaro
          • krane scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            - Scritto da: Etype

            - Scritto da: Pietro


            un antivirus lo installi tu


            da un programma che tu hai


            scaricato e quindi non centra


            niente con una pagina web

            vallo a dire a chi ci è

            cascato, con avvisi anche

            del tutto identici a quelli

            che da windows...


            mi sembra il minimo se gestisce lei lo
            store



            Lo store equivale ad uno spazio dove esponi
            la

            tua merce,vogliamo vedere se tutti fanno
            test
            per

            sostanze tossiche,radioattività,ecc

            ?

            non saprei ma a livello legale credo che uno sia
            responsabile di quello che vendeC'e' l'EULA baby.


            se lo prendi in giro per la rete certo
            ma
            se

            lo


            scarichi dallo store di


            Microsoft..



            Quale store di Microsoft per Windows ?



            non mi sono spiegato bene: se esistesse uno store
            Microsoft, Microsoft dovrebbe dare delle
            garanzieMa infatti esiste, non hai provato windows 8 ??C'e' lo store ma non credo proprio dia nessuna garanzia, proprio come gli altri.


            apple con iOS lo fa



            Perchè vi serve una balia ? te lo sei mai
            chiesto

            ?
            è un servizio ed è molto apprezzato dagli utenti
            che hanno altro da fare che analizzare su
            internet se un tal prodotto è sicuro o è un
            malware.
            Il tempo è denaroInfatti con linux uso i repository da una vita.
          • Pietro scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Pietro

            - Scritto da: Etype


            - Scritto da: Pietro



            un antivirus lo installi tu



            da un programma che tu hai



            scaricato e quindi non centra



            niente con una pagina web



            vallo a dire a chi ci è


            cascato, con avvisi anche


            del tutto identici a quelli


            che da windows...




            mi sembra il minimo se gestisce
            lei
            lo

            store





            Lo store equivale ad uno spazio dove
            esponi

            la


            tua merce,vogliamo vedere se tutti fanno

            test

            per


            sostanze tossiche,radioattività,ecc


            ?



            non saprei ma a livello legale credo che uno
            sia

            responsabile di quello che vende

            C'e' l'EULA baby.




            se lo prendi in giro per la rete
            certo

            ma

            se


            lo



            scarichi dallo store di



            Microsoft..





            Quale store di Microsoft per Windows ?






            non mi sono spiegato bene: se esistesse uno
            store

            Microsoft, Microsoft dovrebbe dare delle

            garanzie

            Ma infatti esiste, non hai provato windows 8 ??
            C'e' lo store ma non credo proprio dia nessuna
            garanzia, proprio come gli
            altri.non è vero ti da la garanzia che quello che stai comperando è proprio windows8 e non qualcosa che fa altro,poi il fatto che l'eula scarichi da Microsoft la responsabilita di eventuali danni prodotti da windows8 è un altro paio di maniche
          • krane scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            - Scritto da: krane

            C'e' lo store ma non credo proprio

            dia nessuna garanzia, proprio come

            gli altri.
            non è vero ti da la garanzia che quello
            che stai comperando è proprio windows8 Non il negozio online di microsoft dal quale puoi comprare windows 8 !!!Io parlo dello store: http://windows.microsoft.com/en-us/windows-8/apps#Cat=t1Tu non sai cosa sia lo store di windows 8, hai gia' visto windows 8 ?
            e non qualcosa che fa altro, poi il
            fatto che l'eula scarichi da Microsoft
            la responsabilita di eventuali danni
            prodotti da windows8 è un altro paio
            di manicheNon solo danni prodotti da windows8, ma anche da applicazioni terze che scarichi dallo store, che so il videogioco Halo !
          • Pietro scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Pietro

            - Scritto da: krane



            C'e' lo store ma non credo proprio


            dia nessuna garanzia, proprio come


            gli altri.


            non è vero ti da la garanzia che quello

            che stai comperando è proprio windows8

            Non il negozio online di microsoft dal quale puoi
            comprare windows 8
            !!!

            Io parlo dello store:
            http://windows.microsoft.com/en-us/windows-8/apps#perchè in quello compri un prodotto e corri il rischio che te ne diano un altro?
            Tu non sai cosa sia lo store di windows 8, hai
            gia' visto windows 8
            ? non uso windows.

            e non qualcosa che fa altro, poi il

            fatto che l'eula scarichi da Microsoft

            la responsabilita di eventuali danni

            prodotti da windows8 è un altro paio

            di maniche

            Non solo danni prodotti da windows8, ma anche da
            applicazioni terze che scarichi dallo store, che
            so il videogioco Halo
            !certo se mi vendi un programma normale per un uso normale ma se nel programma c'è un virus nascosto che mi distrugge l'Hard disk?
          • panda rossa scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            certo se mi vendi un programma normale per un uso
            normale ma se nel programma c'è un virus nascosto
            che mi distrugge l'Hard
            disk?E se la bottiglia di vino che hai comprato al supermercato contiene metanolo e finisci all'ospedale?
          • Pietro scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Pietro


            certo se mi vendi un programma normale per
            un
            uso

            normale ma se nel programma c'è un virus
            nascosto

            che mi distrugge l'Hard

            disk?

            E se la bottiglia di vino che hai comprato al
            supermercato contiene metanolo e finisci
            all'ospedale?pensi che al supermercato non succeda nulla?il cliente finale si rivale sul supermercato, poi lui a sua volta sul produttore.
          • krane scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro

            E se la bottiglia di vino che hai comprato al

            supermercato contiene metanolo e finisci

            all'ospedale
            pensi che al supermercato non succeda nulla?
            il cliente finale si rivale sul supermercato, poi
            lui a sua volta sul produttore.E cosa succederebbe al supermercato una volta che ha dimostrato di aver acquistato il vino da tizio X ?
          • panda rossa scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Pietro




            certo se mi vendi un programma normale
            per

            un

            uso


            normale ma se nel programma c'è un virus

            nascosto


            che mi distrugge l'Hard


            disk?



            E se la bottiglia di vino che hai comprato al

            supermercato contiene metanolo e finisci

            all'ospedale?
            pensi che al supermercato non succeda nulla?Se l'etichetta del vino dice "prodotto esclusivo per il supermercato" allora qualcosa succede.Ma se l'etichetta dice "vino pinco pallo", i nas vanno di corsa a casa di pinco pallo, e il supermercato al massimo toglie i prodotti pinco pallo dagli scaffali.
            il cliente finale si rivale sul supermercato, poi
            lui a sua volta sul
            produttore.Il cliente finale si rivale sul produttore.Al massimo lo fa tramite il supermercato.Se vuoi smentirmi non devi fare altro che postare link a qualche supermercato che ha avuto rogne per un prodotto altrui che vendeva.
          • krane scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Pietro


            - Scritto da: krane



            C'e' lo store ma non credo proprio



            dia nessuna garanzia, proprio come



            gli altri.


            non è vero ti da la garanzia che quello


            che stai comperando è proprio windows8

            Non il negozio online di microsoft dal

            quale puoi comprare windows 8 !!!

            Io parlo dello store:
            http://windows.microsoft.com/en-us/windows-8/apps#
            perchè in quello compri un prodotto e corri il
            rischio che te ne diano un altro?Al momento sullo store microsoft ci sono 4 prodotti in croce quindi e' piuttosto improbabile; ma visto che a tutti gli altri store e' accaduto che comparisse software malizioso non vedo perche non dovrebbe accadere anche a questo.Al crescere del software presente aumenteranno le probabilita' che qualcosa sfugga, matematico.

            Tu non sai cosa sia lo store di

            windows 8, hai gia' visto windows 8 ?
            non uso windows.Fai bene, io un po' al lavoro e lo tengo in 2' partizione giusto per 3 dico 3 giochi.


            e non qualcosa che fa altro, poi il


            fatto che l'eula scarichi da Microsoft


            la responsabilita di eventuali danni


            prodotti da windows8 è un altro paio


            di maniche

            Non solo danni prodotti da windows8, ma

            anche da applicazioni terze che scarichi

            dallo store, che so il videogioco Halo !
            certo se mi vendi un programma normale per un
            uso normale ma se nel programma c'è un virus
            nascosto che mi distrugge l'Hard disk?All'atto dello scaricament odel programma ti fa flaggare di aver letto e firmato l'EULA che mette al riparo lo store da qualsiasi problema al tuo pc.
          • Etype scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            non saprei ma a livello legale credo che uno sia
            responsabile di quello che
            vendeLascia perdere a livello legale perchè nella pratica finchè non vieni scoperto puoi vedendere anche amianto mescolato ad altre sostanze...
            non mi sono spiegato bene: se esistesse uno store
            Microsoft, Microsoft dovrebbe dare delle
            garanzieIo ti parlo della realtà di oggi,puoi scaricare da qualsiasi parte del mondo...anche programmi gratuiti di Ms ma hostati su altri server,non hai mai nessuna garanzia...
            è un servizio ed è molto apprezzato dagli utenti
            che hanno altro da fare che analizzare su
            internet se un tal prodotto è sicuro o è un
            malware.E' un servizio per principianti,ed infatti all'infuori di quello l'utente non ha la più pallida idea di cosa fare e non avrai mai la garanzia che qualcosa non passi prima o poi....
            Il tempo è denaroil denaro non ti darà il tempo....
          • Pietro scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            ..

            Il tempo è denaro

            il denaro non ti darà il tempo....ma ti dà la possibilità di usare meglio quel poco che hai.
          • panda rossa scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            ..


            Il tempo è denaro



            il denaro non ti darà il tempo....

            ma ti dà la possibilità di usare meglio quel
            poco che
            hai.No.
          • krane scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            ..


            Il tempo è denaro

            il denaro non ti darà il tempo....
            ma ti dà la possibilità di usare meglio
            quel poco che hai.Che poi sprechi confondendo un marchet interno al SO con un negozio da ui comprare il SO (rotfl)
          • Etype scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            Falso anche questo,tu preferisci pagare per non sapere e non essere informato...
          • Pietro scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Etype
            Falso anche questo,tu preferisci pagare per non
            sapere e non essere
            informato...ognuno si informa per le cose che lo interessano per le altre delega qualcuno di cui si fida.Non ci si può interessare di tutto.
          • panda rossa scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            - Scritto da: Etype

            Falso anche questo,tu preferisci pagare per
            non

            sapere e non essere

            informato...
            ognuno si informa per le cose che lo interessano
            per le altre delega qualcuno di cui si
            fida.
            Non ci si può interessare di tutto.Benissimo, molto encomiabile.Se non per il trascurabile particolare che tu invece di riporre la tua fiducia in tecnici esperti di settore che non hanno alcun interesse commerciale e quindi ti esprimono un parere disinteressato, vai a riporre la tua fiducia nel venditore di pentole che cerca di venderti quelle pentole.E quando ti si viene a dire "non fidarti di quello che racconta balle", tu ti offendi.E allora arrangiati!
          • Pietro scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Pietro

            - Scritto da: Etype


            Falso anche questo,tu preferisci pagare
            per

            non


            sapere e non essere


            informato...

            ognuno si informa per le cose che lo
            interessano

            per le altre delega qualcuno di cui si

            fida.

            Non ci si può interessare di tutto.

            Benissimo, molto encomiabile.

            Se non per il trascurabile particolare che tu
            invece di riporre la tua fiducia in tecnici
            esperti di settore che non hanno alcun interesse
            commerciale e quindi ti esprimono un parere
            disinteressato, vai a riporre la tua fiducia nel
            venditore di pentole che cerca di venderti quelle
            pentole.qui non è un problema di consulenti esperti ma di un servizio che viene offerto. Nessun consulente può offrire quel servizio, posso solo sceglire una società che me lo dà o una che non me lo dà.
          • panda rossa scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Pietro


            - Scritto da: Etype



            Falso anche questo,tu preferisci
            pagare

            per


            non



            sapere e non essere



            informato...


            ognuno si informa per le cose che lo

            interessano


            per le altre delega qualcuno di cui si


            fida.


            Non ci si può interessare di tutto.



            Benissimo, molto encomiabile.



            Se non per il trascurabile particolare che tu

            invece di riporre la tua fiducia in tecnici

            esperti di settore che non hanno alcun
            interesse

            commerciale e quindi ti esprimono un parere

            disinteressato, vai a riporre la tua fiducia
            nel

            venditore di pentole che cerca di venderti
            quelle

            pentole.

            qui non è un problema di consulenti esperti ma di
            un servizio che viene offerto. Nessun consulente
            può offrire quel servizio, posso solo sceglire
            una società che me lo dà o una che non me lo
            dà.La soluzione al tuo problema e' chiaramente sintetizzata nel titolo del thread: "Diffidare del software a pagamento."Tu puoi scegliere se seguire il consiglio o farti XXXXXXX il denaro.Ma se scegli la seconda, non venire qui a cercare di giustificarti.
          • Etype scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            qui non è un problema di consulenti esperti ma di
            un servizio che viene offerto.Il punto è che devi ragionare con la tua testa e non affidarti ciecamente ai servizi.
            Nessun consulente
            può offrire quel servizio, posso solo sceglire
            una società che me lo dà o una che non me lo
            dà.Potresti scegliere di ragionare con la tua testa,invece....
          • Etype scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            ognuno si informa per le cose che lo interessano
            per le altre delega qualcuno di cui si
            fida.
            Non ci si può interessare di tutto.Invece dovrebbe interessarti dato che quel device lo usi tu,il fatto che deleghi su una cosa così basilare non è una buona cosa,nessuno delegato farà i tuoi di interessi,credo che la politica che ci troviamo oggi sia un bell'esempio...
          • panda rossa scrive:
            Re: Diffidare del software a pagamento
            - Scritto da: Pietro
            - Scritto da: Etype

            - Scritto da: Pietro


            c'è una piccola differenza un conto è
            una
            pagina


            web qualsiasi



            Una pagina web che ricalca in tutto e per
            tutto

            il comportamento di un antivirus reale,un
            utente

            navigato non ci casca,gli altri invece

            si...

            un antivirus lo installi tu da un programma che
            tu hai scaricato e quindi non centra niente con
            una pagina
            webTi svelero' un segreto, se mi prometti di non dirlo a nessuno.Sia il browser sia l'antivirus comunicano con l'utente mediante apertura di finestre sullo schermo.Chiamale popup, chiamale riquadri, chiamale come ti pare, ma sono rettangoli (o altre forme) che appaiono all'improvviso, ti scrivono qualcosa che nessuno legge, e poi ti dicono di cliccare (o toccare) qui.Ci siamo fin qui? E' tutto chiaro? Un bel respiro e andiamo avanti.Ad un certo punto, mentre stai navigando con una mano sola su youporn, ti compare una di queste finestrelle che ti dice "Hey! Sono il tuo antivirus. Ho appena scoperto una cosa strana, clicca qua che ci penso io."E qui arriviamo al punto.Io, e molti come me qua dentro, capiscono al volo che quello non e' l'antivirus, e si comportano in un certo modo.Tu, e molti altri come te qua dentro, ci cascano come allocchi perche' hanno una innata certezza che "un antivirus non e' come una pagina web".


            un altro è una app scricata da un


            repository gestito da google, il
            creatore
            di


            android, l'OS del tuo


            telefono



            Infatti google si deve interessare
            dell'OS,non

            dei programmi che vi gravitano intorno..se
            poi
            ci

            sono delle segnalazioni e comportamenti
            sospetti

            si fanno presenti e sono bene accetti e
            quindi
            li

            si eliminano dal

            "mercato".

            Lo store di google è più libero dei
            concorrenti
            e

            meno stringente sulle applicazioni,vuoi che
            si

            faccia carico di ogni singola app che viene

            pubblicata

            ?
            mi sembra il minimo se gestisce lei lo storeIn base a quali criteri dovrebbe gestirlo?Non ci mette malware perche' non va bene.Non ci mette XXXXX perche' non va bene.Non ci mette games di guerra perche' non va bene.Non ci mette cose antireligiose perche' non va bene.E tu ti inginocchi e subisci le decisioni altrui.

            Ti ricordo che su Windows ho la

            libertà/possibilità di scaricare quello che

            voglio,Microsoft giustamente non si prende

            nessuna responsabilità di quello che fa un

            utente,quindi come posso scaricarmi un
            software

            utile come posso scaricarmi un malware,la

            responsabilità è

            mia....

            se lo prendi in giro per la rete certo ma se lo
            scarichi dallo store di
            Microsoft..Vedi sopra.Chi decide le regole per cui qualcosa puo' stare nello store e qualcosa no?Ricordi l'indice dei libri proibiti?Torniamo al medioevo?

            Microsoft non ti dice "Questo non lo puoi

            scaricare perchè è un

            malware"..

            apple con iOS lo faE infatti quella e' una confraternita di servi accomunati dall'ignoranza.Vuoi vantarti di farne parte?
    • 2014 scrive:
      Re: Diffidare del software a pagamento
      - Scritto da: panda rossa
      C'e' solo una cosa da dire a quelli che hanno
      pagato per questa roba: ben vi
      sta!

      Il software e' come il sesso: e' migliore quando
      e'
      gratis.Per questo sei ancora fermo alla mano destra? :D
    • 2014 scrive:
      Re: Diffidare del software a pagamento
      - Scritto da: panda rossa
      C'e' solo una cosa da dire a quelli che hanno
      pagato per questa roba: ben vi
      sta!

      Il software e' come il sesso: e' migliore quando
      e'
      gratis.E come sempre hai quello che paghi: a novanta prego :D
    • 123456789 scrive:
      Re: Diffidare del software a pagamento
      - Scritto da: panda rossa
      Il software e' come il sessoNo.
Chiudi i commenti