PI Test/ Microsoft HoloLens

I prodigiosi visori di Redmond riusciranno a modificare la prospettiva della nostra vita? Li abbiamo provati per dare uno sguardo al futuro

Preso da eccitazione, Florian Haspinger, inizia a muoversi attorno a un tavolo vuoto, come se vi percepisse un “qualcosa” sopra. Le altre persone presenti nella stanza non vedono altro che un semplice mobile, ma davanti agli occhi del fondatore della startup Holo Light sul tavolo si sta formando l’intero sistema solare. La visione di questa realtà virtuale nell’ambiente circostante è resa possibile dagli HoloLens di Microsoft, indossati da Haspinger.


Florian Haspinger (25 anni), laurea in fisica, dopo essersi entusiasmato per gli HoloLens e per la realtà aumentata ha fondato la Holo Light. Startup tedesca, composta da nove persone, che progetta software, app e giochi per gli Hololens

Questi “occhiali cibernetici” sono in grado di creare ologrammi, proiettare contenuti multimediali e informazioni nel proprio campo visivo. Chi li indossa non si immerge completamente nella realtà virtuale (VR), ma vive una realtà aumentata, come avviene a Terminator nell’omonimo film di fantascienza, dove attraverso l’Augmented Reality (AR) riceveva informazioni sull’ambiente circostante.


Gli occhiali AR consentono di trasformare l’abitazione in un campo di battaglia. In RoboRaid, i gamer simulano di ridurre tutto in cenere con il laser e anche i compagni di gioco non saranno al sicuro. Ecco un esempio di ciò che si vede con gli HoloLens (foto in alto) e di cosa invece avviene nella realtà (foto in basso)

Florian Haspinger non sta però lavorando per conquistare il dominio mondiale sui robot, ma sta progettando possibili applicazioni per gli occhiali Microsoft. Haspinger è infatti uno dei primi esperti in Europa ad aver posseduto gli HoloLens ed è convinto che “questi occhiali rivoluzioneranno il futuro”. Come ciò potrà avvenire? Per scoprirlo abbiamo provato uno dei costosi prototipi da 3.000 dollari .


Gli occhiali AR rivoluzioneranno lo shopping online? Attraverso gli HoloLens il cliente potrebbe provarsi l’abito davanti allo specchio virtuale o configurare la propria dream car sul tavolo della sala da pranzo. Se tutto sarà di suo gradimento, potrà ordinare “l’oggetto del desiderio” attraverso gli occhiali con un semplice movimento delle dita

Senza necessità di cavi e PC
Chi indossa gli occhiali potrà godere di visioni bidimensionali o tridimensionali. A seconda dell’applicazione potrà trattarsi di un robot aggressivo, di un auto nuovissima o anche del sistema solare.


Grazie ad app in 3D sviluppate per gli HoloLens gli studenti potranno dare un’occhiata alla Terra da tutti i punti del globo, eseguendo ingrandimenti a piacere. In questo modo, la geografia potrebbe diventare la materia preferita

A differenza dei tradizionali occhiali VR già disponibili gli HoloLens non necessitano di cavi da collegare a un potente computer, poiché tutta la tecnologia è racchiusa nella “compatta” intelaiatura. “Compatta” poiché i suoi 580 grammi non rendono gli HoloLens un peso piuma, ma grazie alla fascetta extra l’elevato peso si distribuisce uniformemente potendoli così indossare per lunghe esplorazioni nel mondo della realtà aumentata. Dopo due o tre ore, però, bisogna dire basta a questa “ricognizione”, poiché la batteria necessita di essere ricaricata.


Realtà aumentata liberi da cavi
Sulla fronte, nella montatura del visore, trova posto un mini PC che invia i contenuti AR a due piccoli display i quali provvedono a trasferire l’immagine a quattro lenti che a loro volta la proiettano su entrambi gli occhi. Si spera che questa struttura compatta possa essere introdotta anche per gli occhiali VR. Senza il “cordone ombelicale” con il PC e altri grovigli di cavi, l’esperienza sarebbe decisamente più coinvolgente e i limiti tra realtà e illusione nel campo visivo scomparirebbero velocemente.
Florian Haspinger, nel frattempo, ha acquisito estrema dimestichezza con tutti i dettagli degli occhiali Microsoft, “ma per comprendere a fondo il loro funzionamento, è necessario avere una laurea in fisica”, precisa Florian, esperto fisico. In parte, la tecnologia sfrutta i brevetti degli smartphone Nokia, il cui settore è stato acquisito da Microsoft cinque anni fa.

I video conquistano la parete
Il fatto che gli HoloLens siano basati su Windows 10 procura chiari vantaggi: “Se le app girano senza problemi su questo sistema operativo, allora funzioneranno anche con gli occhiali”, spiega Haspinger. L’effetto comunque non sarà quello di un’immagine complessa in 3D, ma l’illusione sarà quella di un poster attaccato alla parete.


Gli HoloLens sono in grado di riprodurre numerose app Windows in modalità bidimensionale, tra cui il browser Edge. Sarà possibile proiettare video di YouTube e serie TV di Netflix in formato XXL. L’immagine verrà fissata sulla parete dal sistema e rimarrà nel punto desiderato anche muovendo velocemente la testa

Già nel primo test pratico si è evidenziato l’enorme potenziale degli HoloLens. Se l’utente guarda, ad esempio, un video di YouTube e desidera ingrandirlo, potrà farlo con semplici movimenti della testa o delle dita e lo spettatore avrà l’impressione di vedere un video su un grande schermo. Dopo avere fissato con lo sguardo l’immagine, quest’ultima rimarrà così, anche eseguendo veloci movimenti con la testa.
Per il momento le possibilità di comando e gestione degli occhiali sono modeste: oltre a un clic virtuale sul lato destro del visore, che nell’esempio ingrandisce l’immagine, si potrà ricorrere soltanto a un movimento della mano per scorrere il menu, confermando l’azione con un movimento della testa.

Occhiali High-End con punti deboli
Altro punto debole della versione prototipo è il limitato campo visivo, corrispondente al display di un televisore da 55 pollici osservato alla distanza di 2 metri. Quando gli HoloLens usciranno sul mercato di massa, necessiteranno senz’altro di una superficie di proiezione più grande per esaltare la realtà aumentata.
Sarà necessario abituarsi a vedere anche a colori un po’ spenti nonché oggetti trasparenti, soprattutto in condizioni di luce ambientale intensa. Inoltre, alcuni utenti percepiscono fastidiosi effetti arcobaleno, generati da movimenti veloci della testa.
Attualmente la qualità di riproduzione è impeccabile, grazie ai due display Full-HD che consentono un’immagine nitida. L’elevata densità di 40 pixel per pollice, identica a quella di un televisore HD da 55 pollici, fa sì che non siano visibili retinature o singoli pixel.

Ancora prematuri per il mercato
Sia che gli occhiali vengano usati per divertimento, utilizzati come occhio supplementare in medicina o che trovino impiego nell’abitacolo virtuale di una connected car , gli HoloLens offrono enormi potenzialità. Le App testate sono già in grado di funzionare in modo prevalentemente fluido, con una frequenza di 60 fotogrammi al secondo senza provocare quindi sensi di nausea.
Ci sarà da percorrere ancora molta strada prima che gli occhiali siano maturi per il mercato. Non appena Microsoft riuscirà ad offrire un modello più leggero, con un campo di visuale più ampio e ad un prezzo accessibile, gli HoloLens potranno veramente entrare a fare parte del futuro.

VR e AR, la differenza c’è e si vede
Parlando di trend previsti per il futuro, la Virtual Reality (VR – Realtà Virtuale) e la Augmented Reality (AR – Realtà Aumentata) vengono messe sullo stesso piano, sebbene le tecnologie siano totalmente diverse. L’enorme differenza riguarda la percezione ottenuta dall’utente.

Con gli occhiali VR si immerge completamente in un mondo virtuale digitalizzato, ottico e acustico, tangibile a 360 gradi. In questa situazione è completamente isolato dal mondo esterno reale.


Gli occhiali VR creano l’illusione di farvi entrare completamente in un altro mondo, ad esempio in montagna

Attraverso la Augmented Reality (Realtà Aumentata), invece, l’utente continua a percepire la realtà, che viene ampliata con contenuti virtuali attraverso occhiali computerizzati. Le immagini potranno riguardare oggetti 3D su un tavolo o informazioni.


Castelli sul tavolo del salotto e alberi sul divano? I giochi si rivelano ideali per l’AR

All’altezza della fronte, gli HoloLens presentano un piccolo computer, equipaggiato con un processore Intel Atom con frequenza di clock da 1,04 Gigahertz , 2 GB di RAM e memoria interna da 64 Gigabyte , che consente di paragonarlo a un tablet entry-level. Il software in dotazione sugli HoloLens è basato su Windows 10 ed evita che siano visibili scattosità o ritardi funzionali.


Dietro la visiera in plastica colorata trovano posto quattro lenti . Questi dischetti di vetro di colore blu, rosso e verde, riproducono i colori base, mentre il quarto mostra le tonalità di grigio. Guardando attraverso il vetro degli occhiali sarà possibile vedere l’intera gamma di colori. Per fare comparire nel campo visivo un ologramma, due minuscoli display Full-HD trasferiscono alle lenti i contenuti dell’immagine. In questo modo l’immagine appare nitida, il campo visivo risulta piuttosto ridotto, ma i colori dovrebbero rimanere intensi.


Gli HoloLens sono in grado di rilevare la posizione dell’utente e i suoi movimenti in modo talmente rapido che non dovrebbero verificarsi ritardi nella risposta. Tutto questo è reso possibile dai sensori di posizione simili a quelli sugli smartphone e, in particolare, da cinque fotocamere. La fotocamera frontale provvede a misurare lo spazio della stanza, rilevando così l’eventuale profondità dell’immagine. Le quattro fotocamere esterne filmano l’ambiente circostante e aiutano l’utente a orientarsi nel locale. Una fotocamera da 2 Megapixel provvede a trasferire il segnale in tempo reale al computer o a registrarlo.


L’utente, tramite la rotellina posta sul retro del sostegno per la testa, potrà adattare gli HoloLens alla forma della propria testa. Una fascetta extra consente di stringere ulteriormente gli occhiali, per farli aderire meglio. Tutto questo è importante, poiché un posizionamento scorretto riduce sensibilmente l’area dell’immagine.


Entrambi gli speaker sono collocati sopra le orecchie. Poiché gli speaker sono di tipo aperto e rivolti verso il basso, a seconda della posizione, sarà possibile ottenere una resa acustica di tipo stereofonico e un suono di qualità, che potenzierà l’effetto della realtà aumentata. Dall’esterno i suoni sono appena udibili.

Dietro agli speaker trovano posto, su entrambi i lati, due minuscole batterie che consentono di utilizzare gli occhiali in modalità wireless per due/tre ore. Con WLAN e Bluetooth attivati, l’autonomia si accorcia. Collegando un battery pack tramite la porta microUSB è possibile aumentare notevolmente l’autonomia di funzionamento.

Sul retro degli occhiali, oltre al pulsante di attivazione, trovano posto altri due tasti su entrambi i lati . Con quelli di sinistra è possibile regolare la luminosità , mentre con quelli di destra il volume . Non è quindi necessario richiamare il menu.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mi pare normale scrive:
    Andiamo bene
    Mentre qui ci divertiamo coi giochini, l'intelligenza artificiale sta sostituendo analisti finanziari, programmatori (per ora solo nei compiti più semplici), traduttori, analisti pubblicitari. Si prevedono oltre 5 milioni di posti di lavoro persi entro il 2020:http://www.reuters.com/article/us-davos-meeting-employment-idUSKCN0UW0NVNell''800 le macchine incominciarono a sostituire gli operai, però c'era la possibilità di spostare la manodopera su professioni tecniche ed intellettuali. Ora che l'intelligenza artificiale incomincia a sostituire i laureati, qualcuno ha la più vaga idea di che fine rischia di fare il nostro sistema economico? L'IA lavora per aziende private, non per "il popolo".Auguri!
    • versiglia scrive:
      Re: Andiamo bene
      - Scritto da: Mi pare normale
      Mentre qui ci divertiamo coi giochini,
      l'intelligenza artificiale sta sostituendo
      analisti finanziari, programmatori (per ora solo
      nei compiti più semplici), traduttori, analisti
      pubblicitari. Si prevedono oltre 5 milioni di
      posti di lavoro persi entro il
      2020:

      http://www.reuters.com/article/us-davos-meeting-em

      Nell''800 le macchine incominciarono a sostituire
      gli operai, però c'era la possibilità di spostare
      la manodopera su professioni tecniche ed
      intellettuali. Ora che l'intelligenza artificiale
      incomincia a sostituire i laureati,
      qualcuno ha la più vaga idea di che fine rischia
      di fare il nostro sistema economico? L'IA lavora
      per aziende private, non per "il
      popolo".
      Auguri!wow quante XXXXXXXte in così poche parole, aspetto con trepidazione il tuo "skynet" :
    • ... scrive:
      Re: Andiamo bene
      - Scritto da: Mi pare normale
      qualcuno ha la più vaga idea di che fine rischia
      di fare il nostro sistema economico?Molti futurologi speculano che la macchine ci sostituiranno in tutti compiti, tranne quelli che richedono talento artistico, lavorando per noi. Mentre la maggior parte della gente se ne starà bella in panciolle a godersi la ricchezza da esse prodotta.
      • Mi pare normale scrive:
        Re: Andiamo bene
        - Scritto da: ...
        - Scritto da: Mi pare normale



        qualcuno ha la più vaga idea di che fine rischia

        di fare il nostro sistema economico?

        Molti futurologi speculano che la macchine ci
        sostituiranno in tutti compiti, tranne quelli che
        richedono talento artistico, lavorando per noi.
        Mentre la maggior parte della gente se ne starà
        bella in panciolle a godersi la ricchezza da esse
        prodotta.Sì auguri, quindi quelli del forum di Davos hanno redatto tale rapporto perchè sono notoriamente grandi amiconi dei lavoratori, e quindi sono interessatissimi ad allarmarli senza motivo,. E le aziende private titolari degli algoritmi di IA, e quindi uniche beneficiarie, naturalmente condivideranno i loro maggiori utili con te, accetteranno unilateralmente di autoriformare i fondamenti del sistema capitalistico, perchè loro sono scemi, tu invece hai capito tutto.
        • ... scrive:
          Re: Andiamo bene
          - Scritto da: Mi pare normale
          Sì auguri, quindi quelli del forum di Davos hanno
          redatto tale rapporto perchè sono notoriamente
          grandi amiconi dei lavoratori, e quindi sono
          interessatissimi ad allarmarli senza motivo,. E
          le aziende private titolari degli algoritmi di
          IA, e quindi uniche beneficiarie, naturalmente
          condivideranno i loro maggiori utili con te,
          accetteranno unilateralmente di autoriformare i
          fondamenti del sistema capitalistico, perchè loro
          sono scemi, tu invece hai capito tutto.Ci sarà ovviamente un periodo di transizione molto duro, in cui molti perderanno il lavoro e s'impoveriranno. Ma il sistema capitalistico non può durare all'infinito, specie in una società dove i robot svolgeranno quasi tutti i lavori.Basta che ti dai una letta alle speculazioni dei vari futurologi a riguardo.
  • prova123 scrive:
    mentre Carmack ha abbandonato
    "la storica azienda" </i
    Carmack ha abbandonato anche l'ultima azienda prima della fine dell'ultimo doom cancellato e reiniziato più volte ed alla fine ed alla fine si è defiliato visto lo scempio che è stato fatto del gioco.Da survival horror l'hanno trasformato in un giococo fps per rimbambini paccioccosi. L'ultimo vero doom è stato il 3 per PC con il DLC "Resurrection of Evil" che tutt'altro che una espansione, ma è la conclusione del gioco.Ho visto le immagini della competizione ... quei giochi senza shaders "CRT" sono semplicemente inguardabili.Comunque sarebbe interessante una sfida con un essere umani che lo hanno completato a livello di difficoltà INCUBO...
    • Sg@bbio scrive:
      Re: mentre Carmack ha abbandonato
      - Scritto da: prova123
      "la storica azienda" </i


      Carmack ha abbandonato anche l'ultima azienda
      prima della fine dell'ultimo doom cancellato e
      reiniziato più volte ed alla fine ed alla fine si
      è defiliato visto lo scempio che è stato fatto
      del
      gioco.
      Da survival horror l'hanno trasformato in un
      giococo fps per rimbambini paccioccosi. L'ultimo
      vero doom è stato il 3 per PC con il DLC
      "Resurrection of Evil" che tutt'altro che una
      espansione, ma è la conclusione del
      gioco.

      Ho visto le immagini della competizione ... quei
      giochi senza shaders "CRT" sono semplicemente
      inguardabili.
      Comunque sarebbe interessante una sfida con un
      essere umani che lo hanno completato a livello di
      difficoltà
      INCUBO...Il nuovo doom è tutt'altro che orrendo, dai.
      • capolavoro scrive:
        Re: mentre Carmack ha abbandonato
        - Scritto da: Sg@bbio
        Il nuovo doom è tutt'altro che orrendo, dai.[yt]f8VlVUlnQvQ[/yt]
      • bubba scrive:
        Re: mentre Carmack ha abbandonato
        - Scritto da: Sg@bbio
        - Scritto da: prova123

        "la storica azienda" </i




        Carmack ha abbandonato anche l'ultima azienda

        prima della fine dell'ultimo doom cancellato e

        reiniziato più volte ed alla fine ed alla fine
        si

        è defiliato visto lo scempio che è stato fatto

        del

        gioco.

        Da survival horror l'hanno trasformato in un

        giococo fps per rimbambini paccioccosi. L'ultimo

        vero doom è stato il 3 per PC con il DLC

        "Resurrection of Evil" che tutt'altro che una

        espansione, ma è la conclusione del

        gioco.



        Ho visto le immagini della competizione ... quei

        giochi senza shaders "CRT" sono semplicemente

        inguardabili.

        Comunque sarebbe interessante una sfida con un

        essere umani che lo hanno completato a livello
        di

        difficoltà

        INCUBO...

        Il nuovo doom è tutt'altro che orrendo, dai.e di una partitella a 7000 fps, che ne dici? :) anche a 500 (dove qualcosa si vede) non e' male. (parlo di vizdoom ovviamente)figata ma ben complessa sta roba, orcalorca :P :)
  • mementomori scrive:
    ma si...
    addestriamo AI che sappiano sparare a figure umane con precisione sempre maggiore.what could possibly go wrong?
    • Italofilo scrive:
      Re: ma si...
      - Scritto da: mementomori
      what could possibly go wrong?Ma basta con queste anglo-tamarrate da terza elementare! Sono ridicole ed assolutamente ingiustificate!Si dice: "Che cosa potrebbe andare storto?"Scrivilo e ripetilo ad alta voce almeno 10 volte, prima di commentare nuovamente.
      • suckit down scrive:
        Re: ma si...
        - Scritto da: dementofilo
        - Scritto da: mementomori


        what could possibly go wrong?

        Ma basta con queste anglo-tamarrate da terza
        elementare! Sono ridicole ed assolutamente
        ingiustificate!

        Si dice: "Che cosa potrebbe andare storto?"
        Scrivilo e ripetilo ad alta voce almeno 10 volte,
        prima di commentare
        nuovamente.ma XXXXXgher
        • bubba scrive:
          Re: ma si...
          - Scritto da: suckit down
          - Scritto da: dementofilo

          - Scritto da: mementomori




          what could possibly go wrong?



          Ma basta con queste anglo-tamarrate da terza

          elementare! Sono ridicole ed assolutamente

          ingiustificate!



          Si dice: "Che cosa potrebbe andare storto?"

          Scrivilo e ripetilo ad alta voce almeno 10
          volte,

          prima di commentare

          nuovamente.

          ma XXXXXgherpurtroppo se non prende le pillole..... :(quando le prende e' pure peggio... a volte.)
          • Mi pare normale scrive:
            Re: ma si...
            - Scritto da: bubba
            purtroppo se non prende le pillole....
            (quando le prende e' pure peggio... a volte.)Che c'è di scandaloso in quello che ha detto? E soprattutto tu che ci fai all'1.42 di venerdì notte su PI? Prendile tu le pillole.
          • bubba scrive:
            Re: ma si...
            - Scritto da: Mi pare normale
            - Scritto da: bubba


            purtroppo se non prende le pillole....

            (quando le prende e' pure peggio... a volte.)

            Che c'è di scandaloso in quello che ha detto? e c'e' bisogno di spiegarlo, socketpuppet? :P molla guano inutile sul gia' precario forum di P.I. ....
            E soprattutto tu che ci fai all'1.42 di venerdì
            notte su PI? Prendile tu le
            pillole.io leggo (e posto) all'orario che mi aggrada. semplice. basta che guardi a ritroso i miei 9000 posts :P...
Chiudi i commenti