Processo telematico, carta per cortesia?

Un nuovo emendamento approvato in Commissione Giustizia sembra aprire la strada al ritorno della carta nel processo telematico, con obblighi relativi alla copia di cortesia. Mentre il Ministero smentisce, si attende il regolamento attuativo

Roma – I nuovi emendamenti approvati con la fiducia dalla Commissione Giustizia della Camera al Disegno di Legge di conversione del DL 83/15 rischiano di innescare un pericoloso passo indietro per il Processo Civile Telematico italiano.

Il Processo Civile Telematico è stato introdotto in Italia nel 2014 , con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale degli ultimi dettagli legali per l’attuazione del nuovo regime: in particolare è costituito dalla possibilità di accedere online al fascicolo processuale, di svolgere le attività di comunicazione telematica con gli uffici giudiziari e di effettuare il pagamento telematico del contributo unificato. Tuttavia burocrazia, arretratezza negli apparati e nelle competenze di alcune parti dell’avvocatura, della magistratura e degli operatori di cancelleria hanno finito per costituire un intralcio alla sua adozione, in particolare limitando la portata della possibilità di interagire in preparazione del processo solo in digitale e cercando di ottenere quantomeno una lenta gradualità prima del passaggio al PCT.

Come spiega per esempio Enrico Consolandi, magistrato responsabile informatico del Tribunale di Milano, “si spinge verso il processo civile telematico e al contempo non si dotano i tribunale delle infrastrutture e del personale necessario per una buona organizzazione. Adesso i magistrati hanno problemi a leggere su schermo tutto il procedimento; anche perché i software al momento sono limitati: per esempio non sono aggiornati per consentire la condivisione degli atti di un processo fallimentare”. Consolandi spiega anche che, paradossalmente, non sempre riescono neanche ad accedere agli atti “perché la firma digitale è scaduta e per aggiornarla la burocrazia richiede settimane”. Per adeguarsi ad una normativa che richiede uno swtich off immediato, insomma, in particolare gli amministrativi dei tribunali chiedono più fondi da investire nei software e l’assunzione di informatici.

La questione, ora, sembra giocarsi oltre che sul necessario adeguamento delle competenze, sulla copia cartacea degli atti del processo che, in forza dell’impiego di formati digitali, diventa per le parti coinvolte teoricamente solo una forma di cortesia, in quanto tale facoltativa. Per questo sarà importante l’interpretazione dell’ emendamento all’art. 19 del DL 83/2015 che interviene specifica che “il Ministro della Giustizia stabilisce misure organizzative per l’acquisizione anche di copia cartacea degli atti depositati con modalità telematica”.

Diversi rappresentanti dell’avvocatura temono che ciò significhi un sostanziale stop al processo di informatizzazione, con il conseguente onere aggiuntivo a carico degli avvocati che si ritroverebbero a dover depositare gli atti sia in formato digitale che in cartaceo .

Da parte sua il Ministero respinge tale interpretazione , spiegando che tale emendamento “non introduce in alcun modo un doppio binario telematico e cartaceo”, ma al contrario ha l’obiettivo di stabilire in maniera rigorosa ed uniforme i casi tassativi in cui è ammessa la copia di cortesia, “ponendo così fine alle prassi distorte di un eccessivo ricorso alla copia di cortesia”.

In attesa che i relativi regolamenti dettaglino la questione permettendo di capire le intenzioni del ministero, l’esperienza spinge gli avvocati a restare sulla difensiva.

D’altra parte, sembrava vanificare lo spirito e la sostanza della riforma del processo telematico già la sentenza con cui la Sezione Fallimentare del Tribunale di Milano presieduta dal Giudice Simonetta Bruno aveva considerato un’aggravante che parte opponente avesse “depositato la memoria conclusiva autorizzata solo in forma telematica, senza la predisposizione delle copie “cortesia” di cui al Protocollo d’Intesa tra il Tribunale di Milano e l’Ordine degli Avvocati di Milano il 26.06.2014, rendendo più gravoso per il Collegio esaminarne le difese”.

Per questo le paure di avvocati, osservatori e associazioni di categoria appaiono molto concrete: convinti che la digitalizzazione permetterebbe anche un notevole risparmio nei costi di gestione della giustizia e conseguentemente la possibilità di riallocare le risorse, temono che un passo indietro sia assolutamente dannoso, sia per i tempi che per i costi dei processi.

Il segretario generale dell’Associazione Nazionale Forense Luigi Pansini è chiaro a riguardo: “In una riforma che dovrebbe migliorare e velocizzare il funzionamento dell’amministrazione giudiziaria – spiega Pansini – incredibilmente si inserisce una norma a favore delle “scartoffie”, mentre il processo dovrebbe viaggiare sulla rete. Approvare la norma sarebbe una resa a chi, all’interno dell’avvocatura, della magistratura, degli operatori di cancelleria, ha opposto resistenze al PCT”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lalla63 scrive:
    per aeroplani ancora peggio
    controllano tanto che non si salga in aereo con armi convenzionali. Ma se un kamikaze usasse un'arma tecnologica (smartphone) e facesse un attacco tramite i sistemi di bordo ?? ..... lo credete impossibile ??http://www.corriere.it/esteri/15_maggio_18/usa-hacker-viola-computer-un-aereo-volo-l-fbi-indaga-39f3fb60-fd33-11e4-b490-15c8b7164398.shtml
  • Francesco scrive:
    Murphy
    Se i costruttori costruissero come i programmatori programmano, basterebbe un picchio per spazzare via la civiltà...
    • capitan farlock scrive:
      Re: Murphy
      era cosise ci fosse stato lo stesso progresso nel settore auto come vi e stato in quello informatico una auto costerebbe 200 euro e farebbe 200 km con un litroma si fermerebbe ogni 5 km !ahah
  • Etype scrive:
    Auto crackata
    "se un computer viene compromesso non muore nessuno, sostiene Grossman, mentre per l'automotive le cose stanno diversamente."Ma dai ? Ci sarà da ridere in futuro,quando i cracker prenderanno di mira non solo Pc e smartphone ma anche auto ,infondo gli stanno dando anche una mano :DBello accedere al sistema di bordo attraverso una radio DAB,ancora più infido del wireless :D
    • Albedo 0,9 scrive:
      Re: Auto crackata
      - Scritto da: Etype
      "se un computer viene compromesso non muore
      nessuno, sostiene Grossman, mentre per
      l'automotive le cose stanno
      diversamente."

      Ma dai ? Ci sarà da ridere in futuro,quando i
      cracker prenderanno di mira non solo Pc e
      smartphone ma anche auto ,infondo gli stanno
      dando anche una mano
      :D

      Bello accedere al sistema di bordo attraverso una
      radio DAB,ancora più infido del wireless
      :DMagari è la buona volta che capiscono che i due sistemi non vanno tenuti connessi tra loro.
      • Etype scrive:
        Re: Auto crackata
        - Scritto da: Albedo 0,9
        Magari è la buona volta che capiscono che i due
        sistemi non vanno tenuti connessi tra
        loro.Oppure continueranno su questa strada perchè magari è la più economica e la più semplice come hanno fatto finora :D
        • Albedo 0,9 scrive:
          Re: Auto crackata
          - Scritto da: Etype
          - Scritto da: Albedo 0,9


          Magari è la buona volta che capiscono che i
          due

          sistemi non vanno tenuti connessi tra

          loro.

          Oppure continueranno su questa strada perchè
          magari è la più economica e la più semplice come
          hanno fatto finora
          :DSi è visto... 100 milioni di multa, 1,5 milioni di auto richiamate e incaprettamento pubblico.Sicuramente faranno finta di niente e continueranno per quella strada, come no.
          • Etype scrive:
            Re: Auto crackata
            - Scritto da: Albedo 0,9
            Si è visto... 100 milioni di multa, 1,5 milioni
            di auto richiamate e incaprettamento
            pubblico.Se la multa che ti fanno è di molto inferiore ai tuoi guadagni,sicuro che non ti conviene ?
            Sicuramente faranno finta di niente e
            continueranno per quella strada, come
            no.Come BMW ? Non è mica la sola,ci sono nomi ben più importanti che oggi nel 2015 continuano ancora sulla stessa strada,evidentemente gli conviene e per loro non è una priorità ;)
          • Albedo 0,9 scrive:
            Re: Auto crackata
            - Scritto da: Etype
            - Scritto da: Albedo 0,9


            Si è visto... 100 milioni di multa, 1,5 milioni

            di auto richiamate e incaprettamento

            pubblico.

            Se la multa che ti fanno è di molto inferiore ai
            tuoi guadagni,sicuro che non ti conviene
            ?Se con i mezzi che vendi ci scappa facilmente il morto e questo danneggia pesantemente l'immagine, voglio proprio vedere se conviene proseguire per quella strada.


            Sicuramente faranno finta di niente e

            continueranno per quella strada, come

            no.

            Come BMW ? Non è mica la sola,ci sono nomi ben
            più importanti che oggi nel 2015 continuano
            ancora sulla stessa strada,evidentemente gli
            conviene e per loro non è una priorità
            ;)Credi che le assicurazioni staranno a guardare? Lascia che la probabilità produca qualche morto, poi ne riparliamo.
          • Etype scrive:
            Re: Auto crackata
            - Scritto da: Albedo 0,9
            Se con i mezzi che vendi ci scappa facilmente il
            morto e questo danneggia pesantemente l'immagine,
            voglio proprio vedere se conviene proseguire per
            quella
            strada.Beh lo devi prima dimostrare che è stata quella la causa.Anche se per altre vicende,1997 Classe A ribaltina,te la ricordi ?Non è stato proprio un bel momento,ti risulta che nessuno ha mai più comprato quella macchina o altra auto della Mercedes ?La gente ha memoria corta,chi vende,fa pubblicità,ecc queste cose le sa.
            Credi che le assicurazioni staranno a guardare?A loro interessa solo aumentare i premi con la scusa che altri truffano ;)
            Lascia che la probabilità produca qualche morto,
            poi ne
            riparliamo.Penso che l'abbiano già prevista una situazione del genere,non credo siano così sprovveduti ;)
          • Albedo 0,9 scrive:
            Re: Auto crackata
            - Scritto da: Etype

            Lascia che la probabilità produca qualche morto,

            poi ne

            riparliamo.

            Penso che l'abbiano già prevista una situazione
            del genere,non credo siano così sprovveduti
            ;)Intendevo dire questo: manterranno il medesimo premio assicurativo, anche se è risaputo che quel modello di auto è allegramente crackabile e quindi alza la probabilità di incidente?
          • Etype scrive:
            Re: Auto crackata
            Probabilmente neanche controlleranno :)
    • eobbli gatorio scrive:
      Re: Auto crackata
      - Scritto da: Etype
      "se un computer viene compromesso non muore
      nessuno, sostiene Grossman, mentre per
      l'automotive le cose stanno
      diversamente."Comprometti ad esempio il PC di controllo del generatore di una turbina elettrica... di un ascensore... di un sistema antincendio... ma facciamola anche "semplice": di un semaforo!Non muore nessuno... no no!
      • Etype scrive:
        Re: Auto crackata
        - Scritto da: eobbli gatorio
        Comprometti ad esempio il PC di controllo del
        generatore di una turbina elettrica...direttamente non muore nessuno...
        di un ascensore...
        di un sistema antincendio...non sono computer classici...
        ma facciamola anche "semplice": di un
        semaforo!la maggior parte sono a tempo
        Non muore nessuno... no no!Già non muore :)
        • Albedo 0,9 scrive:
          Re: Auto crackata
          - Scritto da: Etype

          di un ascensore...

          di un sistema antincendio...

          non sono computer classici...In molti ospedali ho visto montare sistemi antincendio che si allineano in radiofrequenza. Per chi conosce il mondo dei transceiver non è così difficile corrompere le reti mesh.Per quanto riguarda i semafori, invece, ancora si preferisce interrare i cavi per ovvie ragioni.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 luglio 2015 14.41-----------------------------------------------------------
          • Etype scrive:
            Re: Auto crackata
            - Scritto da: Albedo 0,9
            In molti ospedali ho visto montare sistemi
            antincendio che si allineano in radiofrequenza.
            Per chi conosce il mondo dei transceiver non è
            così difficile corrompere le reti
            mesh.si però anche tu,non dare spunti no ! :p
            Per quanto riguarda i semafori, invece, ancora si
            preferisce interrare i cavi per ovvie
            ragioni.Che è anche la più economica...
        • aphex_twin scrive:
          Re: Auto crackata
          - Scritto da: Etype
          - Scritto da: eobbli gatorio

          Comprometti ad esempio il PC di controllo del

          generatore di una turbina elettrica...

          direttamente non muore nessuno...Ma che discorsi del "menga" che fai ! Anche se metti fuori uso i freni di un auto non muori perché hai i freni rotti ma muori le emorragie interne causate dai troppi G che vengono generati al momento dell'impatto.
          • Etype scrive:
            Re: Auto crackata
            - Scritto da: aphex_twin
            Ma che discorsi del "menga" che fai !Quante volte hai visto persone a cavallo di turbine elettriche ? :D
            Anche se
            metti fuori uso i freni di un auto non muori
            perché hai i freni rotti ma muori le emorragie
            interne causate dai troppi G che vengono generati
            al momento
            dell'impatto.Dipende dalla velocità a cui vai,non sempre chi fa un incidente gli viene in tempo a frenare magari perchè è inaspettato e comunque con pochi metri a disposizione non è che faccia tanta differenza.Neanche è detto che uno muore per i troppi G,si possono anche verificare circostanze assurde,come quel tizio del mese scorso che mentre passava con l'auto gli è cascato un bell'albero massiccio sulla propria auto.Poi c'è gente che è morta anche a 30-40 KM/h in un incidente dentro la città,dipende...
          • ... scrive:
            Re: Auto crackata
            - Scritto da: Etype
            - Scritto da: aphex_twin


            Ma che discorsi del "menga" che fai !

            Quante volte hai visto persone a cavallo di
            turbine elettriche ?
            :D


            Anche se

            metti fuori uso i freni di un auto non muori

            perché hai i freni rotti ma muori le emorragie

            interne causate dai troppi G che vengono
            generati

            al momento

            dell'impatto.

            Dipende dalla velocità a cui vai,non sempre chi
            fa un incidente gli viene in tempo a frenare
            magari perchè è inaspettato e comunque con pochi
            metri a disposizione non è che faccia tanta
            differenzaMa LOOOOOOOOOOOOOL!!!Certo, vai in un'autostrada trafficata e al primo rallentament non usare mai i freni, mi raccomando... vediamo come ti raccolgono col cucchiaino. (rotfl)
          • Etype scrive:
            Re: Auto crackata
            Nessuno ha parlato di autostrada la maggior parte degli incidenti avviene in città e fuori.Se ti tagliano i freni non te ne accorgi in autostrada ma appena usa la macchina,a parte che comunque l'impianto è incrociato (ruota anteriore sinistra con posteriore destra e anteriroe destra con posteriore sinistra)min più puoi usare il freno motore + il freno di stazionamento :)
Chiudi i commenti