Samsung Galaxy S23: connettività satellitare come iPhone 14

Samsung Galaxy S23: connettività satellitare come iPhone 14

Come iPhone 14 di Apple, anche Galaxy S23 di Samsung potrebbero offrire il supporto alla connettività satellitare globale grazie a Iridium.
Come iPhone 14 di Apple, anche Galaxy S23 di Samsung potrebbero offrire il supporto alla connettività satellitare globale grazie a Iridium.

Sebbene Apple sia stata la prima azienda a lanciare a livello globale degli smartphone capaci di supportare la connettività satellitare, ovvero i nuovi iPhone 14, con ogni probabilità farà lo stesso pure Samsung con i suoi già ampiamente chiacchierati e bramati Galaxy S23.

Samsung Galaxy S23: connettività satellitare grazie a Iridium

Sia ben chiaro, per il momento non vi è assolutamente nulla di confermato in via ufficiale, motivo per cui ogni informazione al riguardo è da prendere con le pinze, ma stando a quanto emerso nel corso delle ultime ore sembra proprio che la sudcoreana intenda implementare la connettività satellitare suoi suoi prossimi smartphone top di gamma e che questa potrà essere sfruttata non solo per i messaggi di emergenza, ma anche per i messaggi di testo e per inviare e ricevere immagini in bassa risoluzione che occupano al massimo alcune centinaia di KB.

Per fare ciò, Samsung collaborerà con Iridium, la quale può contare su una rete di 66 satelliti per le comunicazioni in orbita bassa, al pari del lavoro che viene svolto da Globalstar per Apple.

Non è però dato sapere se le funzioni satellitari saranno disponibili su tutte le varianti del Galaxy S23, analogamente a quanto accade per l’intera gamma di iPhone 14, oppure se si tratterà di una feature esclusiva dei modelli di fascia più alta

Per quel che concerne la data di lancio, attualmente non noto quando Samsung deciderà di togliere i veli ai nuovi Galaxy S23, ma con ogni probabilità l’annuncio dovrebbe venire fatto a febbraio del prossimo anno.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Fonte: iMore
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 28 nov 2022
Link copiato negli appunti