Skype, account passepartout

A partire dalla prossima settimana, l'account registrato per il servizio VoIP consentirà di accedere anche agli altri servizi Microsoft

Roma – OneDrive, Xbox, Office, Outlook.com: tutti i domini di Microsoft saranno a breve accessibili con un account Skype, ha annunciato Redmond, così da offrire una esperienza più semplice a tutti gli utenti dell’uno e dell’altro servizio.

La comunicazione del team di Skype di Microsoft si accompagna ad alcuni cambiamenti che verranno visualizzati a partire dalla prossima settimana nella schermata di login del servizio di comunicazione VoIP, nel processo per la sostituzione della password e per il recupero dell’account: questi aggiustamenti sono il segno del passaggio del sistema di gestione dei dati in capo a Microsoft, senza alcun cambiamento degno di nota nelle procedure per gli utenti Skype, che potranno continuare ad accedere al proprio account con i dati di sempre.

A cambiare sono invece le potenzialità degli account Skype, che diventano ora chiave di accesso per la gamma di servizi Microsoft, da OneDrive a Office , da Outlook.com a Xbox . In questo modo agli utenti sarà necessario ricordare una sola combinazione di email e password, e Microsoft consoliderà l’ integrazione dei propri servizi , incoraggiando altresì l’adesione di nuovi utenti.

Redmond raccomanda di aggiornare il proprio account Microsoft, obbligatorio dal 2013 per i nuovi utenti della piattaforma VoIP dopo la dismissione di Live Messenger, con le proprie credenziali Skype, così da poter accedere a tutti i servizi con una sola coppia di username e password. Ma è possibile mantenere separati i propri account, ciascuno destinato ad un servizio: in questo caso sarà sufficiente aggiungere un indirizzo email di riferimento al proprio account Skype, così da “semplificare l’accesso in caso venga dimenticata la password”.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti