Streaming, Spotify agguanterà SoundCloud?

Per conquistare il profitto, la piattaforma di streaming musicale sembra guardare alla rutilante realtà di SoundCloud, con il suo pubblico composto di nicchie e il suo catalogo sconfinato

Roma – Affiancare il proprio solido catalogo ad una variegatissima offerta che si nutre di brani ufficiali e remix, esperimenti amatoriali e contenuti non convenzionali: Spotify potrebbe acquisire SoundCloud , secondo le indiscrezioni portate alla luce dal Financial Times .

Le trattative, secondo persone informate dei fatti, si sarebbero trascinate ad intermittenza già da mesi: avviate nel corso della primavera, e periodicamente accantonate, sarebbero ora in una fase avanzata , sospinte anche dalle iniezioni di fiducia e di fondi guadagnate da entrambe le aziende. Twitter, da tempo interessata alle potenzialità di SoundCloud, vi ha investito 70 milioni di dollari, mentre Spotify, alla rincorsa della IPO, ha raggranellato di recente cospicui finanziamenti.

Ciascuna delle due piattaforme di streaming europee vive un momento rigoglioso, riverberando il fulgore del mercato dello streaming: Spotify, che sta allargando la propria offerta ai video, conta 40 milioni di abbonati; SoundCloud, con il proprio sconfinato catalogo di 125 milioni di brani, gran parte di indipendenti, e il supporto delle major, ha di recente lanciato la propria offerta a pagamento.

Ma lo scenario, per entrambi i servizi, non è privo di ombre: Spotify sta combattendo per raggiungere il profitto , mentre SoundCloud non ha ancora celebrato risultati entusiastici per la propria offerta a pagamento. L’operazione di acquisizione potrebbe garantire il vantaggio di associare due cataloghi complementari , che si rivolgono a due pubblici diversi, l’uno sostanzialmente generalista, l’altro composto da innumerevoli nicchie di appassionati. Una operazione che però potrebbe costringere a ridisegnare il regime di accordi con le etichette, soprattutto in termini di esclusive e di tempistiche di rilascio: se Spotify, nella differenziazione della propria offerta gratuita e a pagamento, è dovuto scendere a compromessi con i detentori dei diritti, la stessa dinamica si potrebbe dover applicare al più libero affastellarsi di musica che popola SoundCloud.

Per il momento, nessuna della due aziende ha espresso parole di conferma o smentita, né è dato sapere quale potrebbe essere il valore dell’operazione. Certo è che la competizione, in questa fase del mercato dello streaming, è più che mai serrata, e sembra combattersi con la soluzione del consolidamento : in un contesto in cui i colossi dell’IT con basi solide come Google e Apple hanno giocato le proprie carte, o ambiscono a giocarle, come nel caso di Amazon , per le realtà di settore l’unione potrebbe fare la forza, e la differenza.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • zizzeria scrive:
    ovini
    I giovIni italiani hanno fame... punto :D.
  • Mao99 scrive:
    Info
    Spero che questa sete di internet riguardi nella maggioranza dei casi l'informazione, lo studio, i libri (la cultura) e non i social network e similari... altrimenti non so se è un guadagno...
    • bradipao scrive:
      Re: Info
      - Scritto da: Mao99
      Spero che questa sete di internet riguardi nella
      maggioranza dei casi l'informazione, lo studio, i
      libri (la cultura) e non i social network e
      similari... altrimenti non so se è un guadagno...Pia illusione la tua. E' ovvio che la stragrande maggioranza della fame è dovuta a facebook+whatsapp.
      • panda rossa scrive:
        Re: Info
        - Scritto da: bradipao
        - Scritto da: Mao99

        Spero che questa sete di internet riguardi nella

        maggioranza dei casi l'informazione, lo studio,
        i

        libri (la cultura) e non i social network e

        similari... altrimenti non so se è un
        guadagno...

        Pia illusione la tua. E' ovvio che la stragrande
        maggioranza della fame è dovuta a
        facebook+whatsapp.E il XXXXX?
    • rico scrive:
      Re: Info
      La cultura non sono i libri (solo un mezzo), è quello che si impara per vivere o sopravvivere. Poi ci vuole del tuo e dei tuoi governanti, ovvio.Ma sicuramente non sono solo i libri. E l'ho imparato leggendone tanti ;)
  • ... scrive:
    I dati Audiweb dicono l'opposto
    Il rapporto Censis considera un periodo gigantesco (8 anni !), è meglio guardare cosa sta succedendo più di recente. Consiglierei all'autore di leggersi i dati Audiweb relativi a luglio, confrontandoli con l'anno scorso. Ecco i due fogli elettronici: http://www.primaonline.it/wp-content/uploads/2016/09/Audiweb_Luglio2016.xlshttp://www.primaonline.it/wp-content/uploads/2015/09/Sintesi_luglio2015.xlsBisogna andare sulla scheda "scenario". Lì ci sono le statistiche sull'uso della rete divise per fasce d'età. Noterà che la percentuale di chi usa la rete su base giornaliera tra i giovani (18-24 e 25-34 anni) nell'ultimo anno è diminuita , e anche in maniera significativa. Notare che i dati includono sia connessioni mobili che fisse.Mi chiedo perchè non se ne parli sui mezzi d'informazione.
    • Mao99 scrive:
      Re: I dati Audiweb dicono l'opposto
      - Scritto da: ...
      Il rapporto Censis considera un periodo
      gigantesco (8 anni !), è meglio guardare cosa sta
      succedendo più di recente. Consiglierei
      all'autore di leggersi i dati Audiweb relativi a
      luglio, confrontandoli con l'anno scorso. Ecco i
      due fogli elettronici:


      http://www.primaonline.it/wp-content/uploads/2016/

      http://www.primaonline.it/wp-content/uploads/2015/

      Bisogna andare sulla scheda "scenario". Lì ci
      sono le statistiche sull'uso della rete divise
      per fasce d'età. Noterà che la percentuale di chi
      usa la rete su base giornaliera tra i giovani
      (18-24 e 25-34 anni) nell'ultimo anno è
      diminuita , e anche in maniera
      significativa. Notare che i dati includono sia
      connessioni mobili che
      fisse.

      Mi chiedo perchè non se ne parli sui mezzi
      d'informazione.Grazie x info.
    • ...... scrive:
      Re: I dati Audiweb dicono l'opposto
      - Scritto da: ...
      http://www.primaonline.it/wp-content/uploads/2016/

      http://www.primaonline.it/wp-content/uploads/2015/Guarda che qui ci sta gente seria con non vuole avere nulla a che fare con i prodotti/formati MicroSorcio.
      • degsgec scrive:
        Re: I dati Audiweb dicono l'opposto
        - Scritto da: ......
        - Scritto da: ...



        http://www.primaonline.it/wp-content/uploads/2016/




        http://www.primaonline.it/wp-content/uploads/2015/

        Guarda che qui ci sta gente seria con non vuole
        avere nulla a che fare con i prodotti/formati
        MicroSorcio.Apreto con LibreOffice senza problema.
    • Re fresh scrive:
      Re: I dati Audiweb dicono l'opposto
      La diminuzione è una buona notizia!
      • Buona notizia scrive:
        Re: I dati Audiweb dicono l'opposto
        - Scritto da: Re fresh
        La diminuzione è una buona notizia!Bisogna vedere cosa fanno nelle ore in cui prima andavano in rete. Se l'alternativa fossero palestra e partite di calcio con amici andrebbe benissimo, ma se fossero tornati a guardare la televisione - come temo - sarebbe un colossale disastro.
        • panda rossa scrive:
          Re: I dati Audiweb dicono l'opposto
          - Scritto da: Buona notizia
          - Scritto da: Re fresh

          La diminuzione è una buona notizia!

          Bisogna vedere cosa fanno nelle ore in cui prima
          andavano in rete. Se l'alternativa fossero
          palestra e partite di calcio con amici andrebbe
          benissimo, ma se fossero tornati a guardare la
          televisione - come temo - sarebbe un colossale
          disastro.What'sup rientra nel traffico web? Io credo di no.
    • crrgtcv scrive:
      Re: I dati Audiweb dicono l'opposto
      - Scritto da: ...
      Il rapporto Censis considera un periodo
      gigantesco (8 anni !), è meglio guardare cosa sta
      succedendo più di recente. Consiglierei
      all'autore di leggersi i dati Audiweb relativi a
      luglio, confrontandoli con l'anno scorso. Ecco i
      due fogli elettronici:


      http://www.primaonline.it/wp-content/uploads/2016/

      http://www.primaonline.it/wp-content/uploads/2015/

      Bisogna andare sulla scheda "scenario". Lì ci
      sono le statistiche sull'uso della rete divise
      per fasce d'età. Noterà che la percentuale di chi
      usa la rete su base giornaliera tra i giovani
      (18-24 e 25-34 anni) nell'ultimo anno è
      diminuita , e anche in maniera
      significativa. Se il calo riguarda i siti monitorati da audiWeb non mi sembra una cosa grave. Sono quasi tutti siti del sistema di disinfomazione del potere italiano.

      Mi chiedo perchè non se ne parli sui mezzi
      d'informazione.Forse perché non ci tengono a parlare dei lettori e del seguito che stanno perdendo.
    • bubba scrive:
      Re: I dati Audiweb dicono l'opposto
      - Scritto da: ...
      Il rapporto Censis considera un periodo
      gigantesco (8 anni !), è meglio guardare cosa sta
      succedendo più di recente. Consiglierei
      all'autore di leggersi i dati Audiweb relativi a
      luglio, confrontandoli con l'anno scorso. Ecco i
      due fogli elettronici:


      http://www.primaonline.it/wp-content/uploads/2016/

      http://www.primaonline.it/wp-content/uploads/2015/

      Bisogna andare sulla scheda "scenario". Lì ci
      sono le statistiche sull'uso della rete divise
      per fasce d'età. Noterà che la percentuale di chi
      usa la rete su base giornaliera tra i giovani
      (18-24 e 25-34 anni) nell'ultimo anno è
      diminuita , e anche in maniera
      significativa. Notare che i dati includono sia
      connessioni mobili che
      fisse.ma sei sicuro? a buttar l'occhio su "sintesi" mi sembra che siano aumentati i somari (meno desktop e piu' mobile) e il tempo/uomo sia un po cresciutohum ah si sulla sola fascia 18-24 in effetti un po di calo c'e'... useranno piu' anti-ads? :P
  • bubba scrive:
    sti dati fanno perfettamente il paio
    col discorso sulla 'patente per smartphone' di gg fa...... :(
    • ___ scrive:
      Re: sti dati fanno perfettamente il paio
      fonte?
      • bubba scrive:
        Re: sti dati fanno perfettamente il paio
        - Scritto da: ___
        fonte?ma no niente... voli pindarici .. da qui http://punto-informatico.it/4341241/PI/Commenti/cassandra-crossing-cyberbullismo-scuolabullismo-analfabetismo-opportunismo.aspx
Chiudi i commenti