TLD, Google Nomulus diventa open source

La piattaforma creata da Mountain View nel 2011 per gestire i suoi top-level domain è ora a disposizione di tutti. Basata su Java e rilasciata sotto licenza Apache 2.0, auspica l'interoperabilità e l'uso di standard aperti nel settore
La piattaforma creata da Mountain View nel 2011 per gestire i suoi top-level domain è ora a disposizione di tutti. Basata su Java e rilasciata sotto licenza Apache 2.0, auspica l'interoperabilità e l'uso di standard aperti nel settore

Google ha annunciato sul proprio blog ufficiale il rilascio di Nomulus, una nuova piattaforma cloud-based open source per la registrazione dei Top-Level Domain (TLD) di Google, ora a disposizione di tutti. I TLD rappresentano il livello superiore (il primo) dell’Internet Domain Name System (DNS), ospitando collettivamente ciascun nome di dominio su Internet.

Google sostiene di avere iniziato a lavorare sulla tecnologia dietro Nomulus dopo che si è trovata a gestire una serie di TLD generici (gTLD) quando l’ICANN decise di aprire ai nomi generici la registrazione dei domini di primi livello, fino ad allora limitati ad alcuni suffissi come .com , .net , .org e a quelli nazionali ( .it , .us , .uk ecc.). Nel tempo, l’ICANN ne approvò una serie sterminata, complicandone di fatto la gestione.

“Il progetto diventato ora Nomulus ha avuto inizio nel 2011, quando la Internet Corporation Assigned Names and Numbers (ICANN) ha annunciato la più grande espansione di sempre dei namespace Internet, volta a migliorare la scelta e stimolare l’innovazione per gli utenti”, si legge sul blog di Mountain View. In sostanza, trovandosi nella condizione di dover operare con una serie di nuovi domini di primo livello generici, Google ha sviluppato Nomulus per gestirli al meglio. “Abbiamo progettato Nomulus per ottenere una nuova piattaforma di registrazione che sfruttasse la scalabilità e facilità d’uso di Google Cloud Platform”, si legge più avanti, evidenziando tuttavia come la piattaforma, anche se open source, sia legata al colosso di Mountain View.

Secondo quanto sostiene il team di sviluppo, Nomulus è in grado di gestire, all’interno di una singola istanza, un numero indefinito di domini di primo livello , contemplando l’intera gamma di funzionalità richiesta da ICANN, compreso l’Extensible Provisioning Protocol (EPP), il WHOIS, il reporting e la protezione dei marchi. Attualmente, Nomulus è impiegato da Google per gestire tutti i dati di registrazione dei suoi sottodomini (ad esempio blog.google), comprese le richieste di acquisto, rinnovo e trasferimento di domini.

La piattaforma è scritta in Java e rilasciata sotto la licenza Apache 2.0 . Con la pubblicazione del codice sorgente su GitHub , Google vuole dimostrare le caratteristiche avanzate di Google Cloud Platform e “incoraggiare l’interoperabilità e l’uso di standard aperti nel settore della registrazione dei nome di dominio”, come nel caso di Donuts , che ha fornito il proprio contributo nella stesura del codice di Nomulus utilizzandone un’istanza per gestire oltre 200 domini di primo livello.

Thomas Zaffino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 10 2016
Link copiato negli appunti