L'Ucraina legalizza le criptovalute firmando la legge sui beni virtuali

L'Ucraina legalizza le criptovalute firmando la legge sui beni virtuali

L'Ucraina ha legalizzato le criptovalute firmando la legge sui beni virtuali dopo che ha ricevuto 100 milioni di dollari in donazioni.
L'Ucraina ha legalizzato le criptovalute firmando la legge sui beni virtuali dopo che ha ricevuto 100 milioni di dollari in donazioni.

Nelle ultime ore il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha legalizzato le criptovalute nel Paese. Per questo ha firmato un disegno di legge relativo alle risorse virtuali così da regolamentare ciò che sta accadendo durante questa guerra.

L’Ucraina fino a settimana scorsa ha ricevuto donazioni in criptovalute pari a quasi 100 milioni di dollari. Una soluzione indispensabile quindi deriva proprio dall’adozione del sistema crittografico. Solo così è stato ed è attualmente possibile ricevere aiuti umanitari per il popolo e per l’esercito. Una risorsa imprescindibile per difendere il Paese dall’invasione russa.

Una notizia che sta generando molto favore nella cryptosfera. Anche tu puoi iniziare a investire acquistando asset digitali. Apri un conto su Bitstamp oggi stesso e scopri come diversificare i tuoi guadagni grazie a un exchange pratico, sicuro e versatile.

Il presidente ucraino firma un disegno di legge per legalizzare le criptovalute

Il Ministero della Trasformazione del governo ucraino, mercoledì 16 marzo 2022, ha dichiarato le funzioni del nuovo disegno di legge per la legalizzazione delle criptovalute. In sostanza, questa legge determina lo stato legale, le autorità di regolamentazione e le proprietà delle risorse virtuali. In questo panorama si inseriscono anche i requisiti di registrazione per coloro che forniscono servizi crittografici. Una svolta quindi per il settore che continua a crescere in acquisizione.

In un annuncio di oggi, giovedì 17 marzo 2022, il Governo ha comunicato i compiti di questo nuovo disegno di legge e del conseguente ente statale che regolamenterà il settore dei beni virtuali. Ecco cosa ha dichiarato nel comunicato il Primo Ministro della Trasformazione Digitale, Mykhailo Fedorov:

La nuova legge è un’ulteriore opportunità per lo sviluppo del business nel nostro Paese. Le società di criptovalute straniere e ucraine potranno operare legalmente, mentre gli ucraini avranno un accesso comodo e sicuro al mercato globale delle risorse virtuali. I partecipanti al mercato riceveranno protezione legale e l’opportunità di prendere decisioni basate su consultazioni aperte con le agenzie governative. Apparirà un meccanismo trasparente per investire in una nuova classe di attività.

Gli obiettivi della nuova legge

Quindi, risultano ben chiari gli obiettivi di questa nuova legge che legalizza le criptovalute in Ucraina. Si possono sintetizzare attraverso i macro-punti che seguono:

  • definire e perseguire una politica nel campo delle risorse virtuali;
  • determinare l’ordine di circolazione degli asset virtuali;
  • rilasciare permessi a fornitori di servizi di asset virtuali;
  • vigilare e monitorare il sistema finanziario in questo settore.

Una notizia davvero importante per il settore crittografico che con oggi entra a pieno regime in un nuovo Paese del mondo. Tra l’altro, si tratta di un’acquisizione definita in tempi di guerra, nonostante i disordini e le difficoltà che essa comporta. Un’ottima ragione per entrare in questo mercato e beneficiare delle enormi possibilità che ha da offrire.

Puoi iniziare a investire in criptovalute oggi stesso, aprendo un conto gratuito su Bitstamp. Questo exchange crypto offre soluzioni davvero complete per chi vuole fare trading e detenere risorse virtuali in totale sicurezza.

*Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 17 mar 2022
Link copiato negli appunti