Un lettore sottile come un foglio di giornale

Plastic Logic si tuffa nei display ultrapiatti, basati su tecnologia E Ink. Si punta in alto
Plastic Logic si tuffa nei display ultrapiatti, basati su tecnologia E Ink. Si punta in alto

Gli ebook sono da molto al centro dell’attenzione di osservatori e critici . I nomi più noti sono Sony e Kindle , i contendenti non mancano , e ora c’è un altro prodotto a raccogliere la sfida: lo produrrà Plastic Logic .

il dispositivo Usa la stessa consolidata tecnologia dei suoi concorrenti più conosciuti (quella di E Ink ), ma ancora non ha un nome, spiega il New York Times : lo chiamano semplicemente “Reader”.

Si tratta di un dispositivo diverso dai suoi principali competitor . Di vera e propria competizione in realtà non si può parlare: il display è più grande, esattamente come un foglio formato lettera. Piattissimo, potrà ospitare molto materiale ed essere aggiornato in tempo reale via WiFi. La risoluzione è stata scelta per presentare documenti di tipo business dunque anche un giornale ce lo si legge benissimo.

Lo stesso New York Times , infatti, è proprio tra quei quotidiani ai quali ci si può abbonare in varie forme, compresa la versione su Kindle. “Puntiamo a sperimentare tutte queste piattaforme. Quando gli apparecchi inizieranno ad approssimarsi al look ed al feeling di un giornale, ci saremo anche noi”, ha detto Michael Zimbalist, direttore ricerca e sviluppo della testata statunitense, riferendosi al nuovo reader .

I dettagli sul prezzo saranno rivelati solo dopo l’ International Consumer Electronics Show di Las Vegas, che si terrà a gennaio 2009. Nel frattempo quello di Plastic Logic è l’apparecchio con il display più grande e quello che riesce meglio a presentare un prodotto editoriale con l’aspetto di un vero e proprio giornale: “ciò che tutti ci chiedono – rivela Richard Archuleta, direttore dell’azienda – è un giornale”.

Lo scenario di mercato è certamente complesso: questi reader , nella maggior parte dei casi, hanno più di qualche lucchetto che ne impedisce un impiego del tutto libero. Si trovano a fronteggiare faccia a faccia il Web, dove la maggior parte dei quotidiani ha oggi il proprio sito e dove gli internauti leggono le notizie gratuitamente . Occorrerà dunque sfruttare a fondo ogni strumento che renda più appetibile il reader rispetto al Web. Ma tra profilazioni e advertising mirato, i mezzi non mancano, spiega ancora la testata statunitense: la preoccupazione per la privacy sta già montando.

Marco Valerio Principato

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti