USA, non c'è prova delle violazioni di NSA

Una corte di appello statunitense ha capovolto il giudizio in un caso riguardante le intercettazioni a strascico condotte dalla NSA: la presunta vittima non ha presentato prove sufficienti della violazione dei diritti costituzionali

Roma – Dopo la vittoria, due anni fa, contro le intercettazioni della NSA e la violazione dei diritti costituzionali garantiti dal Quarto Emendamento, l’attivista Larry Klayman deve ora fare i conti con la nuova sentenza di una corte di appello che ha stabilito la piena legittimità delle intercettazioni a strascico della NSA. L’accusa non ha fornito prove sufficienti a dimostrare l’incostituzionalità della condotta dell’intelligence, hanno scritto i giudici.

Klayman aveva denunciato l’amministrazione federale per via delle (presunte) intercettazioni delle sue comunicazioni telefoniche, una denuncia che il giudice di prima istanza aveva riconosciuto come valida sancendo di conseguenza l’incostituzionalità dell’operato della NSA nell’ambito del Datagate.

La corte di appello – nel contesto di un procedimento avviato nel 2013 dall’amministrazione Obama – è però di opinione molto diversa , visto che a dire del panel di giudici Klayman aveva una contratto su Verizon Wireless e non su Verizon Business Network Services, e il governo ha riconosciuto di collaborare solo con quest’ultimo provider per le intercettazioni della NSA.

Nel più classico caso da comma 22 , Klayman doveva provare di essere sottoposto a intercettazioni segrete ma la prova definitiva di dette intercettazioni è ancora segreta. All’accusa non resta che consolarsi con la possibilità, prevista dalla corte di appello, di tornare a discutere il caso in una corte di primo grado.

La legittimità costituzionale dello spionaggio di NSA, GCHQ e organizzazioni similari è oramai al centro del dibattito da anni, con le autorità del Regno Unito che hanno condannato ma solo a metà l’operato della loro intelligence e il Congresso USA che avrebbe in teoria stabilito un superamento delle vecchie “abitudini” di tecnocontrollo degli spioni a stelle e strisce con il ridimensionamento del Patriot Act .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Uto Uti scrive:
    oggettino
    Secondo me la praivasi e l'avvertaisi sono importanti ma laXXXXX lo è ancora di più...
  • Luca scrive:
    Che buffonata
    Se un contenuto può essere trasmesso in chiaro, perché forzare HTTPS? BAH!
    • bubba scrive:
      Re: Che buffonata
      - Scritto da: Luca
      Se un contenuto può essere trasmesso in chiaro,
      perché forzare HTTPS?
      BAH!per rendere piu' scomodo agli utenti capire cosa mandano le app mentre 'telefonano a casa' :P
Chiudi i commenti