Windows, nuova roadmap: una versione ogni tre anni

Windows, nuova roadmap: una versione ogni tre anni

Microsoft cambia ancora la roadmap: una nuova versione di Windows ogni tre anni, ma col continuo rilascio di nuove funzionalità nel mezzo.
Microsoft cambia ancora la roadmap: una nuova versione di Windows ogni tre anni, ma col continuo rilascio di nuove funzionalità nel mezzo.
Guarda 22 foto Guarda 22 foto

Il sistema operativo di casa Microsoft è un cantiere aperto. In quel di Redmond proseguono senza sosta i tentativi finalizzati a trovare i giusti ritmi di sviluppo e rilascio degli aggiornamenti. È con questo obiettivo che la software house sembra aver scelto di intervenire ancora una volta sulla propria roadmap legata all’evoluzione di Windows, optando per distribuire una nuova versione della piattaforma ogni tre anni. Il riferimento è ovviamente ai major update, non ai successori di W11.

La nuova (probabile) roadmap di Windows: cosa cambia

A riportare l’indiscrezione è un articolo appena pubblicato da Zac Bowden di Windows Central. Dalla società al momento non sono giunte conferme (né smentite). Se così fosse, il pacchetto Sun Valley 3 o 23H2 previsto per il 2023 sarebbe cancellato. Per togliere di mezzo Sun Valley 2 o 22H2, previsto per questo autunno, potrebbe invece già essere troppo tardi. Quello successivo arriverebbe nel 2024: al momento si sa poco o nulla, solo che internamente qualcuno lo identifica con il nome in codice Next Valley.

L’ennesimo cambio di roadmap non si tradurrebbe ad ogni modo nell’assenza di nuove funzionalità per un intero triennio. Anzi, l’intenzione sembra essere quella di accelerarne la distribuzione senza attendere scadenze prefissate (fino a quattro volte all’anno), sempre ovviamente prima passando dalle fasi di test che coinvolgono gli Insider. Un approccio già sperimentato nei mesi scorsi per includere alcuni degli elementi dinamici che oggi animano la barra delle applicazioni su Windows 11.

La gestione degli aggiornamenti rappresenta ormai da lungo tempo uno dei principali crucci per Microsoft. Qualche disastro passato nell’epoca del doppio major update (in molti ricordano i file scomparsi con l’update dell’ottobre 2018) annuale ha spinto la società a dilatare i tempi, dimezzando le uscite, ma non tutto è andato come sperato.

Le licenze ufficiali per Windows 11 sono disponibili anche su Amazon per le versioni Home e Pro.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 14 lug 2022
Link copiato negli appunti