Xbox Live, da maggio anche su PC

Microsoft ha annunciato che il servizio Games for Windows Live, che estenderà il network di gaming online di Xbox agli utenti di Windows Vista, debutterà in USA ed Europa il prossimo maggio. Ecco dettagli e prezzi

Redmond (USA) – Come primo passo nel compimento della sua strategia Live Anywhere , Microsoft si appresta a riunire i giocatori di Xbox e di Windows Vista all’interno di un’unica comunità virtuale. Lo farà con il lancio, il prossimo 18 maggio (8 maggio in USA), di Games for Windows (GfW) Live , un’estensione del già collaudato network di gaming online per Xbox.

GfW Live girerà esclusivamente sotto Windows Vista e connetterà i possessori di questo sistema operativo con gli oltre sei milioni di abbonati al servizio Xbox Live. Gli utenti dei due “mondi” potranno sfidarsi in partite multiplayer , comunicare via chat o voce e condividere i dati di gioco. Chi possiede sia un PC con Vista che Xbox 360 avrà inoltre la possibilità di giocare con entrambe le piattaforme utilizzando un solo account e, di conseguenza, una singola identità digitale.

Perché possano giocare insieme ai colleghi di Xbox 360, gli utenti di PC devono disporre di giochi che supportano Live. I primi due saranno Shadowrun , un first-person shooter atteso per giugno, e UNO , un gioco di carte già disponibile su MSN e Xbox LIVE Arcade che arriverà su PC il prossimo autunno. Entrambi i titoli usciranno anche per Xbox 360, e consentiranno dunque sfide “cross-platform”.

In contemporanea a GfW Live debutterà il best seller Halo 2 , già disponibile per Xbox di prima e seconda generazione, che nella versione PC mancherà però del supporto a Live. Non è escluso che Microsoft aggiunga questa funzionalità più avanti nel tempo, sotto forma di aggiornamento.

Gli abbonamenti a GfW Live avranno un costo identico a quelli di Xbox Live : il Silver sarà gratuito, mentre il Gold costerà 60 euro per un anno e 20 euro per un trimestre. L’iscrizione a pagamento fornisce diverse caratteristiche aggiuntive, tra le quali la possibilità di organizzare partite multiplayer con gli utenti di Xbox 360 e di registrare i propri conseguimenti e il proprio livello di esperienza. Chi possiede già un abbonamento Gold a Xbox Live può godere dei relativi vantaggi anche su GfW Live, senza dunque la necessità di pagare una seconda iscrizione. Per altri dettagli si veda questo comunicato .

GfW Live arriva circa dopo un anno da quando Bill Gates delineò la già citata strategia Live Anywhere, che prevede di riunire sotto un unico tetto virtuale i giocatori di PC, Xbox e Windows Mobile . Una mossa con cui Microsoft non solo risponde alle recenti mosse compiute nel settore del gaming online dalle rivali Sony e Nintendo , ma tenta anche di dar vita ad uno dei più grandi social network .

L’home page preliminare di GfW Live è disponibile qui . Di seguito, invece, è possibile guardare un trailer ufficiale di Shadowrun .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    2.000.000 di ore???
    Ma se fosse vero sarebbero 83333 giorni, cioè 228 ANNI di MTBF!!E se è superiore di 6 volte rispetto ai dischi attuali significa che questi hanno un MTBF di 38 ANNI il che è palesemente FALSO !!Tutti sanno che la vita media di un disco di discreta qualità è 3 anni o giù di lì.
    • Anonimo scrive:
      Re: 2.000.000 di ore???
      sai come viene calcolato per caso? :-)frik---
    • Anonimo scrive:
      Re: 2.000.000 di ore???
      - Scritto da:
      Ma se fosse vero sarebbero 83333 giorni, cioè
      228 ANNI di
      MTBF!!
      E se è superiore di 6 volte rispetto ai dischi
      attuali significa che questi hanno un MTBF di
      38 ANNI il che è palesemente
      FALSO !!
      Tutti sanno che la vita media di un disco di
      discreta qualità è 3 anni o giù di
      lì.
      ti faccio sapere quando il wd che ho comprato nel 90 tira le cuoia, per ora va. :(, siamo sui 17 anni...
    • Anonimo scrive:
      Re: 2.000.000 di ore???
      Bah....secondo me conta molto il fattore S, ovvero il fattore sfiga. Il mio collega ed io abbiamo comprato il portatile lo stesso giorno (stesso modello, ecc). Il mio hdd è schiattato dopo 19 mesi, il suo ancora và. Parallelamente, un mio amico ha comprato un altro portatile, il cui hdd è morto 8 mesi dopo. Quindi...per la mia modesta opinione, è difficile avere un dato preciso. In ogni caso, il mio ha avuto un problema di meccanica...cosa che, finalmente, dovrebbe risolversi con questi nuovi hdd....voglio dire, in vita mia, ne ho viste davvero poche di chiavette usb rotte...mentre di hdd partiti...a voglia.
      • Anonimo scrive:
        Re: 2.000.000 di ore???
        - Scritto da:
        Bah....secondo me conta molto il fattore S,
        ovvero il fattore sfiga.
        Quindi...per la mia modesta opinione, è difficile
        avere un dato preciso. Santo cielo, ovviamente non hai un dato "preciso" visto che si parla di MTBF (MEAN time between failure) e mean significa MEDIO. Oltretutto la tecnica di calcolo di un MTBF non è basata sulla vita reale del prodotto, altrimenti la conosceresti solo rilevandola mentre passano gli anni (e non ti servirebbe a nulla).Si prende il prodotto, si stabiliscono i parametri di sollecitazione ordinari cui verrà sottoposto (per es. movimento delle testine in un'ora lavorativa per un uso medio di riferimento), si moltiplicano le sollecitazioni per simulare uno stress protratto nel tempo e si rileva il degradarsi del prodotto eventualmente fino al guasto (reale o prevedibile dato l'andamento del degrado). Si proiettano i dati rilevati per il tempo "espanso" (semplificando molto: se hai sollecitato il prodotto dieci volte più frequentemente all'ora lo rapporti a dieci ore di funzionamento normale) e hai i tuoi MEAN time between failure da scrivere sui datasheet della manutenzione programmata. :)
        hdd....voglio dire, in vita mia, ne ho viste
        davvero poche di chiavette usb rotte...mentre di
        hdd partiti...hai voglia.Le pendrive USB illeggibili esistono, e ne ho viste non rianimarsi nemmeno dopo formattazione.E' chiaro che riducendo il numero di componenti soggetti a guasti, ed eliminando una parte delle sollecitazioni (quelle dinamiche del piattello e delle testine) puoi migliorare la robustezza del prodotto, ma se i materiali di produzione non sono all'altezza potrebbero degradare più rapidamente dei dischi, per esempio per ossidazione, degrado degli isolanti, cricche nelle saldature dei contatti con il connettore USB... Valga per tutti il fatto che la memorie riscrivibili hanno comunque un valore limite di cambiamenti di stato garantiti.Dal sito di un produttore di elettronica, in merito a una memoria flash di loro produzione:" Ogni blocco è specificato per 100.000 cicli di programmazione e cancellazione, con 10 anni di ritenzione dei dati.Gli strumenti software a corredo permettono di sviluppare rapidamente prodotti basati su un qualunque componente della famiglia di Flash NAND dell'azienda, e aiutano a prolungarne la vita utile. Fra gli strumenti disponibili vi sono software per i codici di correzione d'errore (ECC), la gestione dei blocchi non funzionanti (BBM, Bad Block Management), gli algoritmi per uniformare il livello di utilizzo (Wear Leveling) e ottimizzare l'invecchiamento del dispositivo; "
        • Anonimo scrive:
          Re: 2.000.000 di ore???

          Dal sito di un produttore di elettronica, in
          merito a una memoria flash di loro
          produzione:

          " Ogni blocco è specificato per 100.000 cicli
          di programmazione e cancellazione, con 10 anni di
          ritenzione dei
          dati.sarebbe utile avere un indicatore della "vita" rimanente così da cautelarsi per tempo :Dil futuro è già qui!
  • avvelenato scrive:
    porcatroia! ne ordino dieci
    350 euros non sono neanche tantissimi (peccato la postilla "per ordini elevati"....)se ci pensate i raptor costano 4 volte al gb rispetto a un disco di pari capacità, questi costano quasi 10 volte/gb rispetto a un disco di 2.5"... non è malaccio... se si abbassano ancora i prezzi ne potrò davvero ordinare 10!
    • Anonimo scrive:
      Re: porcatroia! ne ordino dieci
      a me ne basta uno :Dse ne compri 10, me ne vendi uno?
    • Anonimo scrive:
      Re: porcatroia! ne ordino dieci
      - Scritto da: avvelenato
      350 euros non sono neanche tantissimi (peccato la
      postilla "per ordini
      elevati"....)
      se ci pensate i raptor costano 4 volte al gb
      rispetto a un disco di pari capacità, questi
      costano quasi 10 volte/gb rispetto a un disco di
      2.5"... non è malaccio... se si abbassano ancora
      i prezzi ne potrò davvero ordinare
      10!Dieci? E li metti su un dataserver in RAID o li connetti tutti al portatile in una simpatica catenella utile per ancorare il prodotto ed impedirne il furto? :DDai, IMHO son prezzi e prestazioni che li giustificano solo per casi particolari. Il paragone con il tempo di boot di un sistema poi è tristissimo: cerchiamo risposte HW a problemi SW, come se per risolvere i disagi delle code nel traffico automobilistico rendessimo più comodi i sedili, montassimo un mega stereo e magari due LCD per i passeggeri con DVD e attacco per console da gioco. Ok, come non detto, è PROPRIO quello che facciamo! 8)
Chiudi i commenti