Yahoo, addii milionari

Si definiscono nuovi dettagli dell'operazione di cessione a Verizon: per il CEO Marissa Mayer, buonuscita dimezzata nel caso in cui decida di lasciare l'azienda
Si definiscono nuovi dettagli dell'operazione di cessione a Verizon: per il CEO Marissa Mayer, buonuscita dimezzata nel caso in cui decida di lasciare l'azienda

Dopo l’annuncio delle intenzioni espansive di Verizon, ufficializzate a luglio dello scorso anno, il destino di Yahoo si sta scrivendo di documento in documento, a tenere traccia delle negoziazioni al ribasso dovute all’emergere delle brecce rilevate nell’infrastruttura, e allo sgretolarsi della fiducia di utenti e investitori. Due documenti depositati ora presso la Securities and Exchange Commission statunitense rendono pubblici ulteriori dettagli riguardo al futuro del management e della suddivisione dell’azienda.

È noto da gennaio che Verizon acquisirà la divisione operativa della società e il relativo brand, mentre il resto di Yahoo confluirà in una entità che prenderà il nome di Altaba e che si occuperà di investimenti e della gestione delle quote di Alibaba. È noto da febbraio che il valore dell’operazione si aggira intorno ai 4,48 miliardi di dollari: Verizon, che da tempo richiedeva uno sconto sulla base dei problemi di sicurezza e delle possibili responsabilità del management , ha ottenuto un taglio di 350 milioni di dollari sulla cifra iniziale. Un taglio che, si apprende ora , Verizon auspicava valesse 925 milioni di dollari .

Per quanto riguarda la dirigenza, è stato ora stabilito che Marissa Mayer, CEO di Yahoo che rimarrà in carica fino al momento dello smembramento dell’azienda, non traslerà il proprio ruolo presso Altaba. Non è dato invece sapere se e per quanto tempo deciderà di seguire Yahoo fra le braccia di Verizon: nel caso in cui rinunci a questa opportunità nel giro di un anno, come prevedono in molti , o venga allontanata dall’operatore statunitense senza giusta causa, è stata fissata una buonuscita da 23 milioni di dollari , di cui poco più di 3 milioni in contanti e quasi 20 milioni in quote azionarie.

Mayer, che quest’anno ha deciso di rifiutare il bonus che le spettava per dividere la relativa cifra tra i dipendenti dell’azienda, si è vista pressoché dimezzare la quota della buonuscita, in precedenza fissata a 53 milioni di dollari. Ad oggi, l’attuale CEO detiene stock option e azioni vincolate di Yahoo per un valore pari a 76.764.790 dollari.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 03 2017
Link copiato negli appunti