Yahoo, terremoto nel pay-per-click

Assalto legale contro il motore di ricerca per la truffa sul modello promozionale pay-per-click messa a nudo da un esperto dell'Università di Harvard. Già si parla di class-action

Sunnyvale (USA) – Crafts by Veronica , un negozio online del New Jersey, ha denunciato Yahoo! per quella che ritiene essere una “truffa pubblicitaria”, come l’ha definita il giurista Ben Edelman di Harvard . I responsabili di Crafts by Veronica accusano Yahoo di aver pubblicato le proprie inserzioni su siti di dubbia provenienza e persino in alcuni adware .

I soldi spesi in pubblicità online, tecnicamente, sarebbero serviti “per ottenere traffico altamente selezionato”, sostiene uno dei rappresentanti legali del negozio. “Malgrado le nostre lamentele”, continuano gli avvocati, “Yahoo ha continuato a far pagare il nostro cliente per inserzioni pubblicate e diffuse in modo completamente improprio, contrario agli accordi precedentemente stipulati”. Come ricorda Ben Edelman, “molti siti che diffondono spam o spyware utilizzano il servizio pubblicitario pay-per-click di Yahoo per arricchirsi”.

Alcuni particolari contenuti nel testo della denuncia tendono ad aggravare le accuse: “L’intero volume di traffico web improprio associato al servizio promozionale pay-per-click”, riporta News.com , “è stato utilizzato da Yahoo per gonfiare le previsioni finanziarie, ingannare gli investitori e quindi per trarne profitto personale”. I legali di Yahoo per ora non hanno voluto commentare.

Quelli di Crafts by Veronica sperano, invece, sull’appoggio di altri imprenditori ed aziende in numero ancora imprecisato. Qualcuno parla già di class-action contro Yahoo.

La denuncia è un vero e proprio fulmine a ciel sereno che cade sull’intero settore del marketing online, nonostante molti osservatori stiano da tempo annunciando la fine del modello pay-per-click , facilmente “pilotabile” e potenziale veicolo di truffe ai danni degli inserzionisti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Due cose
    1) Come la prenderanno i produttori di videoregistratori?2) Presumendo che il governo italiano abbia dei rappresentanti nel WIPO, mi chiedo come il governo di centro sinistra provvederà alla [...]"elaborazione di nuove forme di tutela della proprietà intellettuale, specialmente nel digitale, conciliando i diritti di autori ed editori con l’interesse comune alla massima diffusione della cultura e delle idee;"[...]?(citazione dalla pagina 264 del programma elettorale)
  • Gatto Selvaggio scrive:
    Fate come me
    Non li guardo.Non li pago.Non uso autostrade, tangenziali, grandi opere eccetera.Parcheggio tre chilometri più in là piuttosto che a pagamento.Se posso andare a piedi non prendo l'auto e risparmio la benzina.Le patate e i asparagi e la frutta del mio terreno si sottraggono all'economia degli ipermercati.Non uso niente a pagamento se c'è un'alternativa gratis.Appena ci riesco passo a Linux-O.S.Se occasionalmente sono costretto a un compromesso, so che è un compromesso, non mi conto illusioni sulla bontà dello stesso.Io sto cominciando. Se fossimo di più, potremmo formare un'economia parallela in cui il denaro non ha tutta quest'importanza. E non aver più bisogno di banche e strozzini vari.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 05 maggio 2006 13.29-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Fate come me
      Modificato dall' autore il 05 maggio 2006 13.29
      --------------------------------------------------
  • Alessandrox scrive:
    Non dimintichiamo che...
    Gli USA hanno grande influenza nell ONU, le sue politiche spesso rispecchiano le politiche interne statunitensi.
  • Anonimo scrive:
    Questi sono PAZZI
    Questi sono PAZZI. Un trattato inutule in più, la "pirateria" li sotterrera insieme a Riaa e MpaaARRRRRRRRRR
    • Anonimo scrive:
      Re: Questi sono PAZZI
      Non c'entra niente la pirateria. Stanno cercando mezzi per ottenere controllo totale sui mezzi di comunicazione e sull'informazione senza che si possa chiamare censura.
      • borg_troll scrive:
        Re: Questi sono PAZZI
        - Scritto da:
        Non c'entra niente la pirateria. Stanno cercando
        mezzi per ottenere controllo totale sui mezzi di
        comunicazione e sull'informazione senza che si
        possa chiamare
        censura.E non c'é dubbio che ci riusciranno. Con la benedizione dell'Economia, ovviamente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Questi sono PAZZI
          Soluzioni?Molotov e mazze da baseball...
          • Anonimo scrive:
            Re: Questi sono PAZZI

            Soluzioni?
            Molotov e mazze da baseball...E perché credi siano allo studio tutti quei veicoli militari robotizzati?
          • Anonimo scrive:
            Re: Questi sono PAZZI
            - Scritto da:

            Soluzioni?

            Molotov e mazze da baseball...

            E perché credi siano allo studio tutti quei
            veicoli militari
            robotizzati?ma se hanno una radio :-)) procurandosi gli strumenti si crakkano :-))e poi si usanocomunque ricordiamoci una cosa l'esercito e' nostro NON del governol'esercito deve difendere la popolazione non difendere gli interessi ditelo ai vostri amici che fanno/vogliono fare il militare, far capire questo fa piu danno di una molotov
          • Anonimo scrive:
            Re: Questi sono PAZZI

            comunque ricordiamoci una cosa l'esercito e'
            nostro NON del
            governo
            l'esercito deve difendere la popolazione non
            difendere gli interessiAh si? Davvero? In che film?Prova ad avvicinarti ad una caserma e dirgli che devono difenderti dal governo.Portati almeno un giubbetto antiproiettile!
    • Anonimo scrive:
      Re: Questi sono PAZZI
      Non c'entra niente la pirateria. Stanno cercando mezzi per ottenere controllo totale sui mezzi di comunicazione e sull'informazione senza che si possa chiamare censura.
Chiudi i commenti