YouTube arricchisce i Monty Python

Gli alfieri dell'umorismo british gioiscono: dar via gratis i contenuti su YouTube ha permesso loro di vendere, anzi stravedere, vagonate di DVD dei vecchi classici

La gratuità e la flessibilità del copyright pagano, soprattutto su Internet. Ne sono testimoni i Radiohead, i Nine Inch Nails e buoni ultimi i Monty Python, irriproducibile fenomeno britannico di umorismo d’antan recentemente convertitisi di buon grado alla copiabilità infinita connaturata ai formati digitali con un canale ufficiale su YouTube . Quel canale, dicono ora i numeri, fa schizzare alle stelle le vendite dei supporti originali con cui gli “autori” e i publisher fanno evidentemente fruttare (a parecchi anni di distanza) il proprio operato.

Intraducibili in una lingua che non sia l’inglese, dissacratori irrefrenabili, inventori di quello spam che è diventata la parola più infame della storia informatica recente, i Monty Python continuano a rappresentare le icone di loro stessi e ad attrarre pubblico di ogni età.

D’altronde i Monty Python lo avevano anche cantato sulle croci nell’irresistibile Brian di Nazareth , che bisogna sempre guardare al lato positivo della vita , e nel caso di YouTube il lato positivo sembra essere l’effetto a dir poco esplosivo sulle vendite di DVD originali a cui il gruppo inglese cortesemente rimanda in ognuno degli spezzoni video messi online e fruibili senza costi aggiuntivi, connessione a parte.

Tale effetto si quantificherebbe in un incremento di 23mila volte dei dischi venduti su Amazon, dove i Monty Python sono arrivati al secondo posto della classifica best seller nella categoria Film & TV. Se tali cifre possono non essere del tutto convincenti per qualcuno, se molto ci sarebbe da dire sulla loro precisione, quel che appare pacifico è che ancora una volta si è avuta la dimostrazione del fatto che gli utenti-consumatori, se trattati con la considerazione che meritano e non perseguiti nei tribunali o per mezzo degli ISP, ripagano con moneta sonante la fiducia degli autori .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • HAL9000 scrive:
    In quanti siamo ancora con il 56K?
    Io è da più di dieci anni che aspetto l'adsl. (Provincia di Lodi).
    • Patrizio scrive:
      Re: In quanti siamo ancora con il 56K?
      Fatti una chiavetta UMTS, magari nella tua zona già c'è. Io nel mio piccolo paese in prov di Asti ho ovviato così.
      • Sgabbio scrive:
        Re: In quanti siamo ancora con il 56K?
        Con le tariffe che ci sono ?
        • HAL9000 scrive:
          Re: In quanti siamo ancora con il 56K?
          Purtroppo non ho copertura UMTS, potrei fare da qualche mese una connessione WASDL ma a circa 40€ mensili (un po' troppo).
  • asd scrive:
    che tristezza
    il numero di alienati sara' la meta' di questa statistica
  • Pino scrive:
    I cinesi non valgono
    Infatti non navigano in internet ma solo in una sottorete iperfiltrata, quindi non si può inserirli in classifica.
  • Funz scrive:
    Incredibile Brunetta
    Quel piciu di Brunetta per una volta ne ha detta una giusta: in Italia il 17% delle famiglie è connesso a Internet (in diminuzione), mentre le media europea è del 32% e in Paesi più avanzati del Nord stanno sopra al 70%. Staremo a vedere cosa combineranno per migliorare la situazione (previsione: niente, anzi andrà sempre peggio)
  • pico52 scrive:
    Vediamola anche rispettoalla popolazione
    Country Visitors/000 % Totale popolaz. %su popol. Netherlands11,8121.2%16.683.31370,8%Canada 21,8092.2%33.063.21266,0%United Kingdom36,6643.6%61.420.00059,7%South Korea27,2542.7%48.512.00056,2%United States163,316.2%305.826.24453,4%France 34,013.4%64.473.14052,8%Japan 59,9936.0%127.687.00047,0%Germany 36,9923.7%82.210.00045,0%Spain 17,8931.8%46.083.25938,8%Italy 20,782.1%59.872.93234,7%Russia 28,9982.9%141.806.22020,4%Worldwide1007,73100.0%6.727.472.41915,0%Brazil 27,6882.7%189.980.55014,6%China 179,7117.8%1.328.722.56013,5%Mexico 12,4861.2%103.263.38812,1%India 32,0993.2%1.147.677.0002,8%
  • 3my78 scrive:
    e noi...
    siamo gli unici a retrocedere. Chissà perché...http://3my78.blogspot.com/
    • Mirkochip scrive:
      Re: e noi...
      Beh in questo caso pero` 21 milioni non sono pochi, un terzo della popolazione. Certo bisogna vedere quanti di questi hanno un 56k e quanti una adsl solo di nome...
    • acad scrive:
      Re: e noi...
      be.... Qualcuno dovrà ancora pensare ad uscire a non capire niente a riprodursi, o pensi che il mondo sia davanti a un pc? :o
    • ... scrive:
      Re: e noi...
      Forse perché molti si collegavano soltanto per scaricare e non per informarsi..
Chiudi i commenti