Kites è la nuova acquisizione di Zoom per le trascrizioni

Kites è l'acquisizione di Zoom per le trascrizioni

La tedesca Karlsruhe Information Technology Solutions è la nuova acquisizione di Zoom per il machine translation e le trascrizioni in tempo reale.
La tedesca Karlsruhe Information Technology Solutions è la nuova acquisizione di Zoom per il machine translation e le trascrizioni in tempo reale.
Guarda 21 foto Guarda 21 foto

Con l'obiettivo di migliorare ulteriormente la qualità del servizio offerto, tra quelli che più hanno beneficiato della massiccia adozione di smart working, didattica online e comunicazione da remoto, il team di Zoom annuncia oggi una nuova acquisizione: questa volta è toccato alla tedesca Kites.

Zoom compra Karlsruhe Information Technology Solutions

Per esteso si legge Karlsruhe Information Technology Solutions ed è una società specializzata in soluzioni di machine translation. La tecnologia messa a punto tornerà utile a Zoom per integrare un sistema dedicato alle trascrizioni in tempo reale di quanto pronunciato dagli utenti durante riunioni e videochiamate. Queste le parole attribuite a Velchamy Sankarlingam, President of Product and Engineering.

Siamo continuamente alla ricerca di nuovi modi per rendere felici i nostri utenti e migliorare la produttività dei meeting: le soluzioni di machine translation giocheranno un ruolo chiave sulla nostra piattaforma e per i clienti di Zoom in tutto il mondo.

La creazione di di Kites risale al 2015. La realtà ha radici accademiche e un profondo legame con il Karlsruhe Institute of Technology, dove i fondatori Alex Waibel e Sebastian Stüker hanno dato il via alla sua attività. Con una squadra in cui trovano posto 12 ricercatori, contribuirà a migliorare la piattaforma. Come esito dell'acquisizione, Zoom valuta la possibilità di inaugurare un nuovo centro di ricerca e sviluppo in Germania.

Restando in tema, proprio ieri l'azienda ha annunciato la disponibilità della Progressive Web App ufficiale per i dispositivi della linea Chromebook, distribuita attraverso il Play Store di Google e caratterizzata da un codice in grado di integrarsi al meglio nel sistema operativo Chrome OS.

Fonte: Zoom
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti