Australia, eBay rinuncia al PayPal-only

Per evitare scivoloni, eBay torna sui suoi passi e revoca l'obbligo di effettuare transazioni esclusivamente a mezzo PayPal. La bacchettata dell'antitrust locale va di traverso al colosso dell'ecommerce
Per evitare scivoloni, eBay torna sui suoi passi e revoca l'obbligo di effettuare transazioni esclusivamente a mezzo PayPal. La bacchettata dell'antitrust locale va di traverso al colosso dell'ecommerce

eBay capitola, il rapporto tra PayPal e la piattaforma di e-commerce non sarà una relazione esclusiva, gli utenti australiani del portalone non saranno vincolati all’uso del sistema transattivo che eBay ha inglobato 6 anni fa.

Quello condotto in Australia era una sorta di sperimentazione : eBay aveva professato la monogamia a favore di PayPal e voleva che lo stesso facessero i propri utenti. Un matrimonio senza tradimenti: eBay avrebbe voluto chiudere tutti gli altri canali attraverso i quali condurre transazioni, affinché ai propri utenti venissero assicurate le massime garanzie . Un matrimonio d’interesse che avrebbe favorito eBay e la sua controllata, garantendole in esclusiva le commissioni sulla vendita.

I commercianti erano insorti , le banche si erano dichiarate contrarie in quanto la misura avrebbe sconquassato il regime competitivo in cui operano, le autorità si erano mosse. L’antitrust australiano, ACCC, aveva indetto una consultazione per sondare il parere dei cittadini e aveva offerto ad eBay del tempo per meditare sulla propria scelta. In molti, fra cui potenziali concorrenti di peso come Google, si sono pronunciati confermando il parere di ACCC, secondo cui eBay negherebbe ai consumatori la facoltà di scegliere cosa sia opportuno e cosa sia più sicuro per loro e creerebbe una situazione lesiva della concorrenza .

eBay, in un primo momento sembrava voler fare orecchie da mercante: in una email inviata a tutti gli utenti australiani, l’azienda aveva procrastinato i termini entro i quali avrebbe accettato che sulla piattaforma si fossero verificati altri tipi di transazione, ma non avrebbe rinunciato a battere la strada dell’esclusività di PayPal.

Ora, il brusco cambio di fronte , comunicato con un messaggio sulla bacheca degli annunci della piattaforma: se i commercianti saranno obbligati a prevedere PayPal come metodo di pagamento, “eBay continuerà a permettere agli utenti di utilizzare tutti i metodi di pagamento ora previsti su eBay.com.au “.

Le motivazioni della piattaforma non fanno riferimento al pungolo di ACCC: la marcia indietro è stata prevista per arginare “ulteriore confusione e divisioni fra la community di eBay”. Conferma il vicepresidente Simon Smith: nonostante l’azienda non condivida le motivazioni alla base della bacchettata dall’antitrust locale, la soddisfazione degli utenti è il miglior premio di eBay.

Saranno gli utenti a decidere se premiare l’accoppiata eBay PayPal. “Se PayPal è davvero la migliore opzione di pagamento – si chiede provocatoriamente Dale Clapperton di Electronic Frontiers Australia – perché eBay dovrebbe costringere le persone ad approfittare del loro servizio?”.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 07 2008
Link copiato negli appunti