Autarchia è il nuovo videogame cinese

I videogiochi provenienti dall'estero potranno essere bloccati con uno schiocco di dita da qualsiasi concorrente locale

Roma – A Pechino non basta che i produttori di game locali si accaparrino il 60 per cento del vasto mercato della Repubblica Popolare. Una regolamentazione recentemente introdotta renderà difficile ai produttori stranieri superare la Grande Muraglia e conquistare i gamer cinesi.

A stringere le redini del mercato è l’ organo statale che vigila su stampa ed editoria: a questo ente il compito di valutare il game e vagliarne il contenuto, stabilendo se il titolo sia adeguato per essere dato in pasto ai 40 milioni di gamer online cinesi. Prima di approdare sul mercato, il gioco subisce un complesso e selettivo processo di revisione: non deve attentare alla morale di stato, deve conformarsi alla cultura locale senza corrompere la rettitudine dei cittadini.

Non dovesse bastare questa barriera all’accesso, i censori pechinesi hanno recentemente approvato un provvedimento capace di ritardare ulteriormente l’introduzione di un prodotto videoludico online sul mercato locale: perché venga sottoposto all’analisi dell’organo di valutazione, il gioco non dovrà essere oggetto di controversie con produttori di game locali.

Il titolo non dovrà essere coinvolto in procedimenti legali di alcun tipo, non dovrà essere oggetto di denunce. Nel caso in cui finisca nel mirino di un’azienda locale, si dovrà attendere che il contenzioso sia sanato in tribunale o risolto con un accordo tra le parti: solo allora l’amministrazione di stampa e editoria potrà procedere alla revisione e alla eventuale approvazione del prodotto. In sostanza i competitor locali delle aziende occidentali avranno diritto di veto sull’introduzione di nuovi titoli.

Il provvedimento sembra non possa ripercuotersi su colossi della videoludica come World Of Warcraft , giocato da decine di milioni di utenti in tutto il mondo, capace di appassionare oltre tre milioni di gamer cinesi. Potrà invece contribuire in futuro a delineare una Cina videogiocata sempre più autarchica e protezionista, orgogliosa produttrice di game salutari , edificanti e certificati dalle autorità.

L’unico ostacolo a intralciare il successo dei produttori nazionali potrebbe essere l’ atteggiamento del pubblico: molti cittadini della Repubblica Popolare interpretano il gaming online come una minaccia per i giovani, minaccia che pende sulla sicurezza e sulla stabilità della nazione. A sfatare questo mito penserà nuovamente l’ente preposto alla certificazione dei contenuti: in vista criteri sempre più stringenti.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • freddy scrive:
    sciochezza
    che balla, di link di AmateurMatch e' pieno myspace, ne nascono ogni giorno e molti sono di tipe mezze nude con migliaia di contatti, per non parlare dei cinesi che vendono roba tecnologica e potrei fornire millemila esempi.
  • Franz87 scrive:
    Avranno voluto farlo fuori
    Secondo me han trovato soltanto una scusa per eliminarlo... Qualcuno avrà voluto e ha trovato questo "scandalo"... Lo so che è troppo cospirativa ma la vedo l'unica...Oppure il classico giornalista che sbava da mesi senza notizia...Se viene condannato lui allora vanno condannate tot mila persone, perchè ci saranno tanti link a siti proibiti e ancora più amici dei tizi coi link proibiti.... Auguri!Tra reputo statisticamente impossibile (anzi dai, improbabile) che se ognuno ha 150 amici non ha nessun link "pericoloso" tra i piedi...scusate ma anche approssimando per difetto... facciamo circa 120^2 link?14400 pagine da controllare ogni giorno... beh è il minimo...
  • Anonimo scrive:
    A morte i link !
    A voi tutti che gestite un sito web, un blog, uno sfigatissimo guestbook DISABILITATE QUALSIASI FUNZIONE (o modulo se parliamo di cms) DEDICATA ALLA GESTIONE DEI LINK ESTERNI Non sia mai che un link del vostro sito, rimandasse ad un sito il cui link rimanda ad un altro link e poi link link link link ecc.ecc. e finalmente arrivate a qualcosa di illegale !Se qualcuno si firma con un link, chiamate la santa inquisizione, cancellatelo, sparategli ma non lasciate quella blasfema riga blu sul vostro sito o so cavoli vostri...Andassero a cagare...
    • e.l.f. scrive:
      Re: A morte i link !
      Se togli il link, togli il 99% del web. Non ha senso.e.l.f.
      • Anonimo scrive:
        Re: A morte i link !
        Ma infatti il senso del topic è ironico.
      • Murdock scrive:
        Re: A morte i link !
        Io proprongo di tornare alle white pages stampate su carta, e a digitare l'url dentro Mosaic come facevo 15 anni fa (aspettando che il modem 14.4 finisca di scaricare a 1 kb/sec una pagina senza immagini)anzi, no torniamo a gopher :-Dolè
    • mio cuggino scrive:
      Re: A morte i link !
      A un amico di mio cuggino ha messo un link a un sito di un suo amico che al lavoro aveva conosciuto uno che aveva conosciuto un piedofilo e gli hanno rigato la macchina.
    • DeMilitariz ed_Zone scrive:
      Re: A morte i link !
      ve la ricordate la storia per cui quando vai con una ragazza dal punto di vista epidemiologico è come se andassi con tutti i suoi partner dei 3 anni precedenti?pensate se lo venissero a sapere questi qui....preservativi di ghisa obbligatori per tutti gli under 65 come minimo.
      • piersi scrive:
        Re: A morte i link !
        e hai mai pensato al pizzaiolo che fa le pizze con le maniche corte e i peli delle braccia si attaccano alla pasta? e tu te la mangi con i peli attaccati?
      • Skywalker scrive:
        Re: A morte i link !
        Non esageriamo... :-)La ragazza in questione ha un sistema immunitario, e buona parte delle eventuali infezioni dei precedenti partner sono state più o meno prontamente soppresse.Certo, se lo fa scientemente, tipo untrice, può avere Aids, Gonorrea, Sifilide etc etc. ma anche tu, con chi ti sei messo?!!? (non considero neanche l'ipotesi "occasionale", perché se fai sesso "occasionalmente" con persone a caso senza alcuna precauzione, beh, non è contagio, è selezione naturale).
    • battagliacom scrive:
      Re: A morte i link !
      scusa ma non si potrebbe visitare quel link e poi magari se rilascia ad un altro link illegale cancellarlo? è troppo complicato?
      • Severissimus scrive:
        Re: A morte i link !
        - Scritto da: battagliacom
        scusa ma non si potrebbe visitare quel link e poi
        magari se rilascia ad un altro link illegale
        cancellarlo? è troppo
        complicato?Vuoi dire che quel tizio avrebbe dovuto controllare tutti i link presenti sulle pagine di tutti i suoi 150 "amici"? E poi magari controllare ricorsivamente tutti i link sulle pagine puntate da quei link? Praticamente doveva ricostruire il grafo del Web.
Chiudi i commenti