Bank of India, il sito spara malware

Nuova vittima eccellente di criminali informatici. Dopo il web italiano tocca questa volta ad un importante istituto finanziario indiano fare da trampolino di lancio per decine di schifezzaware assortiti

Roma – C’era una volta il phishing contro gli utenti bancari, anzi c’è ancora, ma più efficace per colpire chi utilizza le banche online è prendere di mira gli istituti direttamente sul loro sito, del quale gli utenti si fidano. Ed è questa strategia, volta a trasformare un network ritenuto affidabile in un distributore automatico di malware, che ha spinto ignoti cracker a colpire il portale finanziario Bank of India , che ha nei giorni scorsi erogato ai propri clienti una quantità non specificata di malware pericolosi.

Il personale IT dell’importante istituto finanziario è attualmente al lavoro per ripulire i server dalle bestioline che vi si sono annidate, e mentre scriviamo la homepage riporta la dicitura “manutenzione temporanea”. Ma prima che gli amministratori venissero contattati da IDG l’attacco era passato inosservato, provocando una breccia nella sicurezza dell’istituto e dei suoi clienti, le cui conseguenze sono ancora tutte da valutare .

Anche questa volta, come in un già discusso caso italiano , è stato utilizzato un iframe maligno camuffato all’interno del codice del sito, grazie al quale i cyber-criminali hanno appestato le macchine Windows, non debitamente aggiornate, con un nugolo di malware della risma peggiore. Gli esperti di SunBelt Software , produttrice di soluzioni di sicurezza e apprezzati tool come il celebre CWSandbox , hanno contato 31 diversi pezzi in tutto , inclusi un trojan sviluppato con Pinch , Trojan.Netview , Trojan-Spy.Win32.Agent.ql , diversi rootkit e agenti crea-botnet.

Il kit usato per sopraffare i sistemi di difesa del network di Bank of India è n404 , secondo quanto scrive l’esperto di sicurezza Dancho Danchev, strumento con cui gli scammer hanno prelevato malware dalla rete di Russian Business Network , “quei bravi ragazzi” coinvolti nella pornografia infantile, nello spam, e nella distribuzione del celebre toolkit crea-malware MPack .

Le ultime sul rootkit Sony

Non bastasse la preoccupante situazione sul campo, il mondo della sicurezza informatica deve fare i conti con gli sviluppi del caso riguardante il nuovo rootkit distribuito da Sony : per quanto l’allarme sia stato minimizzato da F-Secure , società autrice della scoperta iniziale, il driver software dello stick USB con riconoscimento d’impronta potrebbe davvero risultare pericoloso. Secondo quanto sostengono i ricercatori McAfee , ad un malintenzionato basterebbe integrare uno dei file eseguibili forniti con il driver suddetto per nascondere ogni cartella e tutti i file al suo interno dall’occhio indiscreto di scanner antivirus e software di sicurezza.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Enjoy with Us scrive:
    DRM e I-Tunes
    La questione non è se i brani scaricati da Itunes abbiano DRM più o meno restrittivi, semplicemente è che li hanno.Quindi il consumatore acquistando, avvalla di fatto le restrizioni imposte dal particolare DRM.E' quindi giusto che ne sottostia: non possa fare copie di backup (o solo in modo limitato), si possa risalire direttamente a Lui grazie alle firme digitali incorporate nei DRM, Possa visionare e/o ascoltare solo su determinati sistemi quello che ha scelto di comprare con tali limitazioni.Un consumatore dotato di cervello dovrebbe in tutti i modi boicottare simili sistemi di vendita, nel modo più semplice, NON ACQUISTANDO multimedia protetti da DRM. Se poi fosse anche dotato di iniziativa politica e riuscisse a creare un vasto movimento di opinione pubblica per mettere al bando simili sistemi meglio ancora.
    • A O scrive:
      Re: DRM e I-Tunes
      gia'...il problema e' che la dotazione media di cervello e' (direi) oltremodo scarsa...ciao
    • again scrive:
      Re: DRM e I-Tunes
      enjoy....duplicare canzoni o video protetti da copyright è vietato dalla legge, il DRM rinforza qesto.quindi, o non violi la legge e quindi di un drm come quello della apple non te ne può fregare di meno,oppure violi la legge (e quindi sei dannato in eterno da bertinotti diliberto e compagni in quanto criminale, (e fra l'altro evaderesti pure le tasse!!!! )) e quindi il DRM è una scocciatura...semplice no?
  • ishitawa scrive:
    condizioni assurde
    quando la capiranno che la gente, una volta pagato, vuole vedersi/sentirsi il bramo/film in santa pacenon sto facendo un discorso se è giusto o meno, è una questione di cosa viene percepito come giusto o inaccettabile.poter vedere il film acquistato solo su 5 PC, il martedi e il venerdi dalle 9 alle 12 di sera viene percepito come profondamente ingiustopasso per lo streaming (siamo tutti abituati a vedere la tv) o il one-timeil resto è destinato a fallire in quanto incontrerà una fortissima resistenza (che tradotto significa: cercherò di fare di tutto pur di abbattere questi vincoli, fosse altro che per soddisfazione personale)
    • marotfl scrive:
      Re: condizioni assurde
      - Scritto da: ishitawa
      poter vedere il film acquistato solo su 5 PC, tu riesci a vederlo su più di 5 PC contemporaneamente?quante teste hai?
      il martedi e il venerdi dalle 9 alle 12 di seraquesta te la stai inventendo tu senza alcuna ragione
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: condizioni assurde
        A me basterebbe poterla vedere su anche un singolo PC, ma poi di poterne fare copie funzionanti su un qualsiasi player da salotto. Volendo essere generoso anche solo due copie (una da tenere di backup)Poterla vedere solo sullo schermo di un PC mi sembra una limitazione eccessiva.
        • Piko scrive:
          Re: condizioni assurde
          - Scritto da: Enjoy with Us
          A me basterebbe poterla vedere su anche un
          singolo PC, ma poi di poterne fare copie
          funzionanti su un qualsiasi player da salotto.
          Volendo essere generoso anche solo due copie (una
          da tenere di
          backup)Per la musica è esattamente così: puoi togliere i drm e pure legalmente.Per i video non ho idea, perché in Italia non sono in vendita.Guarda che sia per video sia per la musica puoi fare diverse copie.I limiti sono talmente irrisori che nemmeno si percepiscono.
  • unaDuraLezione scrive:
    Se Itunes dovesse fallire...
    contenuto non disponibile
    • alexjenn scrive:
      Re: Se Itunes dovesse fallire...
      Ecco perché esistono i backup. E iTunes permette di farli (anzi, ogni tanto appare il messaggio che ti ricorda di effettuarli).Diverso dal fatto che i video non puoi trasformarli per la visione su DVD.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Se Itunes dovesse fallire...
        contenuto non disponibile
        • soulista scrive:
          Re: Se Itunes dovesse fallire...
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: alexjenn

          Ecco perché esistono i backup.

          Il backup funzionerà sul tuo prossimo PC senza
          dover accedere al servzio Itunes (nell'ipotesi
          itunes sarà
          fallito)?una volta acquistato un brano su itunes é tuo e lo puoi masterizzare fino a 3 volte (mi pare).
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            contenuto non disponibile
          • soulista scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            - Scritto da: unaDuraLezione
            sì, ma se ti parte l'HD, i file masterizzati sono
            utilizzabili sul nuovo PC senza dover passare
            all'autorizzazione online di
            Itunes?Certo. I files masterizzati (su cd audio) perdono il DRM.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            contenuto non disponibile
          • soulista scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            - Scritto da: unaDuraLezione
            Allora per quelli non c'è problema.
            Anche per i film scaricati da itunes si può fare
            un
            DVD?BBBBBBBOOOOOH!?L'unica canzone che ho comprato su itunes é stata "presepio imminente" degli Elio e solo perchè ho trovato il buono in omaggio con la coca (cola). :)
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            contenuto non disponibile
          • soulista scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: soulista


            BBBBBBBOOOOOH!?

            L'unica canzone che ho comprato su itunes é
            stata

            "presepio imminente" degli Elio e solo perchè ho

            trovato il buono in omaggio con la coca (cola).

            :)

            eheh.. anche io mi sono fatto un po' di brani con
            la coca cola di cui sono dipendente
            :)
            Persino a quelle condizioni (cioè gratis) mi
            giravano le pelotas ad usare il marchingegno di
            itunes e le sue limitazioni per il legittimo
            acquirente.No devo dire che non é male: é parecchio intuitivo. La cosa che mi infastidiva era spendere soldi per un mucchietto di interruttorini posizionati su I o O... sarò all'antica ma preferisco maneggiare un CD.Però sembra che i brani presenti su iTunes derivino dal master originale e quindi siano ad altissima qualità... quindi un po' vale la pena.
          • Piko scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...

            Persino a quelle condizioni (cioè gratis) mi
            giravano le pelotas ad usare il marchingegno di
            itunes e le sue limitazioni per il legittimo
            acquirente.Puoi masterizzare su cd, sentirlo sul più di un computer, sentire qualche limite in questo è davvero assurdo.Se hai 10 mac in casa, puoi sentire la musica da tutti e 10.Che limite effettivo senti? Di cosa senti il bisogno che non hai?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            contenuto non disponibile
          • ruppolo scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            - Scritto da: soulista
            una volta acquistato un brano su itunes é tuo e
            lo puoi masterizzare fino a 3 volte (mi
            pare).No, infinite volte.
          • marotfl scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            - Scritto da: soulista

            Il backup funzionerà sul tuo prossimo PC senza

            dover accedere al servzio Itunes (nell'ipotesi

            itunes sarà

            fallito)?

            una volta acquistato un brano su itunes é tuo e
            lo puoi masterizzare fino a 3 volte (mi
            pare).lo puoi masterizzare INFINITE volte
          • alexjenn scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            Puoi masterizzare i brani acquistati su CD audio fino a 7 volte NELLA STESSA PLAYLIST. In pratica puoi masterizzarli all'infinito.
    • soulista scrive:
      Re: Se Itunes dovesse fallire...
      - Scritto da: unaDuraLezione
      Se Itunes dovesse fallire non ci sarebbe più il
      servizio di
      autorizzazione/deautorizzazione.
      Chi ha comprato i miliardi di brani/film protetti
      da DRM, coccoli bene il proprio HD, finchè
      dura.se iTunes dovesse fallire vendendo gli episodi a 1,99 e Universal vincesse vendendoli a 4.99 vorrebbe dire che il mondo sta proprio andando alla rovescia...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 settembre 2007 11.28-----------------------------------------------------------
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Se Itunes dovesse fallire...
        contenuto non disponibile
        • soulista scrive:
          Re: Se Itunes dovesse fallire...
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: soulista


          se iTunes dovesse fallire vendendo gli episodi a

          1,99 e Universal vincesse vendendoli a 4.99

          vorrebbe dire che il mondo sta proprio andando

          alla

          rovescia...

          se avessi letto l'articolo sapresti che itunes
          non potrà vendere affatto quegli episodi, nè a 1
          euro nè a
          mille.Certo... facevo solo un raffronto.Universal é sì il più grosso produttore sotto contratto con iTunes ma non é l'unico, e se la soluzione di Universal si mostrasse vincente, incoraggerebbe gli altri produttori a staccarsi da itunes e mettersi in proprio, quindi itunes potrebbe "fallire". Ma se la soluzione di Universal si mostrasse vincente vorrebbe dire che la gente preferisce comprare i brani o gli episodi ad un costo maggiore! :oOppure i casi sono due:1. mossa infantile di Universal che dice "o tutto per me o niente!"2. mossa infantile di Universal che vuole scoraggiare la distribuzione legale online (non sia mai che a qualcuno venga in mente di distribuirsi i contenuti da solo...) per favorire quella fisica e incoraggiare quella illegale, potendo così applicare la propria strategia di marketing "spara denunce a caso e prendi i soldi dai patteggiamenti"oops... sto trollando
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            contenuto non disponibile
          • soulista scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: soulista


            Ma se la soluzione di

            Universal si mostrasse vincente vorrebbe dire
            che

            la gente preferisce comprare i brani o gli

            episodi ad un costo maggiore!

            :o

            scusa eh... ma io non compro i film, la musica, i
            videogiochi "al
            chilo".
            Lo compro in base alle preferenze.
            Se voglio vedere un film di Kubrick vado dove lo
            posso comprare, non compro Dragon Ball al suo
            posto perchè costa
            meno.o porti pazienza e aspetti di comprarlo a 6.90 dai cestoni al supermarket... o NON lo compri ;) (capisc'ammé)
    • ruppolo scrive:
      Re: Se Itunes dovesse fallire...
      - Scritto da: unaDuraLezione
      Se Itunes dovesse fallire non ci sarebbe più il
      servizio di
      autorizzazione/deautorizzazione.
      Chi ha comprato i miliardi di brani/film protetti
      da DRM, coccoli bene il proprio HD, finchè
      dura.iTunes non puo' fallire senza che Apple fallisca.Nessuno puo' dire se mai fallira', ma dopo 30 anni e' viva e vegeta, e' sta meglio di tutte le altre aziende del mondo informatico.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Se Itunes dovesse fallire...
        contenuto non disponibile
        • ruppolo scrive:
          Re: Se Itunes dovesse fallire...
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: ruppolo


          iTunes non puo' fallire senza che Apple
          fallisca.

          quindi?
          Il diritto del consumatore non deve essere appeso
          ad una, pur lecita,
          speranza.Invece lo è per qualsiasi prodotto. Le uniche garanzie sono la garanzia legale di 2 anni e l'obbligo di fornire pezzi di ricambio per 10 anni (ovviamente per i beni materiali).In ogni caso se la baracca iTunes dovesse chiudere sarà sufficiente trasferire il materiale su CD per liberarlo dei DRM (e avremmo anni di tempo per farlo). Ma stiamo parlando di lana caprina.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            contenuto non disponibile
          • ruppolo scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            - Scritto da: unaDuraLezione
            Il giorno in cui sparisse itunes *tutti coloro a
            cui si guasti il PC* sono
            fottuti.Il giorno in cui- sparisse iTunes,- e passassero gli anni concessi al trasferimento su CD,- e si guastasse il PC, - e l'asse terrestre... no, questo non c'entra, allora si, sarebbero fottuti.Ma mi pare invece molto piu' probabile (e non perche' mi e' successo) che si rimane fottuti anche in caso di perdita/furto dell'unico esemplare di CD acquistato in negozio. Perche' nessuno si e' strappato i capelli al riguardo? E se il CD si riga?Noi con il CD acquistiamo sono una licenza d'uso, eppure se il CD viene rotto o perso si perde anche la licenza. Questa mi sembra una cosa molto piu' grave, e che dura da 30 anni.
            Io però ho già detto che la questione dei file
            audio è quasi accettabile... ho puntato il dito
            su quelli video perchè se leggi l'articolo si
            parla di impossibilità del
            backup.
            Non c'è almeno un modo per scrivere DVD standard?Si dice che non e' il caso di fasciarsi la testa prima di averla rotta. Ma prima di nascere e' veramente troppo: da noi i film non li possiamo ancora comprare.Personalmente credo che prima ancora che possano verificarsi tutte le eventualita' prospettate per la musica, i film prenderanno la strada del noleggio, che mi pare la soluzione piu' razionale, e che risolve il problema da te prospettato.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            contenuto non disponibile
          • ruppolo scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: ruppolo



            Il giorno in cui

            - sparisse iTunes,

            - e si guastasse il PC

            bastano queste due condizioni, sneza divagare o
            fare gli
            spiritosi.


            Ma mi pare invece molto piu' probabile (e non

            perche' mi e' successo) che si rimane fottuti

            anche in caso di perdita/furto dell'unico

            esemplare di CD acquistato in negozio.

            la sai la differenza tra un unico esemplare e
            un'intera
            collezione?
            Pensaci.La risposta ad entrambi i discorsi e' una sola:Nel caso in cui iTunes venisse cessato, il sistema di autenticazione rimarrebbe in essere per alcuni anni (anche per sempre, nulla osta), per cui gli utenti avrebbero tutto il tempo per provvedere.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            contenuto non disponibile
          • ruppolo scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: ruppolo


            La risposta ad entrambi i discorsi e' una sola:

            Nel caso in cui iTunes venisse cessato, il

            sistema di autenticazione rimarrebbe in essere

            per alcuni anni (anche per sempre, nulla osta),

            per cui gli utenti avrebbero tutto il tempo per

            provvedere.

            Con che fondi un'azienda fallita può mantenere un
            server
            funzionante?Un'azienda fallita?Veramente stavamo parlando di una ipotetica cessazione di iTunes, non di fallimenti.Parlare di una Apple fallita equivale a parlare di aria fritta, per cui possiamo chiudere qui il discorso. Senza offesa.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            contenuto non disponibile
          • ruppolo scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: ruppolo



            Parlare di una Apple fallita equivale a parlare

            di aria fritta

            Vedo che hai bisogno di dogmi per sostenere un
            discorso.
            Cosa ne sai di cosa saranno l'informatica e
            l'economia fra 50
            anni?Nulla, come nulla mi freghera' della mia musica se sara' ancora fruibile o meno: tra 50 saro' morto e sepolto.Per quanto riguarda invece il periodo in cui mi interessa che la mia musica rimanga fruibile, Apple, con i suoi 30 anni di attivita', con il suo perfetto stato di salute e con il suo successo nel campo della musica, mi da' tale garanzia.Esiste qualcun altro, oggi, con tali credenziali?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            contenuto non disponibile
    • marotfl scrive:
      Re: Se Itunes dovesse fallire...
      - Scritto da: unaDuraLezione
      Se Itunes dovesse fallire non ci sarebbe più il
      servizio di
      autorizzazione/deautorizzazione.
      Chi ha comprato i miliardi di brani/film protetti
      da DRM, coccoli bene il proprio HD, finchè
      dura.non è che iTMS sparisce di colpo in un'ora... inoltre il servizio di attivazione/deattivazione, anche in caso di fallimento, potrebbe restare attivo il tempo necessario per dar modo agli utenti di "adeguarsi"... ora come ora, personalmente ho tutta la musica acquistata su 3 PC (1 Mac e 2 PC-Win), 2 iPod e vari CD che uso in auto. L'iPod non ha problemi di autorizzazione/deautorizzazione, e dai 3 PC posso sempre fare tutti i CD che voglio... vorrai mica che iTunes fallisca in una notte e in quella stessa notte mi si guastino 3 PC e 2 iPod??? (e anche in quel caso potrei recuperarli dai CD)
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Se Itunes dovesse fallire...
        contenuto non disponibile
        • gabri scrive:
          Re: Se Itunes dovesse fallire...
          Aridaje... ma lo vuoi capire che il drm si può togliere?? o fai finta di nn sentire...
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            contenuto non disponibile
          • gabri scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            Ah beh filmati nn ho mai provato.. in italia nn ci sono.. ma credo di si... intanto mi son comprato working class hero di Lennon a 9,98 ... 38 canzoni e senza DRM (itunes Plus) se nn è un prezzo onesto questo...
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Se Itunes dovesse fallire...
            contenuto non disponibile
        • again scrive:
          Re: Se Itunes dovesse fallire...
          cara dura lezione..ildrm di apple x i giochi dell'ipod l'hanno cracckato in 3 mesi, il crack per il drm dell'audio non se lo fila nessuno anche se esiste.. perchè??? perchè è talmente largo che ci puoi fare quello che vuoi.... le qestioni di principio non intereesano alla gente comune.. posso sentire la canzone in macchina? sul mio ipod? sul mio stereo? si .. che me ne frega che c'e anche il drm...se passi da casa mia ti masterizzo 800 canzoni da itunes e te le regalo...again.
  • LaNberto scrive:
    Ci rivedremo a Canossa
    Prevedo, da storie precedenti, che entro il 2008 tutti questi facinorosi torneranno all'ovile, visto che nessun progetto parallelo più costoso finora ha decollato. Se devo pagare 5 dollari per una puntata che posso tranquillamente registrarmi da solo non lo faccio. Il prezzo inferiore mi rende conveniente non farlo per risparmiarmi la fatica.
Chiudi i commenti