Bitcoin in difficoltà o forse no: questo è il vero dilemma

Bitcoin in difficoltà o forse no: questo è il vero dilemma

Secondo i media Bitcoin sarebbe entrato nel bear market, mentre per diversi analisti l'attuale correzione di mercato è la meno grave del 2021.
Secondo i media Bitcoin sarebbe entrato nel bear market, mentre per diversi analisti l'attuale correzione di mercato è la meno grave del 2021.

Si respira un'aria insolita in questi giorni nel mondo delle criptovalute, soprattutto se si puntano i riflettori su Bitcoin. Come abbiamo più volte detto, questa settimana per le crypto è stata davvero nera. Le quotazioni hanno per lo più toccato valori al ribasso e quasi tutte, insieme a Bitcoin, hanno mantenuto per lo più un trend negativo. Quindi la regina delle criptovalute è in difficoltà, o forse non lo è. Si tratta del dilemma più spinoso che sta corrodendo quasi tutti gli investitori. Cerchiamo di capire, dati alla mano, che cosa sta realmente succedendo e il futuro che potrebbe aspettarci.

Bitcoin: la difficoltà cala

Qual è la situazione attuale e quale sarà quella futura di Bitcoin? La cosa certa è che rialzisti e ribassisti se la stanno contendendo come se fosse un premio da sfoggiare. Lotta a parte, appare chiaro che in una settimana, quella appena trascorsa e quasi al termine, la difficoltà di Bitcoin ha interrotto una serie di aumenti consequenziali. Ciò ha fatto sì che la crypto segnasse il suo primo down dal mese di luglio.

A ciò si aggiunge quanto individuato da Glassnode Insight che, nella sua rubrica settimanale “The Week Onchain“, ha spiegato:

Con Bitcoin ora inferiore di oltre il 20% dal massimo storico, i titoli dei media tradizionali hanno dichiarato che Bitcoin è entrato in un mercato ribassista. Tuttavia, potrebbe sorprendere alcuni lettori che questa attuale correzione del mercato sia in realtà la meno grave del 2021. Alcuni potrebbero persino definirla ordinaria amministrazione per un HODLer di Bitcoin. Le svendite di gennaio, febbraio e aprile hanno raggiunto prelievi fino a -24,2% dall'ATH prima di tornare indietro. Il drawdown più profondo di quest'anno è stato ovviamente il periodo da maggio a luglio, dove il mercato ha raggiunto un drawdown del -54% ai minimi. La correzione più recente di settembre è stata in realtà la seconda più profonda, raggiungendo il -37,2% dall'ATH di aprile e il 25,2% dal massimo locale di $ 53k“.

Le vendite degli HODLer creano incertezza

Infine, restano le vendite degli HODLEr a generare incertezza. Queste potrebbero, per così dire, portare a ulteriori down di Bitcoin. Quindi sembra che i timori di un trend ribassista non siano ancora svaniti. Anzi, i minimi locali potrebbero essere più vicini di quanto si possa immaginare. Stando all'analisi di Glassnode Insight questa potrebbe essere una prima sintesi:

  • il sentimento del mercato subisce un duro colpo, nonostante il prelievo di ATH sia in realtà uno dei meno gravi nel 2021;
  • il prezzo ha testato di nuovo la base dei costi degli Short-Term HODLer ed è rimbalzato. Mantenere questo livello a $ 53k è la chiave per supportare un mercato rialzista;
  • gli HODLer hanno distribuito il 5,8% dell'offerta accumulata da marzo ed esiste qualche incertezza in base ai loro pattern di vendita;
  • sia i Long-term HODLer che gli Short-Term HODLer detengono un'offerta più redditizia rispetto alla correzione di settembre, che può essere generalmente considerata costruttiva per il prezzo.
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 12 2021
Link copiato negli appunti