Bitcoin: perché dovresti pensarci bene prima di vendere i tuoi BTC

Bitcoin: perché dovresti pensarci bene prima di vendere i tuoi BTC

Se l'inverno crittografico ti sta facendo paura scopri perché dovresti pensarci bene prima di vendere i tuoi Bitcoin durante questo down.
Se l'inverno crittografico ti sta facendo paura scopri perché dovresti pensarci bene prima di vendere i tuoi Bitcoin durante questo down.

L’attuale inverno crittografico potrebbe iniziare a incutere un po’ di timore anche negli investitori più esperti. Di contro, per gli HODLer questa è un’opportunità fantastica per acquistare più criptovalute possibili. Invece, se il timore sta vincendo anche nella tua mente potrebbe esserti utile capire perché dovresti pensarci bene prima di vendere i tuoi Bitcoin.

Partiamo dal presupposto che tu voglia scambiarli in dollari. Con l’aumento dei tassi di interesse della Federal Reserve potrebbe sembrare una buona idea. Ma fino a quando il dollaro USA continuerà a mantenere il suo livello prima di cominciare a deprezzarsi inesorabilmente?

Perciò è meglio resistere durante il lungo inverno crittografico che ci sta raffreddando in questi mesi per poi vedere questa riserva di valore crescere, piuttosto che gettare tutto al vento e non concludere più niente. Afferreresti due insuccessi: la perdita di valore del dollaro e l’impossibilità di beneficiare della crescita di Bitcoin in futuro.

Bitcoin ora non andrebbe venduto: il consiglio degli esperti

Secondo gli esperti “i giorni del dollaro sono contanti“. In pratica, non potrà rimanere a lungo una riserva di valore mondiale. In altre parole, le criptovalute potrebbero salvarti la vita da questa crisi economica mondiale. E tra le criptovalute c’è la principale e prima al mondo per capitalizzazione: Bitcoin.

La regina delle crypto si trasformerà in una vera e propria riserva di valore. Il debito nazionale degli Stati Uniti negli ultimi 100 anni è cresciuto e, se messo in relazione con il PIL, rivela la capacità del Paese di ripagare il proprio debito:

Negli ultimi 100 anni – si legge su FiscalData – il debito federale degli Stati Uniti è aumentato da 408 miliardi di dollari nel 1922 a 30,93 miliardi di dollari nel 2022. Se corretto per l’inflazione, il debito federale degli Stati Uniti è aumentato costantemente dal 2001. Senza adeguarsi all’inflazione, il debito federale degli Stati Uniti è aumentato costantemente dal 1957. Un altro modo per visualizzare il debito federale nel tempo è guardare il rapporto tra debito federale relativo al PIL. Questo rapporto è generalmente aumentato dal 1981. Il rapporto debito/PIL degli Stati Uniti ha superato il 100% nel 2013, quando sia il debito che il PIL erano di circa 16,7 trilioni.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 24 ott 2022
Link copiato negli appunti