Blackberry, frullato al vertice

In un colpo solo cambiano CMO, COO e CFO. E ci sono pure avvicendamenti nel consiglio di amministrazione. Basterà una testa nuova per cambiare rotta?

Roma – Pulizie di autunno a Ontario: Blackberry ha annunciato in un colpo solo una serie di ristrutturazioni ai piani alti dell’azienda, con Chief Financia Officer , Chief Marketing Officer e Chief Operative Officer che passano la mano. Anche il consiglio di amministrazione è oggetto di cambiamenti, con uno dei suoi componenti – Roger Martin – che lascia la poltrona su cui sedeva dal 2007. Tira aria di cambiamento in Canada, evidentemente il nuovo CEO John Chen appena insediatosi vuole mettere suoi uomini nei ruoli chiave.

Il nuovo CFO, colui che sovrintende le finanze aziendali, è una nomina interna: James Yersh succede a Brian Bidulka, che resterà comunque consulente per tutto l’anno fiscale per consentire una transizione indolore. Yersh è in Blackberry dal 2008, quando ancora si chiamava RIM, e la sua ultima mansione è stata di head of compliance . Senza sostituti sono invece gli uscenti Kristian Tear, COO, e il CMO Frank Boulben (entrambi nominati dal precedente CEO circa un anno fa): per loro non si fa riferimento ad alcun sostituto, e anzi il comunicato ufficiale lascia intendere che per il momento queste due deleghe saranno assunte direttamente dal CEO che si occuperà in prima persona delle mansioni collegate.

La mossa di Chen va dunque letta come una riorganizzazione legata alla propria visione di come condurre Blackberry tra i marosi che sta attraversando. Di certo non basteranno un paio di nomine e licenziamenti a ridare fiducia al marchio e al titolo, e tramontata l’ ipotesi acquisizione da parte di Lenovo o altro marchio rimane il problema di affrontare un mercato in cui gli smartphone canadesi non sono di certo i più richiesti dai consumatori. Che questo piccolo terremoto al vertice possa essere utile al rilancio è questione da dimostrare e che sarà dibattuta nei mesi a venire. L.A.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Leguleio scrive:
    Un altro caso
    Stavolta a denunciare è un ristoratore di Milano:http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/15_marzo_11/attenti-offese-tripadvisor-scatta-l-accusa-diffamazione-f7265280-c815-11e4-a75d-5ec6ab11448e.shtml
  • Mamo scrive:
    Tripadvisor
    Buona Sera,Gentile Redazione,La presente, per replicare alle critiche, a mio parere ingiuste, rivolte a Tripadvisor.Mi chiamo Massimiliano, vivo a Roma, e da circa un paio di anni, faccio recensioni, occasionalmente, per Tripadvisor, in quanto, mia moglie ed io, non ne potevamo più di prendere fregature qua e la per l'Europa.!!Cosiderate che :Secondo dati Istat, confcommercio e strutture varie, negli ultimi 15 anni, l'Europa e l'Italia in particolar modo, si sono riempite, senza alcuna giustiificazione apparente per un buon 30% in più, rispetto agli anni precedenti (il Giubileo del 2000 ??) e di colpo, di strutture al publico di ogni genere, bar ristoranti, pub, alberghi pensioni, ecc, ed è evidente , oggettivo ed indubbio oramai, a distanza di 15 anni che molte di queste strutture, nate per lucro, si siano poi rivelate un tantino "improvvisate", fallendo, riaprendo, passando di titolare in titolare, di nome in nome ecc.Tripadvisor, da la possibilità alla gente comune,(peraltro controllata) di dare una opinione, anzichè utilizzare costose aziende di controlling, che mandano occasionalmente ed a pagamento individui qua e la per ristoranti (mister quality, mistery shop) per avere una media qualitativa dopo 6 mesi, con magari solo 6 recensioni.Tripadvisor è un vulcano continuo che giorno per giorno, settimana per settimana, mese per mese, da voce alla gente comune che da vero cliente, ha vissuto un esperienza in un locale.In ogni caso , recensioni e reXXXXXri, non ricevono alcun compenso, vengono valutati, intervistati,controllati, verificati e paragonati, applicando comunque controlli e regole severe (vedi forum Tripadvisor).Ai risultati dei sondaggi, viene poi applicato un algoritmo matematico che produce il risultato della "media qualitativa" del locale, pertanto:E' certamente possibile che di tanto in tanto, possano occasionalmente capitare delle recezioni fasulle o di parte, ma nel caso in cui i giudizi valutativi, siano parecchi nel corso di breve periodo, ed appartengano a più persone che non si conoscono tra loro, di diversa etnia (stranieri),provenienza, estrazione sociale, età, , sesso, cultura e data di iscrizione a Tripadvisor, risulta un po difficile credere che dette recensioni negative o positive che siano, possano essere non attendibili!!Inoltre, anche nel caso in cui, su un sommario di una pagina veb, risulti in primo piano una recensione negativa su un certo locale, è pero possibile cliccare ed entrare nel sito di Tripadvisor, e valutare tutte le recensioni (positive, negative e nella media) per farsi un idea del locale in questione.Vi invitiamo pertanto, ad approfondire il meccanismo delle valutazioni sul sito di Tripadvisor.CordialmenteMassimiliano
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Tripadvisor
      Gentile Massimiliano,Grazie per aver contribuito.Ma ci deve essere stato un malinteso: l'articolo che commenti riporta fatti accaduti, parecchi mesi fa, e non esprime alcun giudizio sul servizio in questione.A presto,Luca
  • Leguleio scrive:
    E se una querela non bastava...
    ... Adesso TripAdvisor è indagato dall'Autorità garante della concorrenza e del mercato, detta con termine forestiero antitrust:http://www.repubblica.it/economia/2014/05/20/news/antitrust_tripadvisor_pratica_commerciale_scorretta-86641212/?ref=HREC1-9Il sospetto è che si sia davanti a una pratica commerciale scorretta, nel senso che non è noto se "la società adotti misure idonee a prevenire e limitare il rischio di pubblicazione di false recensioni sia sotto il profilo informativo che relativamente alle procedure di registrazione".
  • michele oria scrive:
    Tripadvisor causa danni irreparabili
    Non esiste alcun modo di rendere questo sito legale ed imparziale - Questo e tutti quelli simili a questo. Innanzitutto considerate la mole enorme di materiale che un singolo Albergatore o ristoratore si trovano a dover controllare ogni giorno, verificare, intuire a chi appartiene la recensione, rispondere, oppure addirittura spesso e' necessario agire legalmente nei confronti di chi recensisce e di chi pubblica, semplicemente impossibile. Facile immaginare che sulla scia di Tripadvisor stanno gia' nascendo non 10 0 100 ma migliaia di siti simili. Sull' onda del "visto che lui lo fa perché noi no" - Nessun albergatore o ristoratore o altro avrebbero piu' il controllo della situazione - Questo dovrebbe gia' essere sufficiente a far chiudere il sito e suoi simili. In quanto non esiste piu' proporzione tra l' eventuale offesa e la difesa comunque la si voglia vedere. Il danno arrecato da una singola recensione e' incalcolabile e del tutto sproporzionato rispetto alla eventuale offesa o difetto verso quel singolo cliente.
    • Leguleio scrive:
      Re: Tripadvisor causa danni irreparabili

      Non esiste alcun modo di rendere questo sito
      legale ed imparziale Uhmmmhmmmm... temo tu identifichi i due concetti, che invece appartengono a sfere diverse. E credo che l'ultima cosa che interessi a TripAdvisor sia l'imparzialità. Devono registrare le impressioni dei clienti, non devono mica fare i giurati a una gara olimpica. - Questo e tutti quelli
      simili a questo. Innanzitutto considerate la mole
      enorme di materiale che un singolo Albergatore o
      ristoratore si trovano a dover controllare ogni
      giorno, Io se fossi un albergatore o un ristoratore e se comparissero davvero così tante recensioni sarei in linea di principio contento: significa che il locale è frequentato, diversamente le recensioni sarebbero poche, massimo un paio al giorno.
      verificare, intuire a chi appartiene la
      recensione, rispondere, oppure addirittura spesso
      e' necessario agire legalmente nei confronti di
      chi recensisce e di chi pubblica, Che incidentalmente è il caso dell'articolo su cui stai commentando. Mi sa che nemmeno lo hai letto.
      Facile immaginare che sulla scia di
      Tripadvisor stanno gia' nascendo non 10 0 100 ma
      migliaia di siti simili. Che tu dipingi come le cavallette delle sette piaghe bibliche.Stai per caso difendendo un interesse privato qui su un luogo pubblico di discussione?
      Nessun albergatore
      o ristoratore o altro avrebbero piu' il controllo
      della situazione Perché, prima che esistesse TripAdvisor gli albergatori e i ristoratori avevano il controllo su ciò che i clienti raccontavano ai loro amici e conoscenti? Oppure sulle recensioni sui quotidiani?
      Questo dovrebbe gia' essere
      sufficiente a far chiudere il sito e suoi simili.Mai pensato di proporti come presidente della Turchia? Saresti perfetto. ;)
      In quanto non esiste piu' proporzione tra l'
      eventuale offesa e la difesa comunque la si
      voglia vedere. ???Cos'è la proporzione fra offesa e difesa? Sento questo concetto la prima volta ora.
  • giorgia petracca scrive:
    assurdo
    tripdvisor pubblica solo alcune recensioni ho provato più volte a recensire locali ,ma a quanto pare se hanno recensioni positive non accetta le negative, se hanno recensioni negative non accetta le positive. Danneggia i locali e li fa salire il classifica a modo suo.Non è affidabile ed è tutto manovrato. ora ne sono certa .Non è possibile che non accetti recensioni specialmente quando non sono offensive ,pio se deve decidere tripadvisor la valutazione dei locali me lo dovete dire.
  • Leguleio scrive:
    Finite le indagini
    Pare proprio che il proXXXXX si farà:http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/cronaca/2014/27-febbraio-2014/critico-locale-tripadvisor-docente-il-proXXXXX-2224137771772.shtml
  • giulio scrive:
    tripadvisor = sito di XXXXX
    Trippa Advisor è un sito totalemnete inaffidabile, dove chiunque puo' divertirsi a creare un indirizzo di posta, registrarsi, e lasciare un commento per qualsiasi struttura .
    • krane scrive:
      Re: tripadvisor = sito di XXXXX
      - Scritto da: giulio
      Trippa Advisor è un sito totalemnete
      inaffidabile, dove chiunque puo' divertirsi a
      creare un indirizzo di posta, registrarsi, e
      lasciare un commento per qualsiasi struttura.E con tutto lo spazio che c'e' la' vieni a scrivere qua ?
    • Leguleio scrive:
      Re: tripadvisor = sito di XXXXX

      Trippa Advisor è un sito totalemnete
      inaffidabile, dove chiunque puo' divertirsi a
      creare un indirizzo di posta, registrarsi, e
      lasciare un commento per qualsiasi struttura
      .Perché gli altri siti no, eh?!? Chiedono tutti la registrazione via fax con la fotocopia di un documento d'identità valido. :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 dicembre 2013 09.22-----------------------------------------------------------
  • Fossi Matto scrive:
    Si chiama opinione del villaggio...
    Una volta, se una persona andava a mangiare in un ristorante, questo lo diceva sicuramente a tutti gli amici, parenti, colleghi etc.etc. con le conseguenze del caso.Se si era trovato bene, ne parla bene, all'opposto se si era trovato male ne parlava male, ergo il ristorante aveva nuovi clienti oppure ne perdeva.Il problema però stava nel fatto che il tutto era circoscritto all'esperienza di gruppi chiusi o scarsamente comunicanti.... e quindi anche gli effetti erano limitati.Un pò come succede con i ristoranti delle città turistiche, che se ne sono sempre un pò approffittati confidando nel fatto che tanto turisti ne giravano sempre.Ora con internet e strumenti come tripadvisor il gruppo è diventato globale e a comunicazione istantanea... se scrivi male di qualcuno lo verranno a sapere anche gli arabi di timbuktù, ergo se un ristorante di roma o venezia tratta male i clienti e finisce su queste piattaforme c'è il rischio serio che anche i giapponesi lo sappiano e quindi non abbia più clienti.A questo punto, non potendo confidare nella moderazione dei clienti, l'unica per loro è comportarsi bene, sapendo che ovviamente qualcuno sarà sempre insoddisfatto... l'importate è che mediamente i giudizi siano positivi per più del 70-75%... se poi i positivi saranno al 50%, allora una domanda me la farei, se sono meno del 50%... bhe... evidentemente un fondo di verità c'è.Alla piattaforma, tripadvisor o altri, resterà comunque il compito di controllare che chi scrive giudizi non siano appunto agenzie o gente specializzata in queste cose, che andrebbero trattati alla stregua di chi in borsa fà aggiotaggio o insider trading.
    • Leguleio scrive:
      Re: Si chiama opinione del villaggio...

      Ora con internet e strumenti come tripadvisor il
      gruppo è diventato globale e a comunicazione
      istantanea... se scrivi male di qualcuno lo
      verranno a sapere anche gli arabi di timbuktù,A Timbuctù si parla principalmente koyra chiini, non arabo. :)
      A questo punto, non potendo confidare nella
      moderazione dei clienti, l'unica per loro è
      comportarsi bene, sapendo che ovviamente qualcuno
      sarà sempre insoddisfatto... Ecco, a proposito di "comportarsi bene": non mi pare che accusare su un sito un oste di servire vino avariato rientri nella definizione.La correttezza deve essere reciproca, non ti pare?
  • Enjoy with Us scrive:
    La ragione di chi è?
    1. La signora ha sicuramente sbagliato, se veramente Le era stato servito in più occasioni un vino imbevibile, addirittura nocivo, non capisco perchè non abbia protestato direttamente con l'oste al momento del conto e/o abbia richiesto l'intervento della forza pubblica, ancora non capisco perchè dopo tali esperienze deludenti abbia insistito a frequentare tale locale!2. L'Oste.... se il suo locale al contrario di quanto sostiene la signora è ottimo, come mai è bersagliato da un discreto numero di votazioni estremamente basse? Sono tutti amici della signora o della concorrenza?3. Tripadvisor... sostiene di moderare i commenti! A me non pare proprio se poi consente che si scriva che il vino è addirittura nocivo! Io non dico che dovrebbe valutare tutti i commenti, ma almeno in caso di contestazioni dovrebbe valutare i commenti oggetto di contestazione!Qui sono tutti furbi... gli utenti che sparano a zero credendo di nascondersi nell'anonimato, gli Osti che lavorano male ma che non tollerano critiche e i siti specializzati che vogliono far soldi ma senza perdere tempo a fare controlli!
    • Leguleio scrive:
      Re: La ragione di chi è?

      Qui sono tutti furbi... gli utenti che sparano a
      zero credendo di nascondersi nell'anonimato, gli
      Osti che lavorano male ma che non tollerano
      critiche e i siti specializzati che vogliono far
      soldi ma senza perdere tempo a fare
      controlli!Su questi ultimi, in particolare, va detto che si illudono di essere negli Usa anche quando operano fuori casa. In base alla legge italiana, ma anche quella estone:http://punto-informatico.it/3906093/PI/News/anonimato-online-non-editoria-digitale.aspxil gestore del sito può essere chiamato in correo, se si dimostra che è stata inviata una richiesta di rimozione senza seguito.
  • TADsince1995 scrive:
    Gli altri commenti sul ristorante
    Non sono molto migliori... La signora magari ha esagerato, ma a meno che non ci sia una congiura contro di lui, io qualche quesito me lo porrei e forse sarebbe stato meglio (anche per la sua immagine) contattare la signora e offrirle una cena gratuitamente e poi magari farci l'articoletto promozionale sul giornale locale. Così dimostra solo di non accettare le critiche (seppur di cattivo gusto) e non ci fa bella figura.
    • Dr Doom scrive:
      Re: Gli altri commenti sul ristorante
      - Scritto da: TADsince1995
      Non sono molto migliori... La signora magari ha
      esagerato, ma a meno che non ci sia una congiura
      contro di lui, io qualche quesito me lo porrei e
      forse sarebbe stato meglio (anche per la sua
      immagine) contattare la signora e offrirle una
      cena gratuitamente e poi magari farci
      l'articoletto promozionale sul giornale locale.E questa come la chiami: corruzione?
      Così dimostra solo di non accettare le critiche
      (seppur di cattivo gusto) e non ci fa bella
      figura.Un conto è il diritto di critica un conto è diffamare
      • dont feed the troll - Back Again scrive:
        Re: Gli altri commenti sul ristorante
        - Scritto da: Dr Doom
        - Scritto da: TADsince1995

        Non sono molto migliori... La signora magari
        ha

        esagerato, ma a meno che non ci sia una
        congiura

        contro di lui, io qualche quesito me lo
        porrei
        e

        forse sarebbe stato meglio (anche per la sua

        immagine) contattare la signora e offrirle
        una

        cena gratuitamente e poi magari farci

        l'articoletto promozionale sul giornale
        locale.

        E questa come la chiami: corruzione?
        Accontentare un cliente che ti ha pagato e che è rimasto insoddisfatto.Io lo chiamo Marketing, pubblicità, cortesia.

        Così dimostra solo di non accettare le
        critiche

        (seppur di cattivo gusto) e non ci fa bella

        figura.

        Un conto è il diritto di critica un conto è
        diffamareUn conto è la diffamazione, altra è lo starnazzare piagnucolando davanti a un giudice perchè non mi hanno fatto i complimenti.
        • Dr Doom scrive:
          Re: Gli altri commenti sul ristorante
          - Scritto da: dont feed the troll - Back Again
          - Scritto da: Dr Doom

          - Scritto da: TADsince1995


          Non sono molto migliori... La signora
          magari

          ha


          esagerato, ma a meno che non ci sia una

          congiura


          contro di lui, io qualche quesito me lo

          porrei

          e


          forse sarebbe stato meglio (anche per
          la
          sua


          immagine) contattare la signora e
          offrirle

          una


          cena gratuitamente e poi magari farci


          l'articoletto promozionale sul giornale

          locale.



          E questa come la chiami: corruzione?



          Accontentare un cliente che ti ha pagato e che è
          rimasto
          insoddisfatto.
          Io lo chiamo Marketing, pubblicità, cortesia.
          Io, no, comunque sono opinioni, e nessuno dei due sta insultando l'altro ;)
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: Gli altri commenti sul ristorante
            - Scritto da: Dr Doom
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again

            - Scritto da: Dr Doom


            - Scritto da: TADsince1995



            Non sono molto migliori... La
            signora

            magari


            ha



            esagerato, ma a meno che non ci
            sia
            una


            congiura



            contro di lui, io qualche quesito
            me
            lo


            porrei


            e



            forse sarebbe stato meglio (anche
            per

            la

            sua



            immagine) contattare la signora e

            offrirle


            una



            cena gratuitamente e poi magari
            farci



            l'articoletto promozionale sul
            giornale


            locale.





            E questa come la chiami: corruzione?






            Accontentare un cliente che ti ha pagato e
            che
            è

            rimasto

            insoddisfatto.

            Io lo chiamo Marketing, pubblicità, cortesia.


            Io, no, comunque sono opinioni, e nessuno dei due
            sta insultando l'altro
            ;)Eh se facessi il ristoratore ti querelerei perchè non mi hai dato ragione.
          • Dr Doom scrive:
            Re: Gli altri commenti sul ristorante
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again
            - Scritto da: Dr Doom

            - Scritto da: dont feed the troll - Back
            Again


            - Scritto da: Dr Doom



            - Scritto da: TADsince1995




            Non sono molto migliori... La

            signora


            magari



            ha




            esagerato, ma a meno che non
            ci

            sia

            una



            congiura




            contro di lui, io qualche
            quesito

            me

            lo



            porrei



            e




            forse sarebbe stato meglio
            (anche

            per


            la


            sua




            immagine) contattare la
            signora
            e


            offrirle



            una




            cena gratuitamente e poi
            magari

            farci




            l'articoletto promozionale sul

            giornale



            locale.







            E questa come la chiami:
            corruzione?









            Accontentare un cliente che ti ha
            pagato
            e

            che

            è


            rimasto


            insoddisfatto.


            Io lo chiamo Marketing, pubblicità,
            cortesia.




            Io, no, comunque sono opinioni, e nessuno
            dei
            due

            sta insultando l'altro

            ;)

            Eh se facessi il ristoratore ti querelerei perchè
            non mi hai dato
            ragione.Ma non dovevi invitarmi a cena? ;)
    • Leguleio scrive:
      Re: Gli altri commenti sul ristorante

      Non sono molto migliori... La signora magari ha
      esagerato, ma a meno che non ci sia una congiura
      contro di lui, Il che non è da escludere a priori, visto che su internet basta un po' di tempo e per far fuori la concorrenza si inventa di tutto e di più.
      io qualche quesito me lo porrei e
      forse sarebbe stato meglio (anche per la sua
      immagine) contattare la signora e offrirle una
      cena gratuitamente e poi magari farci
      l'articoletto promozionale sul giornale locale.La signora commentava da anonima, per la cronaca.
      • dont feed the troll - Back Again scrive:
        Re: Gli altri commenti sul ristorante
        - Scritto da: Leguleio

        Non sono molto migliori... La signora magari
        ha

        esagerato, ma a meno che non ci sia una
        congiura

        contro di lui,

        Il che non è da escludere a priori, visto che su
        internet basta un po' di tempo e per far fuori la
        concorrenza si inventa di tutto e di più.
        E certo, hai deciso a priori che il ristoratore ha ragione.


        io qualche quesito me lo porrei e

        forse sarebbe stato meglio (anche per la sua

        immagine) contattare la signora e offrirle
        una

        cena gratuitamente e poi magari farci

        l'articoletto promozionale sul giornale
        locale.

        La signora commentava da anonima, per la cronaca.Direi proprio di no dato che è stata rintracciata con facilità estrema
        • Leguleio scrive:
          Re: Gli altri commenti sul ristorante
          Ad uso dei lettori, cito uno dei tuoi interventi standard (uno dei pochi rimasti, quelli cancellati sono molti di più):http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3665573&m=3665740#p3665740(ultimo capoverso)Non perdere tempo a trovare argomentazioni. Sei qui su PI per insultare, fallo senza tanti preliminari.
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: Gli altri commenti sul ristorante
            Sei incapace di ribattere e dunque cerchi di diffamarmi per mascherare la tua totale ed evidente incapacità di replica. (E totale mancanza di competenza)
    • SIGLAZY scrive:
      Re: Gli altri commenti sul ristorante
      - Scritto da: TADsince1995
      forse sarebbe stato meglio (anche per la sua
      immagine) contattare la signora e offrirle una
      cena gratuitamente e poi magari farci
      l'articoletto promozionale sul giornale locale."Tutti coloro che rusciranno a dimostrare che il nostro prodotto fa male alla salute ne riceveranno subito dieci scatole in omaggio":-0
  • Schifato scrive:
    La docente ha ragione
    I ristoratori sono dei filibustieri di 1° categoria, oltre che noti evasori. Parlate con chi ha lavorato nelle cucine, confermerà.
    • Dr Doom scrive:
      Re: La docente ha ragione
      - Scritto da: Schifato
      I ristoratori sono dei filibustieri di 1°
      categoria, oltre che noti evasori. Parlate con
      chi ha lavorato nelle cucine,
      confermerà.e non ci sono più le mezze stagioni...
    • Leguleio scrive:
      Re: La docente ha ragione

      I ristoratori sono dei filibustieri di 1°
      categoria, oltre che noti evasori. E i commentatori sui forum e su TripAdvisor ancora peggio.
    • shivan scrive:
      Re: La docente ha ragione
      - Scritto da: Schifato
      I ristoratori sono dei filibustieri di 1°
      categoria, oltre che noti evasori. Parlate con
      chi ha lavorato nelle cucine,
      confermerà.Confermo di no.Ho lavorato in 3 ristoranti da giovane ed erano tutti e 3 esempi di correttezza, pulizia ed onestà.Generalizzare è un po' come essere razzisti.Ignoranza becera allo stato brado.
  • Get Real scrive:
    Sia di lezione per tutti
    Nella vita reale come in internet, mai mettersi contro chi è più forte di te.Questo non è un film: chi lo fa non diventa un eroe, ma viene schiacciato.
    • Leguleio scrive:
      Re: Sia di lezione per tutti
      - Scritto da: Get Real
      Nella vita reale come in internet, mai mettersi
      contro chi è più forte di
      te.

      Questo non è un film: chi lo fa non diventa un
      eroe, ma viene
      schiacciato.Esagerato! Pagherà una multa, e il risarcimento, se l'oste si costituisce parte civile. Ma manterrà forma e volume originario.
    • cicciobello scrive:
      Re: Sia di lezione per tutti
      - Scritto da: Get Real
      Nella vita reale come in internet, mai mettersi
      contro chi è più forte di
      te.Se "chi è più forte di te" è semplicemente il gestore di un ristorante di bologna (non una catena, un solo ristorante, e per giunta classificato come "scarso") vuol dire che sei tu ad essere un debole. Posso ancora capire chi ha paura di un esercito, dei servizi segreti, dell'FBI... ma aver paura di un ristorante è ridicolo.
    • Joe Tornado scrive:
      Re: Sia di lezione per tutti
      "più forte di te" ... un ristoratore ? Vado lì, faccio finta di sentirmi male e chiedo l'intervento della forza pubblica, che dà un'occhiata alle condizioni igieniche e magari anche ai titoli autorizzativi connessi ad insegne, occupazioni di suolo pubblico, regolarità dei contratti di lavoro, etc. ... poi vediamo chi è il più forte !Torna ad occuparti di major e governi, Get Real :D
      • MegaJock scrive:
        Re: Sia di lezione per tutti
        Ma neanche... Vai in un negozio per animali e compri un po' di larve di scarafaggio, e gliele lasci in giro. Dopo qualche giorno vedrai che ridere...
        • Number 6 scrive:
          Re: Sia di lezione per tutti
          Pota! HMMMM! Bad boy! :)
        • panda rossa scrive:
          Re: Sia di lezione per tutti
          - Scritto da: MegaJock
          Ma neanche... Vai in un negozio per animali e
          compri un po' di larve di scarafaggio, e gliele
          lasci in giro. Dopo qualche giorno vedrai che
          ridere...Un negozio di animali venderebbe larve di scarafaggio???
          • MegaJock scrive:
            Re: Sia di lezione per tutti
            - Scritto da: panda rossa
            Un negozio di animali venderebbe larve di
            scarafaggio???Si, le usano come pasto per alcuni tipi di animali.
          • cicciobello scrive:
            Re: Sia di lezione per tutti
            No, perchè non esistono proprio le "larve" di scarafaggio: i piccoli di scarafaggio, infatti, non si chiamano larve, ma ninfe (tra gli insetti, si parla di larve solo quando esiste uno stadio di crisalide tra la larva e l'adulto, e non è il caso degli scarafaggi)
          • MegaJock scrive:
            Re: Sia di lezione per tutti
            Vabbè, I stand corrected. L'importante è che siano vermetti che poi diventano bacarozzi. :)
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Sia di lezione per tutti
            Al caccia e pesca vendono i bigattini, ad uso esca. Non so oggi ... una volta si utilizzavano a scuola, per fare qualche giorno di ferie durante la disinfestazione :D
          • anverone99 scrive:
            Re: Sia di lezione per tutti
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: MegaJock

            Ma neanche... Vai in un negozio per animali e

            compri un po' di larve di scarafaggio, e
            gliele

            lasci in giro. Dopo qualche giorno vedrai che

            ridere...

            Un negozio di animali venderebbe larve di
            scarafaggio???Nei negozi di pesca puoi comprare larve di mosca carnaria... (ghost)
    • bradipao scrive:
      Re: Sia di lezione per tutti
      - Scritto da: Get Real
      Nella vita reale come in internet, mai mettersi
      contro chi è più forte di te.Se ho capito bene la vicenda, il commentatore è andato oltre il parere personale. Ha di fatto alluso ad un reato penale (vendita cibo adulterato).Poteva dire quello che voleva su cibi e bevande (mi ha fatto schifo tutto, non lo darei neanche al cane del vicino che odio, i camerieri mi stanno antipatici) finchè rimaneva sulla sua impressione personale. Al momento in cui tu fai una accusa specifica (esempio: mi hanno dato del veleno), se vuoi farla devi andare a sporgere denuncia, non scriverlo sul sito.
    • Schifato scrive:
      Re: Sia di lezione per tutti
      Certo che i NAS però, una visitina...
    • Be&O scrive:
      Re: Sia di lezione per tutti
      Oppure.... usate TOR anche per le registrazioni ai siti...ed evitate lo smartphone per le recensioni.Voglio vedere se per una denuncia di un ristorante si mettono a incrociare un centinaio di nodi anonimi, che puntano a tutta europa o peggio usa.Tra poco meglio usare TOR anche su PI !!
  • nushuth scrive:
    Diventare cliente dove mi denunciano?
    Io non ci sono mai stato, al ristorante in questione, anche se si trova a pochissimi Km da casa mia. tuttavia, voglio fare una considerazione:A prescindere dalla qualità del cibo e del vino, io MI RIFIUTO di andare a spendere i miei soldi in un locale che non è disposto ad accettare critiche negative al punto di DENUNCIARMI se esprimo una opinione. Con la crisi che c'e', se ho trenta euro da spendere al ristorante, li vado a spendere da un ristoratore che impiega il suo tempo a migliorare se stesso e il proprio locale anche e soprattutto grazie ai commenti negativi.un ristoratore che invece impiega il proprio tempo libero a querelare e denunciare chi scrive commenti negativi, a mio parere deve semplicemente chiudere perche non è quello il suo mestiere.Andando poi a leggere un po di commenti sullo stesso locale, c'e' una coincidenza alquanto strana. non esistono vie di mezzo. voglio dire.. assegnando un punteggio da 0 a 5, la maggior parte dei commenti è esageratamente entusiasta, voto 4-5, oppure voto 1-2, cioè pessimo o molto scarso. I voti positivi, che sono la maggioranza assoluta, sono accompagnati da una sviolinata di complimenti che vi lascio immaginare, puzzano di falso lontano chilometri, tanto sono intrisi di zucchero e miele.Quelli che invece suonano piu sinceri, sono i voti scarsi. certo, nessuno si è permesso di dire che il cibo è avariato, ma forse, un fondi di verità c'e'.Resta comunque il fatto grave: se non sei disposto ad accettare le critiche negative, anche quando sono molto pesanti, devi cambiare mestiere.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 novembre 2013 13.20-----------------------------------------------------------
    • Leguleio scrive:
      Re: Diventare cliente dove mi denunciano?

      A prescindere dalla qualità del cibo e del vino,
      io MI RIFIUTO di andare a spendere i miei soldi
      in un locale che non è disposto ad accettare
      critiche negative al punto di DENUNCIARMI se
      esprimo una opinione. Con la crisi che c'e', se
      ho trenta euro da spendere al ristorante, li vado
      a spendere da un ristoratore che impiega il suo
      tempo a migliorare se stesso e il proprio locale
      anche e soprattutto grazie ai commenti
      negativi.Se un oste dovesse preoccuparsi dell'indignazione delle persone come te, che scambiano la querela per diffamazione per un tentato omicidio con il mitragliatore...Il numero di clienti persi a causa della recensione della docente emiliana è sicuramente maggiore.In questo senso si dice: "hai fatto i conti senza l'oste". :)
    • .poz scrive:
      Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
      - Scritto da: nushuth
      A prescindere dalla qualità del cibo e del vino,
      io MI RIFIUTO di andare a spendere i miei soldi
      in un locale che non è disposto ad accettare
      critiche negative al punto di DENUNCIARMI se
      esprimo una opinione. C'è una bella differenza tra un opinione sul locale eg."si mangia male" "il cibo è pessimo" ed un affermazione come "è avariato" che presuppone una condotta dolosa del gestore peraltro perseguibile penalmente. Se il vino era veramente avariato non doveva scriverlo su tripadvisor ma chiamare i NAS.
    • ecumio scrive:
      Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
      - Scritto da: nushuth
      Io non ci sono mai stato, al ristorante in
      questione, anche se si trova a pochissimi Km da
      casa mia. tuttavia, voglio fare una
      considerazione:

      A prescindere dalla qualità del cibo e del vino,
      io MI RIFIUTO di andare a spendere i miei soldi
      in un locale che non è disposto ad accettare
      critiche negative al punto di DENUNCIARMI se
      esprimo una opinione. Con la crisi che c'e', se
      ho trenta euro da spendere al ristorante, li vado
      a spendere da un ristoratore che impiega il suo
      tempo a migliorare se stesso e il proprio locale
      anche e soprattutto grazie ai commenti
      negativi.

      un ristoratore che invece impiega il proprio
      tempo libero a querelare e denunciare chi scrive
      commenti negativi, a mio parere deve
      semplicemente chiudere perche non è quello il suo
      mestiere.

      Andando poi a leggere un po di commenti sullo
      stesso locale, c'e' una coincidenza alquanto
      strana. non esistono vie di mezzo. voglio dire..
      assegnando un punteggio da 0 a 5, la maggior
      parte dei commenti è esageratamente entusiasta,
      voto 4-5, oppure voto 1-2, cioè pessimo o molto
      scarso.


      I voti positivi, che sono la maggioranza
      assoluta, sono accompagnati da una sviolinata di
      complimenti che vi lascio immaginare, puzzano di
      falso lontano chilometri, tanto sono intrisi di
      zucchero e
      miele.

      Quelli che invece suonano piu sinceri, sono i
      voti scarsi. certo, nessuno si è permesso di dire
      che il cibo è avariato, ma forse, un fondi di
      verità
      c'e'.

      Resta comunque il fatto grave: se non sei
      disposto ad accettare le critiche negative, anche
      quando sono molto pesanti, devi cambiare
      mestiere.
      --------------------------------------------------
      Modificato dall' autore il 26 novembre 2013 13.20
      --------------------------------------------------così ad occhio sei uno di quelli che ha fatto commenti negativi su commissione
      • dont feed the troll - Back Again scrive:
        Re: Diventare cliente dove mi denunciano?


        così ad occhio sei uno di quelli che ha fatto
        commenti negativi su
        commissioneSe nutshuth fosse facilmente identificabile come persona fisica, questa sarebbe diffamazione, ad esempio.
        • ecumio scrive:
          Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
          - Scritto da: dont feed the troll - Back Again



          così ad occhio sei uno di quelli che ha fatto

          commenti negativi su

          commissione

          Se nutshuth fosse facilmente identificabile come
          persona fisica, questa sarebbe diffamazione, ad
          esempio.Ti riferisci al suo od al mio commento? Riguardo al mio ci ho pensato anche io prima di postare però, utilizzando nickname ed il suo manco è tra quelli "famosi" che frequentano assiduamente il forum, penso che non sto assolutamente attaccando nessuno. Tra l'altro ho espresso una opinione personale con formula dubitativa.Invece il suo commento è già più acceso, mette insunua diverse cose a mio personalissimo ed opinabile avviso. Saluto con la testa sotto i tuoi piedi (cit)
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
            - Scritto da: ecumio
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again





            così ad occhio sei uno di quelli che ha
            fatto


            commenti negativi su


            commissione



            Se nutshuth fosse facilmente identificabile
            come

            persona fisica, questa sarebbe diffamazione,
            ad

            esempio.

            Ti riferisci al suo od al mio commento? Al tuo, ça va sans direRiguardo
            al mio ci ho pensato anche io prima di postare
            però, utilizzando nickname ed il suo manco è tra
            quelli "famosi" che frequentano assiduamente il
            forum, Infatti, questo ti salva.
            Invece il suo commento è già più acceso, mette
            insunua diverse cose a mio personalissimo ed
            opinabile avviso.Si ma espone un ragionamento, condivisibile o meno, non accusando nessuno in particolare.Il ragionamento, per inciso, io lo condivido.

            Saluto con la testa sotto i tuoi piedi (cit)E mi posso muovere?
          • ecumio scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?

            Il ragionamento, per inciso, io lo condivido.
            Il suo o il mio?



            Saluto con la testa sotto i tuoi piedi (cit)

            E mi posso muovere?Certo che si!!!A parte tutte le storie, si può vedere benissimo che di fronte ad una situazione c'è chi dice ha ragione il ristoratore, chi il contrario. Io credo che che in questo caso il commento del vino "avariato" sia un po' eccessivo, nel senso che puoi anche usare parole diverse ma rendere lo stesso la tua idea. Le parole sono importanti (altra cit.) e anche se due frasi possono obbiettivamente dire la stessa cosa, ci possono essere modi diversi, costruttivi, assertivi o anche maleducati. Poi c'è anche la sensibilità di chi riceve la critica, magari c'è gente che non capisce manco se glielo dici con le buone, gente che non se la prende manco se gli offendi la madre.Come ha scritto qualcuno sopra (leguleio mi pare), alla fine deciderà un giudice. A me che me frega, dormo tranquillo. E di solito chiedo ad amici e conoscenti del luogo dove andare a cena!!!
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
            - Scritto da: ecumio

            Il ragionamento, per inciso, io lo condivido.



            Il suo o il mio?il suo






            Saluto con la testa sotto i tuoi piedi
            (cit)



            E mi posso muovere?


            Certo che si!!!

            A parte tutte le storie, si può vedere benissimo
            che di fronte ad una situazione c'è chi dice ha
            ragione il ristoratore, chi il contrario.
            C'è sempre chi per indole, manie di protagonismo, "bastiancontrarismo" ama mettersi dalla parte del torto palese.Qualcuno pensa che sia tipico dei troll.
            Io credo che che in questo caso il commento del
            vino "avariato" sia un po' eccessivo, nel senso
            che puoi anche usare parole diverse ma rendere lo
            stesso la tua idea.

            Le parole sono importanti (altra cit.) e anche se
            due frasi possono obbiettivamente dire la stessa
            cosa, ci possono essere modi diversi,
            costruttivi, assertivi o anche maleducati.Sono assolutamente d'accordo.c'è sempre un modo migliore per esprimere lo stesso concetto.
            Poi
            c'è anche la sensibilità di chi riceve la
            critica, magari c'è gente che non capisce manco
            se glielo dici con le buone, gente che non se la
            prende manco se gli offendi la
            madre.
            Come ha scritto qualcuno sopra (leguleio mi
            pare), alla fine deciderà un giudice.Ma siamo sicuri che la magistratura debba intervenire per ogni sciocchezza?Non è che forse forse l'inefficienza della magistratura di cui tutti si lagnano è dovuta per grandissima parte a una certa litigiosità da carte bollate tipica del nostro Paesello privo di buon senso?Non sarebbe forse compito di chi ci amministra quello di adottare contromisure contro la malapratica della querela facile?Ecco perché mi piaceva il ragionamento del capothread, posso avere rispetto io di chi a fronte di una critica, anche se espressa con toni eccessivi, impegna tempo e risorse a difendere la sua onorabilità davanti a un giudice invece di impegnarsi per dimostrare sul campo che tale critica era infondata?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 novembre 2013 17.25-----------------------------------------------------------
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again

            Ma siamo sicuri che la magistratura debba
            intervenire per ogni
            sciocchezza?Chi stabilisce che è una sciocchezza?Se c'è una denuncia e se si arriverà in giudizio, la magistratura interverrà per forza
            Non è che forse forse l'inefficienza della
            magistratura di cui tutti si lagnano è dovuta per
            grandissima parte a una certa litigiosità da
            carte bollate tipica del nostro Paesello privo di
            buon
            senso?Questo è fuor di dubbio, ma ci sono anche organi intermedi per raggiungere un accordo prima di arrivare davanti ad un magistrato.Resta il fatto che non sta certo al giudice stabilire se la causa che si trova davanti sia seria o ridicola.

            Ecco perché mi piaceva il ragionamento del
            capothread, posso avere rispetto io di chi a
            fronte di una critica, anche se espressa con toni
            eccessivi, impegna tempo e risorse a difendere la
            sua onorabilità davanti a un giudice invece di
            impegnarsi per dimostrare sul campo che tale
            critica era
            infondata?Dal momento in cui i mezzi "rapidi" per dirimere la controversia (leggi: richiesta di cancellazione del commento al gestore del sito) non dovessero funzionare, non vedo cosa ci sia di male ricorrere alle vie legali.Cerchiamo di renderci conto che se tu dici ad un amico "non andare in quel ristorante perché ci sono gli scarafaggi", quel ristorante perderà giusto un paio di clienti e non ci farà neanche caso, ma se scrivi la stessa cosa su un sito come Tripadvisor, i clienti persi saranno molti di più e se per caso quelle parole erano frutto di una tua fantasia o di una forte esagerazione, si prefigura un caso di diffamazione che crea un danno notevole all'esercizio.
          • panda rossa scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
            - Scritto da: Skywalkersenior
            Cerchiamo di renderci conto che se tu dici ad un
            amico "non andare in quel ristorante perché ci
            sono gli scarafaggi", quel ristorante perderà
            giusto un paio di clienti e non ci farà neanche
            caso, ma se scrivi la stessa cosa su un sito come
            Tripadvisor, i clienti persi saranno molti di più
            e se per caso quelle parole erano frutto di una
            tua fantasia o di una forte esagerazione, si
            prefigura un caso di diffamazione che crea un
            danno notevole
            all'esercizio.Cerchiamo di renderci conto che se in quel locale ci fossero veramente scarafaggi, al mio eventuale post che denuncia la cosa, ne seguirebbero moltissimi altri di conferma.Se invece fossero frutto della mia fantasia, la cosa non avrebbe ulteriore seguito, oppure si troverebbero risposte di gente che invece di scarafaggi non ne ha trovati.La rete e' in grado di difendersi da sola e di creare o abbattere reputazioni senza alcun bisogno di avvalersi della magistratura ordinaria.C'e' un principio molto semplice che si puo' applicare e che e' sempre valido: IL PRIMO CHE SMETTE DI AVVALERSI DELLA RETE PER DIRIMERE UNA QUESTIONE E SI AVVALE DELLA MAGISTRATURA, AMMETTE IMPLICITAMENTE IL PROPRIO TORTO.Alla luce di questo semplice principio, quel ristorante fara' certamente schifo.
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
            - Scritto da: panda rossa

            C'e' un principio molto semplice che si puo'
            applicare e che e' sempre valido: IL PRIMO CHE
            SMETTE DI AVVALERSI DELLA RETE PER DIRIMERE UNA
            QUESTIONE E SI AVVALE DELLA MAGISTRATURA, AMMETTE
            IMPLICITAMENTE IL PROPRIO
            TORTO.
            Ma dove sta scritto? Non siamo mia nel selvaggio West dove tutto si risolveva con un duello.Se uno mi tira un XXXXXtto, devo per forza pestarlo a mia volta sennò "passo dalla parte del torto"? Ma siamo impazziti?Se una diffamazione in rete porta danni nella vita reale, ho tutto il diritto di difendermi nel modo che ritengo più opportuno, e se questo vuol dire passare per le vie legali, non vedo dove sia l'ammissione di torto...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 novembre 2013 01.13-----------------------------------------------------------
          • panda rossa scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
            - Scritto da: Skywalkersenior
            - Scritto da: panda rossa




            C'e' un principio molto semplice che si puo'

            applicare e che e' sempre valido: IL PRIMO
            CHE

            SMETTE DI AVVALERSI DELLA RETE PER DIRIMERE
            UNA

            QUESTIONE E SI AVVALE DELLA MAGISTRATURA,
            AMMETTE

            IMPLICITAMENTE IL PROPRIO

            TORTO.



            Ma dove sta scritto? Nel buon senso.
            Non siamo mia nel selvaggio West dove tutto si
            risolveva con un
            duello.
            Se uno mi tira un XXXXXtto, devo per forza
            pestarlo a mia volta sennò "passo dalla parte del
            torto"? Ma siamo
            impazziti?Non stiamo parlando di XXXXXtti e neppure di feroci litigate in piazza.Stiamo parlando di dibattiti 2.0 dove ciascuna delle parti ha tutto il tempo e la calma per formulare una risposta e corredarla di tutte le informazioni necessarie a dimostrare quanto affermato, mediante link.E proprio per questo se uno ti da' un XXXXXtto virtuale mediante messaggio tu hai la facolta' di controbattere.In rete non conta la forza: siamo tutti ad armi pari.Chi ha ragione vince.Chi non riesce a far valere la sua ragione, e si avvale di altri strumenti, vuol semplicemente dire che la ragione non ce l'ha.La magistratura e' stata adottata nei paesi civili per superare la legge del piu' forte: altrimenti vinceva chi tirava il XXXXXtto piu' forte.Oggi non si fa a XXXXXtti ma ad argomentazioni, e la forza e' solo quella della ragione, quindi i tribunali non servono, se non a chi la ragione non ce l'ha.
            Se una diffamazione in rete porta danni nella
            vita reale, ho tutto il diritto di difendermi nel
            modo che ritengo più opportuno, e se questo vuol
            dire passare per le vie legali, non vedo dove sia
            l'ammissione di
            torto...Sta nel fatto che non sei in grado di dimostrare le tue ragioni in modo diverso.Il tribunale forse ti dara' soddisfazione nei confronti di chi ti ha detto che il tuo vino fa schifo, ma per il resto della potenziale clientela, il tuo vino fa schifo davvero, se invece di provare a dimostrare il contrario ti sei rivolto al tribunale.
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Skywalkersenior

            - Scritto da: panda rossa







            C'e' un principio molto semplice che si
            puo'


            applicare e che e' sempre valido: IL
            PRIMO

            CHE


            SMETTE DI AVVALERSI DELLA RETE PER
            DIRIMERE

            UNA


            QUESTIONE E SI AVVALE DELLA
            MAGISTRATURA,

            AMMETTE


            IMPLICITAMENTE IL PROPRIO


            TORTO.






            Ma dove sta scritto?

            Nel buon senso.


            Non siamo mia nel selvaggio West dove tutto
            si

            risolveva con un

            duello.

            Se uno mi tira un XXXXXtto, devo per forza

            pestarlo a mia volta sennò "passo dalla
            parte
            del

            torto"? Ma siamo

            impazziti?

            Non stiamo parlando di XXXXXtti e neppure di
            feroci litigate in
            piazza.
            Stiamo parlando di dibattiti 2.0 dove ciascuna
            delle parti ha tutto il tempo e la calma per
            formulare una risposta e corredarla di tutte le
            informazioni necessarie a dimostrare quanto
            affermato, mediante
            link.
            Se ci si limita a danni d'immagine, posso essere d'accordo con te, ma se a questi si aggiungono dei danni economici causati da cattiva pubblicità, temo che il "dibattito 2.0" non sia sufficiente e si debba ricorrere per forza al giudice (magari basta un giudice di pace senza arrivare ai tre gradi di giudizio canonici)
          • Dr Doom scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
            - Scritto da: Skywalkersenior
            - Scritto da: panda rossa




            C'e' un principio molto semplice che si puo'

            applicare e che e' sempre valido: IL PRIMO
            CHE

            SMETTE DI AVVALERSI DELLA RETE PER DIRIMERE
            UNA

            QUESTIONE E SI AVVALE DELLA MAGISTRATURA,
            AMMETTE

            IMPLICITAMENTE IL PROPRIO

            TORTO.



            Ma dove sta scritto?
            Non siamo mia nel selvaggio West dove tutto si
            risolveva con un
            duello.
            Se uno mi tira un XXXXXtto, devo per forza
            pestarlo a mia volta sennò "passo dalla parte del
            torto"? Ma siamo
            impazziti?
            Se una diffamazione in rete porta danni nella
            vita reale, ho tutto il diritto di difendermi nel
            modo che ritengo più opportuno, e se questo vuol
            dire passare per le vie legali, non vedo dove sia
            l'ammissione di
            torto...E gli rispondi pure al talebano della rete? :D
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
            - Scritto da: Dr Doom
            E gli rispondi pure al talebano della rete? :DLa gente risponde persino a te, vuol dire che si può rispondere a tutti...(cmq il tuo post è offensivo e diffamatorio, la redazione avrebbe dovuto concellarti se non proteggesse sistematicamente i troll di bassa caratura come te)
          • Dr Doom scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again
            - Scritto da: Dr Doom


            E gli rispondi pure al talebano della rete?
            :D

            La gente risponde persino a te, vuol dire che si
            può rispondere a
            tutti...A questa perla:"IL PRIMO CHE SMETTE DI AVVALERSI DELLA RETE PER DIRIMERE UNA QUESTIONE E SI AVVALE DELLA MAGISTRATURA, AMMETTE IMPLICITAMENTE IL PROPRIO TORTO."cosa volevi aggiungere, un ragionamento sensato?
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
            - Scritto da: Dr Doom
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again

            - Scritto da: Dr Doom




            E gli rispondi pure al talebano della
            rete?

            :D



            La gente risponde persino a te, vuol dire
            che
            si

            può rispondere a

            tutti...

            A questa perla:
            "IL PRIMO CHE SMETTE DI AVVALERSI DELLA RETE PER
            DIRIMERE UNA QUESTIONE E SI AVVALE DELLA
            MAGISTRATURA, AMMETTE IMPLICITAMENTE IL PROPRIO
            TORTO."
            cosa volevi aggiungere, un ragionamento sensato?Direi che ho dimostrato che quel ragionamento non è affatto peregrino.
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
            - Scritto da: Skywalkersenior
            - Scritto da: panda rossa




            C'e' un principio molto semplice che si puo'

            applicare e che e' sempre valido: IL PRIMO
            CHE

            SMETTE DI AVVALERSI DELLA RETE PER DIRIMERE
            UNA

            QUESTIONE E SI AVVALE DELLA MAGISTRATURA,
            AMMETTE

            IMPLICITAMENTE IL PROPRIO

            TORTO.



            Ma dove sta scritto? Nel buon senso della cui mancanza facevo notare nel post precedente.
            Non siamo mia nel selvaggio West dove tutto si
            risolveva con un
            duello.Esatto e non siamo nemmeno nell'inghilterra vittoriana dove ogni presunta offesa va lavata con carte bollate.Un commento negativo vale poco e niente, 20, 30 o 100 significano che non lavori bene.In entrambi i casi, se sei in buona fede, invece di spendere di avvocati, puoi fregartene, nel primo caso, o impegnarti a offrire un servizio migliore nel secondo.Conoscevo un tizio che faceva abitualmente truffe su ebay, per mestiere.Appena qualcuno lasciava feedback negativo partiva la querela per proteggere il losco affare.spesso la gente truffata di qualche decina di euro ritirava il feedback per non affrontare migliaia di euro di causa che magari avrebbe anche vinto, ma tra giorni di lavoro perso, e anticipi spese che magari non sarebbero state rifuse per intero lasciava perdere.Questo tizio ha imperversato per anni.
          • ecumio scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?


            Ma siamo sicuri che la magistratura debba
            intervenire per ogni
            sciocchezza?
            Non è che forse forse l'inefficienza della
            magistratura di cui tutti si lagnano è dovuta per
            grandissima parte a una certa litigiosità da
            carte bollate tipica del nostro Paesello privo di
            buon
            senso?

            Non sarebbe forse compito di chi ci amministra
            quello di adottare contromisure contro la
            malapratica della querela
            facile?
            Sono d'accordo su questo
            Ecco perché mi piaceva il ragionamento del
            capothread, posso avere rispetto io di chi a
            fronte di una critica, anche se espressa con toni
            eccessivi, impegna tempo e risorse a difendere la
            sua onorabilità davanti a un giudice invece di
            impegnarsi per dimostrare sul campo che tale
            critica era
            infondata?
            --------------------------------------------------
            Modificato dall' autore il 26 novembre 2013 17.25
            --------------------------------------------------Su questo un po' meno, perché se io ristorante sapessi di servire vino avariato magari starei anche zitto, me se così non fosse mi inca..rei e non poco, magari puoi dirmi che non ti piace il mio vino, ma "avariato" è un'altra cosa. Tra l'altro, voglio dire, se vado in un ristorante ma anche in una qualsiasi bettola di periferia, se mi danno un vino "avariato" glielo faccio notare, mica sto a berlo come uno scemo. Sto zitto se non è buono (non torno più nel locale), ma se fosse avariato è gisuto segnalarlo, magari il ristoratore non lo sa, soprattutto se è in bottiglia.
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
            - Scritto da: ecumio



            Ma siamo sicuri che la magistratura debba

            intervenire per ogni

            sciocchezza?

            Non è che forse forse l'inefficienza della

            magistratura di cui tutti si lagnano è
            dovuta
            per

            grandissima parte a una certa litigiosità da

            carte bollate tipica del nostro Paesello
            privo
            di

            buon

            senso?



            Non sarebbe forse compito di chi ci
            amministra

            quello di adottare contromisure contro la

            malapratica della querela

            facile?



            Sono d'accordo su questo


            Ecco perché mi piaceva il ragionamento del

            capothread, posso avere rispetto io di chi a

            fronte di una critica, anche se espressa con
            toni

            eccessivi, impegna tempo e risorse a
            difendere
            la

            sua onorabilità davanti a un giudice invece
            di

            impegnarsi per dimostrare sul campo che tale

            critica era

            infondata?


            --------------------------------------------------

            Modificato dall' autore il 26 novembre 2013
            17.25


            --------------------------------------------------

            Su questo un po' meno, perché se io ristorante
            sapessi di servire vino avariato magari starei
            anche zitto, me se così non fosse mi inca..rei e
            non poco, magari puoi dirmi che non ti piace il
            mio vino, ma "avariato" è un'altra cosa. Tra
            l'altro, voglio dire, se vado in un ristorante ma
            anche in una qualsiasi bettola di periferia, se
            mi danno un vino "avariato" glielo faccio notare,
            mica sto a berlo come uno scemo. Sto zitto se non
            è buono (non torno più nel locale), ma se fosse
            avariato è gisuto segnalarlo, magari il
            ristoratore non lo sa, soprattutto se è in
            bottiglia.Noi non sappiamo se sia stato o meno fatto notare al momento, sappiamo solo che la signora ha fatto un commento un po' forte per un servizio probabilmente non impeccabile.Ora se tu ristoratore fossi certo che il tuo servizio è impeccabile, e se questo fosse dimostrato da decine o centinaia di commenti favorevoli, perchè ti sentiresti risentito da quell'unico commento, per quanto eccessivo?O in ogni caso, non ti impegneresti affinchè nessuno avesse più motivo di lamentarsi?
          • Dr Doom scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again
            O in ogni caso, non ti impegneresti affinchè
            nessuno avesse più motivo di
            lamentarsi?Non è quello che sta facendo?
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: Diventare cliente dove mi denunciano?
            - Scritto da: Dr Doom
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again

            O in ogni caso, non ti impegneresti affinchè

            nessuno avesse più motivo di

            lamentarsi?
            Non è quello che sta facendo?No non sta rimuovendo l'origine della lamentela, sta intimidendo il prossimo affinché, benché ne abbia motivo, no nsi lamenti più per paura di ritorsioni.Ergo direi che sì, è la conferma che in quel commento ci sia molto di vero.
  • bubba scrive:
    il vero caso e' il secondo citato ...
    tutti a commentare trippadvisor, ma il vero caso imbarazzante e' il secondo. Quello della giornalista Morpugo.. denunciata per aver commentato su FB della bruttezza (a suo parere... ) una pubblicita', usando una battuta ironica.Sta pubblicita' creata da questa "scuola" che fa corsi professionali di estetista e altre pinzellacchere, e' effettivamente ben poca cosa.. solito corpo fanciullesco per far marketing... La cosa davvero imbarazzante e' che uno si prenda la briga di sprecare il tempo proprio e della procura per una denuncia, e che tal fogliaccio non finisca nel tritadocumenti al volo, corredato subito dopo di un telegramma a carico del denunciante per 'archiviazione' :PE' il solito annosissimo problema della diffamazione ... che non ha come contraltare dei filtri decenti.. il primo la mitologica 'lite temeraria' e il secondo uno straccio di vaglio preventivo....
    • Leguleio scrive:
      Re: il vero caso e' il secondo citato ...

      Quello della
      giornalista Morpugo.. denunciata per aver
      commentato su FB della bruttezza (a suo parere...
      ) una pubblicita', usando una battuta
      ironica.Riporto ad uso degli ignari le parole della giornalista Morpurgo: "Anche io ho sempre avuto le idee chiare: chi concepisce un manifesto simile andrebbe impeciato ed impiumato I vostri manifesti e i vostri banner sono semplicemente raggelanti Complimenti per la rappresentazione della donna che offrite Negli anni Cinquanta vi hanno ibernato e poi svegliati".Diritto di critica? Mah...
      La cosa davvero imbarazzante e' che uno si prenda
      la briga di sprecare il tempo proprio e della
      procura per una denuncia, e che tal fogliaccio
      non finisca nel tritadocumenti al volo, corredato
      subito dopo di un telegramma a carico del
      denunciante per 'archiviazione'
      :PSe la giornalista Morpurgo verrà assolta saremo tutti contenti. Per ora, con le regole attuali, si preferisce affrontare la questione in un'aula di tribunale, e proclamare eventualmente in quella sede che la questione è infondata, piuttosto che farlo d'ufficio e senza contraddittorio. Con la riforma della legge sulla diffamazione attualmente in discussione, potrebbe essere diverso.
      • bubba scrive:
        Re: il vero caso e' il secondo citato ...
        - Scritto da: Leguleio

        Quello della

        giornalista Morpugo.. denunciata per aver

        commentato su FB della bruttezza (a suo
        parere...

        ) una pubblicita', usando una battuta

        ironica.

        Riporto ad uso degli ignari le parole della
        giornalista Morpurgo:


        "Anche io ho sempre avuto le idee chiare: chi
        concepisce un manifesto simile andrebbe impeciato
        ed impiumato I vostri manifesti e i vostri
        banner sono semplicemente raggelanti Complimenti
        per la rappresentazione della donna che offrite
        Negli anni Cinquanta vi hanno ibernato e poi
        svegliati".

        Diritto di critica? Mah...l'ENORME offesa subita sarebbe "chi .. andrebbe impeciato ed impiumato"! un onta da lavare col sangue.. di rockerduck..."manifesto raggelante" penso nemmeno il piu infido azzeccagarbugli lo possa considerare

        La cosa davvero imbarazzante e' che uno si
        prenda

        la briga di sprecare il tempo proprio e della

        procura per una denuncia, e che tal
        fogliaccio

        non finisca nel tritadocumenti al volo,
        corredato

        subito dopo di un telegramma a carico del

        denunciante per 'archiviazione'

        :P

        Se la giornalista Morpurgo verrà assolta saremo
        tutti contenti. Per ora, con le regole attuali,
        si preferisce affrontare la questione in un'aula
        di tribunale, e proclamare eventualmente in
        quella sede che la questione è infondata,
        piuttosto che farlo d'ufficio e senza
        contraddittorio. eh... e infatti e' MALE... soliti discorsi.. infognare il sistema.. costi legali preventivi inutili... azione intimidatoria.. blabla
        Con la riforma della legge sulla
        diffamazione attualmente in discussione, potrebbe
        essere
        diverso.Ma magari... ma ci spero near-zero. C'e' una proposta leggibile alla camera.it?
        • Leguleio scrive:
          Re: il vero caso e' il secondo citato ...


          Riporto ad uso degli ignari le parole della

          giornalista Morpurgo:





          "Anche io ho sempre avuto le idee chiare: chi

          concepisce un manifesto simile andrebbe
          impeciato

          ed impiumato I vostri manifesti e i vostri

          banner sono semplicemente raggelanti
          Complimenti

          per la rappresentazione della donna che offrite

          Negli anni Cinquanta vi hanno ibernato e poi

          svegliati".



          Diritto di critica? Mah...
          l'ENORME offesa subita sarebbe "chi .. andrebbe
          impeciato ed impiumato"! un onta da lavare col
          sangue.. di
          rockerduck...No. Piuttosto da risarcire con tanti euro fruscianti: è più civile, e la legge sulla diffamazione è stata approvata a suo tempo per superare la faida e il guidrigildo (soprattutto la prima). Bisogna fare un monumento alla civiltà perché molto spargimento di sangue viene sublimato sotto forma di cause in tribunale.


          La cosa davvero imbarazzante e' che uno si

          prenda


          la briga di sprecare il tempo proprio e
          della


          procura per una denuncia, e che tal

          fogliaccio


          non finisca nel tritadocumenti al volo,

          corredato


          subito dopo di un telegramma a carico del


          denunciante per 'archiviazione'


          :P



          Se la giornalista Morpurgo verrà assolta saremo

          tutti contenti. Per ora, con le regole attuali,

          si preferisce affrontare la questione in un'aula

          di tribunale, e proclamare eventualmente in

          quella sede che la questione è infondata,

          piuttosto che farlo d'ufficio e senza

          contraddittorio.
          eh... e infatti e' MALE... soliti discorsi..
          infognare il sistema.. costi legali preventivi
          inutili... azione intimidatoria..
          blablaMi sa che il tuo pick-up si è incantato sulla traccia del disco nel punto in cui fa: <I
          Sui giornali leggerai che la pace si farà,bomba atomica di qua,nucleare bla bla bla. </I
          (Ivan Cattaneo - <I
          Prendi la chitarra e vai </I
          , 1983. La prima versione originale dei Motowns, del 1966, era "basta star con questi qua / e far fuori quelli là"; e la versione originale inglese, <I
          Lovers of the world, unite </I
          , era totalmente diversa).

          Con la riforma della legge sulla

          diffamazione attualmente in discussione,
          potrebbe

          essere

          diverso.
          Ma magari... ma ci spero near-zero. C'e' una
          proposta leggibile alla
          camera.it?Dovrebbe essere questo:http://www.camera.it/leg17/995?sezione=documenti&tipoDoc=lavori_testo_pdl&idLegislatura=17&codice=17PDL0004440Ma non ho capito se è il testo presentato a maggio, oppure se è quello approvato il 17 ottobre alla Camera, e che ora dovrà essere discusso al Senato.
          • bubba scrive:
            Re: il vero caso e' il secondo citato ...
            - Scritto da: Leguleio


            Riporto ad uso degli ignari le parole
            della


            giornalista Morpurgo:








            "Anche io ho sempre avuto le idee
            chiare:
            chi


            concepisce un manifesto simile andrebbe

            impeciato


            ed impiumato I vostri manifesti e i
            vostri


            banner sono semplicemente raggelanti

            Complimenti


            per la rappresentazione della donna che
            offrite


            Negli anni Cinquanta vi hanno ibernato
            e
            poi


            svegliati".





            Diritto di critica? Mah...


            l'ENORME offesa subita sarebbe "chi ..
            andrebbe

            impeciato ed impiumato"! un onta da lavare
            col

            sangue.. di

            rockerduck...

            No. Piuttosto da risarcire con tanti euro
            fruscianti: è più civile, e questo _sembra_ uno dei punti... sembra proprio parlar di reati (595 & co) e non tanto di civile (che spesso usato come arma intimidatoria, tanto 'civile' non e').... quindi un puntiglio... che gia', pare, ha fatto il giro dell'interweb in puro stile Straisand..Interessante questo pezzo "E ho 20 giorni di tempo per far pervenire al pm una memoria difensiva e ogni altro documento utile, prima che si decida per il rinvio a giudizio" ... allora sta cacata potrebbe essera affossata prima che cominci?
            un'aula


            di tribunale, e proclamare
            eventualmente
            in


            quella sede che la questione è
            infondata,


            piuttosto che farlo d'ufficio e senza


            contraddittorio.


            eh... e infatti e' MALE... soliti discorsi..

            infognare il sistema.. costi legali
            preventivi

            inutili... azione intimidatoria..

            blabla

            Mi sa che il tuo pick-up Ho una Punto.
            si è incantato sulla
            traccia del disco nel punto in cui
            fa:

            <I
            Sui giornali leggerai
            che la pace si farà,
            bomba atomica di qua,mhh mi aspettavo che citassi da dove vien 'impiumato e incatramato' invece... sinceramente non me lo ritrovo molto come battuta di Scrooge, ma non sono affatto esperto di paperi... la citazione vien piu da lontano.. e c'e' una certa ironia in cio' (cfr: google books)


            Ma magari... ma ci spero near-zero. C'e' una

            proposta leggibile alla

            camera.it?


            Dovrebbe essere questo:

            http://www.camera.it/leg17/995?sezione=documenti&t

            Ma non ho capito se è il testo presentato a
            maggio, oppure se è quello approvato il 17
            ottobre alla Camera, e che ora dovrà essere
            discusso al
            Senato.ora guardo ...
          • Leguleio scrive:
            Re: il vero caso e' il secondo citato ...



            l'ENORME offesa subita sarebbe "chi ..

            andrebbe


            impeciato ed impiumato"! un onta da lavare

            col


            sangue.. di


            rockerduck...

            No. Piuttosto da risarcire con tanti euro

            fruscianti: è più civile,
            e questo _sembra_ uno dei punti... sembra proprio
            parlar di reati (595 & co) e non tanto di civile
            (che spesso usato come arma intimidatoria, tanto
            'civile' non e').... Guarda che si chiamano codice civile e codice penale per convenzione giuridica. Il senso di civile, in giurisprudenza, come sempre è un po' diverso da quello della lingua comune.
            quindi un puntiglio... che
            gia', pare, ha fatto il giro dell'interweb in
            puro stile
            Straisand..Streisand.
            Interessante questo pezzo "E ho 20 giorni di
            tempo per far pervenire al pm una memoria
            difensiva e ogni altro documento utile, prima che
            si decida per il rinvio a giudizio" ... allora
            sta cacata potrebbe essera affossata prima che
            cominci?Sì, si chiama archiviazione ed è disciplinata dall'art. 408 del codice di procedura penale.Contro l'archiviazione però si può opporre la parte lesa, e insistere perché si vada a proXXXXX. E mi sa che l'oste se l'è legata al dito...

            si è incantato sulla

            traccia del disco nel punto in cui

            fa:



            <I
            Sui giornali leggerai

            che la pace si farà,

            bomba atomica di qua,
            mhh mi aspettavo che citassi da dove vien
            'impiumato e incatramato' invece... No, quella è la traduzione di un modo di dire inglese, ma io parlavo di te, e del tuo intercalare con i bla bla bla. Non significa nulla.
      • Leguleio scrive:
        Re: il vero caso e' il secondo citato ...

        Riporto ad uso degli ignari le parole della
        giornalista Morpurgo:


        "Anche io ho sempre avuto le idee chiare: chi
        concepisce un manifesto simile andrebbe impeciato
        ed impiumato I vostri manifesti e i vostri
        banner sono semplicemente raggelanti Complimenti
        per la rappresentazione della donna che offrite
        Negli anni Cinquanta vi hanno ibernato e poi
        svegliati".

        Diritto di critica? Mah...Adesso la giornalista Morpurgo fa la vittima su <I
        L'espresso </I
        :http://espresso.repubblica.it/attualita/2015/01/09/news/indagata-per-un-commento-su-facebook-ora-il-giudice-deve-decidere-se-e-diffamazione-1.194313?ref=HRBZ-1Ha scoperto che esiste una cosa che si chiama legge. Brutto rendersi conto che sarà un tribunale a stabilire se le parole sono offensive o meno, e non gli amici e le emiche di cui si circonda, che come è prevedibile la pensano sempre e comunque come lei.
  • anverone99 scrive:
    tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
    Io lavoro in un ristorante e ovviamente molti clienti-amici del mio capo si sono sentiti in dovere di scrivere recensioni oltremodo entusiastiche, che fanno perfino sorridere. E' cosi' per tutti i locali, non e' certo una scoperta :-)
    • iRoby scrive:
      Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
      Ehm, io grazie a Tripadvisor ho evitato brutte figure con degli amici non prenotando in un ristorante di sushi vicino casa mia, perché mal recensito.Li ho portati altrove.Ma uno degli amici che invece c'è stato poi mi ha confermato che il pesce qualche volta è avariato, cioè se gli avanza lo continuano a servire anche se ormai andato a male.Soliti ristoranti cinesi che si sono riciclati alla moda del sushi e dello "All You Can Eat" a prezzo fisso.A me quindi Tripadvisor è stato utile.Trovo utili anche i commenti su prodotti che non conosco. Su Amazon per esempio motherboard e portatili, radio stereo ecc. Sono recensiti e prima di comprare mi leggo le recensioni.
      • Dr Doom scrive:
        Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
        - Scritto da: iRoby
        Ehm, io grazie a Tripadvisor ho evitato brutte
        figure con degli amici non prenotando in un
        ristorante di sushi vicino casa mia, perché mal
        recensito.

        Li ho portati altrove.

        Ma uno degli amici che invece c'è stato poi mi ha
        confermato che il pesce qualche volta è avariato,
        cioè se gli avanza lo continuano a servire anche
        se ormai andato a
        male.
        Soliti ristoranti cinesi che si sono riciclati
        alla moda del sushi e dello "All You Can Eat" a
        prezzo
        fisso.Pensi che in qualsiasi altro locale venga buttato via?
        • pentolino scrive:
          Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
          in quelli di un certo livello sì, ed è uno dei parametri principali che fa la differenza tra 20 "all you can eat" e 20 a portata.Poi ci sono i ristoranti che sparano prezzi alti senza motivo, ma raramente durano...
        • user_ scrive:
          Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
          che schifo la pizza con gli spaghetti ,pure del giorno prima!
          • Dr Doom scrive:
            Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
            - Scritto da: user_
            che schifo la pizza con gli spaghetti ,pure del
            giorno
            prima!Paese che vai, cucina che trovi ;)
          • Leguleio scrive:
            Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca


            che schifo la pizza con gli spaghetti ,pure
            del

            giorno

            prima!
            Paese che vai, cucina che trovi ;)Quindi non faresti un plissé se ti servissero gli spaghetti alla marmellata?http://www.dialessandria.it/zapping-news/cucina-e-natura/spaghetti-e-marmellata/19411.htmlCucina anglosassone, eh?!? ;)
          • Dr Doom scrive:
            Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
            - Scritto da: Leguleio


            che schifo la pizza con gli spaghetti
            ,pure

            del


            giorno


            prima!

            Paese che vai, cucina che trovi ;)

            Quindi non faresti un plissé se ti servissero gli
            spaghetti alla
            marmellata?

            http://www.dialessandria.it/zapping-news/cucina-e-

            Cucina anglosassone, eh?!? ;)Preferisco quella della mamma, grazie ;)
        • Skywalkersenior scrive:
          Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
          - Scritto da: iRoby

          Un mio parente a Boston (USA) nel suo ristorante
          ricicla la pasta avanzata il giorno prima facendo
          la pizza con gli spaghetti (o altro tipo di
          pasta). L'hanno chiesta degli americani e da
          allora è un piatto fisso del suo
          menu.
          Una margherita o altra pizza con sopra spaghetti
          al pomodoro, o altra pasta e sughi che avanzano
          dal giorno
          prima.
          Una porcheria che solo gli americani possono
          chiedere, e il mio parente è ben contento di
          vendergli.
          De gustibus...In Italia è inconcepibile la pizza con sopra la pasta, anche se cotta al momento... e francamente non concepisco neanche quella con sopra le patatine fritte.Di contro, a casa capita di ripassare in padella un piatto di spaghetti avanzati dal giorno prima e sono tutt'altro che immangiabili...Però concordo col fatto che certe pratiche non dovrebbero essere fatte in un ristorante
          • iRoby scrive:
            Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
            La pizza con gli spaghetti di recente l'ho vista in alcuni locali sul Lago di Garda. La vendono ai tedeschi.
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
            - Scritto da: iRoby
            La pizza con gli spaghetti di recente l'ho vista
            in alcuni locali sul Lago di Garda. La vendono ai
            tedeschi.Gli stessi che mettono il ketchup sulla pasta... o forse quelli son gli inglesi...La prima volta che feci un viaggio-studio in Inghilterra (avevo 12 anni) andai in una famiglia. Un giorno decisi di preparare per loro gli spaghetti alla carbonara. Inutile dire che vennero una schifezza invereconda, tutti attaccati, con la pancetta mezza cruda... eppure mi ringraziarono per l'ottimo piatto per tutto il resto del mese! :-)
      • sbrotfl scrive:
        Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
        - Scritto da: iRoby
        Ehm, io grazie a Tripadvisor ho evitato brutte
        figure con degli amici non prenotando in un
        ristorante di sushi vicino casa mia, perché mal
        recensito.

        Li ho portati altrove.

        Ma uno degli amici che invece c'è stato poi mi ha
        confermato che il pesce qualche volta è avariato,
        cioè se gli avanza lo continuano a servire anche
        se ormai andato a
        male.
        Soliti ristoranti cinesi che si sono riciclati
        alla moda del sushi e dello "All You Can Eat" a
        prezzo
        fisso.

        A me quindi Tripadvisor è stato utile.Tu mangi sushi? Non eri fruttivendolo... o qualcosa di simile? (Si scherza :D)
        • iRoby scrive:
          Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
          Primo non ero solo. Ed io nei ristoranti orientali mangio verdure saltate, involtini primavera, bambù e funghi, verdure pastellate, riso o spaghetti di riso con verdure.Hanno più piatti vegetariani o vegani i cinesi che i ristoranti italiani non specifici, quindi preferisco andare lì che in pizzeria dove devo chiedere espressamente pizza marinara con verdure. Ma dato che se posso evito il più possibile il glutine di frumento mi viene difficile trovare pizzerie che fanno pizza per celiaci.
      • anverone99 scrive:
        Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
        - Scritto da: iRoby
        Ehm, io grazie a Tripadvisor ho evitato brutte
        figure con degli amici non prenotando in un
        ristorante di sushi vicino casa mia, perché mal
        recensito.

        Li ho portati altrove.

        Ma uno degli amici che invece c'è stato poi mi ha
        confermato che il pesce qualche volta è avariato,
        cioè se gli avanza lo continuano a servire anche
        se ormai andato a
        male.
        Soliti ristoranti cinesi che si sono riciclati
        alla moda del sushi e dello "All You Can Eat" a
        prezzo
        fisso.

        A me quindi Tripadvisor è stato utile.

        Trovo utili anche i commenti su prodotti che non
        conosco. Su Amazon per esempio motherboard e
        portatili, radio stereo ecc. Sono recensiti e
        prima di comprare mi leggo le
        recensioni.Io eviterei il sushi a prescindere...
      • Joe Tornado scrive:
        Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
        Ovviamente, ogni recensione va letta con occhio critico, anche in relazione alle altre ed ad altre considerazioni. Tanti anni fa, vissi questa esperienza: volli portare la mia compagna a cena nel locale più "votato" di una cittadina nei pressi del paesello dove trascorro l'estate ... al momento della prenotazione mi chiedono se è la prima volta che vado ... ma che razza di domanda è ? Comunque, nonostante avessi fatto capire con chiarezza che ero del posto - e quindi in grado di poter fare confronti con altri ristoratori locali - siamo stati trattati con grande spreco di salamelecchi fasulli, cucina di basso livello, servizio pessimo, vino imposto dall'esercente e conto salato assolutamente fuori dalla media locale. Successivamente decisi di rileggere tutti i commenti positivi che mi avevano convinto a recarmi in quel locale ... alcuni erano stati scritti da gente che veniva da molto lontato e presente in quella località in quanto occupata nelle riprese di un film; altri da personaggi che traevano soddisfazione dal "chiacchierare amabilmente con il titolare sorseggiando un buon vino" senza parlare del cibo ... da quell'esperienza ho imparato a leggere i commenti di Tripadvisor e simili con il necessario occhio critico.
        • iRoby scrive:
          Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
          Si infatti ho scritto in altro post che bisogna stare attenti che spesso molti commenti sono di amici o dei responsabili stessi del locale.Hanno scoperto l'astroturfing... :)
          • anverone99 scrive:
            Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
            - Scritto da: iRoby
            Si infatti ho scritto in altro post che bisogna
            stare attenti che spesso molti commenti sono di
            amici o dei responsabili stessi del
            locale.

            Hanno scoperto l'astroturfing... :)Io personalmente ho i miei "best five" ampiamente sperimentati e giudicati :-)e vado sempre in quelli. Poi se voglio veramente mangiare bene, cucino io a casa
          • Joe Tornado scrive:
            Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
            Poi se voglio <u
            veramente </u
            mangiare
            bene, cucino io a
            casa... che, per quanto riguarda la mia, non è certamente il posto più buono, ma senz'altro il più sicuro ;) D'estate, poi, tiro su un piccolo orticello, quindi la qualità del cibo sale parecchio !
          • Dr Doom scrive:
            Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
            - Scritto da: Joe Tornado
            Poi se voglio <u
            veramente </u

            mangiare

            bene, cucino io a

            casa

            ... che, per quanto riguarda la mia, non è
            certamente il posto più buono, ma senz'altro il
            più sicuro ;) D'estate, poi, tiro su un piccolo
            orticello, quindi la qualità del cibo sale
            parecchio
            !se non sei sottovento ad un inceneritore
          • Joe Tornado scrive:
            Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
            Non ci sono fonti di emissioni nel raggio di almeno 20 Km, esclusi camini, veicoli a motore e il mio braciere per le grigliate ;)
          • Dr Doom scrive:
            Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
            - Scritto da: Joe Tornado
            Non ci sono fonti di emissioni nel raggio di
            almeno 20 Km, esclusi camini, veicoli a motore e
            il mio braciere per le grigliate
            ;)allora mi invito a pranzo :p
          • Joe Tornado scrive:
            Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
            Ormai sarà tutto innevato : dovremo resistere fino a primavera :p
          • Dr Doom scrive:
            Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
            - Scritto da: Joe Tornado
            Ormai sarà tutto innevato : dovremo resistere
            fino a primavera
            :psegnato sul calendario, e ti farò una buona recensione ;)
        • MacGeek scrive:
          Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
          - Scritto da: Joe Tornado
          Ovviamente, ogni recensione va letta con occhio
          critico, anche in relazione alle altre ed ad
          altre considerazioni. Tanti anni fa, vissi questa
          esperienza: volli portare la mia compagna a cena
          nel locale più "votato" di una cittadina nei
          pressi del paesello dove trascorro l'estate ...
          al momento della prenotazione mi chiedono se è la
          prima volta che vado ... ma che razza di domanda
          è ? Comunque, nonostante avessi fatto capire con
          chiarezza che ero del posto - e quindi in grado
          di poter fare confronti con altri ristoratori
          locali - siamo stati trattati con grande spreco
          di salamelecchi fasulli, cucina di basso livello,
          servizio pessimo, vino imposto dall'esercente e
          conto salato assolutamente fuori dalla media
          locale. Successivamente decisi di rileggere tutti
          i commenti positivi che mi avevano convinto a
          recarmi in quel locale ... alcuni erano stati
          scritti da gente che veniva da molto lontato e
          presente in quella località in quanto occupata
          nelle riprese di un film; altri da personaggi che
          traevano soddisfazione dal "chiacchierare
          amabilmente con il titolare sorseggiando un buon
          vino" senza parlare del cibo ... da
          quell'esperienza ho imparato a leggere i commenti
          di Tripadvisor e simili con il necessario occhio
          critico.Ci vuole certo occhio critico, ma secondo ormai la cosa su Tripadvisor è così degenerata che si fa molto prima a chiedere agli indigeni, come si faceva una volta. Comunque è un terno al lotto.Perfino Booking.com mi sembra nettamente peggiorato. Ancora un paio d'anni fa mi sembrava affidabile, ma ora gli alberghi hanno tutti voti altissimi. Il che, ovviamente, non può esserePer l'albergo, però, è più facile: le foto rendono abbastanza.
          • iRoby scrive:
            Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
            i camionistiiii. Devi mangiare dove si fermano i camionisti!
          • MacGeek scrive:
            Re: tripadvisor e' una cag+ata pazzesca
            - Scritto da: iRoby
            i camionistiiii. Devi mangiare dove si fermano i
            camionisti!Vero, anche quello. Ma non sempre sei vicino all'autostrada... :)Anche le mete dei motociclisti della domenica non sono male
  • iRoby scrive:
    Difficile
    Difficile creare siti di questo tipo. E in rete in genere i giudizi anonimi non sono veritieri.Esempio, in mezzo a giudizi leciti ci possono essere critiche interessate da parte di concorrenti del tal negozio o prodotto.Oppure lode e commenti entusiasti da parte del proprietario o di astroturfer di professione.In Italia in questo periodo ci sono numerose denunce nei confronti di alcuni negozi online falsi che appaiono sempre ben recensiti con commenti positivi in un noto aggregatore italiano.I negozi che si chiamavano Misterprix.it, ByePrice.it, ePrix.it avevano visura camerale taroccata. Non ci sono contatti diretti dal sito. È previsto pagamento solo con bonifico sempre su conti correnti Poste Italiane di Piazza Matteotti a Napoli.Hanno ricevuto numerose denunce perché non spediscono la merce. Dietro ci potrebbe essere una vera e propria organizzazione a delinquere.C'è una pagina Facebook dove possono iscriversi persone truffate da questi eShop e unirsi in denunce collettive.http://www.shopmania.it/site/partytech.ithttp://www.shopmania.it/site/misterprix.ithttp://www.shopmania.it/site/eprix.ithttp://www.shopmania.it/site/byeprice.itEcco un articolo descrittivo:http://www.giornalettismo.com/archives/824329/truffe-online-i-siti-da-evitare-e-come-funzionano/Attenzione come usino quasi tutti un certo aggregatore come "porta di ingresso" per gli utenti da truffare...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 novembre 2013 11.03-----------------------------------------------------------
  • Leguleio scrive:
    Differenza tra diffamazione e calunnia
    Diffamazione: racconto in giro che l'osteria fa schifo.Calunnia: vado in questura e segnalo alla polizia che l'oste avvelena i clienti, mettendo sostanze tossiche nei vini, firmando anche la denuncia, se richiesto.Non so perché Tamburrino usi i due termini come sinonimi. Non lo sono affatto.
    • panda rossa scrive:
      Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
      - Scritto da: Leguleio
      Diffamazione: racconto in giro che l'osteria fa
      schifo.
      Calunnia: vado in questura e segnalo alla polizia
      che l'oste avvelena i clienti, mettendo sostanze
      tossiche nei vini, firmando anche la denuncia, se
      richiesto.Chi ti ha detto che la calunnia preveda il passaggio in questura?
      Non so perché Tamburrino usi i due termini come
      sinonimi. Perche' nel caso in questione lo sono.Non solo ha detto che il vino fa schifo (opinione soggettiva), ma ha specificato che e' addirittura migliore del vino di M$.
      • Leguleio scrive:
        Re: Differenza tra diffamazione e calunnia


        Diffamazione: racconto in giro che l'osteria
        fa

        schifo.

        Calunnia: vado in questura e segnalo alla
        polizia

        che l'oste avvelena i clienti, mettendo
        sostanze

        tossiche nei vini, firmando anche la
        denuncia,
        se

        richiesto.

        Chi ti ha detto che la calunnia preveda il
        passaggio in
        questura?Me lo ha detto l'uccellino!Ma che domande fai...
    • Vero scrive:
      Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
      ma se secondo me il vino fa schifo, il servizio è pessimo, il cibo di scarsa qualità...... come faccio a fare una recensione che non sia una diffamazione?E se invece di scriverla, diffondessi la mia opinione tra gli amici, sarebbe comunque una diffamazione o semplicemente un'opinione personale sul locale?Qualcuno mi può confermare che esiste ancora il diritto di opinione?
      • Leguleio scrive:
        Re: Differenza tra diffamazione e calunnia

        ma se secondo me il vino fa schifo, il servizio è
        pessimo, il cibo di scarsa qualità...... come
        faccio a fare una recensione che non sia una
        diffamazione?Tolto che fare una recensione non è un dovere civico, nell'era pre-internet esistevano solo quelle del Veronelli, ovviamente ben controllate, e sopravvivevamo tutti lo stesso. Tolto questo, esistono le due figure retoriche dell'eufemismo e della reticenza. Si può far intendere una cosa senza dirla esplicitamente, a saper scrivere bene.Poi, chi vuol intendere intenda. Non è detto che tutti siano in grado.
        E se invece di scriverla, diffondessi la mia
        opinione tra gli amici, sarebbe comunque una
        diffamazione o semplicemente un'opinione
        personale sul
        locale?Lo stesso. Basta che questa affermazione venga sentita da almeno due persone. La diffamazione verbale è punita meno gravemente di quella a mezzo stampa e a mezzo internet.
        Qualcuno mi può confermare che esiste ancora il
        diritto di
        opinione?Esiste, ma in Italia non serve più a nulla. Complici gli onnipresenti talk show, oggi "opinione" è sinonimo di "insulto" e di "attacco personale". Se non sei in grado di insultare e di fare apprezzamenti su di un avversario nemmeno ti invitano in tv.
      • Dr Doom scrive:
        Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
        - Scritto da: Vero
        ma se secondo me il vino fa schifo, il servizio è
        pessimo, il cibo di scarsa qualità...... come
        faccio a fare una recensione che non sia una
        diffamazione?Se riesci a dimostrarlo non è più un'opinione...
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
          contenuto non disponibile
          • Vero scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            e quindi se mangio in un posto da schifo non lo posso dire in giro?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            contenuto non disponibile
          • Dr Doom scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Dr Doom


            Se riesci a dimostrarlo non è più
            un'opinione...

            ma rimane diffamazione ed è ugualmente punibile
            per legge,
            cicciobbello.Se dimostro che mi hanno dato un vino in scatola, spacciandolo per barolo del 2004 è un fatto, non diffamazione.
          • Leguleio scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia



            Se riesci a dimostrarlo non è più

            un'opinione...



            ma rimane diffamazione ed è ugualmente
            punibile

            per legge,

            cicciobbello.
            Se dimostro che mi hanno dato un vino in scatola,
            spacciandolo per barolo del 2004 è un fatto, non
            diffamazione.Esatto. Il reato si chiama "frode nell'esercisio del commercio", ed è comunque meno grave che servire vino avvelenato. :)In ogni caso dubito che scrivendo su TripAdvisor si "dimostri" alcunché. È un sito di pettegolezzi. Chi vuole dimostrare qualcosa su questi delicati argomenti va ai NAS ed espone i fatti.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            contenuto non disponibile
          • Dr Doom scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Dr Doom



            cicciobbello.

            Se dimostro che mi hanno dato un vino in
            scatola,

            spacciandolo per barolo del 2004 è un fatto,
            non

            diffamazione.

            Lo è e vai in galera se il tizio decide di
            denunciarti.Quale parte di "dimostrazione" non ti è chiara?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            contenuto non disponibile
          • Dr Doom scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Dr Doom


            Quale parte di "dimostrazione" non ti è
            chiara?

            Se non conosci la legge, non pretendere di avere
            ragione.
            SE tu dici ai quattro venti "1+1=2", *MA* "1+1=2"
            diffama Tizio, allora Tizio ti può querelare e il
            giudice, se decide che "1+1=2" diffama l'onore o
            la reputazione di Tizio, ti può condannare per
            diffamazione.
            Questa è la legge. PUNTO.

            In pratica, e te lo riscrivo per le terza volta,
            se hai subito un danno sporgi denuncia e vinci la
            causa, forte del tuo 1+1=2 che ti dà sicuramente
            ragione e ti permette di non essere condannato
            per
            calunnia.
            Ma se lo scrivi sui muri, su internet, o,
            comunque, lo comunichi a più persone ti puoi
            beccare denuncia + condanna ANCHE se è vero che
            "1+1+=2".

            DOPO che il giudice ha stabilito che "1+1=2"
            allora puoi scriverlo dovem inchia
            vuoi.

            Chiaro ora???Bravo finalmente hai capito
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            - Scritto da: Dr Doom
            Bravo finalmente hai capitoAtteggiarti da cretino non ti salverà dall'ennesima figura di XXXXX che hai appena fatto.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 novembre 2013 14.41-----------------------------------------------------------
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            - Scritto da: Dr Doom
            Bravo finalmente hai capitoAtteggiandoti a cretino non risolverai la situazione a tuo favore.n.b.Anche se il messaggio sparisce:1) Gli altri utenti l'avranno letto2) TU l'avrai letto3) non è diffamante: suggerimento, la differenza fra atteggiarsi ed essere.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 novembre 2013 15.05-----------------------------------------------------------
          • Dr Doom scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Dr Doom


            Bravo finalmente hai capito

            Atteggiandoti a cretino non risolverai la
            situazione a tuo
            favore.

            n.b.
            Anche se il messaggio sparisce:
            1) Gli altri utenti l'avranno lettoe hanno capito chi dei due è il cretino :D
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            - Scritto da: Dr Doom
            - Scritto da: unaDuraLezione

            - Scritto da: Dr Doom




            Bravo finalmente hai capito



            Atteggiandoti a cretino non risolverai la

            situazione a tuo

            favore.



            n.b.

            Anche se il messaggio sparisce:

            1) Gli altri utenti l'avranno letto
            e hanno capito chi dei due <b
            è </b
            il cretino :DStai per caso <b
            confessando </b
            che non ti limitavi ad atteggiarti? (rotfl)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 novembre 2013 15.26-----------------------------------------------------------
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Dr Doom

            - Scritto da: unaDuraLezione


            - Scritto da: Dr Doom






            Bravo finalmente hai capito





            Atteggiandoti a cretino non risolverai
            la


            situazione a tuo


            favore.





            n.b.


            Anche se il messaggio sparisce:


            1) Gli altri utenti l'avranno letto

            e hanno capito chi dei due <b
            è
            </b
            il cretino
            :D


            Stai per caso <b
            confessando </b

            che non ti limitavi ad atteggiarti?
            (rotfl)Per Esempio: DR DOOM è sicuramente un cretino autentico, ma se sapessimo nome e cognome di detto soggetto no npotremmo dirlo pubblicamente.Bhe a meno che in dibattimento no nriuscissimo a dimostrare che il fatto che sia un cretino è talmente notorio e pubblico che affermarlo non diminuisca la sua onorabilità
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Dr Doom


            Quale parte di "dimostrazione" non ti è
            chiara?

            Se non conosci la legge, non pretendere di avere
            ragione.
            SE tu dici ai quattro venti "1+1=2", *MA* "1+1=2"
            diffama Tizio, allora Tizio ti può querelare e il
            giudice, se decide che "1+1=2" diffama l'onore o
            la reputazione di Tizio, ti può condannare per
            diffamazione.
            Questa è la legge. PUNTO.

            In pratica, e te lo riscrivo per le terza volta,
            se hai subito un danno sporgi denuncia e vinci la
            causa, forte del tuo 1+1=2 che ti dà sicuramente
            ragione e ti permette di non essere condannato
            per
            calunnia.
            Ma se lo scrivi sui muri, su internet, o,
            comunque, lo comunichi a più persone ti puoi
            beccare denuncia + condanna ANCHE se è vero che
            "1+1+=2".

            DOPO che il giudice ha stabilito che "1+1=2"
            allora puoi scriverlo dovem inchia
            vuoi.

            Chiaro ora???
            --------------------------------------------------
            Modificato dall' autore il 26 novembre 2013 12.33
            --------------------------------------------------Io ho scritto più volte che un certo signore di Arcore proprietario di Medusa è un evasore e chi difende il copyright di Medusa difende il suo proprietario quindi difende un evasore, eppure la redazione mi ha cassato il messaggio lo stesso ANCHE se un giudice ha stabilito che quel signore è un evasore.
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            Come puoi anche solo pensare una cosa del genere .... ????? Ci sono fior fiore di testimoni e documenti che provano il contrario !.............................................................................................. chissà quanto gli saranno costati ! ;)
          • Leguleio scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia

            ... chissà quanto gli saranno costati ! ;)In questi giorni non so perché continua a ronzarmi nella mente una vecchia canzone di Vasco Rossi, "Ed il tempo crea eroi", nel punto in cui dice: <I
            E alla gente povera rimanga l'onestàa vantaggio di chi non ce l'ha,e comunque può comprarsela. </I
            Cosa avrà voluto dire? (newbie)P.S.: Si può sentire qui:www.youtube.com/watch?v=inIekjbEKT4&t=2m12s
          • Izio01 scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Dr Doom


            Se riesci a dimostrarlo non è più
            un'opinione...

            ma rimane diffamazione ed è ugualmente punibile
            per legge, cicciobbello.Punibile per legge qualcosa di dimostrato? Ma proprio no!Altroconsumo ha dimostrato che diversi ristoranti giapponesi pregiati di Milano non rispettavano le leggi sanitarie (non congelavano il pesce crudo prima di preparare il sushi, è un passaggio che serve ad ammazzare i batteri) mediante analisi di laboratorio accreditato. I ristoranti hanno tuonato, hanno minacciato ritorsioni ma poi si sono attaccati al tram, perché che un cibo sia stato surgelato oppure no prima di servirlo è dimostrabile in maniera scientifica.
          • Leguleio scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia


            - Scritto da: Dr Doom




            Se riesci a dimostrarlo non è più

            un'opinione...



            ma rimane diffamazione ed è ugualmente
            punibile

            per legge, cicciobbello.

            Punibile per legge qualcosa di dimostrato? Ma
            proprio
            no!No attenzione, l'utente non si è espresso benissimo: punibile per legge un'affermazione <B
            ancora non dimostrata </B
            .Adulterare vino è un reato, e anche abbastanza grave. Se esiste un procedimento per quel reato contro quell'osteria, la querela per diffamazione della docente emiliana rimane "congelata" fino a sentenza sul fatto stesso. È una forma di garanzia.Se però non esiste alcuna denuncia formale in merito, e se il querelato non è in grado di provare alcunché, è automatico che si sia trattato di diffamazione e basta.
          • dont feed the troll - Back Again scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            - Scritto da: Izio01
            - Scritto da: unaDuraLezione

            - Scritto da: Dr Doom




            Se riesci a dimostrarlo non è più

            un'opinione...



            ma rimane diffamazione ed è ugualmente
            punibile

            per legge, cicciobbello.

            Punibile per legge qualcosa di dimostrato? Ma
            proprio
            no!Ti assicuro di sì
      • Joe Tornado scrive:
        Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
        come
        faccio a fare una recensione che non sia una
        diffamazione?Probabilmente, è sufficiente dare un'impronta maggiormente soggettiva alla recensione. L'aver ricevuto un riscontro negativo è - a meno che non si sia clienti abituali - un'esperienza personale ed occasionale, e non è necessariamente indice di scarsa qualità dei servizi offerti dal locale, che comunque nel corso degli anni può cambiare gestione, e di conseguenza migliorarli o peggiorarli. Nel caso specifico, la cliente ha scritto di vino avariato: quali mezzi aveva (ha ?) per dimostrare un cattivo stato di conservazione ? Non metto in dubbio che sia rimasta insoddisfatta, ma tale vino poteva essere anche adulterato, o semplicemente scadente. Io avrei scritto "il vino che mi hanno servito è stato per me talmente sgradevole da avermi lasciato supporre che fosse stato mal conservato" ... così, la cliente avrebbe espresso la sua idea rimanendo nell'ambito di un'opinione personale, lasciando ai lettori ogni considerazione in merito all'evento.
    • pentolino scrive:
      Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
      Grazie per la precisazione, ma ne' l'uno ne' l'altro corrispondono a quanto sucXXXXX.La signora ha dichiarato in pubblico (TripAdvisor lo è) che nel ristorante servono vino pericoloso per la salute; che reato è?P.S.: non è trollaggio, ti sto proprio chiedendo un chiarimento, riconoscendo che ne sai più di me a riguardo e vorrei usare la parola giusta in futuro :-)
      • Leguleio scrive:
        Re: Differenza tra diffamazione e calunnia

        Grazie per la precisazione, ma ne' l'uno ne'
        l'altro corrispondono a quanto
        sucXXXXX.
        La signora ha dichiarato in pubblico (TripAdvisor
        lo è) che nel ristorante servono vino pericoloso
        per la salute; che reato
        è?Diffamazione. Con l'aggravante di essere stata compiuta su un mezzo come internet che è equiparato alla stampa.Se la signora si fosse limitata a dire le stesse cose ad amici e conoscenti sarebbe stata diffamazione semplice, senza aggravanti. Ovviamente se la cosa fosse giunta alle orecchie dell'oste, e avviene di rado. Ecco perché i casi di diffamazione trattati in tribunale sono quasi esclusivamente a mezzo stampa: in genere si cerca di non far giungere a conoscenza dell'interessato le malelingue, vero o false che siano.
        P.S.: non è trollaggio, ti sto proprio chiedendo
        un chiarimento, riconoscendo che ne sai più di me
        a riguardo e vorrei usare la parola giusta in
        futuro
        :-)La calunnia consiste esclusivamente nell'accusare di un preciso reato una persona che si sa innocente presso gli organi competenti (polizia, carabinieri, guardia di finanza, pubblico ministero). È una forma di falsa testimonianza.
        • pentolino scrive:
          Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
          ok grazie per la precisazione.Un'altra domanda (cavoli tuoi, quando una cosa mi incuriosisce vado fino in fondo!): ma quindi se io scrivo su internet "l'osteria fa schifo" o "l'oste serve vino avvelenato" è la stessa cosa o la seconda configura quantomeno un'aggravante?A me sembra che la prima rappresenti un'opinione (e come tale soggettiva), la seconda una accusa abbastanza grave...
          • iRoby scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            Esatto la prima è un'opinione.La seconda deve essere stata comprovata. Cioè trovato il veleno, indipendentemente se sia riuscito o no nell'avvelenare qualcuno.
          • Leguleio scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia

            ok grazie per la precisazione.
            Un'altra domanda (cavoli tuoi, quando una cosa mi
            incuriosisce vado fino in fondo!): ma quindi se
            io scrivo su internet "l'osteria fa schifo" o
            "l'oste serve vino avvelenato" è la stessa cosa o
            la seconda configura quantomeno
            un'aggravante?Allora, sulla carta sarebbero entrambe diffamazione. Va però detto che un'espressione come "l'osteria fa schifo" è talmente generica e si presta a così tante scusanti ("l'arredamento è molto brutto", "l'ostessa è sovrappeso e poco attraente") che ben difficilmente si giungerebbe mai a una condanna solo per quello. Ci vuole qualcosa di più. La seconda espressione è inequivocabilmente diffamazione. Vendere vino avvelenato è un reato, tra l'altro.
            A me sembra che la prima rappresenti un'opinione
            (e come tale soggettiva), Guarda che anche le opinioni possono essere diffamanti. :)Non esiste un salvacondotto nel diritto d'espressione, quando si offende qualcuno.
          • iRoby scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            - Scritto da: Leguleio
            Guarda che anche le opinioni possono essere
            diffamanti.
            :)
            Non esiste un salvacondotto nel diritto
            d'espressione, quando si offende qualcuno.Si ma almeno in Italia la legislazione fumosa e i tempi della giustizia rendono comunque da un lato pericoloso diffamare. Ma anche troppo oneroso per il diffamato fare causa perché sarebbe molto lunga e dispendiosa.
          • Leguleio scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia


            Non esiste un salvacondotto nel diritto

            d'espressione, quando si offende qualcuno.
            Si ma almeno in Italia la legislazione fumosa e i
            tempi della giustizia rendono comunque da un lato
            pericoloso diffamare. Ma anche troppo oneroso per
            il diffamato fare causa perché sarebbe molto
            lunga e
            dispendiosa.Dipende molto quanti soldi e quanto tempo da perdere ha il diffamato...A volte si querela qualcuno per il gusto di vederlo in difficoltà economiche, l'avvocato lo deve pagare anche se è incolpevole, e non perché ci siano i presupposti per giungere a condanna. Querele pretestuose.È attualmente in discussione una modifica alla legge che punisce i comportamenti definiti comunemente come "lite temeraria". Vediamo cosa ne viene fuori.
          • iRoby scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            - Scritto da: Leguleio
            A volte si querela qualcuno per il gusto di
            vederlo in difficoltà economiche, l'avvocato lo
            deve pagare anche se è incolpevole, e non perché
            ci siano i presupposti per giungere a condanna.
            Querele pretestuose.
            È attualmente in discussione una modifica
            alla legge che punisce i comportamenti definiti
            comunemente come "lite temeraria". Vediamo cosa
            ne viene fuori.Questo mi interessa e voglio seguire anch'io la discussione per questa legge...
          • Leguleio scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia


            È attualmente in discussione una
            modifica

            alla legge che punisce i comportamenti
            definiti

            comunemente come "lite temeraria". Vediamo
            cosa

            ne viene fuori.
            Questo mi interessa e voglio seguire anch'io la
            discussione per questa
            legge...Ne avevo parlato qui, con link, un mesetto fa:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3906093&m=3909887#p3909887Non so perché PI non ne abbia tratto un articolo...
          • pentolino scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            ok grazie, come spesso accade ci sono situazioni in cui è abbastanza chiaro il confine tra reato e semplice comportamento "sgradevole", altre in cui è più fumoso
      • iRoby scrive:
        Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
        Calunnia è quando accusi qualcuno di stare commettendo un reato.Il reato non è tale finché non riceve giudizio.Diffamazione è quando attribuisci ad un soggetto qualcosa che non ha commesso, e che non è necessariamente un reato. Per esempio attribuirgli opinioni o azioni che non ha mai detto/fatto.Per esempio in un forum hanno accusato un mio amico di spacciarsi per disabile, e spacciarsi per disabile è reato penale. In questo caso era calunnia, perché il mio amico è realmente disabile.Quando sono stati minacciati di denuncia per calunnia, hanno ripulito il forum da qualsiasi commento sulla sua presunta disabilità.
        • Leguleio scrive:
          Re: Differenza tra diffamazione e calunnia

          Per esempio in un forum hanno accusato un mio
          amico di spacciarsi per disabile, e spacciarsi
          per disabile è reato penale. È reato e basta. Non esistono i "reati non penali". Esistono gli illeciti amministrativi.Il reato specifico è percepire l'indennitá di accompagnamento e usufruire di tutti i servizi riservati ai disabili. Dire di essere disabile senza esserlo, oppure andare in giro con una sedia a rotelle quando si cammina perfettamente, no. A meno che si usufruisca di qualche particolare vantaggio di volta in volta, ma la cosa va provata.
          In questo caso era
          calunnia, perché il mio amico è realmente
          disabile.Assolutamente no. La legge sul punto è chiara: la calunnia si concretizza solo quando si fanno comunicazioni all'autorità. Il forum non è una comunicazione all'autorità (a meno che fosse il forum della polizia o della guardia di finanza, ma non credo che esistano).Copio qui il testo, per comodità:" <I
          Chiunque, con denuncia, querela, richiesta o istanza, anche se anonima o sotto falso nome, diretta all'Autorità giudiziariao ad un'altra Autorità che a quella abbia obbligo di riferirne, incolpa di un reato taluno che egli sa innocente, ovvero simula a carico di lui le tracce di un reato, è punito con la reclusione da due a sei anni </I
          ."
          • iRoby scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            Grazie, non sapevo si dovesse arrivare alla denuncia per trasformarsi in calunnia. Quindi rimane diffamazione finché non c'è la denuncia?
          • Leguleio scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia

            Grazie, non sapevo si dovesse arrivare alla
            denuncia per trasformarsi in calunnia. Quindi
            rimane diffamazione finché non c'è la
            denuncia?Esatto.È anche possibile che quelle persone abbiano fatto una comunicazione all'autorità giudiziaria sostenendo che il tuo amico fosse un falso invalido. Una diffamazione non esclude una calunnia, ma si risponde per ognuno dei due reati, separatamente.
        • dont feed the troll - Back Again scrive:
          Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
          - Scritto da: iRoby
          Calunnia è quando accusi qualcuno di stare
          commettendo un
          reato.
          Il reato non è tale finché non riceve giudizio.Per la precisione: quando accusi FORMALMENTE qualcuno di aver commesso un reato.E per formalmente intendo con un atto come esposto o querela.

          Diffamazione è quando attribuisci ad un soggetto
          qualcosa che non ha commesso, e che non è
          necessariamente un reato. Per esempio
          attribuirgli opinioni o azioni che non ha mai
          detto/fatto.Falso.Qualsiasi affermazione comunicata a 2 o + persone che colpisca l'onorabilità di una persona è diffamazione.Che questo sia vero o no non ha alcuna importanza.Se un mafioso viene da me chiamato mafioso in pubblico, io lo sto diffamando anche se lui è veramente un mafioso. Sempre che la sua affiliazione alla mafia non sia cosa notoria e risaputa, allora le mie affermazioni non lederebbero la sua onorabilità.

          Per esempio in un forum hanno accusato un mio
          amico di spacciarsi per disabileQuesta è diffamazione, indipendentemente dal fatto che il tuo amico sia veramente disabile e ti dirò di + indipendentemente dal fatto che lui si spacciasse per tale o meno.
      • gnammolo scrive:
        Re: Differenza tra diffamazione e calunnia

        La signora ha dichiarato in pubblico (TripAdvisor
        lo è) che nel ristorante servono vino pericoloso
        per la salute; che reato
        è?un reato bello grave, non ha scritto che il vino NON è buono (o fa schifo) ha scritto che il vino è dannoso alla salute, ovvero ha sparso la voce che in quel locale puoi essere avvelenato.Una cosa sono le opinioni, i gusti, una cosa è accusare un locale di servire liquido dannoso per la salute.
        • iRoby scrive:
          Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
          Comunque è una questione tra l'oste e la signora. Tripadvisor non può essere accusato.Si continua a dare la colpa a internet delle azioni delle persone che in questo agiscono.Se qualcuno diffama nella pubblica piazza non si citano in tribunale le pubbliche piazze...
        • Leguleio scrive:
          Re: Differenza tra diffamazione e calunnia


          La signora ha dichiarato in pubblico
          (TripAdvisor

          lo è) che nel ristorante servono vino
          pericoloso

          per la salute; che reato

          è?

          un reato bello grave, Be', potevi scrivere il nome e l'articolo del codice penale, no?!?Eccolo: <B
          Art. 440 Adulterazione e contraffazione di sostanze alimentari </B
          <I
          Chiunque corrompe o adultera acque o sostanze destinate all'alimentazione, prima che siano attinteo distribuite per il consumo, rendendole pericolose alla salute pubblica, è punito con la reclusione da tre a dieci anni.La stessa pena si applica a chi contraffà, in modo pericoloso alla salute pubblica, sostanze alimentari destinate al commercio </I
          .
    • Sgarbi scrive:
      Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
      - Scritto da: Leguleio
      Diffamazione: racconto in giro che l'osteria fa
      schifo.
      Calunnia: vado in questura e segnalo alla polizia
      che l'oste avvelena i clienti, mettendo sostanze
      tossiche nei vini, firmando anche la denuncia, se
      richiesto.

      Non so perché Tamburrino usi i due termini come
      sinonimi. Non lo sono
      affatto.Questa è la ragione per cui l'Italia è la patria dei truffatori. Se ne parli male, vieni denunciato e perdi pure.Allucinante.
      • Leguleio scrive:
        Re: Differenza tra diffamazione e calunnia

        Questa è la ragione per cui l'Italia è la patria
        dei truffatori. Se ne parli male, vieni
        denunciato e perdi
        pure.
        Allucinante.Si chiama civiltà. E ti informo che il reato di diffamazione esiste (quasi) ovunque, non è stato inventato dagli italiani.Nel mondo civile, dicevo, se si ritiene di essere truffati si va alla polizia. Non si sputano contumelie su un sito web.
        • Sgarbi scrive:
          Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
          - Scritto da: Leguleio

          Questa è la ragione per cui l'Italia è la
          patria

          dei truffatori. Se ne parli male, vieni

          denunciato e perdi

          pure.

          Allucinante.

          Si chiama civiltà. E ti informo che il reato di
          diffamazione esiste (quasi) ovunque, non è stato
          inventato dagli
          italiani.
          Nel mondo civile, dicevo, se si ritiene di essere
          truffati si va alla polizia. Non si sputano
          contumelie su un sito
          web.Certo e poi vieni denunciato per calunnia.Sicuramente il problema delle false recensioni è grave, ma è altrettanto grave privare le persone della libertà di espressione e giudizio su un locale, che può effettivamente far XXXXXX.
          • Leguleio scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia


            Si chiama civiltà. E ti informo che il reato
            di

            diffamazione esiste (quasi) ovunque, non è
            stato

            inventato dagli

            italiani.

            Nel mondo civile, dicevo, se si ritiene di
            essere

            truffati si va alla polizia. Non si sputano

            contumelie su un sito

            web.

            Certo e poi vieni denunciato per calunnia.No, se ti limiti a esporre i fatti senza arrivare alle conclusioni prima del tempo. Non è detto che gli inquirenti ravvisino il reato di truffa, e non è nemmeno detto che procedano, a volte hanno troppo da fare, ma nemmeno vanno dall'interessato a dirgli che sei stato da loro ad accusarlo. Hanno il segreto d'ufficio.
            Sicuramente il problema delle false recensioni è
            grave, ma è altrettanto grave privare le persone
            della libertà di espressione e giudizio su un
            locale, che può effettivamente far
            XXXXXX.Non le privi, non le privi affatto di questo sottile piacere. Possono continuare a scrivere come prima. 8)Ma i sottili piaceri hanno un prezzo, e la somma che dovrà pagare la docente emiliana sarà decisa dal tribunale.
          • Sgarbi scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            - Scritto da: Leguleio
            Non le privi, non le privi affatto di questo
            sottile piacere. Possono continuare a scrivere
            come prima.
            8)
            Ma i sottili piaceri hanno un prezzo, e la somma
            che dovrà pagare la docente emiliana sarà decisa
            dal
            tribunale.La libertà di espressione non è un sottile piacere.
          • Leguleio scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia


            Non le privi, non le privi affatto di questo

            sottile piacere. Possono continuare a
            scrivere

            come prima.

            8)

            Ma i sottili piaceri hanno un prezzo, e la
            somma

            che dovrà pagare la docente emiliana sarà
            decisa

            dal

            tribunale.

            La libertà di espressione non è un sottile
            piacere.La libertà di espressione è un diritto espressamente protetto dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo. Articolo 10, per la precisione. Però esiste anche il concetto di abuso del diritto... e questo è uno dei casi. Come del resto esite l'abuso della pazienza altrui.
    • sgabbiato scrive:
      Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
      - Scritto da: Leguleio
      Diffamazione: racconto in giro che l'osteria fa
      schifo.
      Calunnia: vado in questura e segnalo alla polizia
      che l'oste avvelena i clienti, mettendo sostanze
      tossiche nei vini, firmando anche la denuncia, se
      richiesto.

      Non so perché Tamburrino usi i due termini come
      sinonimi. Non lo sono
      affatto.(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • sgabbio dalle uova d oro scrive:
        Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
        - Scritto da: sgabbiato
        - Scritto da: Leguleio

        Diffamazione: racconto in giro che l'osteria
        fa

        schifo.

        Calunnia: vado in questura e segnalo alla
        polizia

        che l'oste avvelena i clienti, mettendo
        sostanze

        tossiche nei vini, firmando anche la
        denuncia,
        se

        richiesto.



        Non so perché Tamburrino usi i due termini
        come

        sinonimi. Non lo sono

        affatto.

        (rotfl)(rotfl)(rotfl)04/10
        • la gabbianell a e sgabbio scrive:
          Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
          - Scritto da: sgabbio dalle uova d oro
          - Scritto da: sgabbiato

          - Scritto da: Leguleio


          Diffamazione: racconto in giro che
          l'osteria

          fa


          schifo.


          Calunnia: vado in questura e segnalo
          alla

          polizia


          che l'oste avvelena i clienti, mettendo

          sostanze


          tossiche nei vini, firmando anche la

          denuncia,

          se


          richiesto.





          Non so perché Tamburrino usi i due
          termini

          come


          sinonimi. Non lo sono


          affatto.



          (rotfl)(rotfl)(rotfl)

          04/10Il dito e la luna...
          • la frutta scrive:
            Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
            - Scritto da: la gabbianell a e sgabbio
            - Scritto da: sgabbio dalle uova d oro

            - Scritto da: sgabbiato


            - Scritto da: Leguleio



            Diffamazione: racconto in giro che

            l'osteria


            fa



            schifo.



            Calunnia: vado in questura e
            segnalo

            alla


            polizia



            che l'oste avvelena i clienti,
            mettendo


            sostanze



            tossiche nei vini, firmando anche
            la


            denuncia,


            se



            richiesto.







            Non so perché Tamburrino usi i due

            termini


            come



            sinonimi. Non lo sono



            affatto.





            (rotfl)(rotfl)(rotfl)



            04/10

            Il dito e la luna...pere con mele
    • ... scrive:
      Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
      - Scritto da: Leguleio
      Diffamazione: racconto in giro che l'osteria fa
      schifo.
      Calunnia: vado in questura e segnalo alla polizia
      che l'oste avvelena i clienti, mettendo sostanze
      tossiche nei vini, firmando anche la denuncia, se
      richiesto.

      Non so perché Tamburrino usi i due termini come
      sinonimi. Non lo sono affatto.articolista PI + ignoranza = KABUMMMM!!! Ed ecco pronto un altro articolo raffazzonato per PI. E la festa continua, avanti un altro! Ora toccherebbe a maruccia, e' un po che non si sXXXXXXX...
      • iRoby scrive:
        Re: Differenza tra diffamazione e calunnia
        - Scritto da: ...
        articolista PI + ignoranza = KABUMMMM!!! Ed ecco
        pronto un altro articolo raffazzonato per PI. E
        la festa continua, avanti un altro! Ora
        toccherebbe a maruccia, e' un po che non si
        sXXXXXXX...Perché ce l'hai con gli articolisti di PI in particolare?Ti hanno "tacchinato" la ragazza o la figlia?
  • Gennarino B scrive:
    Gli italiani non meritano internet
    Gli italiani, quelli dalla querela facile, che anzichè fare autocritica gonfiano il petto in nome "dell'onore" macchiato.Gli italiani, quelli che vogliono tassare società che LEGALMENTE hanno sede in irlanda ma di contropartita creano posti di lavoro in italia (amazon) e offrono servizi gratuiti (o quasi) migliori della pubblica amministrazione italiana (google).Per favore, staccate la spina dell'internet a questisignori. Così potranno crogiolarsi nel loro medioevo di "valori" e "tradizioni" che loro stessi stuprano quotidianamente.
    • krane scrive:
      Re: Gli italiani non meritano internet
      - Scritto da: Gennarino B
      Per favore, staccate la spina dell'internet a
      questi signori. Così potranno crogiolarsi nel
      loro medioevo di "valori" e "t
      radizioni" che loro stessi stuprano
      quotidianamente.Internet in italia e' medio evo, sara' proprio perche' c'e' gente del genere...
  • Anonimo scrive:
    Anche questo articolo...
    Anche questo articolo è scritto con i piedi, Tamburrino ma dove lo hai imparato l'italiano? Ma rileggi il testo prima di premere invio?
    • krane scrive:
      Re: Anche questo articolo...
      - Scritto da: Anonimo
      Anche questo articolo è scritto con i piedi,
      Tamburrino ma dove lo hai imparato l'italiano ? Ma
      rileggi il testo prima di premere invio?Sei qui da poco vero ?
      • panda rossa scrive:
        Re: Anche questo articolo...
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: Anonimo

        Anche questo articolo è scritto con i piedi,

        Tamburrino ma dove lo hai imparato
        l'italiano ?
        Ma

        rileggi il testo prima di premere invio?

        Sei qui da poco vero ?Che cos'e' l'articolo di cui parla?
  • pentolino scrive:
    Mica facile...
    Chiaro che TripAdvisor "potrebbe" esercitare un maggior controllo sulle recensioni, ma chi le paga le persone che farebbero questo lavoro e che dovrebbero vagliare non so quante migliaia di recensioni al giorno (di cui la maggior parte scritte da cani...) in tutte le lingue del mondo. E non sarebbe certo un'analisi banale, in quanto alle volte, come nel caso in esame, nell'ambito di una recensione abbastanza lunga e per lo più corretta (anche se negativa) c'è un'unica frase che si configura come reato.Questo articolo è un commento equilibrato, ma tanti altri che ho letto non coglievano la differenza tra critica e calunnia, come possiamo aspettarci che i moderatori di TripAdvisor siano in grado di fare questa distinzione su migliaia di recensioni al giorno?
    • Leguleio scrive:
      Re: Mica facile...

      Chiaro che TripAdvisor "potrebbe" esercitare un
      maggior controllo sulle recensioni, ma chi le
      paga le persone che farebbero questo lavoro e che
      dovrebbero vagliare non so quante migliaia di
      recensioni al giorno (di cui la maggior parte
      scritte da cani...) in tutte le lingue del mondo.Chi le paga, non saprei dire. Esiste anche il lavoro volontario, ma invocarlo in questa sede forse non è il caso.Un antipaticissimo proverbio delle maestre di una volta era "chi non ha buona testa ha buone mani", nel senso che lo scolaro che fa un compito con troppi errori è costretto a riscriverlo daccapo, e non semplicemente correggere qualche errore qua e là. Facendo gli antipaticissimi, potremo dire di TripAdvisor che chi non ha buona testa ha buon portafoglio. Perché nessun giudice gli darà ragione. :)
      Questo articolo è un commento equilibrato, ma
      tanti altri che ho letto non coglievano la
      differenza tra critica e calunnia, Diffamazione.La calunnia, che tra l'altro è ben più grave, è un'altra cosa.
      • pentolino scrive:
        Re: Mica facile...
        - Scritto da: Leguleio
        Diffamazione.
        La calunnia, che tra l'altro è ben più grave, è
        un'altra
        cosa.grazie per la precisazione, si capisce che non sono un esperto di giurisprudenza :-)
    • ma necessario scrive:
      Re: Mica facile...
      Parzialmente d'accordo con leiChe non sia facile individuare quali sono le recensioni "false" è vero, anche se spesso utilizzano gli stessi termini e frasi, però capire il senso di una frase dovrebbe essere tra i compiti dei moderatori delle recensioni.IMHO, in questo caso è abbastanza evidente che affermare che il vino è avariato e dannoso per la salute senza provarlo (è stata male? ricoverata per intossicazione?) non può essere considerata una semplice opinione (bastava "limitarsi" a dire che era cattivo o imbevibile) e TripAdvisor doveva richiedere una revisione della recensione. E quindi entrambi devono risponderne.D'altra parte un controllo serio, per quanto si possa ritenere costoso, è soprattutto nell'interesse di Tripadvisor altrimenti diventerebbe inaffidabile perdendo sia recensori "reali" che utenti in consultazione.Personalmente è già da un po' che preferisco, per gli hotel, consultare le recensioni dei siti di prenotazione tipo hotels.com, dove sono sicuro che le informazioni provengono da persone che hanno realmente soggiornato nella struttura.
      • pentolino scrive:
        Re: Mica facile...
        - Scritto da: ma necessario
        Che non sia facile individuare quali sono le
        recensioni "false" è vero, anche se spesso
        utilizzano gli stessi termini e frasi, però
        capire il senso di una frase dovrebbe essere tra
        i compiti dei moderatori delle
        recensioni.Giusto, ma appunto richiede una lettura attenta delle recensioni.
        IMHO, in questo caso è abbastanza evidente che
        affermare che il vino è avariato e dannoso per la
        salute senza provarlo (è stata male? ricoverata
        per intossicazione?) non può essere considerata
        una semplice opinione (bastava "limitarsi" a dire
        che era cattivo o imbevibile) e TripAdvisor
        doveva richiedere una revisione della recensione.
        E quindi entrambi devono
        risponderne.La differenza secondo me è sottile, ed infatti molti non la hanno colta; io sono del parere che la responsabilità dei commenti debba ricadere sempre primariamente su chi li scrive, e solo in seconda battuta, nel caso sia provata una condotta negligente e/o connivente da parte di TripAdvisor, si debba agire contro il sito, che mi sembra sotto molti aspetti un intermediario (anche se evidentemente interessato).
        D'altra parte un controllo serio, per quanto si
        possa ritenere costoso, è soprattutto
        nell'interesse di Tripadvisor altrimenti
        diventerebbe inaffidabile perdendo sia recensori
        "reali" che utenti in
        consultazione.Appunto, ma il mio dubbio è sulla sostenibilità di un controllo del genere in termine di costo del personale; ci devi mettere gente con un minimo di capacità e di lavoro ce ne è davvero tanto.
        Personalmente è già da un po' che preferisco, per
        gli hotel, consultare le recensioni dei siti di
        prenotazione tipo hotels.com, dove sono sicuro
        che le informazioni provengono da persone che
        hanno realmente soggiornato nella
        struttura.Devo dire che anche io ultimamente diffido molto di TripAdvisor, ma non andiamo fuori tema :-)
        • ma necessario scrive:
          Re: Mica facile...
          - Scritto da: pentolino
          - Scritto da: ma necessario

          Che non sia facile individuare quali sono le

          recensioni "false" è vero, anche se spesso

          utilizzano gli stessi termini e frasi, però

          capire il senso di una frase dovrebbe essere
          tra

          i compiti dei moderatori delle

          recensioni.

          Giusto, ma appunto richiede una lettura attenta
          delle
          recensioni.se non lo fanno, perchè allora perdere tempo a sottoporre le recensioni a moderazione?


          IMHO, in questo caso è abbastanza evidente
          che

          affermare che il vino è avariato e dannoso
          per
          la

          salute senza provarlo (è stata male?
          ricoverata

          per intossicazione?) non può essere
          considerata

          una semplice opinione (bastava "limitarsi" a
          dire

          che era cattivo o imbevibile) e TripAdvisor

          doveva richiedere una revisione della
          recensione.

          E quindi entrambi devono

          risponderne.

          La differenza secondo me è sottile, ed infatti
          molti non la hanno colta; io sono del parere che
          la responsabilità dei commenti debba ricadere
          sempre primariamente su chi li scrive, e solo in
          seconda battuta, nel caso sia provata una
          condotta negligente e/o connivente da parte di
          TripAdvisor, si debba agire contro il sito, che
          mi sembra sotto molti aspetti un intermediario
          (anche se evidentemente
          interessato).Credo che Tripadvisor ricada nel concetto di "editore" e quindi responsabile di quello che pubblica, esattamente come accade per i commenti agli articoli pubblicati da un giornale.Concordo sul fatto che la responsabilità principale sia in carico a chi ha scritto il commento/recensione ma anche chi ha il dovere di controllare e non l'ha fatto ha una sua fetta di responsabilità (e non mi stupirebbe se qualche azzeccagarbugli nostrano riuscisse a dimostrare che è l'unico colpevole)

          D'altra parte un controllo serio, per quanto
          si

          possa ritenere costoso, è soprattutto

          nell'interesse di Tripadvisor altrimenti

          diventerebbe inaffidabile perdendo sia
          recensori

          "reali" che utenti in

          consultazione.

          Appunto, ma il mio dubbio è sulla sostenibilità
          di un controllo del genere in termine di costo
          del personale; ci devi mettere gente con un
          minimo di capacità e di lavoro ce ne è davvero
          tanto.Se hanno previsto il controllo delle recensioni ma non come sostenere i costi, necessari a farlo in modo da evitare questo tipo di problemi significa, a mio parere, che non hanno costruito un business plan realistico. Fare affidamento su azioni precise di terze parti (utenti, recensori, ristoratori, etc) per far "quadrare il proprio bilancio" mi sembra veramente poco lungimirante (per essere "polite" :))

          Personalmente è già da un po' che
          preferisco,
          per

          gli hotel, consultare le recensioni dei siti
          di

          prenotazione tipo hotels.com, dove sono
          sicuro

          che le informazioni provengono da persone che

          hanno realmente soggiornato nella

          struttura.

          Devo dire che anche io ultimamente diffido molto
          di TripAdvisor, ma non andiamo fuori tema
          :-)Volevo solo evidenziare che ci possono essere dei meccanismi che permettono un maggiore controllo sulla veridicità delle recensioni.
      • ehbeh scrive:
        Re: Mica facile...
        - Scritto da: ma necessario
        Personalmente è già da un po' che preferisco, per
        gli hotel, consultare le recensioni dei siti di
        prenotazione tipo hotels.com, dove sono sicuro
        che le informazioni provengono da persone che
        hanno realmente soggiornato nella
        struttura.Hotels.com , come tripadvisor , expedia , kayak , trivago , sono tutti portali della stessa multinazionale.E le recensioni sono non false , di piu'.
    • Dr Doom scrive:
      Re: Mica facile...
      - Scritto da: pentolino
      Chiaro che TripAdvisor "potrebbe" esercitare un
      maggior controllo sulle recensioni, ma chi le
      paga le personeQuelli che ci guadagnano?
    • Izio01 scrive:
      Re: Mica facile...
      - Scritto da: pentolino
      Chiaro che TripAdvisor "potrebbe" esercitare un
      maggior controllo sulle recensioni, ma chi le
      paga le persone che farebbero questo lavoro e che
      dovrebbero vagliare non so quante migliaia di
      recensioni al giorno (di cui la maggior parte
      scritte da cani...) in tutte le lingue del mondo.
      E non sarebbe certo un'analisi banale, in quanto
      alle volte, come nel caso in esame, nell'ambito
      di una recensione abbastanza lunga e per lo più
      corretta (anche se negativa) c'è un'unica frase
      che si configura come reato.
      Questo articolo è un commento equilibrato, ma
      tanti altri che ho letto non coglievano la
      differenza tra critica e calunnia, come possiamo
      aspettarci che i moderatori di TripAdvisor siano
      in grado di fare questa distinzione su migliaia
      di recensioni al giorno?Albergatori italiani. Vogliono arrivare alla stessa situazione di eBay, dove se lasci un feedback negativo, in Italia rischi la querela.Posso capire l'irritazione di chi lavora onestamente e bene e si trova recensioni fasulle, ma nel caso descritto dall'articolo, la docente emiliana ha probabilmente solo esagerato le cose. Dubito fortemente che il vino servitole fosse buono, e lei ha calcato un po' la mano.A temere il giudizio degli utenti sono secondo me quelli che fanno i furbi.
      • pentolino scrive:
        Re: Mica facile...
        cito il virgolettato: "Non parlo di vino cattivo, no, parlo di vino AVARIATO, roba da creare problemi di salute. E questo non una sola volta, ma più volte di seguito."Questo secondo me non è farsi prendere la mano, lo sarebbe stato:"Non parlo di vino cattivo, no, parlo di vino SCHIFOSO, roba che non berrei nemmeno se fosse gratis. E questo non una sola volta, ma più volte di seguito."A me sembrano due cose ben diverse.
        • Izio01 scrive:
          Re: Mica facile...
          - Scritto da: pentolino
          cito il virgolettato: "Non parlo di vino cattivo,
          no, parlo di vino AVARIATO, roba da creare
          problemi di salute. E questo non una sola volta,
          ma più volte di seguito."

          Questo secondo me non è farsi prendere la mano,
          lo sarebbe stato:
          "Non parlo di vino cattivo, no, parlo di vino
          SCHIFOSO, roba che non berrei nemmeno se fosse
          gratis. E questo non una sola volta, ma più volte
          di seguito."

          A me sembrano due cose ben diverse.Sì, è vero, e probabilmente per la legge è così. Diciamo che in ogni caso dubito fortemente che le abbiano servito del vino buono. Questi sarebbero capaci di fare causa anche nel secondo caso.
          • pentolino scrive:
            Re: Mica facile...
            che abbiano servito vino scadente non fatico a metterlo in dubbio e difatti il ristoratore non se l'è presa con le diverse persone che hanno scritto solo questo. Se l'è presa con chi l'ha accusato di essere un avvelenatore!E' come dire che se uno si incavola quando gli tirano un pugno in faccia, allora si incavola di sicuro anche per un urto accidentale in autobus; non proprio la stessa cosa insomma...
          • Izio01 scrive:
            Re: Mica facile...
            - Scritto da: pentolino
            che abbiano servito vino scadente non fatico a
            metterlo in dubbio e difatti il ristoratore non
            se l'è presa con le diverse persone che hanno
            scritto solo questo. Se l'è presa con chi l'ha
            accusato di essere un
            avvelenatore!

            E' come dire che se uno si incavola quando gli
            tirano un pugno in faccia, allora si incavola di
            sicuro anche per un urto accidentale in autobus;
            non proprio la stessa cosa insomma...Ok, vero :D
          • chrjs scrive:
            Re: Mica facile...
            Tra l'altro, se ti versano vino imbevibile, lo mandi indietro e lo fai cambiare o bevi acqua, non è che lo bevi e poi ti sfoghi su TripAdvisor!Mi sembra una cosa irragionevole.
          • Skywalkersenior scrive:
            Re: Mica facile...
            - Scritto da: Izio01

            Sì, è vero, e probabilmente per la legge è così.
            Diciamo che in ogni caso dubito fortemente che le
            abbiano servito del vino buono. Questi sarebbero
            capaci di fare causa anche nel secondo
            caso.Solo che nel primo caso hanno buone possibilità di vincere se la controparte non ha prove concrete sul fatto che il vino fosse "avariato".Nel secondo caso, invece, credo che vincerebbe facilmente il cliente, trattandosi chiaramente di un giudizio personale
          • rudy scrive:
            Re: Mica facile...
            per quanto nominalamente parlare di vino avariato e' legalmentre ben diverso che parlare di vino schifoso,nel contesto in cui questo e' avvenuto (mica e' una denuncia al nucleo antisofisticazioni..) le due cose sono in pratica del tutto equivalenti.spero che i magistrati (gia pieni di "lavoro", che paghiamo noi contribuenti e pertanto spero non come questo..) scoraggino azioni legali come queste, mentre basterebbe che tripadvisor e simili dessero maggiore spazio alle repliche.
          • Leguleio scrive:
            Re: Mica facile...

            per quanto nominalamente parlare di vino avariato
            e' legalmentre ben diverso che parlare di vino
            schifoso,
            nel contesto in cui questo e' avvenuto (mica e'
            una denuncia al nucleo antisofisticazioni..) le
            due cose sono in pratica del tutto
            equivalenti.Non credo proprio. La prima, almeno sulla carta, sarebbe altrettanto diffamatoria per un oste, ma data la vaghezza dell'espressione "fare schifo", la sua soggettività, nessun giudice emetterà mai una condanna solo per quella frase. Ci vuole di più.Servire vino avariato è un reato, e pure abbastanza grave. E guarda caso il reato di diffamazione prevede un'aggravante nel caso si attribuisca a qualcuno un'azione costituente reato.Per ogni affermazione che si fa sul web, non solo per quanto riguarda TripAdvisor, vale il detto "era meglio pensarci prima".
            spero che i magistrati (gia pieni di "lavoro",
            che paghiamo noi contribuenti e pertanto spero
            non come questo..) scoraggino azioni legali come
            queste, mentre basterebbe che tripadvisor e
            simili dessero maggiore spazio alle
            repliche.Il fatto che l'oste sia riuscito a fare lavorare la polizia postale, che è già abbastanza impegnata, e ad identificare l'autrice del commento, è già un indizio che la causa non si fermerà qui. Vedremo! Io personalmente a uno che mi insulta in maniera così palese non risponderei mai nel merito. Nei forum si chiama "non alimentare i folletti": loro vogliono proprio quello, la rissa, il tutti contro tutti. Si può scegliere di ignorarlo, la gente capirà da sé che è un insulto gratuito da maleducato, oppure di chiamare la polizia.
      • Leguleio scrive:
        Re: Mica facile...

        Albergatori italiani. Vogliono arrivare alla
        stessa situazione di eBay, dove se lasci un
        feedback negativo, in Italia rischi la
        querela.Mi pare che ne avevamo già discusso in passato. Un feedback negativo, inteso come numero e basta, non potrà mai essere considerato offensivo, e quindi il reato non si pone.Un giudizio non corrispondente al vero, ad esempio "mi ha inviato merce taroccata", è invece passibile di querela. Ma non solo in Italia, non capisco perché ti focalizzi sul Paese.
        Posso capire l'irritazione di chi lavora
        onestamente e bene e si trova recensioni fasulle,
        ma nel caso descritto dall'articolo, la docente
        emiliana ha probabilmente solo esagerato le cose.Ci sono "esagerazioni" che hanno conseguenze pesantucce. Vediamo come andrà a finire.
        Dubito fortemente che il vino servitole fosse
        buono, e lei ha calcato un po' la
        mano.Se ci sarà condanna, la prossima volta la docente emiliana misurerà meglio le parole. ;)
        A temere il giudizio degli utenti sono secondo me
        quelli che fanno i
        furbi.Forse è così, ma è nel loro pieno diritto. Non esiste il diritto di insulto, anche se da quando è nata internet molti credono il contrario.
        • Izio01 scrive:
          Re: Mica facile...
          - Scritto da: Leguleio

          Albergatori italiani. Vogliono arrivare alla

          stessa situazione di eBay, dove se lasci un

          feedback negativo, in Italia rischi la

          querela.

          Mi pare che ne avevamo già discusso in passato.
          Un feedback negativo, inteso come numero e basta,
          non potrà mai essere considerato offensivo, e
          quindi il reato non si pone.
          Un giudizio non corrispondente al vero, ad
          esempio "mi ha inviato merce taroccata", è invece
          passibile di querela. Ma non solo in Italia, non
          capisco perché ti focalizzi sul Paese.
          Bè, qua vale un po' il consiglio che dai a tutti: non sei tu ad emettere giudizi ma un giudice ;-)Il punto è che solo in Italia ho letto di casi in cui il giudizio negativo è stato punito in quanto dannoso per gli affari del commerciante, anche in casi in cui era giustificato; vero, non vero? Bè, nel dubbio non uso più eBay per acquisti importanti e la lascio per le cinesate.Di recente non mi è arrivato un acquisto da pochi euro. Non avrei lasciato feedback negativo perché si sa che con posta prioritaria può succedere, ma avrei lasciato feedback neutro specificando il motivo: se un venditore riceve cento feedback neutri di gente che non ha ricevuto la merce, allora forse la colpa non è delle Poste. Però ho paura di azioni legali e quindi non faccio niente.Nel resto del mondo (ok, quello di lingua anglosassone) mi pare di cogliere una maggiore libertà nell'utilizzo degli strumenti feedback di eBay, però magari mi sbaglio.
          • Leguleio scrive:
            Re: Mica facile...


            Un giudizio non corrispondente al vero, ad

            esempio "mi ha inviato merce taroccata", è
            invece

            passibile di querela. Ma non solo in Italia,
            non

            capisco perché ti focalizzi sul Paese.


            Bè, qua vale un po' il consiglio che dai a tutti:
            non sei tu ad emettere giudizi ma un giudice
            ;-)
            Il punto è che solo in Italia ho letto di casi in
            cui il giudizio negativo è stato punito in quanto
            dannoso per gli affari del commerciante, anche in
            casi in cui era giustificato; Leggi la stampa estera tutte le mattine? Che sta succedendo oggi in Estonia? :)Se hai un link alla notizia di una condanna per feedback negativo dammelo. Voglio proprio vedere in che cosa consisteva. Non credo proprio fosse un numerino.
          • Izio01 scrive:
            Re: Mica facile...
            - Scritto da: Leguleio


            Un giudizio non corrispondente al vero,
            ad


            esempio "mi ha inviato merce
            taroccata",
            è

            invece


            passibile di querela. Ma non solo in
            Italia,

            non


            capisco perché ti focalizzi sul Paese.





            Bè, qua vale un po' il consiglio che dai a
            tutti:

            non sei tu ad emettere giudizi ma un giudice

            ;-)

            Il punto è che solo in Italia ho letto di
            casi
            in

            cui il giudizio negativo è stato punito in
            quanto

            dannoso per gli affari del commerciante,
            anche
            in

            casi in cui era giustificato;

            Leggi la stampa estera tutte le mattine? Che sta
            succedendo oggi in Estonia?
            :)
            Ahah, ho specificato esplicitamente quella anglofona!Per l'Estonia ho Nadja che mi tiene personalmente aggiornato dalla sua scrivania (seee, magari!).
            Se hai un link alla notizia di una condanna per
            feedback negativo dammelo. Voglio proprio vedere
            in che cosa consisteva. Non credo proprio fosse
            un numerino.No, appunto, quando ho scritto "sarà vero o non sarà vero?" mi riferivo al fatto che quando mi sono interessato alla problematica ho trovato tante informazioni ma nessuna certezza. Fosse qualcosa di vitale, andrei più a fondo della questione, ma non avendone stretta necessità mi sono limitato a girare al largo da eBay se non per piccoli acquisti, nel dubbio.
        • dont feed the troll - Back Again scrive:
          Re: Mica facile...
          - Scritto da: Leguleio

          Albergatori italiani. Vogliono arrivare alla

          stessa situazione di eBay, dove se lasci un

          feedback negativo, in Italia rischi la

          querela.

          Mi pare che ne avevamo già discusso in passato.
          Un feedback negativo, inteso come numero e basta,
          non potrà mai essere considerato offensivo, e
          quindi il reato non si
          pone.
          Un giudizio non corrispondente al vero, ad
          esempio "mi ha inviato merce taroccata", è invece
          passibile di querela. Ma non solo in Italia, non
          capisco perché ti focalizzi sul
          Paese.
          Finalmente concordo con Leguleio su qualcosa, miracolo.Voglio solo però puntualizzare una cosa: non è la veridicità di quanto affermato a fare la diffamazione.Per esempio supponiamo che vi venga servito un vino disgustoso, se l'avventore scrivesse:"il vino servito l'ho trovato imbevibile e l'ho fatto cambiare per ben 3 volte" credo che il reato non si configuri ma se scrivesse:"quello spacciato per vino sembrava piscio di cavallo, e hanno cercato di rifilarcelo per ben 3 volte con l'evidente intenzione di farci ammalare", il reato in questo caso mi pare evidente.Il fatto che il vino fosse pessimo e che magari avesse davvero il sapore di urina di equino è indifferente, è l'uso delle parole ad essere diffamatorio.Al contrario se ordino una borsa Yves Saint Laurent e mi mandi una imitazione cinese, e io scrivo nella recensione che la merce era contraffatta, il reato non sussiste.Certo il venditore ti può pure querelare, ma da qui a vincere la causa ce ne passa un bel po'.


          Posso capire l'irritazione di chi lavora

          onestamente e bene e si trova recensioni
          fasulle,

          ma nel caso descritto dall'articolo, la
          docente

          emiliana ha probabilmente solo esagerato le
          cose.

          Ci sono "esagerazioni" che hanno conseguenze
          pesantucce.

          Vediamo come andrà a finire.


          Dubito fortemente che il vino servitole fosse

          buono, e lei ha calcato un po' la

          mano.

          Se ci sarà condanna, la prossima volta la docente
          emiliana misurerà meglio le parole.
          ;)



          A temere il giudizio degli utenti sono
          secondo
          me

          quelli che fanno i

          furbi.

          Forse è così, ma è nel loro pieno diritto. Non
          esiste il diritto di insulto, anche se da quando
          è nata internet molti credono il
          contrario.Siamo d'accordo, ma secondo me non esiste nemmeno il diritto di intimidazione.Non è ammissibile creare un clima di caccia alle streghe per indurre la gente a no nesprimere giudizi negativi sotto la spada di Damocle della querela per diffamazione, che, converrai con me, è uno strumento ampiamente abusato in questo Paese, con il chiaro scopo di creare un danno economico a chi dice cose che non ci piacciono.Tanto + in rete dove, purtroppo, spesso queste cause vengono chiuse con formula dubitativa, perchè è impossibile riuscire a provare chi è il vero autore di un dato messaggio.Insomma a me pare che creare precedenti pericolosi per la libertà di espressione sia nocivo per gli interessi della società.
          • Izio01 scrive:
            Re: Mica facile...
            - Scritto da: dont feed the troll - Back Again

            Non è ammissibile creare un clima di caccia alle
            streghe per indurre la gente a non esprimere
            giudizi negativi sotto la spada di Damocle della
            querela per diffamazione, che, converrai con me,
            è uno strumento ampiamente abusato in questo
            Paese, con il chiaro scopo di creare un danno
            economico a chi dice cose che non ci
            piacciono.Hai brillantemente sintetizzato il mio modo di vedere. Non credo di aver mai abusato della facoltà di lasciare un feedback o di scrivere delle recensioni, ma trovo importante poterne usufruire.
Chiudi i commenti