BlackBerry e Lenovo, lo zampino del Canada

Il colosso cinese avrebbe avviato le negoziazioni per una potenziale acquisizione, ma il governo canadese sarebbe intervenuto. Nel nome della sicurezza nazionale

Roma – La preoccupazione delle autorità canadesi per la tutela della sicurezza nazionale potrebbe aver influito sul destino di BlackBerry: la prospettiva che un’azienda con base in Cina potesse agguantare le redini dell’infrastruttura del colosso canadese non sembra essere piaciuta al governo, che avrebbe dissuaso BlackBerry dall’assecondare il corteggiamento di Lenovo.

Le indiscrezioni si rincorrono da tempo: Lenovo, nei mesi scorsi , aveva lasciato emergere un malcelato interesse nei confronti dell’azienda canadese. Un interesse reso probabilmente più concreto dalla situazione critica in cui versa BlackBerry, disposta alla vendita pur di tornare sulla breccia. In questo contesto, con Lenovo mostra di saper reggere la recessione, le due aziende si sarebbero riavvicinate per valutare un potenziale accordo , prima che BlackBerry rinunciasse all’idea di tornare privata .

Proprio in quel frangente si sarebbe inserito il governo canadese, secondo le voci di corridoio raccolte da The Globe and Mail : le autorità non avrebbero gradito l’idea di aprire ad un’azienda cinese il business di BlackBerry, fondato su sistemi di sicurezza su cui fa affidamento una parte ancora consistente del settore enterprise e compenetrati con l’infrastruttura di telecomunicazioni del paese nordamericano.

Un potenziale accordo fra le due aziende sarebbe stato sottoposto a uno scrutinio attento e troppo dispendioso in termini di tempo per un’azienda come BlackBerry, che ha necessità di agire con urgenza. Un’analisi che, suggeriscono le fonti del quotidiano canadese, si sarebbe molto probabilmente conclusa con un veto rispetto alla transazione . “Il Canada è aperto agli investimenti stranieri – ha riferito la fonte governativa anonima al The Globe and Mail – e in particolare dalla Cina, ma non a costo di mettere a rischio la sicurezza nazionale”.

“Credo che nessuno dovrebbe essere sorpreso del fatto che abbiamo preoccupazioni di questo genere”, ha aggiunto la fonte. Sono infatti numerosi i governi occidentali che, nonostante le rassicurazioni da parte dei colossi cinesi dell’IT, continuano a diffidare, impensieriti per le potenziali intrusioni di Pechino, anche in epoca di Datagate . Se Lenovo ha dovuto accettare di veder sfumare l’accordo, Huawei , altro colosso cinese da tempo guardato con sospetto dalla autorità di mezzo mondo, Canada compreso , ha scelto la propria strategia : piuttosto che rilevare le attività di un’azienda esterna come BlackBerry, meglio concentrarsi su se stessi, investendo in ricerca e sviluppo.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    ...
    " Può essere un robot il desiderio di una signora? "Certo, ma non credo proprio che quel robot che accende il desidero delle signore sia questo rottame. :D
  • Surak 2.0 scrive:
    Gita al mare?
    Sì, se s'intende che la strada asfaltata che spesso costeggia, appunto, la costa. Viste le ruote, questo coso manco sul ghiaino si muove, figuriamoci la sabbia.Utilità prossima allo zero, anche se può avere un suo interesse per la curiosità in Centri Commerciali. Dubito però che sborsino quei quattrini (se non per uno o due)
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Quando impara a fare le scale
    Allora lo compro.Fino ad allora mi è completamente inutile.
    • EnricoR scrive:
      Re: Quando impara a fare le scale
      - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
      Allora lo compro.
      Fino ad allora mi è completamente inutile.Effettivamente per usarlo sulle normali strade/piazze/ecc deve essere in grado almeno di salire e scendere dai marciapiedi senza rovesciarsi o perdere il carico!
  • ndr scrive:
    E poi...
    "sfruttando gli ultrasuoni ci segue ovunque"Già me le vedo...vecchine sprint inseguite dal carrello-robot e...da una muta di cani impazziti.Bellissimo.A questo punto usatelo come dog sitter per portare a spasso fido, certamente più utile...........che ca*ata pazzesca.....
  • yupa non loggato scrive:
    Ottimo per gli outlet
    Immagino che possa essere utile in posti come gli outlet.Arrivi, cacci un 2 euro (o un 5) nell'apposita fessura, agganci il braccialetto e vai a fare shopping con il tuo robottino che ti segue felice.(e noi mariti possiamo finalmente dedicarci ad altro)
  • toostressed scrive:
    mia nonna
    Mia nonna a 80 anni passati, col carrellino al mercato (a 50 mt da casa sua) sicuramente portava più di 10 kg (lo so perchè glieli portavo io su dalle scale), piuttosto che spendere 1.300$ per un carrellino che va solo 6 ore ne faccio anche 5 o sei di giri al mercato-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 novembre 2013 11.05-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti