Chrome ora chiede agli utenti di scegliere il motore di ricerca

Chrome ora chiede agli utenti di scegliere il motore di ricerca

Gli utenti di Google Chrome riceveranno presto una richiesta di "scelta del motore di ricerca" all'avvio del browser web desktop.
Chrome ora chiede agli utenti di scegliere il motore di ricerca
Gli utenti di Google Chrome riceveranno presto una richiesta di "scelta del motore di ricerca" all'avvio del browser web desktop.

Quando gli utenti di Chrome avviano il browser per la prima volta, vedranno apparire un messaggio che li invita a selezionare il motore di ricerca che vogliono usare come predefinito. Il messaggio mostra una lista di motori di ricerca popolari nel Paese dell’utente, ordinati in modo casuale.

La lista include sia i motori di ricerca più noti, come Google Search, Bing o DuckDuckGo, sia quelli meno conosciuti, come Brave Search, Yep o Qwant. La lista può cambiare a seconda della regione.

Gli utenti possono cliccare sul link “saperne di più” per avere maggiori informazioni sulla funzione e sulle implicazioni della scelta. Google spiega che: “Chrome vi chiede di scegliere il vostro motore di ricerca predefinito in base alla legge in vigore nel vostro Paese. Questi motori di ricerca sono popolari nel vostro Paese e vengono mostrati in ordine casuale.

Il motore di ricerca predefinito permette di effettuare ricerche sul web e di usare funzioni di Google Chrome come la ricerca nella barra degli indirizzi e nelle immagini delle pagine web. Una funzione potrebbe non essere disponibile se il motore di ricerca non la supporta. È possibile cambiare il motore di ricerca in qualsiasi momento nelle impostazioni del browser.

Gli utenti di Chrome devono fare una scelta per poter usare il browser. Google non indica qual è il motore di ricerca predefinito attuale, il che è rilevante solo per gli utenti di Chrome esistenti che ricevono il messaggio.

Cliccando sul pulsante “Imposta come predefinito”, il motore di ricerca scelto diventa quello predefinito.

Come modificare il motore di ricerca su Chrome

Se gli utenti di Chrome vogliono modificare il motore di ricerca in un secondo momento, possono farlo facilmente dalle impostazioni del browser. Questi sono i passi da seguire:

  • Aprire Chrome sul computer.
  • Cliccare sull’icona con i tre puntini in alto a destra e scegliere Impostazioni. Cliccare su Motore di ricerca.
  • Cliccare sulla freccia giù accanto a “Motore di ricerca utilizzato nella barra degli indirizzi”. Selezionare un motore di ricerca dall’elenco delle opzioni. Confermare la modifica cliccando su “imposta come predefinito”.

Nota bene: Chrome riconosce automaticamente i motori di ricerca quando si usano per la prima volta, a patto che usino uno standard specifico. Se il motore di ricerca che si preferisce non è presente nell’elenco, si può provare a fare una ricerca e poi aprire chrome://settings/searchEngines. Dovrebbe essere elencato tra le “scorciatoie inattive”. Si può selezionare Attiva e poi i tre puntini accanto per renderlo il motore di ricerca predefinito del browser.

Come attivare la schermata di scelta del motore di ricerca

La schermata di scelta del motore di ricerca è attualmente visibile solo in Chrome Canary, la versione sperimentale del browser. Ci vorranno alcune settimane o mesi prima che arrivi nella versione stabile del browser. Google controlla la funzione con un flag, che è una sorta di interruttore che si può attivare o disattivare in Chrome Canary.

Per attivare il flag, si deve:

  • Aprire Chrome Canary sul computer.
  • Inserire chrome://flags/#enable-search-engine-choice nella barra degli indirizzi di Chrome.
  • Impostare il flag su Abilitato. Se non funziona, impostare lo stato del flag su Abilitato – con paese SEE forzato.
  • Riavviare Chrome Canary.

Chrome Canary dovrebbe ora mostrare il messaggio di scelta del motore di ricerca.

Google non è l’unico operatore del settore che sta adeguando i suoi prodotti alle normative dell’Unione Europea e dello Spazio economico europeo, che mirano a promuovere una maggiore concorrenza e una maggiore libertà di scelta per gli utenti. Anche altri browser, come Microsoft Edge o Mozilla Firefox, offrono la possibilità di scegliere il motore di ricerca predefinito tra diverse opzioni.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 11 dic 2023
Link copiato negli appunti