GeForce GTX 660Ti, in medio stat virtus

NVIDIA finalmente colma il vuoto nel mezzo della sua offerta Kepler. E le recensioni incoronano una nuova regina della fascia destinata ai giocatori attenti al portafogli

Roma – L’ ultima nata della famiglia Kepler di NVIDIA farà felice molti videogiocatori: potente, ben carrozzata e con un prezzo abbordabile. Rispetto alla sorella maggiore 670 cede qualcosa in fatto di ampiezza di banda della memoria, rispetto all’ ammiraglia 680 deve alzare bandiera bianca quando si parla di stream processor e frequenze di esercizio. Ma i risultati che contano, quelli nella vita di tutti i giorni, dicono che la potenza a disposizione della GeForce GTX 660Ti basta e avanza per tutti . O quasi.

Il cuore della GTX 660Ti è la GPU GK104 a 28nm basata sull’architettura Kepler , già vista all’opera con specifiche differenti nelle citate GeForce GTX 680 e 670 (ci sarebbe anche la 690 , ma quella fa storia a parte): in questo caso gli stream processor (le ALU a disposizione per i calcoli) si assestano su 1344, con il bus che porta alla memoria ampio solo 192bit. La scheda mantiene comunque, almeno nel design di riferimento ufficiale, 2GB di RAM GDDR5 a bordo ( clockata a 6GHz effettivi): alcune variazioni nella configurazione dei controller di memoria dovrebbero ridurre complessivamente le prestazioni, ma dovrebbero mantenersi su livelli interessanti. Infine, anche le pipeline per le operazioni di raster (ROP) hanno subito delle modifiche: il risultato è una capacita inferiore nel gestire gli effetti grafici come l’antialiasing rispetto alle sorelle maggiori.

Rispetto alla GTX 670, comunque, la GTX 660Ti mantiene piuttosto bene il punto: stessa frequenza di base e di boost (915-980MHz), stessi dati di targa per memory transfer rate (6GT/s), texture filtering (110Gtex/s), shader (2,6tflops). Considerato che il costo dovrebbe essere inferiore secondo il listino ufficiale ( 299 dollari contro 399), rinunce che sembrano ragionevoli. I numeri sembrano confortare questa ipotesi: il rapporto prezzo/prestazioni della 660 è piuttosto sensato, sia guardando al gap rispetto alla generazione precedente che a quello con le sorelle maggiori, e offre comunque risultati in linea con la concorrenza Radeon di AMD.

Secondo i test , la GTX 660Ti si piazza esattamente al centro della sua categoria: è una delle schede più efficienti sul piano energetico sul mercato, molti dei modelli presentati dalle varie case costruttrici si prestano a un buon overclock, il prezzo è competitivo. C’è da attendersi naturalmente che AMD risponda alla bordata con un taglio dei prezzi delle sue Radeon (soprattutto la 7950 , che sulla carta si batte con la 670 e dunque ricade in una fascia superiore: la 7870 rimane quasi sempre indietro nei benchmark): ma visto i commenti entusiasti che si vedono in giro, la lotta per accaparrarsi i favori dei più assidui videogiocatori si farà senz’altro sempre più serrata entro la fine dell’anno e in prossimità degli acquisti natalizi.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • sentinel scrive:
    Anche i ricchi piangono...
    ...hihihiihihhihi :DE comunque aspettiamo tutti il "Il prossimo novembre" contrepidazione ;)
  • Mario scrive:
    E se fosse tutta colpa del diario?
    In Facebook regna l'odio per il passagigo forzato alla timeline (diario)... Io stesso fatico ad abituarmici.Che i mercati abbiano recepito questo malumore mentre zuccavuota Zuckerberg no?
    • ndr scrive:
      Re: E se fosse tutta colpa del diario?

      Che i mercati abbiano recepito questo malumore
      mentre zuccavuota Zuckerberg
      no?Certo, un ragazzino che è stato capace di diventare una delle persone più ricche del pianeta in pochi anni è uno zuccavuota, vero?Non dico sia solo merito suo, e nemmeno che abbia fatto tutto da solo, ma ha avuto un ruolo quantomeno centrale nel creare e gestire un sistema che sta influenzando le dinamiche sociali di mezzo mondo, ci piaccia o no, nel bene e nel male.Può aver fatto certamente degli errori (ad es. la timeline non piace nemmeno a me), ma dubito che tu abbia combinato più di lui nella tua vita. Quindi se lui è una "zuccavuota" tu cosa saresti?Facile sparare sentenze così su una tastiera....
      • Sgabbio scrive:
        Re: E se fosse tutta colpa del diario?
        - Scritto da: ndr

        Che i mercati abbiano recepito questo malumore

        mentre zuccavuota Zuckerberg

        no?

        Certo, un ragazzino che è stato capace di
        diventare una delle persone più ricche del
        pianeta in pochi anni è uno zuccavuota,
        vero?
        Non dico sia solo merito suo, e nemmeno che abbia
        fatto tutto da solo, ma ha avuto un ruolo
        quantomeno centrale nel creare e gestire un
        sistema che sta influenzando le dinamiche sociali
        di mezzo mondo, ci piaccia o no, nel bene e nel
        male.

        Può aver fatto certamente degli errori (ad es. la
        timeline non piace nemmeno a me), ma dubito che
        tu abbia combinato più di lui nella tua vita.
        Quindi se lui è una "zuccavuota" tu cosa
        saresti?
        Facile sparare sentenze così su una tastiera....Quindi solo perchè a fatto i soldi, lo dobbiamo chiamare santo ? Divino ? Innovatore ? :D
        • ndr scrive:
          Re: E se fosse tutta colpa del diario?

          Quindi solo perchè a fatto i soldi, lo dobbiamo
          chiamare santo ? Divino ? Innovatore ?
          :DNo, solo riconoscere che definire "zuccavuota" chi ha "(...) avuto un ruolo quantomeno centrale nel creare e gestire un sistema che sta influenzando le dinamiche sociali di mezzo mondo, ci piaccia o no (...)" (come da mio commento, del quale hai evidentemente letto solo le prime due righe), è una sciocchezza.Al punto che qualcuno qua sotto chiama in causa l'FBI, i servizi segreti, gli alieni e le marmotte che confezionano la cioccolata, pur di non riconoscergli qualche merito. Francamente mi sembrate un po' ipocriti, ed anche un po' invidiosi.Non lo eleggo a dio in terra e non lo classifico come il male assoluto. E' solo una persona che ha creato qualcosa, a differenza di molti che invece qui attorno amano parlare e basta.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: E se fosse tutta colpa del diario?
      contenuto non disponibile
      • iGoogler scrive:
        Re: E se fosse tutta colpa del diario?
        Mark è semplicemente un prestanome dei servizi segreti americani, il sucXXXXX se cosi si puo chiamare è dovuto alle forti campagne pubblicitarie "nascoste" dietro finti articoli del tipo1 ) Le multinazionali usano Facebook per assumere il personale2 ) Facebook aiuta chi ha la depressione3 ) Se non hai Facebook sei un malato mentale4 ) I VIP usano Facebook5 ) Il VIP ha scritto XYZ su Facebook6 ) Facebook serve a salvare le vite umaneOggi invece si scopre che :1 ) Facebook è pieno di profili falsi2 ) Facebook è pieno di profili doppi3 ) Facebook si tiene tutti i tuoi dati per sempre4 ) Facebook non funziona mai decentemente ( vedi la chat )5 ) Facebook è un sistema "facilmente" replicabile basta avere i soldi in marketing6 ) Facebook dopo anni non ha capito come fare soldi con adv sul mobile7 ) Facebook ti controlla le conversazioni8 ) Facebook è noioso ( almeno per me ) il 99% di cio che si condivide sono immagini.9 ) I social games che girano dietro Facebook, sono semplicemente applicazioni che chiedono soldi per qualsiasi cosa con una giocabilità pari a 0
        • iRoby scrive:
          Re: E se fosse tutta colpa del diario?
          - Scritto da: iGoogler
          Mark è semplicemente un prestanome dei servizi
          segreti americani, il sucXXXXX se cosi si puo
          chiamare è dovuto alle forti campagne
          pubblicitarie "nascoste" dietro finti articoli
          del tipoOddio quella dei servizi segreti americani è troppo vecchia...Nel mondo neoclassico e neoliberale, si tende a chiamarle oligarchie di potere, che stanno dietro ad ogni iniziativa sociale, politica e commerciale per sfruttarla a loro vantaggio, ed i servizi segreti di ogni paese non sono che un piccolo strumento di azione, che questi poteri usano a loro piacimento.Qualche esempio? Terrorismo di Stato, la gente non vuole accettare leggi draconiane, i servizi segreti mettono bombe per creare paura e fare accettare quelle leggi.Oltre ai servizi segreti ci sono altre istituzioni, come per esempio in Europa l'Eurogendfor.Mi spiego meglio. Grecia in bancarotta, la gente assale le banche, ma la polizia locale simpatizza coi protestanti perché in un modo o nell'altro anche loro e le loro famiglie sono vittime del furto perpetrato usando l'Euro e l'indebitamento che questa moneta produce.I finanzieri e industriali europei che controllano la UE ed hanno istituito la Eurogendfor mandano la loro polizia a manganellare i greci protestanti dove la polizia locale non vuole farlo.Questo è anche paradossale, perché io banchiere europeo ti derubo, e se protesti davanti la porta della mia banca ti mando pure la polizia al mio comando per mazziarti e non farti protestare.Non a caso se guardi in costituzione di molti paesi occidentali, mentre esercito e polizie hanno come capo un ministero ed una rappresentanza politica, i servizi segreti non dipendono da nessuno. E questo anche in Italia.Facebook? Un enorme esperimento sociale, di studio della psicologia delle masse, perché evidentemente Gustav Le Bon e la sua "Psicologia delle masse" era abbastanza vecchio e si rifà a comportamenti di generazioni di inizio '900, ed ora ci sono nuove dinamiche in nuove generazioni da studiare, e FB è uno strumento perfetto di studio e rastrellamento di dati e profili sociali.
          • Surak 2.0 scrive:
            Re: E se fosse tutta colpa del diario?
            - Scritto da: iRoby
            Oddio quella dei servizi segreti americani è
            troppo
            vecchia...Che altrove, tranne in Italia dove semplicemente si va ad aiutare chi è già diventato grosso per amicizie politiche..e parlo di tutti quelli grossi non solo il solito noto di bassa statura, lo Stato attrrabverso varie istituzioni valuti il potenziale di un certo settore e spinga alcune aziende delo stesos a crescere sia per occupare quella'area economica sia perchè può avere risvolti utili al controllo del Paese o internazionale è noto.Davvero qualcuno crede che IBM o la Boeing abbiano fatto tutto da sole?A proposito dell'IBM basta leggersi la storia di Olivetti.Per quel che riguarda Facebook è poi recente e quindi più o meno l'abbiamo vissuta tutti. Myspace pasa di mano quando era esaltata da tutti i giornali come oggi Facebook, peccato che sia finita in mano ad un asutraliano. A quel punto l'aria della stampa cambia subito, mentre contemporaneamente si inizia parlare un gran bene di un sito 100% americano.. a quel punto il gioco è fatto. la lista di iGoogler è piuttosto corretta
          • iRoby scrive:
            Re: E se fosse tutta colpa del diario?
            Ok ok, allora parliamo di oligarchie americane. Non sono i servizi segreti americani, sono delle istituzioni nuove, più moderne e dinamiche. Sono delle costole della NSA, ma anche sezioni dell'FBI e chi c'è dietro a Echelon, il braccio informatizzato dell'esercito USA.Chi si ricorda il progetto Magic Lantern e l'obbligo per Microsoft di inserire backdoor dentro Windows?O anche obblighi di legge grazie al Patriot Act, per Cisco ed altri produttori, ad inserire backdoor nei loro router?Internet la considerano cosa loro, e ne abusano come vogliono loro.Sono le oligarchie dietro al turbocapitalismo, i tycoon dei media e di Holywood, e qualche pazzo che spinge a microchippare la popolazione (chi ha detto Rockfeller?).Queste fazioni americane hanno contro le antiche oligarchie europee che odiano il turbocapitalismo americano e spingono per un neoclassicismo appoggiato da un neoliberismo, che tende ad istituire un neofeudalesimo mercantile con a capo antiche famiglie industriali e storiche d'Europa.In USA, studiano ed usano le nuove tecnologie per portare all'estremo il turbocapitalismo e la società di mercato che è comunque un finto capitalismo perché è pur sempre un loro cartello commerciale. Profilazione di individui e accelerazione del libero mercato.Ed in Europa sognano i fasti di un tempo, con meno consumismo, ma un esercito di disperati, plebaglia che lavori sottopagata per il prestigio delle antiche e nuove famiglie del nord Europa. Anche con meno economia di mercato interno europeo, ma con produzione di beni da vendere ad economie emergenti (BRICS).
          • ninjaverde scrive:
            Re: E se fosse tutta colpa del diario?

            I finanzieri e industriali europei che
            controllano la UE ed hanno istituito la
            Eurogendfor mandano la loro polizia a
            manganellare i greci protestanti dove la polizia
            locale non vuole
            farlo.
            Questo è anche paradossale, perché io banchiere
            europeo ti derubo, e se protesti davanti la porta
            della mia banca ti mando pure la polizia al mio
            comando per mazziarti e non farti
            protestare.Ciò presuppone che i "metticuli" abbiano le loro protezioni.

            Non a caso se guardi in costituzione di molti
            paesi occidentali, mentre esercito e polizie
            hanno come capo un ministero ed una
            rappresentanza politica, i servizi segreti non
            dipendono da nessuno. E questo anche in
            Italia.Va beh se sono "segreti" dipendono da Nessuno... ;)

            Facebook? Un enorme esperimento sociale, di
            studio della psicologia delle masse, perché
            evidentemente Gustav Le Bon e la sua "Psicologia
            delle masse" era abbastanza vecchio e si rifà a
            comportamenti di generazioni di inizio '900, ed
            ora ci sono nuove dinamiche in nuove generazioni
            da studiare, e FB è uno strumento perfetto di
            studio e rastrellamento di dati e profili
            sociali.Un esperimento per....rinXXXXXXXXre meglio! :
        • ninjaverde scrive:
          Re: E se fosse tutta colpa del diario?
          Zucca-vuota no, poichè piena di XXXXXXXte...che rendono un sacco di soldi! (idea) (rotfl)
  • federicco scrive:
    Avevano pagato instagram in azioni
    http://www.downloadblog.it/post/26321/facebook-lacquisizione-di-instagram-ora-vale-738-milioniLOL
    • ruttolo scrive:
      Re: Avevano pagato instagram in azioni
      Mica scemi. Cmq per quella app che sara costata 2 anni uomo o qcosa del genere, penso che sia cmq un buon prezzo :D
  • iGoogler scrive:
    il minimo è 19,00
    I giornalisti non riescono piu a stare dietro ai numeri di FB, visto che ogni 10 min perde sempre piu valore :)http://it.finance.yahoo.com/q?s=FB
    • ottomano scrive:
      Re: il minimo è 19,00
      Io già qualche giorno prima della quotazione avevo previsto un calo.D'altro canto quotare 104 B$ (miliardi di $) una compagnia che non riesce più ad attrarre nuove iscrizioni (quando hai 1 B di iscritti la vedo dura salire ancora) e che riesce a fatturare 4 B$ l'anno, vuol dire che un investitore deve aspettare teoricamente altri 25 anni per raggiungere il break even.Per una realtà estremamente legata alla moda del momento e che ha già 7 anni alle spalle mi sembra eccessivo. Il prezzo giusto, a mio avviso, è intorno ai 10-12 $ ad azione.Nicola
      • rover scrive:
        Re: il minimo è 19,00
        Tanto qualcuno si è arricchigo già, alle spalle dei soliti gonzi....
      • Ma ci facci il piacere... scrive:
        Re: il minimo è 19,00
        Concordohttp://www.wolframalpha.com/input/?i=aapl+msft+fb+market+capSia AAPL che MSFT sono quotate tra 6 e 4 volte il fatturato annuo, a seconda dei margini e dei dividendi ridistribuiti.Aggiungiamo anche GOOG e i rapporti rimangono simili:http://www.wolframalpha.com/input/?i=aapl+msft+goog+fb+market+capErgo: FB 6x4B$ = 24B$ di possibile valutazione, ora siamo ancora a 40B$, quindi un altro calo del 40% è molto probabile, con il titolo in tonfo da 10$ a 11$ ad essere ottimisti :)Tenetevi I soldi in tasca e aspettate novembre :)
        • Ciccio scrive:
          Re: il minimo è 19,00
          Quindi pensi che il titolo potrebbe ancora scendere fino ai 10-11$.. Consiglieresti di acquistare le azioni con l'importo così basso? Potrebbero eventualmente salire?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: il minimo è 19,00
            contenuto non disponibile
          • macosamidic imai scrive:
            Re: il minimo è 19,00
            - Scritto da: Ciccio
            Quindi pensi che il titolo potrebbe ancora
            scendere fino ai 10-11$.. Consiglieresti di
            acquistare le azioni con l'importo così basso?
            Potrebbero eventualmente
            salire?mah, io spero che a novembre fallisca del tutto......... così non devo più preoccuparmi di inserire regole nel firewall per bloccare cookies e immaginine traccianti che fb dissemina su svariati siti per tracciare l'attività di utenti iscritti (e non) a fbse a novembre fallisce stappo una bottiglia :D:)
        • ruttolo scrive:
          Re: il minimo è 19,00
          E pensare che Apple e Microsoft vendono persino dei prodotti :) Mha io personalmente non comprerei neanche a 10, perche imo esiste il rischio che in un modo o nell'altro gli utenti si scocciano, o magari per fare quattrini FB inizia a rendere la user experience piu sgradevole (per es piu pubblicita). Come al solito le cose di sto tipo funzionanon quando sono regalate, se non lo sono piu rimangono sempre email, sms, telefonate, forum chat e un sacco di altri "beni sostitutivi".E cmq FB non è Google. Google ha un vantaggio competitivo che e il migliore (forse) motore di ricerca al mondo, infrastruttura e know how. Invece FB ha una montagna di foto di bimbiXXXXXXX :D
          • ninjaverde scrive:
            Re: il minimo è 19,00

            Invece FB ha una montagna di foto di bimbiXXXXXXX
            :D(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • ruttolo scrive:
        Re: il minimo è 19,00
        Anche io ne avevo il sospetto, solo che non ho avuto le palle di "shortarla" (=scommettere sul ribasso)
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: il minimo è 19,00
          contenuto non disponibile
          • ninjaverde scrive:
            Re: il minimo è 19,00
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: ruttolo

            Anche io ne avevo il sospetto, solo che non
            ho

            avuto le palle di "shortarla" (=scommettere
            sul

            ribasso)

            io l'ho shortata in uno dei pochi giorni in cui è
            salita di brutto e sono uscito in stop loss
            :D
            Comunque avevo messi chippino giusto per tentare
            la sorte, nulla di
            che.Se non sei "ammanicato" in borsa arrivi comunque sempre in ritardo (quando gli altri hanno fatto gli affari).
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: il minimo è 19,00
            contenuto non disponibile
Chiudi i commenti