Google gioca con console, smartwatch e una nuova palla Android

I tentativi di Mountain View di infilare Android ovunque proseguono con il presunto sviluppo di una console videoludica, uno smartwatch e un nuovo media player erede di Nexus Q

Roma – Le solite fonti bene informate sui fatti – anonime ma apparentemente interne all’azienda – vogliono Google impegnata nello sviluppo di nuove soluzioni hardware, dispositivi pensati per servire i rispettivi mercati specialistici e che, neanche a dirlo, sono basati sull’onnipresente sistema operativo Android.

Parlando con il Wall Street Journal , le suddette fonti indicano in una console videoludica basata sull’OS mobile la priorità del momento al Googleplex. Dopo la console sarebbero in lavorazione uno smartwatch Android e un nuovo media player , erede di quel Nexus Q sparito dai radar prima ancora del suo debutto commerciale.

L’obiettivo di Google sarebbe esplicito , e consisterebbe nel fare concorrenza ad Apple nei settori nei quali le indiscrezioni danno per scontato l’ingresso di Cupertino in un futuro più o meno prossimo. E se nel caso della console videoludica Apple può già contare sull’esercito di giocatori casual che scaricano app – generalmente gratuite, spalmate di advertising per utenti dai 2 anni in su – da iTunes, per quanto riguarda lo smartwatch il tentativo di anticipo di Mountain View non appare affatto fuori luogo.

I mini-cellulari da polso sono al momento una delle nuove tendenze esplorate dalle stesse aziende che stanno già saturando il mercato degli smartphone, e anche gli storici partner commerciali di Apple come Hon Hai/Foxconn sembrano essere interessati a nuove iniziative in tal senso.

La fabbrica cinese ha già reso chiara l’intenzione di trasformarsi in qualcosa di più di un semplice stabilimento di produzione e assemblaggio per conto terzi, e proprio sul fronte smartwatch ha presentato agli azionisti un gadget da polso compatibile con iPhone via wireless (Bluetooth?) per leggere le chiamate in arrivo, i messaggini di Facebook e controllare i parametri biometrici, inclusi battito cardiaco e frequenza di respirazione.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gio scrive:
    roaming
    mi domando in tutti questi anni chi azz ha mai pagato il roaming !!speriamo che sia vero che nel 2015 lo tolgono. E non capisco perché dobbiamo attendere fino al 2015 !!
  • AxAx scrive:
    Veramente conveniente, non c'è che dire
    Un megabyte 45 centesimi. Azzo.
  • Provo & Catore scrive:
    La Croazia
    Ah, interessante questo punto: "I nuovi tagli alle tariffe internazionali coinvolgeranno anche la Croazia, che entrerà a far parte dell'Unione Europea dal prossimo 1 luglio".Ma invece per Svizzera e Norvegia, che non fanno parte della UE? Roaming salatissimo?
    • Antony scrive:
      Re: La Croazia
      Dato che non sono nell'UE, cos'altro ti aspetti scusa? Non sono tenute a seguire un regolamento della UE se non ne fanno parte, é così difficile da immaginare?
Chiudi i commenti